Apri il menu principale
Rocca di Cento
Rocca di Cento.JPG
Ubicazione
Stato attualeItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna Emilia-Romagna
CittàCento
Coordinate44°43′28.66″N 11°17′12.22″E / 44.724627°N 11.286728°E44.724627; 11.286728Coordinate: 44°43′28.66″N 11°17′12.22″E / 44.724627°N 11.286728°E44.724627; 11.286728
Mappa di localizzazione: Nord Italia
Rocca di Cento
Informazioni generali
Inizio costruzione1378
Materialemattoni, malta
Primo proprietarioStato Pontificio
Proprietario attualeComune di Cento
Visitabilesolo all'esterno
Sito web Castello della Rocca, su comune.cento.fe.it.
Informazioni militari
UtilizzatoreStato Pontificio
Funzione strategicarocca difensiva e di controllo
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

La rocca di Cento, chiamata anche antica rocca o castello della rocca, è una fortificazione medievale difensiva, costruita per volere del vescovo di Bologna nel 1378 a Cento, in provincia di Ferrara.

Contrariamente ad altri castelli, il complesso architettonico non venne edificato su strutture militari preesistenti, ma venne progettato e costruito per volontà politica per controllare e difendere la popolazione centese.

La rocca, situata in piazza del Guercino, è caratterizzata da un torrione d'ingresso, tre torri agli angoli e un alto mastio. Non sono più presenti i ponti levatoi e il fossato che circondava il castello, che venne utilizzato come prigione fino alla seconda metà del XX secolo.

Indice

StoriaModifica

 
Particolare (Paolo Monti, 1975)
 
Il mastio fotografato da Paolo Monti nel 1975

Alla fine del Trecento, il contado di Bologna venne devastato da una serie di guerre ed epidemie, che causarono una grave crisi economica e demografica e che fecero scoppiare numerose rivolte dei cittadini centesi, stanchi del malgoverno dei vescovi. Nel 1375 i rivoltosi guidati da Bertrando Bonnevalle uccisero tutti i vicari pontifici e ne bruciarono il palazzo.

Peraltro, nel marzo 1376 scoppiò a Bologna una rivolta, istigata anche dai fiorentini, contro i vicari pontifici (tutti di origine francese e mal visti dalla popolazione locale), inclusa dagli storiografi nella cosiddetta Guerra degli Otto Santi. Dopo la pace di Anagni del 4 luglio 1377, i bolognesi accettarono di riconoscere l'autorità del Papa (rappresentato da Giovanni da Legnano) ma a patto di ottenere una grande autonomia locale. Durante il successivo "governo del popolo e delle arti" la città di Bologna e il suo contado furono oggetto di grandi restauri e pianificazioni urbanistiche, anche per riaffermare l'egemonia bolognese. In questo contesto, i bolognesi ampliarono e rafforzarono i castelli esistenti, oltre a costruire nuove fortezze, torri, rocche e borghi fortificati, prime fra tutte la rocca di Cento.[1]

I lavori di costruzione iniziarono a partire dal giugno 1378, quando giunsero a Cento le truppe dell'esercito bolognese, e vennero completati in pochi anni. Presso l'archivio di stato di Bologna è presente il registro contabile compilato dal 18 ottobre al 27 novembre 1378 da Bernabò Guidozagni, in cui sono annotati i lavori diretti dall'ingegnere comunale bolognese Lorenzo da Bagnomarino: tale importantissimo documento consente di ricostruire i costi, i materiali e le maestranze impiegate nel cantiere militare medievale. Bentivoglio, figlio di Azzone Bentivogli, fu nominato primo castellano della rocca di Cento.[2]

La rocca venne assediata nel 1359 e 1443.[3]

Nel 1456 venne riedificata dal cardinale Filippo Calandrini e adeguata nel 1483 a seguito dell'introduzione delle armi da fuoco, mentre nel 1510 venne ampliata dal cardinale Giuliano della Rovere (in seguito eletto papa Giulio II). La rocca subì un incendio nel 1539.

Risale al 1597 il miracolo di una sacra immagine della Madonna, che iniziò a sanguinare dopo un atto sacrilego: tale immagine venerata è oggi custodita nel vicino santuario della Beata Vergine della Rocca.

A metà del XIX secolo la rocca era utilizzata come caserma militare ed era registrata come migliore prigione dello Stato Pontificio.[4] A seguito dell'unità d'Italia il castello passò allo Stato italiano, che lo utilizzò come prigione fino al 1969 per detenuti politici e banditi.[5]

In seguito, il castello venne interamente restaurato, rendendo accessibile al pubblico alcuni locali, tra cui la cappella, la sala della trifora, le cannoniere e le prigioni. All'interno della rocca sono organizzate regolarmente mostre e attività culturali.

NoteModifica

  1. ^ Marinella Zanarini, Il "Governo del Popolo e delle Arti": la ristrutturazione del contado bolognese tra dinamiche economiche e politiche militari (1378-1401). in Librenti, pp. 11 e seguenti
  2. ^ Giuseppe Landi, Storia dell'antica terra di Pieve presso Cento, Diocesi di Bologna parte prima redatta dal parroco Giuseppe Landi, Tipi Gamberini e Parmeggiani, 1855, p. 55.
  3. ^ Marco Antonio Crescimbeni e Antonio Conti, Annotazioni storico-critiche sopra certo libro intitolato Dell'origine di Cento ec. compilate dal dottor Marc'Antonio Crescimbeni ad instanza d'alcuni amici della verità, nel negozio Zatta, 1771.
  4. ^ Gaetano Atti e Francesco Lodi, Rocca Antica, in Sunto storico della citta di Cento da servire anche per guida al forestiero compilato dal sig. Gaetano Atti, per la ved. Lanzoni, e Michele Soffriti, 1853, p. 54.
  5. ^ Castello della Rocca. Poderosa struttura difensiva eretta alla fine del ‘300 dal Vescovo di Bologna. Trasformata in prigione per detenuti politici e banditi fino al 1969, oggi è sede prestigiosa e suggestiva di eventi e manifestazioni culturali, su Ministero per i beni e le attività culturali. URL consultato il 18 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 18 settembre 2018).

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica