Roberto III delfino d'Alvernia

Roberto d'Alvernia, in francese Robert II (comte de Clermont) (... – 20 marzo 1282) fu Conte di Clermont e di Montferrand e Delfino d'Alvernia, dal 1262 alla sua morte.

Roberto III
Delfino d'Alvernia
Stemma
Stemma
In carica 1262 - 1282
Predecessore Roberto II
Successore Roberto IV
Nome completo Roberto d'Alvernia
Altri titoli Conte di Clermont e di Montferrand
Morte 20 marzo 1282
Luogo di sepoltura abbazia di Sant'Andrea di Clermont
Dinastia Casato di Clermont-Auvergne
Padre Roberto II
Madre Alice di Ventadour
Consorte Matilde d'Alvernia
Figli Roberto
Guglielmo
Guido
Mafalda e
Alice

OrigineModifica

Roberto era il figlio maschio primogenito del Delfino d'Alvernia, Conte di Clermont e di Montferrand, Roberto II e della moglie, Alice di Ventadour, come conferma lo storico, chierico, canonista e bibliotecario francese, Étienne Baluze[1]), figlia del visconte di Ventadour[2], Ebles e della sua seconda moglie, Maria di Turenna; anche un documento delle Preuves de l'Histoire généalogique de la maison d'Auvergne, ci conferma che Roberto era figlio di Roberto II e Alice (Rotbertus dominus Camaleriæ comes Claromontis et Alays uxor eius et Rotbertus filius eorum)[3].
Roberto II delfino d'Alvernia era l'unico figlio maschio del Delfino d'Alvernia, Conte di Clermont e di Montferrand, Guglielmo II e della sua prima moglie, Ughetta di Chamalières, come conferma Étienne Baluze[4]), figlia di Guglielmo, signore di Chamalières e della moglie, come ci viene confermato da un documento, datato 1196, delle Preuves de l'Histoire généalogique de la maison d'Auvergne, Uga quondam filia W. de Camaleria uxor W. filii Delphini[5]; sempre il Baluze, a conferma che la madre fu Ughetta di Chamalières ci informa che, nel 1248, Roberto viene definito signore di Chamalières[6].

BiografiaModifica

Suo padre, Roberto II, divenuto Delfino, secondo il Dauphin et Dauphiné en Dauphiné en Auvergne et en Forez, Dauphins d'Avergne, continuò a definirsi Conte di Clermont (Rotbertus comes Claromontis)[7]; nel documento delle Preuves de l'Histoire généalogique de la maison d'Auvergne, tome 2, datato 1248, inerente ad una donazione fatta con la moglie, Alice ed il figlio, Roberto, si definisce Rotbertus dominus Camaleriæ comes Claromontis[3].
Solo dopo il 1250 si attribuì il titolo di Delfino[7]; infatti nei suoi due testamenti si definisce Rotbertus Dalphini comes Claromontensis[7].

Nel 1262, suo padre, Roberto II, redasse due testamenti:

  • il primo, nel mese di marzo, dove designa suo erede, il figlio maschio primogenito, Roberto, e definisce la spartizione dei suoi averi tra gli eredi[8]
  • il secondo, circa un mese dopo, in aprile, dove conferma come suo erede Roberto, e ridefinisce la spartizione dei suoi averi tra gli eredi[9].

Suo padre, Roberto II, morì in quello stesso mese di aprile del 1262 e gli succedette il figlio, Roberto come Roberto III delfino d'Alvernia[10].

Roberto continuò a definirsi Rotbertus Dalphini comes Claromontensis[7].

Il 15 novembre di quello stesso anno (1262), Roberto rese omaggio al conte di Poitiers, Alfonso di Francia, per diversi suoi feudi[11].

nel 1279, ottenne un diploma dal re di Francia, Filippo III l'Ardito, un diploma riguardo alla Castellania di Chaveroche[11].

Il 3 novembre 1281[11], Roberto (Robertus comes Claromontensis et Alverniæ Delphinus) redasse il suo testamento, dove designò suo erede, il figlio maschio primogenito, Roberto (Robertum filium nostrum primogenitum), e definì i lasciti ai figli, Guglielmo (Guillelmum filium nostrum clericum), Guido (Guidonem filium nostrum fratrem domus militiæ Templi), Mafalda (Mahaus filiam nostram) e Alice (Ahelis filiam nostram monialem monasterii de Font Ebraut) ed il fratello Ugo (Hugonem Delphini fratrem nostrum)[12].

Roberto morì circa cinque mesi dopo, il 20 marzo 1282[11] e gli succedette il figlio primogenito, Roberto, come Roberto IV[13].

Matrimonio e discendenzaModifica

Roberto, secondo il Baluze aveva sposato Matilde d'Alvernia[14], figlia del Conte d'Alvernia, Guglielmo X e della moglie, Adelaide di Brabante[14]; il fratello di Matilde, Roberto V d'Alvernia, conte d'Alvernia e conte di Boulogne, ricorda il matrimonio della sorella in due documenti, uno del 1276 ed uno del 1277[15].
Da Matilde Roberto ebbe cinque figli[16]:

NoteModifica

  1. ^ (FR) Baluze, Histoire généalogique de la maison d'Auvergne, livre II, pag 170
  2. ^ (FR) Baluze, Histoire généalogique de la maison d'Auvergne, livre II, pag 169
  3. ^ a b (LA) #ES Preuves de l'Histoire généalogique de la maison d'Auvergne, tome 2, Extrait du trésor des chartes de Turenne, pag. 261
  4. ^ (FR) Baluze, Histoire généalogique de la maison d'Auvergne, livre II, pag 168
  5. ^ (LA) Preuves de l'Histoire généalogique de la maison d'Auvergne, tome 2, Extrait des archives de l'evesché de Clermont, pagg. 261 e 262
  6. ^ (FR) Baluze, Histoire généalogique de la maison d'Auvergne, livre II, pag 166
  7. ^ a b c d (FR) Dauphin et Dauphiné en Dauphiné en Auvergne et en Forez, Dauphins d'Avergne, pag 450
  8. ^ (LA) #ES Preuves de l'Histoire généalogique de la maison d'Auvergne, tome 2, Testament de Robert I, pagg. 268 - 270
  9. ^ (LA) #ES Preuves de l'Histoire généalogique de la maison d'Auvergne, tome 2, Autre Testament de Robert I, pagg. 270 e 271
  10. ^ (LA) Histoire généalogique de la maison d'Auvergne, justifiée par chartes, titres, livre quatrième, pag. 109
  11. ^ a b c d (FR) L'art de vérifier les dates des faits historiques, des chartes, des chroniques, pag 161
  12. ^ a b c d e f (LA) #ES Preuves de l'Histoire généalogique de la maison d'Auvergne, tome 2, Testament de Robert II, pagg. 277 - 280
  13. ^ (LA) Histoire généalogique de la maison d'Auvergne, justifiée par chartes, titres, livre quatrième, pag. 110
  14. ^ a b (FR) Baluze, Histoire généalogique de la maison d'Auvergne, livre II, pag 172
  15. ^ (LA) Preuves de l'Histoire généalogique de la maison d'Auvergne, tome II, Livre 1, Extrait du tresor des titres de la Maison d'Auvergne, pagg. 114 e 115
  16. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: delfini d'Alvernia e conti di Clermont - ROBERT II
  17. ^ (LA) #ES Preuves de l'Histoire généalogique de la maison d'Auvergne, tome 2, Extrait du trésor des chartes de Turenne, pagg. 280 e 281

BibliografiaModifica

Fonti primarieModifica

Letteratura storiograficaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica