Apri il menu principale
Santa Esmeralda
Jimmy Goings with Santa Esmeralda.jpg
Jimmy Goings ed i Santa Esmeralda in Cile nel 1979.
Paese d'origineStati Uniti Stati Uniti
Francia Francia
GenerePop latino
Disco
Periodo di attività musicale1977 – 1981
2002 – 2007
Album pubblicati4
Studio4
Live0
Raccolte4
[www.santaesmeralda.net/ Sito ufficiale]

I Santa Esmeralda sono stati un gruppo musicale franco-statunitense, formatosi negli anni settanta, che portarono al successo internazionale una cover del brano Don't Let Me Be Misunderstood, originariamente di Nina Simone.

Il gruppo fu formato da Leroy Gomez, che cominciò la propria esperienza nel campo musicale come sassofonista di Elton John[1]. Conobbe a Parigi i compositori Nicolas Skorsky e Jean Manuel de Scarano, possessori di una casa discografica indipendente, ed insieme pubblicarono il loro primo album Don't Let Me Be Misunderstood per la Fauves Puma. In seguito al successo internazionale, l'album venne ridistribuito dalla Casablanca Records.[2] L'album ricevette il disco d'oro, e la versione di Don't Let Me Be Misunderstood dei Santa Esmeralda ricevette numerose cover.

Riscosse un notevole successo anche il secondo album, The House of the Rising Sun, pubblicato nel 1978 sempre per la Casablanca Records, in cui la maggior parte delle canzoni erano cantate da Jimmy Goings. All'album seguirono diversi singoli hits, fra cui Sevilla Nights, incluso nella colonna sonora del film Grazie a Dio è venerdì. A questi lavori seguirono un altro paio di album, che però con il passare di moda della disco music non entrarono neppure in classifica, e dopo l'annullamento del contratto con la Casablanca Records, il gruppo si sciolse.

Nel 2002, Gómez, che aveva girato per anni in tour con una nuova incarnazione del gruppo, ha pubblicato Lay Down My Love, un album di brani inediti, e nel 2004 Santa Esmeralda - The Greatest Hits, una raccolta di vecchi successi del gruppo ricantati, compresi brani che erano stati interpretati da Goings.[3] Nel 2007 esce l'ultima raccolta ufficiale Hits Anthology Santa Esmeralda.

Nel 2008 esce il sito ufficiale http://www.santaesmeralda.net/

DiscografiaModifica

StudioModifica

RaccolteModifica

  • 1993 The Best of Santa Esmeralda
  • 2000 Better of Santa Esmeralda
  • 2004 Santa Esmeralda - The Greatest Hit
  • 2007 Hits Anthology Santa Esmeralda

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica