Ruteni (Celti)

tribù gallica

I Ruteni (gallico: "i biondi")[1] erano una tribù gallica della cultura di La Tène e successivamente del periodo romano, che risiedeva nell'attuale dipartimento dell'Aveyron.[2] Erano noti come produttori di piombo.[3]

Moneta rutenica, V–I secolo a.C.
Mappa della Gallia nel I secolo a.C. che mostra le relative posizioni delle tribù celtiche

EtnonimoModifica

Sono menzionati come Rutenos da Giulio Cesare (metà I secolo a.C.),[4] come R̔outēnoì (Ῥουτηνοὶ) da Strabone (inizio I secolo d.C.),[5] come Ruteni da Plinio il Vecchio (I secolo d.C.),[6] e come R̔outanoì (Ῥουτανοὶ) da Tolomeo (II secolo d.C.).[7][8]

GeografiaModifica

Il territorio dei Ruteni era situato a sud del Massiccio Centrale, tra gli Arverni a nord, i Cadurci a ovest, i Gabali a est e i Volci a sud.[9] Erano tributari degli Arverni e parte del loro territorio fu conquistata dai Romani dopo la sconfitta del re arvenico Bituito nel 121 a.C.[9]

Durante il regno di Augusto, Segodunum (l'odierna Rodez) divenne la città principale della loro civitas.[9]

Cenni storiciModifica

Durante le guerre galliche (58–50 a.C.), mandarono 12.000 uomini alla battaglia di Alesia del 52 a.C.[9]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Xavier de Planhol e Paul Claval, An historical geography of France, Cambridge University Press, p. 10. URL consultato il 19 novembre 2020.
  2. ^ (EN) Sivan, H., R. Mathisen, R. Talbert, S. Gillies, T. Elliott, J. Becker, Places: 138546 (Ruteni), Pleiades. URL consultato il 12 giugno 2015.
  3. ^ (EN) Paul Louis, Ancient Rome at Work: An Economic History of Rome from the Origins to the Empire, Routledge, p. 180. URL consultato il 19 novembre 2020.
  4. ^ Giulio Cesare. Commentarii de bello Gallico, 1:45:2
  5. ^ Strabone. Geōgraphiká, 4:2:2
  6. ^ Plinio il Vecchio. Naturalis historia, 4:109
  7. ^ Claudio Tolomeo. Geōgraphikḕ Hyphḗgēsis, 2:7:12
  8. ^ Falileyev.
  9. ^ a b c d Demarolle.

BibliografiaModifica

  • (EN) Jeanne-Marie Demarolle, Ruteni, in Brill's New Pauly, 2006.
  • (EN) Alexander Falileyev, Dictionary of Continental Celtic Place-names: A Celtic Companion to the Barrington Atlas of the Greek and Roman World, CMCS, 2010, ISBN 978-0955718236.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh00001978