Apri il menu principale

Rossiglione (regione)

regione storica della Francia
(Reindirizzamento da Rossiglione (provincia))
Posizione del Rossiglione nei Pirenei orientali
Stemma del Rossiglione

Il Rossiglione (in francese: Roussillon; in catalano: Rosselló; in spagnolo: Rosellón) è una comarca storica catalana amministrativamente nell'angolo sud-orientale dello stato francese. Perpignano, la città e la capitale più importanti, è anche la città più importante della Catalogna del Nord. Affronta le regioni catalani di Alt Empordà, Vallespir e Conflent, e al nord con le comarche occitane di Fenolheda e Corbièras.

È anche il nome che è stato scelto dalle autorità francesi per definire tutta la Catalogna del Nord all'interno della regione francese della Linguadoca-Rossiglione (Languedoc-Roussillon), fino al 2015. Dal 2016 in poi la regione è stata ampliata con altri dipartimenti francesi e chiamato, secondo la opinione della maggioranza dei catalani del nord, semplicemente occitania. Molte comunità nord-catalane rivendicano la presenza del termine catalano nel nome della nuova regione e per questo motivo hanno inserito i manifesti ufficiali di ingresso nelle città aggiungendole al paese catalano.

In realtà, il Rossiglione è solo una delle cinque comarche (Alta Cerdanya, Capcir, Conflent, Rossiglione e Vallespir) che formano la Catalogna del Nord, chiamata anche Catalogna Nord, o - in francese - Catalogne (du) Nord o talvolta Catalogne française, che rappresenta quasi tutto il dipartimento dei Pirenei Orientali (Pyrénées-Orientales).

Il Rossiglione ha una superficie di 1.498 km². Nel 1990, il Rossiglione aveva una popolazione di 303.850 abitanti, con una densità di 202,8 abitanti per km².

Il Rossiglione, con le altre contee della Catalogna del Nord, fu separato dal resto della Catalogna nel XVII secolo, a seguito della sconfitta catalana della guerra dei Mietitori. Con il trattato dei Pirenei, la Spagna fu costretta a trasferirla in Francia, il che significava la divisione del Principato di Catalogna.

Indice

StoriaModifica

L'origine del Casato di Barcellona, che dopo l'apparentamento con la casa reale aragonese arriverà a regnare su tutta l'Aragona, ebbe origine in zona. Goffredo il Villoso, il primo Conte di Barcellona che ottenne il diritto di trasmettere legittimamente le contee ai suoi figli, era nato nel paese di Rià, anticamente Arrià, vicino a Prada, nel Conflent.

In passato la regione era rappresentata da vicariati e sub-vicariati in cui Giacomo II di Maiorca divise il territorio nel XIV secolo.

   
La mappa con il dipartimento dei Pirenei Orientali, che corrisponde in gran parte alla Catalogna del Nord con incluso il distretto di Fenolheda di lingua occitana;

Gli eserciti francesi intervennero nella sollevazione dei catalani contro Filippo IV di Spagna a favore degli insorti e i ribelli consegnarono la corona al re di Francia nel 1652.

In seguito alla firma del Trattato dei Pirenei (7 novembre del 1659) Filippo IV di Spagna cedette queste terre alla Francia, della quale da quel momento hanno fatto ininterrottamente parte.

Il 2 aprile 1700, con decreto reale, venne bandito l'uso della lingua catalana dagli atti e documenti ufficiali e vennero sciolte le istituzioni catalane (la Generalitat, i consoli ecc.), malgrado lo stesso trattato ne prevedesse il mantenimento.

La nuova amministrazione francese diede al territorio il nome di provincia del Rossiglione. Nel 1790, quando a seguito della Rivoluzione francese, l'Assemblea Nazionale decise di dividere tutto il regno in dipartimenti e sopprimere le antiche province, l'antica provincia del Rossiglione rimase inglobata nel dipartimento dei Pirenei Orientali.

GeografiaModifica

Il Rossiglione è una pianura aperta al mare e circondata da montagne, come la pianura gemella dell'Empordà, che dà origine a un gruppo di paesaggi diversi e singole sotto-contee:[1][2]

  • La Salanca si estende tra il Lago di Salses, nel confine settentrionale della comarca, e il Têt, e deve il suo nome alla presenza di croste di sale sul terreno. Il rischio di salinizzazione delle falde acquifere a causa del loro eccessivo sfruttamento causato dal turismo è un problema.
  • Le Aspres, montagne scistose e arrotondate che fanno una transizione tra la pianura e il Canigó. La nomenclatura toponomastica della Catalogna del Nord 2007[3] la eleva alla categoria di comarca.
  • Le Corberes, l'unica testimonianza dei Pirenei settentrionali in Catalogna, forma un paesaggio arido dovuto all'effetto della tramontana e alla natura calcarea della roccia, che dà origine a una modellistica carsica che fa impilare l'acqua. La sub-comarca è condivisa tra il Rossiglione, la Fenolheda e un piccolo pezzo dell'Aude.
  • L'Albera è l'area attorno alla stessa catena montuosa.

Altre denominazioniModifica

In castigliano la denominazione tradizionale è Rosellón, seguendo la denominazione francese che estende il nome dell'antica Contea del Rossiglione a tutto il territorio.

Sotto l'Ancien Régime ebbe il nome di provincia del Rossiglione e per secoli la denominazione Catalunya Nord cadde in disuso, tornando ad essere impiegata solo negli anni settanta del XX secolo. Per i catalani è attualmente la più usata nel proprio ambito linguistico, mentre al di fuori della Catalogna e dei Paesi catalani tale regione storica continua generalmente ad essere designata con il termine di Rossiglione. La Catalunya Nord si può tradurre in castigliano con Cataluña Norte ed è frequente attualmente nelle aree della Spagna nelle quali entrambe le lingue sono nazionali (Paesi catalani). In lingua francese viene talvolta utilizzato il termine di Pays Catalan dalle amministrazioni locali, con finalità turistiche e culturali.

 
Mappa storica centrata sul Rossiglione

LinguaModifica

Dal 1700 il francese continua ad essere l'unica lingua ufficiale riconosciuta (principio sancito dalla Costituzione francese) ed utilizzata nel pubblico insegnamento. Tuttavia, la lingua catalana è ancora viva e parlata. Anche se uno statuto di bilinguismo per la Catalogna del Nord sembra lontano, la lingua ha trovato rinnovata vitalità grazie alla maggiore consapevolezza storica, ai mezzi di informazione ed a iniziative culturali mirate.

Gli ultimi dati socio-linguistici di cui dispone la Generalitat de Catalunya [1] (2004) riflettono che il francese è la lingua maggioritaria nel Rossiglione, con una presenza minoritaria del catalano. La lingua catalana, infatti, pur essendo compresa dal 65,3% della popolazione, viene parlata solo dal 37,1% di essa (e scritta dal 10,6%). Le percentuali diminuiscono ulteriormente se si considera che viene parlata come prima lingua dal 3,5% dei residenti (mentre il 92% ha il francese come prima lingua, l'1% entrambe le lingue e il 3,5% altri idiomi non identificati).

Quanto agli usi linguistici in diversi ambiti, occorre segnalare che l'80,5% dei nati nel Rossiglione parla unicamente francese nell'ambito familiare, in contrapposizione ad un 17,3% che parla il catalano. Inoltre, l'ambito dell'uso del catalano diminuisce sempre di più nelle nuove generazioni e negli immigrati. Il 40,6% dei nonni nati nel Rossiglione parla in catalano con il proprio partner, il 9,2% usa catalano e francese, il 12,0% usa il castigliano ed un 27,2% il francese. Invece, solo un 6,3% per cento degli studenti del Rossiglione parlano in catalano tra di loro, ed uno 0,5% lo fa quando va dal medico. Tuttavia, la coscienza linguistica non è diminuita, e il 62,9% degli abitanti del Rossiglione crede che i bambini dovrebbero imparare il catalano.[senza fonte]

ComuniModifica

 

NoteModifica

  1. ^ Associació Arrels Qui sem/són els catalans del nord Perpinyà, 1992.
  2. ^ GREC:Rosselló:Sectors
  3. ^ Nomenclàtor toponímic de la Catalunya del Nord Archiviato il 7 febbraio 2012 in Internet Archive. ISBN 978-84-7283-920-5

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENn81054397 · GND (DE16049625-1 · BNF (FRcb12255822j (data)
  Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Francia