Apri il menu principale
Salo Landau (a sinistra) mentre gioca con Johannes van den Bosch, ca. 1930

Salomon (Salo) Landau (Bochnia, 1º Aprile 1903Graditz, marzo 1944) è stato uno scacchista olandese.

Nato da una famiglia ebraica in Galizia (oggi in Polonia, allora in Austria-Ungheria), nel 1914 la famiglia si trasferì a Vienna, e il giovane Salo fu mandato da parenti a Rotterdam, nei Paesi Bassi. Vi rimase per tutta la vita.

Carriera scacchisticaModifica

Il suo miglior risultato fu la vittoria nel torneo di Rotterdam del 1931, davanti a Edgar Colle, Savielly Tartakower e Akiba Rubinstein, vincendo anche le partite con Colle e Rubinstein.[1]

Partecipò con i Paesi Bassi a due olimpiadi degli scacchi:

Vinse il Campionato olandese a Rotterdam nel 1936.

Altri risultati di rilievo:

Landau fu il secondo di Alekhine nel match mondiale del 1935 contro Max Euwe.[2]

In novembre 1938 fu l'arbitro principale del famoso torneo AVRO.

In settembre 1942 Landau, la moglie e la figlia, furono internati nel campo di concentramento di Westerbork. In seguito Landau fu inviato in un campo di concentramento nazista di Graditz, dove morì tra il dicembre 1943 e il marzo 1944 (probabilmente in marzo).[3]

NoteModifica

  1. ^ Vedi la partita Colle–Landau (sistema Colle). Vedi la partita Landau–Rubinstein (difesa ortodossa)
  2. ^ Harry Golombek, articolo sul Times di Londra del 18 febbraio 1978, pag. 13.
  3. ^ (EN) Chess Life, 1946, Issues 6-11, United States Chess Federation, 1946.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN289310408 · ISNI (EN0000 0003 9477 4746 · WorldCat Identities (EN289310408