Rizpà[1] (in ebraico: רִצְפָּה; trasl.: riz'-pa o Ritspàh[2]), romanizzato anche come Rispa[2], è un personaggio femminile della Bibbia. Fu la figlia di Aià e una delle concubine di Saul dal quale concepì Armonì e Merib-Bàal.

Rizpà protegge i corpi dei suoi figli (George Becker, 1875 ca.)

EtimologiaModifica

La parola Rizpà può probabilmente derivare dal verbo ebraico רצף (razaf, lett.: "tizzone ardente"[2], "pietra infuocata") Nella Septuaginta greca il suo nome è ρεσφα (trasl: resfa). È menzionata in 2 Samuele 3:7[3] e in 2 Samuele 21:8-11[4].

Nella BibbiaModifica

 
Rizpà veglia nella notte quieta sui corpi in disfacimento dei figli (William Turner, 1812)

Alla morte di Saul, Abner fu accusato di essersi unito con Rizpah. La lite con Is-Bàal, l'erede di Saul, portò alla defezione di Abner da Davide (2 Samuele 3:17-21[5]), alla caduta di Is-Bàal e alla riunificazione dei due regni di Israele sotto l'unica corona di Davide, che già era a capo di quello Giuda.

Durante la prima metà del regno di David a Gerusalemme, Israele fu colpito da una grave carestia di tre anni. Si credeva che questa calamità fosse conseguenza delle azioni di Saul contro i Gabaoniti, che erano i superstiti non ebrei del popolo di amorita. Quando Davide chiese ai Gabaoniti quale fosse la riparazione da loro desiderata, essi risposero che null'altro avrebbe potuto compensare i torti di Saul se non la morte di sette dei suoi figli[6].

Davide consegnò loro i due figli di Rizpà e cinque dei figli di Merab, la figlia maggiore di Saul, che questi diede in sposa al nobile Adriele. I Gabeoniti li uccisero e appesero i loro cadaveri nel santuario di Gabaa[7] In seguito Rizpà prese dimora su una roccia di Gibaa e per cinque mesi rimase ad osservare i corpi sospesi dei suoi figli, per impedire che fossero divorati dalle bestie e dagli uccelli rapaci[8], finché il re Davide non gli diede una degna sepoltura[9] nella tomba di famiglia a Zela dove riposavano anche i resti di Saul e Gionata.[10][11]

Nella letteraturaModifica

Il rabbino britannico Jonathan Magonet disse che Rizpà era come «ogni madre che vede i suoi figli morire prematuramente per la ragione di Stato, siano essi in tempo di pace o in tempo di guerra. Tutto ciò che le resta è preservare la dignità della loro memoria e continuare a vivere per rendere testimonianza testimoniare e chiedere conto ai governanti del mondo».[12]

NoteModifica

  1. ^ Nella traduzione di 2Samuele 3:7 secondo la Bibbia C.E.I. del 1974
  2. ^ a b c Rispa (רִצְפָּה, Ritspàh, “tizzone ardente”), su biblistica.it. URL consultato il 7 luglio 2020.
  3. ^ 2Samuele 3:7, su laparola.net.
  4. ^ 2Samuele 21:8-11, su laparola.net.
  5. ^ 2Samuele 3:17-21, su laparola.net.
  6. ^ 2Samuele 21:1-6, su laparola.net.
  7. ^ 2Samuele 21:8-9, su laparola.net.
  8. ^ 2Samuele 21:10, su laparola.net.
  9. ^ 2Samuele 21:13, su laparola.net.
  10. ^ 2Samuele 21:14, su laparola.net.
  11. ^ www.Bibler.org - Dictionary - Rizpah, su bibler.org.
  12. ^ Magonet, Jonathan (1992) Bible Lives (London: SCM), 11
Fonti

La voce è parzialmente tradotta dall'Easton's Bible Dictionary di Matthew George Easton, T. Nelson and Sons, 1897. L'opera appartiene al pubblico dominio.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN67906331 · LCCN (ENn85187898 · GND (DE1147246246 · J9U (ENHE987007519119905171 · WorldCat Identities (ENlccn-n85187898
  Portale Bibbia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bibbia