Rodolfo Audinot

politico italiano
Rodolfo Audinot
Rodolfo Audinot.jpg

Senatore del Regno d'Italia
Legislature dalla X
Sito istituzionale

Deputato del Regno d'Italia
Legislature VIII, X
Sito istituzionale

Deputato del Regno di Sardegna
Legislature VII
Sito istituzionale

Dati generali
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza, Laurea in scienze politiche
Università Università di Bologna, Università di Parigi
Professione Commerciante

Rodolfo Audinot (Bologna, 20 gennaio 1814Bologna, 30 marzo 1874) è stato un politico italiano. Già deputato dello Stato Pontificio, dopo l'Unità d'Italia è stato prima deputato e poi senatore del Regno[1].

Nel 1859 partecipò al Convegno segreto di Scanello che si svolse a Palazzo Loup, volto all'unificazione doganale e monetaria dei vari regni e ducati che formavano la struttura politica del centro-nord Italia alla vigilia della riunificazione del Regno[2].

Il 25 marzo 1861 presentò alla Camera un'interpellanza sulla questione romana che, dopo l'intervento di Cavour, si concretizzò in un ordine del giorno che fissava l'obiettivo di congiungere Roma, "capitale acclamata dall'opinione nazionale"[3], all'Italia[4].

NoteModifica

  1. ^ Audinot Rodolfo, in Senatori dell'Italia Liberale. URL consultato il 1º luglio 2009.
  2. ^ Ceruti al 140º anniversario del Convegno segreto di Scanello, in Assemblea Legislativa Regione Emilia-Romagna, 12 novembre 1999. URL consultato il 29 giugno 2009.
  3. ^ Il regno d'Italia, in Dizionario Rosi del Risorgimento Nazionale. URL consultato il 29 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2010).
  4. ^ Il ruolo di Audinot nell'episodio è ricordato anche da una lapide celebrativa posta dal Comune di Bologna in Via S. Isaia il 20 settembre 1911. Storia amministrativa, in Iperbole - la rete civica di Bologna. URL consultato il 29 giugno 2009.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica