Apri il menu principale
Roberto Damiani

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XIV
Gruppo
parlamentare
Misto
Incarichi parlamentari
segretario della XIV Commissione permanente Politiche dell’Unione Europea, poi capogruppo del Gruppo misto nella VII Commissione permanente Cultura Scienza e Istruzione[1]
Sito istituzionale

Dati generali
Titolo di studio Laurea in Lettere
Professione Docente universitario

Roberto Damiani (Trieste, 26 maggio 1943Trieste, 11 febbraio 2008[2]) è stato un letterato, critico letterario e politico italiano. È stato nominato Commendatore al merito della Repubblica[3].

BiografiaModifica

Roberto Damiani nasce a Trieste nel 1943. Si laurea in lettere[4].

Nel 1981 diviene professore di ruolo di Letteratura Italiana moderna e contemporanea presso l’Università degli Studi di Trieste[1]. Dal 1981 al 1987 ha la delega del Rettore per le relazioni internazionali ed esterne dell’ateneo. Nello stesso periodo è direttore del corso di perfezionamento post-laurea in Cooperazione allo Sviluppo e compie varie missioni in qualità di esperto del Ministero per gli Affari esteri[1]. Come critico letterario lavora prima per IL Messaggero Veneto, poi per Piccolo di Trieste[1]. Pubblica vari libri. Scrive testi per il teatro e la radio.[5] Collaboratore con la RAI firmando sceneggiature e conducendo vari programmi culturali[1]. Dal 1994 al 2001 presiede il Teatro Stabile di prosa “Domenico Rossetti” del Friuli Venezia Giulia[1]. L'impegno politico di Damiani inizia nel 1993 al fianco di Riccardo Illy, sindaco di Trieste, nella cui giunta è vicesindaco per l'intera durata dei due mandati[5]. Ricoprire, da tecnico, il ruolo di assessore alla cultura e in seguito di assessore allo sport[1]. Al termine, nel 2001, viene eletto alla Camera dei Deputati. Ricopre l’incarico di segretario della commissione Politiche dell’Unione Europea e quello di Presidente del Gruppo Misto nella Commissione Cultura. È anche presidente dell’associazione ”Governo Civico”, organo esecutivo del Coordinamento Civico Nazionale, la federazione delle liste civiche nazionali[3].

Nel 2002 gli viene diagnosticato il Parkinson ma ciò non gli impedisce di continuare ancora per diversi anni il suo lavoro. Muore a Trieste nel 2008 in prossimità dei 65 anni di età. Ha avuto un figlio, Demetrio Filippo, dalla seconda delle sue quattro mogli. [6].

RiconoscimentiModifica

  • Commendatore al merito della Repubblica
  • A dicembre del 2007 il sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza, gli ha consegnato il sigillo trecentesco della città quale riconoscimento del suo alto contributo all’amministrazione e alla politica

OpereModifica

  • La miccia verde saggi di critica letteraria, Trieste, LINT, 1974, OCLC 1068120540.
  • Poesie dialettale triestina : Antologia 1875-1975, Trieste, Italo Svevo, 1976, OCLC 604319363.
  • Roberto Damiani e Virgilio Giotti, Racconti, Trieste, Italo Svevo, 1977, OCLC 797838057.
  • Carlo Sgorlon narratore, Roma, Gremese, 1978, OCLC 475658102.
  • Gianni Stuparich, Trieste, Italo Svevo, 1992, OCLC 312078908.
  • AA.VV., Nella Trieste di Svevo : l'opera grafica e pittorica di Umberto Veruda (1868-1904) ; Civico Museo Revoltella, Monfalcone, Laguna, 1998, OCLC 886327849.
  • In nuovi dolcissimi accordi, Trieste, MGS press, 2000, OCLC 456798000.
  • I miei sono solo messaggi nella bottiglia, ai quali si sa ... è improbabile la risposta, Padova, Oltremondo, 2008, OCLC 955799752.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g Martina Seleni, Damiani, un uomo che il Parkinson non ha sconfitto, su Socialnews, 1º febbraio 2006. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  2. ^ È morto Roberto Damiani: una vita per una nuova Trieste, su Il Piccolo, 12 febbraio 2008.
  3. ^ a b Morto l’ex vicesindaco Roberto Damiani, su elsitodesandro.it, 11 febbraio 2008.
  4. ^ Camera dei Deputati, https://storia.camera.it/deputato/roberto-damiani-19430526/gruppi#nav.
  5. ^ a b Così ho imparato a convivere col mio Parkinson, su Friuli Venezia Giulia Radicale, Il Piccolo, 7 novembre 2004. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  6. ^ necrologio Roberto Damiani, su Il Piccolo. URL consultato l'8 febbraio 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN73896479 · LCCN (ENn79059109 · WorldCat Identities (ENn79-059109