Serpentine Galleries

galleria d'arte a Londra
Serpentine Galleries
SERPENTINE REGULAR BLACK RGB.jpg
Serpentine Gallery and 2008 Pavilion.jpg
Ubicazione
StatoRegno Unito Regno Unito
LocalitàKensington Gardens
IndirizzoSerpentine South Gallery, Kensington Gardens, London W2 3XA e Serpentine North Gallery, West Carriage Drive, London W2 2AR
Coordinate51°30′16.92″N 0°10′30.18″W / 51.5047°N 0.17505°W51.5047; -0.17505
Caratteristiche
Tipoarte moderna
Periodo storico collezioniNovecento
Istituzione1970
FondatoriArts Council of Great Britain
DirettoreJulia Peyton-Jones
Visitatori952 518 (2019)
Sito web

Le Serpentine Galleries sono due gallerie d'arte contemporanea a Kensington Gardens presso Hyde Park, nel centro di Londra. Si tratta della Serpentine Gallery e della Sackler Gallery, che si trovano a cinque minuti a piedi l'una dall'altra, collegate dal ponte sul Serpentine Lake da cui prendono il nome. Le loro mostre, architettura, istruzione e programmi pubblici attraggono fino a 1,2 milioni di visitatori all'anno. L'ingresso a entrambe le gallerie è gratuito.

Galleria della SerpentineModifica

La Serpentine Gallery è stata fondata nel 1970 ed è ospitata in un ex padiglione del tè classificato di Grado II, costruito nel 1933-34 dall'architetto James Gray West. Artisti importanti le cui opere sono state esposte includono Man Ray, Henry Moore, Jean-Michel Basquiat, Andy Warhol, Paula Rego, Sondra Perry, Bridget Riley, Allan McCollum,[1] Anish Kapoor, Christian Boltanski, Philippe Parreno, Richard Prince, Wolfgang Tillmans, Gerhard Richter, Gustav Metzger, Damien Hirst, Maria Lassnig, Jeff Koons e Marina Abramović. Sul terreno all'ingresso della galleria si trova un'opera permanente realizzata da Ian Hamilton Finlay in collaborazione con Peter Coates e dedicata a Diana, Principessa del Galles, ex mecenate della galleria.

Galleria SacklerModifica

 
Sackler Gallery presso la Serpentine

Nel 2013 la Sackler Gallery, con un ampliamento progettato da Zaha Hadid Architects, è stata aperta al pubblico, dando nuova vita a The Magazine, un ex deposito di polvere da sparo classificato Grade II * costruito nel 1805. Situato a cinque minuti a piedi dalla Serpentine Gallery al di là del Serpentine Bridge, comprende 900 metri quadrati occupati da galleria, ristorante, negozio e spazio pubblico. Il Magazine Restaurant è adiacente alla galleria.

In un'anteprima della sua mostra alla Serpentine Gallery, Hito Steyerl si è espressa contro il finanziamento della Galleria da parte della famiglia Sackler, i cui membri possiedono Purdue Pharma che è dietro l'antidolorifico OxyContin. La Galleria ha successivamente rilasciato una dichiarazione che affermava: "Le donazioni alla Serpentine dal Sackler Trust sono storiche e non abbiamo piani futuri per accettare finanziamenti dai Sackler".[2]

 
Marina Abramović nel progetto "512 ore" (2014)

PadiglioniModifica

Ogni anno dal 2000 la Serpentine Gallery ha commissionato un padiglione estivo temporaneo a un importante architetto. L'iniziativa promuove il lavoro di un architetto o di un team di progettazione internazionale che non abbia già completato un edificio in Inghilterra al momento dell'invito a realizzare il padiglione. Ogni padiglione viene completato entro sei mesi e installato sul prato della Galleria per tre mesi affinché il pubblico possa esplorarlo. Cecil Balmond è stato il principale promotore del progetto Serpentine Pavilion.

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Liam Gillick, "Allan McCollum at the Serpentine", Artscribe, Summer 1989
  2. ^ Joanna Walters, Serpentine Gallery shuns Sacklers after artist likens family to a ‘serial killer’, in The Guardian, 12 April 2019, ISSN 0261-3077 (WC · ACNP). URL consultato il 12 aprile 2019. Ospitato su www.theguardian.com.
  3. ^ Jonathan Glancey, Now you see it: Toyo Ito's pavilion in Hyde Park, London, The Guardian, 8 July 2002. URL consultato il 16 December 2013.
  4. ^ Jonathan Glancey, Oscar Niemeyer's Serpentine pavilion, London, The Guardian, 25 June 2003. URL consultato il 16 December 2013.
  5. ^ ludwig abache & Carolin Hinne, letushearfromyou@0lll.com, http://www.0lll.com, Copia archiviata, su 0lll.com. URL consultato il 16 December 2013 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2013).
  6. ^ Steve Rose, Steve Rose on Rem Koolhaas's Serpentine Pavilion, London, The Guardian, 3 July 2006. URL consultato il 16 December 2013.
  7. ^ Fiona Sibley, Pavilions mushroom thanks to Hadid's magic, London, The Guardian, 13 July 2007. URL consultato il 16 December 2013.
  8. ^ Shehani Fernando, Olafur Eliasson pavilion, London, Guardian, 4 September 2007. URL consultato il 16 December 2013.
  9. ^ The Guardian: Serpentine Pavilion 2008: Frank Gehry, 22 July 2008
  10. ^ Jonathan Glancey: Sanaa unveils enchanting Serpentine pavilion in The Guardian, 2 April 2009
  11. ^ Jean Nouvel's Serpentine gallery pavilion, London, The Guardian, 6 July 2010. URL consultato il 16 December 2013.
  12. ^ Jonathan Glancey: Swiss-made Serpentine pavilion presents garden of tranquility in The Guardian, 27 June 2011
  13. ^ Joanna Fortnam, Piet Oudolf's garden at the Serpentine Gallery pavilion, The Telegraph, 29 June 2011. URL consultato il 24 May 2016.
  14. ^ BBC News ''Ai Weiwei to create underground design for Serpentine '', Bbc.co.uk, 7 February 2012. URL consultato il 16 December 2013.
  15. ^ "Serpentine Gallery Pavilion 2013 by Sou Fujimoto" 1 June - 20 October 2013
  16. ^ Wainwright, Oliver: "Chilean architect Smiljan Radic to design 2014 Serpentine pavilion" in The Guardian, 12 March 2014
  17. ^ Wainwright, Oliver: "Magic mushroom maze: this summer's Serpentine pavilion will be a psychedelic trip" in The Guardian, 25 March 2015
  18. ^ "Serpentine Galleries Pavilion 2016 by Bjarke Ingels" 10 June - 9 October 2016
  19. ^ (EN) Oliver Wainwright, Francis Kéré becomes first African architect of Serpentine pavilion, in The Guardian, 21 febbraio 2017, ISSN 0261-3077 (WC · ACNP). URL consultato il 21 maggio 2017.
  20. ^ Wainwright, Oliver: "Serpentine Pavilion 2018 review – cement tiles, shade and a paddling pool" in The Guardian, 11 June 2018
  21. ^ Serpentine Galleries: "Serpentine Pavilion 2019 designed by Junya Ishigami" 27 February 2019

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN127478552 · ISNI (EN0000 0001 2154 0370 · BAV 494/40308 · ULAN (EN500254652 · LCCN (ENn80009032 · GND (DE2053110-2 · BNE (ESXX107593 (data) · BNF (FRcb122135781 (data) · J9U (ENHE987007605010505171 · NSK (HR000573270 · WorldCat Identities (ENlccn-n80090322