Apri il menu principale
Riserva naturale integrale
Grotta Palombara
Pozzo d'accesso alla Grotta Palombara.JPG
Tipo di areaRiserva naturale integrale
Codice WDPA178790
Codice EUAPEUAP1120
Class. internaz.Categoria IUCN Ia: riserva naturale integrale
StatiItalia Italia
RegioniSicilia Sicilia
ProvinceSiracusa Siracusa
ComuniMelilli
Superficie a terra11,25 ha
Provvedimenti istitutiviD.A. 617/44 del 4.11.98
GestoreCUTGANA
Mappa di localizzazione
Sito istituzionale

Coordinate: 37°06′22.59″N 15°11′39.24″E / 37.106274°N 15.194234°E37.106274; 15.194234

La riserva naturale integrale “Grotta Palombara” è un'area protetta ubicata nel comune di Melilli nel libero consorzio comunale di Siracusa, istituita, nel 1998 dall'Assessorato regionale al Territorio e Ambiente della Regione Siciliana[1], attualmente affidata in gestione al CUTGANA (Centro Interfacoltà dell'Università degli Studi di Catania).

Indice

TerritorioModifica

La riserva si estende su una superficie di poco più di 11 ettari ed è costituita da un pianoro ubicato a mezza costa dei Monti Climiti. È stata istituita per tutelare la Grotta Palombara, una cavità carsica che si sviluppa per quasi 800 metri e presenta due importanti sale: la “Sala dei Vasi” e la “Sala del Guano”.

FaunaModifica

Nell'area epigea è presente una fauna costituita da diverse specie di invertebrati e vertebrati. Tra i rettili la lucertola campestre, la lucertola siciliana, il ramarro occidentale e il biacco, mentre tra gli uccelli la gazza, il passero solitario, il gheppio, la quaglia, lo storno nero, il piccione selvatico, il colombaccio e la ghiandaia.

Gli ambienti ipogei ospitano lo pseudoscorpione Roncus siculus, specie endemica presente anche nella Grotta Monello, e colonie di pipistrelli di varie specie (Myotis myotis, Miniopterus schreibersii e Rhinolophus ferrumequinum)[2][3].

FloraModifica

Molte le forme di vegetazione che caratterizzano la riserva: carrubo, olivastro e bagolaro.

NoteModifica

  1. ^ Elenco ufficiale delle aree protette (EUAP) 6º Aggiornamento approvato il 27 aprile 2010 e pubblicato nel Supplemento ordinario n. 115 alla Gazzetta Ufficiale n. 125 del 31 maggio 2010
  2. ^ Grotta Palombara, www.siciliaparchi.com.
  3. ^ Tuttavia la presenza del Miniopterus è stata messa recentemente in discussione a seguito del mese di luglio 2011, quando venne effettuata l'unica supervisione effettuata dopo il 2005, ultima data di monitoraggio dal collocamento di una grata, avvenuto l'anno precedente, che avrebbe disturbato i chirotteri, spingendoli ad evitare la grotta. Vedi, ad esempio Cutgana/Federazione Speleologica, il cancello della discordia.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica