Apri il menu principale

S Monocerotis

stella
S Monocerotis Aa / Ab
NGC 2264 by ESO.jpg
S Monocerotis, la stella più brillante nella parte superiore dell'immagine, e la Nebulosa Cono.
ClassificazioneStella blu di
sequenza principale
Classe spettraleO7Ve / O9.5Vn[1]
Distanza dal Sole2440 anni luce[2]
CostellazioneUnicorno
Redshift33,20 ± 2,00
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta06h 40m 58,6607s
Declinazione+09° 53′ 44,715″
Lat. galattica+02,1985°
Long. galattica202,9363°
Dati fisici
Massa
36 / 21[1] M
Temperatura
superficiale
37.500 / ? K (media)
Luminosità
125.000 / 50.000 L
Dati osservativi
Magnitudine app.4,66
Magnitudine ass.-2,82
Parallasse3,19 ± 0,73 mas
Moto proprioAR: -0,66 ± 0,79 mas/anno
Dec: -2,51 ± 0,56 mas/anno
Velocità radiale33,2 ± 2 km/s
Nomenclature alternative
TYC 750-1880-1, 2E 1723, JP11 3984, ADS 5322 AB, 1ES 0638+09.9, 2MASS J06405866+0953447, [FMS2000] X67, BD +10 1220, GCRV 4334, NGC 2264 131, [HJ56] 93, CCDM J06410+0953AB, PLX 1560, [II78] 37, [RRS2004] NGC 2264 196, GSC 00750-01880, HD 47839, SAO 114258, AAVSO 0635+09, SBC9 1725, HIP 31978, HR 2456

Coordinate: Carta celeste 06h 40m 58.6607s, +09° 53′ 44.715″

S Monocerotis è una stella di magnitudine 4,66 situata nella costellazione dell'Unicorno. Dista circa 240 0 anni luce dal sistema solare e si tratta in realtà di un sistema stellare le cui componenti principali sono 2 calde e massicce stelle blu con temperature superficiali oltre i 30.000 K.

OsservazioneModifica

Si tratta di una stella situata nell'emisfero celeste boreale, ma molto in prossimità dell'equatore celeste; ciò comporta che possa essere osservata da tutte le regioni abitate della Terra senza alcuna difficoltà e che sia invisibile soltanto nelle aree più interne del continente antartico. Nell'emisfero nord invece appare circumpolare solo molto oltre il circolo polare artico. La sua magnitudine pari a 4,7 fa sì che possa essere scorta solo con un cielo sufficientemente libero dagli effetti dell'inquinamento luminoso.

Il periodo migliore per la sua osservazione nel cielo serale ricade nei mesi compresi fra dicembre e maggio; da entrambi gli emisferi il periodo di visibilità rimane indicativamente lo stesso, grazie alla posizione della stella non lontana dall'equatore celeste.

Caratteristiche fisicheModifica

La coppia di stelle più vicine tra loro, denominate Aa e Ab, sembrerebbero far parte dell'ammasso aperto della Nebulosa Cono, ed è un sistema binario composto da una blu di sequenza principale. Sono stati pubblicati studi che hanno dato come risultato parametri su periodo orbitale e masse delle componenti, dovuto anche sull'incertezza della distanza della stella, anche se è stato accettato che la stella faccia parte dell'ammasso e si trovi a poca distanza da esso, infatti il risultato intermedio considerando l'estinzione interstellare ottenuto da uno studio di Zorica Cvetkovi´et al. del 2010 da come risultato 750 parsec, pari a 2450 anni luce circa.[1]

In precedenza si era stimato un periodo orbitale di 25 anni e una separazione media di 26 UA, e le masse delle due componenti di 18 e 12 volte quella del Sole.[3] Tuttavia nella rivisitazione del sistema di Malkov e colleghi il periodo risultato essere di 74 anni, con un'eccentricità orbitale molto elevata (e=0,74). Le masse stimate delle due componenti, Aa e Ab, sono risultate essere ancora più massicce, rispettivamente di 36 e 21 M.[1]

Sono stelle relativamente giovani, hanno al massimo 10 milioni di anni, e considerando le masse entrambe sono destinate a terminare la propria esistenza esplodendo in supernove. Osservazioni con il telescopio spaziale Hubble danno una separazione delle componenti di circa 26 UA, sebbene l'eccentricità orbitale le porta a variare la loro distanza da 6 fino a 46 UA.[3]

Diverse stelle sono nei paraggi della coppia principale, la più vicina delle quali è S Monocerotis B, una stella bianco-azzurra di tipo spettrale B7 e di magnitudine 7,8,[4] è distante 3 secondi d'arco, che a quella distanza equivalgono a circa 2250 anni luce. Ha una massa di 5,8 volte quella del Sole.[5] Inoltre, altre 3 stelle di classe B si trovano entro 40", ma non è chiaro se siano legate gravitazionalmente al sistema o sono solo altre stelle dell'ammasso, poiché si troverebbero in pratica fino anche a 30.000 UA, ossia quasi mezzo anno luce di distanza da A.[3]

S Monocerotis pare anche leggermente variabile, di un tipo di variabili irregolari poco studiato che comprende stelle calde che vanno dal tipo spettrale O a A; la sua magnitudine varia da 4,62 a 4,68[6].

La magnitudine assoluta combinata del sistema è di -2,82 e la sua velocità radiale positiva indica che la stella si sta allontanando dal sistema solare.

NoteModifica

  1. ^ a b c d Zorica Cvetkovc et al., Orbit of Binary 15 Monocerotis (PDF), 2008.
  2. ^ Dati della stella dall'archivio Simbad
  3. ^ a b c 15 Monocerotis Jim Kaler su STARS
  4. ^ Astrophysical supplements to ASCC-2.5 (Kharchenko+, 2004)
  5. ^ A. A. Tokovinin, MSC - a catalogue of physical multiple stars, in Astronomy and Astrophysics Supplement Series, vol. 124, 1997, pp. 75–84, Bibcode:1997A&AS..124...75T, DOI:10.1051/aas:1997181.
  6. ^ S Mon AAVSO

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni