Personaggi di Digimon Fusion Battles

lista di un progetto Wikimedia
(Reindirizzamento da Shoutmon)

Di seguito riportato l'elenco dei personaggi che compaiono nella serie anime dedicata all'universo di Digimon, Digimon Fusion Battles.

Fusion HeartModifica

I Fusion Hearts sono un movimento di resistenza all'esercito Bagra, fondato e guidato da Taiki Kudo. Il gruppo, fondato nella Zona Verde, successivamente si arricchisce di nuovi membri, tutti intenzionati a porre fine alla guerra e a sconfiggere l'impero Bagra. Tutti i membri, nonostante occasionali liti o disaccordi interni, sono estremamente fedeli al loro generale Taiki, e mostrano spiccati sentimenti di cameratismo e aiuto reciproco. Tra tutti i digimon, Shoutmon è il principale combattente, e braccio destro di Taiki. Con il proseguire della serie, al gruppo si uniscono alcuni ex membri del Team Twilight, Nene Amano e i suoi digimon Sparrowmon e il trio di Monitamon; e nella seconda parte della serie anche l'intera Blue Flare, guidata da Kiriha Aonuma. Il legame d'amicizia tra i tre leader umani è così profondo da permettere loro di scambiarsi i digimon tra loro senza alcun problema. Verso la fine della battaglia contro l'impero Bagra, a loro si unisce anche il secondo generale del Team Twilight, Yuu Amano, fratello minore di Nene.

Dopo la guerra contro Bagramon hanno un ruolo marginale, anche se ricompaiono verso la fine per la battaglia contro Quartzmon.

UmaniModifica

Taiki KudoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Taiki Kudo.

È il leader e fondatore dei Fusion Hearts; ha scelto tale nome per il suo gruppo perché ritiene fondamentale, per la riuscita della loro missione, unire anche i loro cuori, e non eseguire delle semplici DigiXros. È un generale molto perspicace e competente, con una fiducia illimitata, seppur un po' ingenua, verso i suoi compagni.

Akari HinomotoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Akari Hinomoto.

È la migliore amica di Taiki Kudo; non è molto felice di essere a Digiworld, anche perché teme di non essere utile. È solita criticare Taiki per la sua impulsività, anche se ha un profondo rispetto verso di lui.

Zenjiro TsurugiModifica

Abile spadaccino, è l'auto proclamato rivale di Taiki, da quando questi lo sconfisse in uno scontro di Kendo, finisce a Digiworld con lui mentre cercava la rivincita. Zenjiro è piuttosto spavaldo ma anche un po' fifone; ciononostante, se la situazione lo richiede, è sempre pronto a farsi coraggio e superare le sue paure, tra cui quella dell'altezza. Con il tempo, Zenjiro crea un legame d'amicizia sincero con Taiki, arrivando a fare il possibile per aiutarlo nella sua missione di salvare Digiworld, pur non rinunciando all'idea di affrontarlo nuovamente in futuro per riconquistare il suo orgoglio di spadaccino. Tra i Fusion Hearts, Zenjiro si lega particolarmente a Ballistamon, mostrando doti di meccanico nel riparlo e migliorarlo. Ha un'evidente cotta per Nene Amano, cercando di fare il possibile per ottenere la sua approvazione, arrivando però spesso a mettersi in ridicolo.

Il nome Tsurugi in giapponese significa spada, in riferimento alla sua abilità con tale arma. Zenjiro è abile a usare sia il bastone sia una speciale spada composta dai digimon Starmon e Pickmon, creata con una DigiXros per lui da Taiki.

Dopo essere stato sconfitto da Taiki Kudo in un'amichevole di Kendo, Zenjiro inizia a cercarlo per chiedere un secondo incontro e riconquistare il suo titolo di migliore spadaccino del quartiere. Le cose però non vanno come previsto: non solo Taiki, in compagnia dell'amica Akari, sembra reticente all'idea, ma i tre si trovano anche coinvolti in una serie di strani incidenti che culminano con la scoperta, in un vicolo, del digimon Shoutmon e il loro ritrovarsi in un luogo sconosciuto: Digiworld.

Zenjiro all' inizio è sconvolto dalla piega degli eventi, ma a breve inizia ad adattarsi e abituarsi al nuovo mondo, riuscendo perfino a contribuire alle operazioni della neo armata Fusion a Hearts, fondata da Taiki e Shoutmon per combattere l'esercito Bagra. Nella Zona Verde, il ragazzo si ritrova suo malgrado sulla cima di un bambù gigante, cosa che slatentizza la sua paura per le altezze, ma con una spada speciale, formata dai digimon Starmon e Pickmon, riesce a colpire e a far uscire allo scoperto, il soldato Bagra che sta causando l'abnorme proliferazione delle piante, Drimogemon. Combatte nuovamente nella Zona Isola, contro alcuni Divermon invasori.

Nella Zona Lago invece, in cui Taiki è per qualche tempo fuori combattimento, prende il temporaneo controllo dei Fusion Hearts, in difesa del castello della principessa Bastemon contro l'esercito Bagra guidato da IceDevimon e l'ufficiale Rirismon; e quando questa strega Akari, Zenjiro riesce impedire alla perfida manipolatrice di mutilare le mani della ragazza per ottenere il frammento della Corona del Codice locale.

Nella Zona Foresta, per aprire le porte che conducono al leggendario digimon locale, Zenjiro, insieme ad Akari, deve eseguire, in una sorta di tutù floreale, un imbarazzante balletto, la Danza dell'amicizia, insegnato loro dalla romantica Lilamon, che li scambia per una coppia, ma nonostante neanche loro sembrano crederci, il digimon Deckerdramon è commosso da tale energia e permette ai Fusion Hearts di raggiungerlo. Quando Nene, anch'essa sul posto, è presa in ostaggio da DarkKnightmon, spietato cavaliere nero che la usa per i suoi scopi, Zenjiro, nonostante la ragazza gli abbia ostacolati, insiste per andare a salvarla.

Zenjiro affronta la sua più personale e ostica sfida nella Zona Shinobi. Per salvare la principessa dei Monitamon, rinchiusa nel suo stesso castello dall'esercito Bagra, Zenjiro si offre volontario per andarla a salvare, un po' per far colpo su Nene, un po' perché curioso di vedere la regnante. Mentre la maggior parte dei Fusion Hearts distrae il nemico, Zenjiro, con Dorulumon, tre Monitamon e la sua spada composta da Starmon e Pickmon, si infiltra nel castello. La strada è irta di pericoli, anche perché per raggiungere il luogo dov'è rinchiusa la principessa è necessario salire molto in alto con un aquilone, cosa che risveglia l'acrofobia del ragazzo, specie dopo che il primo tentativo non va a buon fin. Zenjiro è fortemente tentato di ritirarsi ma alla fine, desiderosi di non deludere la fiducia che i suoi amici hanno posto in lui, si fa coraggio e ritenta nuovamente, riuscendo non solo a raggiungere l'ostaggio, ma anche a resistere temporaneamente al potente spadaccino Bagra Musyamon, ricevendone perfino gli apprezzamenti per l'abilità dimostrata con la spada. Anche se alla fine Zenjiro sembra stia per essere sconfitto, il ragazzo è ironicamente salvato dai digimon di Nene, la quale, avendo sentito le sue parole di determinazione durante la lotta con Musyamon, gli dice che le sue parole l'hanno spinta a dare il meglio di se, formando per la prima volta la DigiXros che forma HiVisionMonitamon. Alla fine la principessa è salvata, e vuole esprimere la sua riconoscenza e affetto per Zenjiro ma, con disappunto del ragazzo, la principessa è una Bavamon, digimon dalle sembianze di anziana.

Zenjiro continua a seguire i Fusion Hearts fino alla loro sconfitta per mano di Bagramon nella Zona Spada, che scaraventa Taiki, Akari, Shoutmon e Zenjiro nel mondo reale. Qui nessuno dei loro famigliari crede loro, e Shoutmon è invisibile a tutti tranne che a loro. Dopo un giorno, Taiki, che è preoccupato per gli amici che ha lasciato a Digiworld, e vuole sfidare Zenjiro a Kendo per non lasciare le cose in sospeso, ma lo spadaccino, che intuisce che l'amico vuole tornare a Digiworld lasciando lui e Akari indietro, si offende enormemente.

La città in seguito è minacciata dall'ufficiale Bagra Tactimon che, scagliato nel mondo reale in seguito all'ultimo scontro a Digiworld, assorbe i dati della città, diventando molto più forte e gigantesco. L'enorme digimon, desideroso di vendicarsi di Taiki, prende in ostaggio Zenjiro è Akari, minacciando di ucciderli se il generale rosso non cede il suo Digivice. Zenjiro e Akari, sia per coraggio, sia perché offesi da Tactimon, che lì considera esseri inutili, rifiutano di essere aiutati e incoraggiano Taiki a combattere. Questo permette loro di rilasciare un potere, da sempre in loro, che consente la digievoluzione di Shoutmon in OmegaShoutmon, il quale affronta e sconfigge definitivamente Tactimon. In seguito, Taiki e Shoutmon, grazie al digimon Omnimon, ritornano a Digiworld, ma Zenjiro e Akari rimangono nel mondo reale, poiché l'energia del capo dei cavalieri non è sufficiente per trasportare tutti loro.

Dopo poco tempo per loro, ma che sono diversi giorni a Digiworld, i due ragazzi vedono spuntare dal nulla la stessa, gigantesca mano che li aveva scagliati fuori da Digiworld. È la mano di Bagramon, che sta raggiungendo la Terra per conquistarla, tramutando tutto in pietra. Zenjiro e Akari sembrano sul punto di fare la stessa fine, ma sono salvati dalle digimemorie dei cavalieri WarGreymon e Examon, caduti nel mondo reale trasportati involontariamente da Tactimon. I due ragazzi quindi non solo sopravvivono, ma possono anche salvare i Fusion Hearts, tirandoli fuori dalla dimensione oscura in cui MegaDarknessBagramon li aveva da poco confinati. I due prendono poi parte alla battaglia finale, che si conclude con l'imperatore sconfitta da Shoutmon X7 Superior Mode e il ripristino della pace tra i due mondi. Nella terza serie, Zenjiro riappare per un breve momento dopo la cattura di SuperStarmon, senza aver perso la sua rivalità nei confronti di Taiki e la sua combattività. Ricompare durante la battaglia finale contro Quartzmon, dove gli viene assegnato un Digivice dall'orologiaio e diventa ufficialmente partner di Ballistamon, combattendo insieme a lui con Deputhymon contro ciò che resta dei dati di MegaDarknessBagramon, che viene sconfitto definitivamente da Tagiru Akashi, riportando tutto alla normalità.

DigimonModifica

ShoutmonModifica

È il principale Digimon e combattente del gruppo, e quello che prende il controllo delle DigiXros con i suoi compagni.

Miglior amico di Taiki, è stato lui a convincerlo a formare la Fusion Hearts e a restare a Digiworld. Ha l'aspetto di un piccolo drago rosso antropomorfo,con fattezze vagamente simile a un cyborg, con delle specie di cuffie verdi sulle orecchie. Porta sempre con se una sorta di bastone metallico, simile a un incrocio tra una lancia e un microfono, che usa come arma. Nell'ultima parte della serie, porta un mantello giallo e ha il corpo cosparso di cicatrici. È estremamente impulsivo, spericolato ed estroverso: non nasconde quasi mai le sue emozioni e non ha problemi a dire quello che pensa, oltre ad agire prima di pensare, cosa che spesso lo porta a mettersi nei guai. È piuttosto orgoglioso di se stesso e del suo ruolo di leader dei Fusion Hearts, e gli piace essere al centro dell'attenzione ed essere ammirato.

Anche se talvolta può sembrare immaturo e presuntuoso, Shoutmon ha in realtà molte qualità ammirevoli: è molto legato ai suoi compagni Digimon e non, e diventa furioso quando questi sono in pericolo. È anche molto altruista, tanto da aiutare qualcuno in difficoltà anche senza conoscerlo approfonditamente, caratteristica che condivide con Taiki. Ha anche un forte senso del rispetto e dell'onore, e disprezza chi usa mezzi subdoli e meschini, oltre a chi abusa del proprio potere sugli altri.

Nonostante talvolta si pavoneggi come un Digimon speciale, Shoutmon prende molto sul serio il suo ruolo di leader, mostrandosi estremamente deciso ad essere all'altezza di tale ruolo e non deludere i suoi compagni e chi crede in lui. Idealista e ambizioso, il suo sogno è diventare il re di DigiWorld, in modo da liberarlo da inutili sofferenze e proteggere i deboli. Se all'inizio sembri contare solo sulla forza per realizzare la sua ambizione, in seguito inizia sempre più a credere che nell'aiuto degli altri, suoi amici e anche sudditi, cosa che lo differenzia sensibilmente dalla sua nemesi finale, l'imperatore Bagramon.

Shoutmon è un abitante della Zona Verde, nel Villaggio dei Sorrisi, guidato dall'anziano e saggio Jijimon. È amico con tutti i suoi abitanti, in particolare con Ballistamon, incontrato in strane circostanze: quando questi apparve nella Zona, in stato confusionale e violento, Shoutmon si impegnò subito a calmarlo e a ripararlo, dandogli anche il nome.

Quando DigiWorld è sconvolto da una terribile guerra in seguito all'invasione dell'esercito Bagra, durante uno di questi attacchi, Shoutmon finisce nel mondo reale, in uno stato distorto e morente. Qui, la sua DigiMelody e la sua voce sono udite da Taiki Kudo e, dopo che il Digimon salva il ragazzo avvertendolo di un pericolo imminente gli cura le ferite grazie a un Digivice XrosLoader. Il processo però attiva anche un portale che porta Shoutmon, il ragazzo e i suoi amici Zenjiro e Akari nel DigiWorld.

Qui, il gruppo improvvisato affronta le prime battaglie contro le armate dell'esercito Bagra, guidate da MadLeomon, salvando il villaggio. Shoutmon intuisce che Taiki può dargli la forza necessaria per diventare il re di DigiWorld, e cerca di manipolarlo perché rimanga nel mondo digitale. Il ragazzo, inizialmente, rifiuta, anche perché, sentito il sogno di Shoutmon, lo ritiene un obbiettivo egoista e finalizzato solo a soddisfare l'ego del Digimon. Tuttavia, quando scopre che Shoutmon intende diventare re per creare un mondo migliore per tutti, decide di aiutarlo. Quest'alleanza porta alla liberazione della Zona Verde, che si conclude con la definitiva sconfitta di MadLeomon e la nascita e fondazione dei Fusion Heart.

Durante i viaggi e le lotte, Shoutmon acquista sempre più forza, anche grazie ai suoi nuovi compagni e alleati, che gli consentono dì effettuare DigiXros sempre più potenti e complesse. La sua fiducia in se stesso, a un certo punto, subisce un brutto colpo quando, nella Zona Disco, la DigiXros si scioglie improvvisamente, e Greyson e MailBirdramon, principali digimon dei Blue Flare, armata di Kiriha, gli dicono che ciò è dovuto al fatto che egli non abbia abbastanza forza. Anche se Shoutmon riesce a sorprendere i due giganteschi Digimon salvandoli da una caduta solo con la forza della sua forma base, il Digimon rimane profondamente scosso dalle loro parole e, quando i Fusion Heart si ritirano per un po' nella Zona Shinobi, chiede a Ballistamon di aiutarlo di nascosto con un duro allenamento, cui si unisce poi anche Beelzemon e, a sorpresa, lo sfuggente Tsuwarmon che, dopo averli sfidati all'improvviso, si complimenta con Shoutmon quando questi respinge il suo attacco, e lo avverte dell'imminente arrivo di Blastmon. La lotta è molto dura, anche perché Shoutmon è ancora insicuro, ma quando sente le lacrime della piccola e indifesa Lunamon, riesce a reagire, e, con l'arrivo di Nene e Sparrowmon, dà vita a una nuova DigiXros con cui sconfigge il nemico.

Dopo aver conquistato la Zona Spada, i Fusion Heart, insieme ai Blue Flare e all'armata di Nene, unitasi nel frattempo a loro, si trovano a dover sostenere una dura battaglia contro Tactimon. Dopo essere stati messi in grave difficoltà, il gruppo riesce apparentemente a sconfiggerlo, ma quando la vittoria sembra certa, Bagramon interviene, prendendo con la sola mano destra tutti i frammenti che avevano preso e spedendo Taiki, Akari, Zenjiro e Shoutmon nel mondo reale.

Qui Shoutmon è in ridotto in uno stato debole e limitato, e visibile solo ai bambini che sono stati a DigiWorld. Il giorno seguente, il gruppo incontra Omnimon, che rivela loro di aver scelto Taiki come salvatore del mondo digitale, nonché Tactimon che, finito nel mondo reale dopo la battaglia precedente, sta riacquistando le forze assorbendo l'energia elettrica locale. Assetato di vendetta, il digimon minaccia gli inermi umani e Shoutmon, ancora indebolito, non può nulla contro l'ufficiale Bagra. Quando tutto sembra perduto, però, Akari e Zenjiro, tenuti in ostaggio da Tactimon, liberano, con il loro coraggio, un'energia intensa che permette a Shoutmon di riprendersi e di digievolvere in OmegaShoutmon che, dopo una dura battaglia, riesce a salvare la città da Tactimon, e a distruggere il potentissimo avversario. Dopo questa vittoria, Taiki e Shoutmon decidono di tornare a DigiWorld per riprendere la battaglia, ma senza poter portare con loro Akari e Zenjiro, che rimangono nel mondo reale.

Tornati nel mondo digitale, i due scoprono che DigiWorld è stato diviso dal vittorioso esercito Bagra in sette Territori, ognuno governato da un Generale Oscuro. Nel primo Territorio, quello dei Draghi, i due affrontano il generale Dorbickmon, che sconfigge perfino OmegaShoutmon, ma ritrovano i Blue Flare, Nene e gli altri Fusion Heart da tempo prigionieri. Solo con l'aiuto di tutti, e specialmente di ZekeGreymon, il primo generale viene sconfitto.

Nel Territorio dell'Oro, i Fusion Heart sono messi in crisi dal generale Olegmon, che non solo ipnotizza molti di loro, ma si rivela il creatore di Ballistamon, la cui forma originale è in realtà DarkVolumon. Anche se sconvolto nello scoprire le origini del suo amico, che ora non riesce più a riconoscerlo e lo combatte come un nemico, ma disposto a tutto pur di non perderlo, Shoutmon lotta per cercare di far riemergere Ballistamon, riuscendo a spingere il Digimon a scegliere definitivamente la sua nuova identità e a ribellarsi al suo vecchio padrone, sconfiggendolo.

Altro generale molto pericoloso è Gravimon, che mette contro di loro perfino Kiriha, il quale arriva a sfidare Taiki e OmegaShoutmon con ZekeGreymon. Con il sacrificio di Deckerdramon, Kiriha riesce a liberarsi dell'influenza di Gravimon e a comprendere il valore dell'amicizia, dando vita a Shoutmon X7, che dopo varie battaglie e astuzie sconfigge davvero l'astuto generale.

Giunti nell'ultimo Territorio, quello della Luce, incontrano il generale Apollomon di animo nobile e buono, che però ha in se a sua insaputa una personalità oscura e malvagia, Whispered, che prende il sopravvento e scaglia i Fusion Heart nella Zona Inferno, dove sono sfidati dal Team Twilight, guidato da Yuu Amano e DarkKnightmon, senza possibilità di scappare. In seguito alle macchinazioni di Apollomon Whispered, il gruppo rischia di essere spazzato via insieme alla Zona da un'enorme e instabile fusione tra Rirismon e Blastmon, ma, con grande astuzia, riescono a fuggire in tempo, perdendo però Beelzemon. Tornati in superficie, il gruppo affronta e sconfigge anche Apollomon Whispered, uccidendo però insieme a lui, con rimorso, anche il buon Apollomon.

Sconfitti tutti i generali, i Fusion Hearts raggiungono la fortezza Nido del Demone, quartier generale dell'esercito Bagra. Qui sono ancora sfidati da DarkKnightmon, che resuscita i sette Generali Oscuri, li fonde nella mostruosa chimera GranGeneramon e imprigiona l'essenza di Shoutmon, Ballistamon e Dorulumon nella Zona Prigione, dove ha intrappolato anche quelle dei generali resuscitati. I tre digimon intervengono contro di essi in aiuto di Taiki, venuto in loro soccorso, e riescono a fuggire e a sconfiggere GranGeneramon con l'aiuto e il sacrificio di Olegmon e il buon Apollomon, schieratisi apertamente dalla loro parte, mettendo ancora in fuga il furioso DarkKnightmon.

Giunti finalmente alla fortezza, il gruppo si trova finalmente di fronte a Bagramon in persona, accompagnato da DarkKnightmon. Perfino Shoutmon X7 è impotente contro il fortissimo imperatore, che inizia il piano D5, mettendo in pericolo anche il mondo reale. Durante lo scontro, inaspettatamente, DarkKnightmon tradisce il fratello attaccandolo alle spalle ed effettuando con lui una DigiXros forzata, in quanto il suo obbiettivo era sempre stato sopraffare il fratello e assorbirlo, per poterlo superare e ottenerne il potere. La nuova forza del cavaliere nero è enorme, ma Shoutmon X7 non la trova impressionante come quella di Bagramon. Infatti, con orrore di DarkKnightmon, Bagramon è tutt'altro che sconfitto e anzi, dopo aver ripreso senza sforzi il controllo, umilia mentalmente il fratello e lo assorbe a sua volta dall'interno, riemergendo come MegaDarknessBagramon. Di fronte a questa nuova forma, Shoutmon X7 è definitivamente sconfitto, ma non la volontà di Shoutmon. Dopo aver espresso disprezzo per come l'imperatore ignori i suoi sudditi, errore che Shoutmon come re non intende commettere, il leader digimon dei Fusion Heart, su ammirato invito dell'avversario a farsi avanti, si scaglia su di lui con tutte le sue forze, morendo nell'attacco.

Shoutmon però torna in vita grazie al potere della Corona del Codice, schieratasi con Taiki. Grazie ad essa, il digimon interviene in aiuto del suo partner mentre questo è all'interno di Bagramon e, sempre grazie alla Corona del Codice, Shoutmon è infine in grado di effettuare una DigiXros speciale con moltissimi digimon Fusion Heart e loro alleati, raggiungendo la forma Shoutmon X7 Superior Mode, con cui sconfigge definitivamente il titanico imperatore. Dopo questa vittoria finale, Shoutmon torna a DigiWorld con tutti i suoi abitanti, dicendo a Taiki che intende ricostruirlo e realizzare il suo sogno di essere un re giusto.

Alla fine della serie, Shoutmon mostra di essere maturato, comportandosi in modo responsabile e curandosi dei suoi sudditi, cercando sempre di portarli sulla retta via, anche nel caso di piccoli teppisti come Gumdramon e Betsumon. Quando appare il DigiQuartz, e comincia la caccia ai Digimon, Shoutmon torna nel mondo reale per reincontrare Taiki e aiutarlo nelle nuove lotte e avventure che deve sostenere. In seguito, si scopre che dietro tutto questo c'è Quartzmon, creatore del DigiQuartz che, durante la battaglia finale, ferisce sia Taiki che Shoutmon, anche se il re dei Digimon affida il suo ruolo a Gumdramon, come Taiki fa con Tagiru, fiducioso che possa vincere la battaglia contro il nemico, previsione che poi si avvera.

Qui di seguito le forme ottenute con la DigiXros di cui Shoutmon è uno dei componenti. Non sono propriamente sue forme, ma fusioni di numerosi Digimon, sempre suoi alleati, alcuni dei quali mostrano non solo di mantenere la propria coscienza, ma anche capaci di azioni autonome. Shoutmon comunque rimane il centro fondamentale della DigiXros, e colui che generalmente mantiene il controllo. È da notare che non appaia Shoutmon EX6, forma che appare nel manga Xros Wars, che condivide alcuni personaggi con l'anime, ma che ha una sua storia a parte in una diversa continuity. Le forme principali per il combattimento, in ordine di apparizione, sono:

  • Shoutmon X2: È la DigiXros tra Shoutmon e Ballistamon, usata per la prima volta contro MadLeomon fuso a Orochimon. È un digimon piuttosto basso e d'aspetto robusto, simile a Ballistamon, con la testa di Shoutmon. Combina la velocità di Shoutmon con la forza di Ballistamon. Se serve, può usare come arma l'Ascia Stellare, formata dalla DigiXros tra Starmon e i Pickmons.
    • Shoutmon X2+: forma aggiuntiva con l'aggiunta alla DigiXros di Chibitortomon, che funge, con il suo guscio, da scudo sulla schiena, oltre a migliorare il combattimento subacqueo contro Octomon nella Zona Isola.
  • Shoutmon X3: DigiXros tra Shoutmon, Ballistamon e Dorulumon, usata per la prima volta nella battaglia finale contro MadLeomon. È d'aspetto simile a un Mecha alto e massiccio, con gambe, coda e una di Dorulumon e braccia e una spalla di Ballistamon.
  • Shoutmon X4: È sostanzialmente Shoutmon X3 che usa la Spada Stellare, formata dalla DigiXros tra Starmon e i Pickmons. Forme aggiuntive sono:
    • Shoutmon X4B : alla DigiXros si aggiunge Beelzemon, che aggiunge due ulteriori arti inferiori con le sue gambe, conferendo un aspetto simile a un centauro. La velocità di tale forma è molto più elevata, consentendogli di competere con quella di SlashAngemon nella Zona Cielo.
    • Shoutmon X4K : alla DigiXros si aggiungono Knightmon e i PawnChessmon, usata per la prima volta contro IceDevimon fuso a Daipenmon nella Zona Lago. In tale forma, Shoutmon X4 acquisisce uno scudo con il simbolo dei Fusion Heart e un lungo mantello bianco, mentre la Spada diventa più spessa e rossa.
    • Shoutmon X4S: alla DigiXros si aggiunge Spadamon, usata per la prima volta contro WaruMonzaemon nella Zona Dolci. Tale forma acquisisce una nuova arma simile a uno spuntone basata sull'armatura di Spadamon.
  • Shoutmon X5: È la DigiXros tra Shoutmon X4 e Sparrowmon, usata per la prima volta contro Lucemon Shadow Lord Mode nella Zona Cielo. Sul braccio sinistro tale forma appare parte del corpo di Sparrowmon, consentendogli di volare agevolmente. È d'aspetto simile a ShoutmonX4, ma molto più alto e robusto, con un'armatura dorata e bianca. Il potere e la velocità di tale forma sono molto superiori alle precedenti.
    • Shoutmon X5B: ottenuta con l'ulteriore aggiunta di Beelzemon e i suoi arti inferiori. È sostanzialmente Shoutmon X4B con l'aggiunta di Sparrowmon. Usata contro Blastmon nella Zona Shinobi.
  • Shoutmon X7: È la DigiXros ottenuta dall'unione di Shoutmon DX, Ballistamon, Dorulumon, Starmon, Pickmons e Sparrowmon, resa possibile dal legame d'amicizia tra Taiki, Kiriha e Nene, usata per la prima volta contro Gravimon nel Territorio dei Canyon. Massiccio ed estremamente potente, mostra parti del corpo di tutti i digimon che lo compongono, risultando simile a X5 con parti del corpo dorate, e usa come arma un lungo bastone simile a quello usato da Shoutmon nella sua forma base.
    • Shoutmon X7 Superior Mode: è la DigiXros più potente, ottenuta con la fusione di Shoutmon e moltissimi altri digimon, non solo Fusion Heart ma anche dell'ordine dei cavalieri e comuni abitanti di DigiWorld. D'aspetto simile a Shoutmon X7, è però di colore bianco e dorato, con quattro ali di pura luce gialla. Usata contro MegaDarknessBagramon, è così potente da sconfiggere l'imperatore con un colpo solo.

La vera e propria digievoluzione di Shoutmon è OmegaShoutmon, ottenuta dopo aver assorbito il potere interiore di Akari e Zenjiro; usata per la prima volta contro Tactimon nel mondo reale. È d'aspetto simile a Shoutmon, ma molto più alto e robusto, con un'armatura dorata e bianca. Il potere e la velocità di tale forma sono molto superiori alle precedenti.

Shoutmon DX è la DigiXros tra OmegaShoutmon e ZekeGreymon. Simile a OmegaShoutmon, acquisisce armi e frammenti d'armatura di ZekeGreymon. Usata per la prima volta contro NeoVamdemon, con l'aiuto e il sacrificio del Lopmon bianco e delle altre piccole vittime del generale.

BallistamonModifica

Miglior amico digimon di Shoutmon, è un abitante del Villaggio dei Sorridi, e uno dei membri originali dei Fusion Hearts. Il suo nome fa riferimento alla parola Ballista, o catapulta. Ha un corpo completamente meccanico, basso e robusto, e talvolta richiede manutenzione da parte di Zenjiro. È capace di fabbricare vari oggetti, come un finto DigiVice o braccialetti per comunicare a distanza. Tendenzialmente allegro e ottimista, è anche molto affidabile, ed è a lui che Shoutmon chiede aiuto per un allenamento quando, dopo la battaglia nella Zona Disco, inizia a dubitare delle sue capacità. L'amicizia con il piccolo digimon dura da molto, da quando Shoutmon trovò il digimon meccanico in stato confusionale e violento nella Zona Verde, e lo calmò e riparò dai vari danni subiti, dandogli anche il nome di Ballistamon. In realtà, la forma originale di Ballistamon è quella di DarkVolumon, arma creata dal generale oscuro Olegmon, finita per sbaglio al Villaggio dei Sorrisi durante un test. Nel Territorio dell'Oro, Ballistamon salva Shoutmon dall'incantesimo di Olegmon, ma è riconvertito a forza in DarkVolumon, tanto che non riconosce Shoutmon e gli altri Fusion Hearts. Shoutmon però, nella battaglia successiva, è in grado di rientrare in contatto con la personalità di Ballistamon, in lacrime dopo aver scoperto le sue origini, e riesce a dargli la forza di scegliere chi vuole essere, se DarkVolumon o Ballistamon, e il digimon sceglie il nome datogli dall'amico, reprimendo per sempre DarkVolumon e tornando a combattere, anche contro il suo stesso creatore Olegmon, dalla parte dei Fusion Hearts.

Starmon e PickmonModifica

Amici di Shoutmon, sono abitanti del Villaggio dei Sorrisi, e alcuni dei membri originali dei Fusion Hearts. Starmon è il Digimon principale, che usa i suoi "fratellini" come armi; ha l'aspetto di una stella a cinque punte con gli occhiali da sole, e un portamento sempre fiero e orgoglioso. Il suo nome fa riferimento alla parola stella. I Pickmon invece sono piccoli digimon dall'aspetto di triangoli, anche loro indossanti occhiali da sole, che possono attaccare direttamente il nemico su ordine di Starmon; hanno un carattere infantile e fanciullesco. Sono utili per le DigiXros, ma possono anche fondersi tra di loro formando una spada per Zenjiro.

DondokomonModifica

Amico di Shoutmon, è un abitante del Villaggio dei Sorrisi, e uno dei membri originali dei Fusion Hearts. Il suo nome fa riferimento alla musica suonata nei festival giapponesi. Ha l'aspetto di un piccolo tamburo capace di camminare, e le sue braccia sono bacchette con cui può produrre suoni usando il suo stesso corpo. Ama molto suonare, sia per diletto personale che per incitare i suoi compagni nelle battaglie, e si infuria molto quando qualcuno reputa la sua musica stonata o rumorosa. Nella Zona Cielo, ha una brutta esperienza con la polizia locale, in particolare con Gargoylemon, che prima lo accusano di fare rumore molesto con la sua musica, poi di aver rotto una preziosissima statua raffigurante un angelo, simbolo locale; ma in seguito, grazie anche al supporto incondizionato di Taiki, riesce a provare la sua innocenza.

JijimonModifica

È il capo anziano del Villaggio dei Sorrisi, e uno dei membri originali dei Fusion Hearts. Il suo nome fa riferimento alla parola giapponese Jiji, che vuol dire uomo anziano. Ha l'aspetto di un vecchietto molto basso e fragile, dai lunghi capelli e barba grigi, avvolto da una veste e con un bastone. Non è molto utile nelle battaglie, ma introduce Taiki, Akari e Zenjiro al mondo digitale.

ChibiTortomonModifica

Abitante della Zona Isola, è uno dei nuovi primi compagni incontrati dai Fusion Hearts. Il suo nome fa riferimento alle parole Chibi e Tortomon, che può essere tradotto come "tartaruga bambino". È un piccolo e giovanissimo digimon dall'aspetto di tartaruga che si erge sulle zampe posteriori e con una sorta di casco in testa. Diventa in breve un grande ammiratore di Shoutmon, desiderando diventare anche lui, e si unisce al gruppo, contribuendo alla vittoria del neonato movimento di resistenza contro Neptemon. Essendo un digimon acquatico, ha la capacità di respirare sott'acqua, abilità che può trasmettere con la DigiXros e che gli permette di salvare Taiki dall'annegamento nella Zona Lago mentre questo cerca di salvare Knightmon. Viene liberato a Taiki un anno dopo la fine della guerra, per aiutare Tagiru Akashi, quando cade in mare.

DorulumonModifica

Digimon nomade e senza fissa dimora, è uno dei primi nuovi compagni incontrati dai Fusion Hearts, all'interno della Zona Verde, mentre scorta Cutemon alla ricerca dei suoi genitori. Ha l'aspetto di un grosso felino con i denti a sciabola, dal manto bianco arancione e numerose punte di trapano sul corpo, in particolare su fronte e coda. Inizialmente, appare un digimon di poche parole, solitario e poco propenso a avere legami. In realtà, ha una forte considerazione dell'amicizia e della lealtà, e non sopporta chi non mostra rispetto verso di essi. È anche pronto a difendere i più deboli dalle ingiustizie, come mostra salvando Cutemon da tre Goblimon banditi. Nella Zona Magma viene rivelato che Dorulumon era parte dell'esercito Bagra, e il fido ed efficiente braccio destro dell'ufficiale Tactimon; ma dopo aver scoperto che questi era pronto a sacrificare i suoi stessi soldati BlueMeramon pur di vincere, ha disertato disgustato, dopo aver informato i BlueMeramon del pericolo e aver detto loro di dargli la colpa per l'insubordinazione agli ordini. Con il tempo, sviluppa un profondo rispetto per Shoutmon, incoraggiandolo a dare sempre il meglio e a superare i suoi dubbi, come durante la battaglia contro l'ufficiale Blastmon. Nel Territorio Cyber, Dorulumon è preso di mira dal generale oscuro Splashmon, che tenta di convincerlo a tornare nell'esercito Bagra e poi di screditarlo di fronte agli altri Fusion Hearts, ma il digimon ribadisce nuovamente, e definitivamente, la sua lealtà ai Fusion Hearts.

CutemonModifica

Piccolo digimon in viaggio tra le zone di DigiWorld, è uno dei primi nuovi compagni incontrati dai Fusion Hearts, già all'interno della Zona Verde, mentre è alla ricerca dei suoi genitori, scortato da Dorulumon. Il suo nome fa riferimento alla parola inglese cute, ovvero "carino". Ha l'aspetto di un coniglietto antropomorfo di colorito roseo, con delle sorta di cuffie in testa e una sciarpa al collo. Nonostante ciò, è in realtà un maschio, cosa esplicitamente detta nella serie. A causa della sua giovane età, è estremamente infantile e un po' ingenuo, ma anche capace di gesti coraggiosi. Molto socievole, si affeziona particolarmente ad Akari, ed è lui a suggerire a Dorulumon di aderire ai Fusion Hearts, cosa che accade nella Zona Magma. Non ha tecniche d'attacco, ma dispone di notevoli poteri curativi. Nella Zona Dolci, riesce a trovare e salvare i suoi genitori, rapiti dall'esercito Bagra, e a contribuire alla vittoria contro Matadormon e BreakDramon, curando Shoutmon X5; dopo tale battaglia decide di continuare a seguire i Fusion Hearts. Nella terza parte della serie, è temporaneamente preso di mira dalla cacciatrice di digimon Airu Suzaki, e quasi ucciso dalla gelosa Cho Hakkaimon, digimon partner della ragazza, ma è salvato da Yuu Amano, che Cutemon stava cercando di consolare per la perdita di Damemon.

KnightmonModifica

È il capitano di uno squadrone di PawnChessmon, incontrato nella Zona Lago. Il suo nome fa riferimento alla parola Knight, ovvero cavaliere. È un digimon cavaliere, tutto coperto da una spessa armatura medioevale e armato di spada e scudo. Fedele sottoposto della principessa Bastemon, crede fermamente sia suo dovere usare la sua forza per proteggere i più deboli, e sviluppa subito grande ammirazione verso Taiki Kudo, in quanto gli ideali altruistici del bambino coincidono con il suo codice dei cavalieri. Ferito mortalmente contro l'esercito Bagra e caduto nel lago della sua Zona, è prossimo a spirare; ma il generale rosso, sentendo la sua DigiMelody, si tuffa nelle gelide acque e lo salva usando il suo Digivice per rigenerare le forze del cavaliere. Dopo che la Zona Lago è salva, Knightmon si unisce ai Fusion Hearts, proteggendoli, insieme ai suoi sottoposti PawnChessmon, contro il feroce Arukadhimon, mentre Taiki lotta per riunirsi al gruppo. Nonostante tenti di mantenere la serietà, Knightmon è anche piuttosto comico, specie quando interagisce con la sua principessa Bastemon, mostrandosi spesso imbarazzato per il carattere infantile di questa; ma rimanendo piuttosto scosso, se non impaurito, quando vede il digimon felino uccidere e divorare senza pietà il digimon ChuuChuumon.

PawnChessmonModifica

Fedeli sottoposti di Knightmon, incontrati nella Zona Lago. Il loro nome fa riferimento ai pedoni del gioco degli scacchi. Appaiono come piccoli cavalieri armati di lancia.

BastemonModifica

È la principessa e guida della Zona Lago. Il suo nome fa riferimento alla dea gatto egizia Bastet. Il suo aspetto è quello di una gatta antropomorfa con due orecchie, un paio di code con degli anelli dorati e dei pantaloni tigrati. Nell'edizione americana, il suo seno è coperto, mentre in altre versioni ha coperto solo i capezzoli. Nonostante sia la regnante della Zona, è estremamente pigra e svogliata, tendendo a dormire la maggior parte del tempo, proprio come farebbe un gatto domestico, e prende tutto molto alla leggera. Inizialmente non sa scegliere tra Taiki Kudo e Kiriha Aonuma come suo protettore, ma dopo che i Fusion Hearts la salvano dal soldato dell'esercito Bagra IceDevimon, sceglie il generale rosso, arrivando persino a seguirlo nelle sue avventure. Nonostante il suo aspetto e modi infantili e innocui, Bastemon è comunque un digimon molto potente, mostrandolo appieno contro il digimon ChuuChuumon, sentendosi stranamente aggressiva nei suoi confronti e uccidendolo e mangiandolo con grande facilità e soddisfazione. Soltanto il freddo e razionale Wisemon, tra i presenti, non è sconvolto da tale forza.

Baalmon/BeelzemonModifica

Inizialmente sicario dell'esercito Bagra, si unisce ai Fusion Hearts nella Zona Sabbia. Il suo secondo nome originale, Beelzebumon, fa riferimento a Belzebù, il signore delle mosche, spesso identificato con un demone o uno dei nomi del diavolo. Baalmon ha l'aspetto di un uomo biondo completamente avvolto da vesti bianche, che nascondono una corta spada rossa e un enorme fucile a doppia canna. Il capo è coperto da bende e una cuffia blu, lasciando intravedere tre occhi rossi e una carnagione grigiastra. Beelzemon invece è una sorta di demone antropomorfo a tre occhi, con due ali, il volto coperto da una maschera a tre punte e una grossa arma sul braccio destro. Freddo e imperscrutabile, Baalmon è un digimon vendicativo, desideroso di distruggere l'esercito Bagra per lo sterminio dei suoi compagni, ma è in realtà molto insicuro di se, in quanto la statua della dea, quando faceva parte dei Guerrieri della Dea, non gli ha mai sorriso, nonostante la sua forza è il duro impegno a diventare più forte. Dopo aver appreso il valore del sacrificio per gli amici, come Beelzemon, è molto più deciso e determinato, deciso a onorare il suo debito con Taiki. Dopo aver tentato di assassinare Taiki Kudo, e aver spiato i tre ufficiali dell'esercito Bagra, in particolare Rirismon, Baalmon salva Taiki nella Zona Sabbia dopo che la statua della dea sorride al ragazzo. Dopo di che, gli racconta della scomparsa dei guerrieri della dea, e di come lui sia stato l'unico sopravvissuto, trovandosi costretto a uccidere tutti i suoi compagni, compreso il suo maestro Angemon; per poi scoprire, confermando i suoi sospetti, che dietro c'era Rirismon con i suoi intrighi. Dopo essere stato ferito gravemente due volte, la seconda per salvare Shoutmon X4K, rinasce come Beelzemon, decidendo di dedicare la sua seconda vita a proteggere a Taiki, colui che ha cercato di guarirlo usando il potere della Zona e della Dea e gli ha insegnato il sacrificio in nome dell'amicizia. Beelzemon si rivela un alleato potente, anche in virtù della sua capacità di volare. Nella seconda serie, sviluppa un'intesa molto forte con Mervamon. Affronta una dura battaglia con lei nella Zona Inferno, contro la sua nemesi Rirismon; venendo ferito mortalmente. Conscio di ciò, si scaglia contro l'abominio che è diventata l' ex ufficiale dell'esercito Bagra, morendo con lei nella distruzione della Zona. Rinasce in seguito grazie al potere della Corona del Codice, secondo i desideri di Taiki, prendendo parte alla battaglia finale contro l'esercito Bagra.

DeputymonModifica

Autoproclamato cacciatore di tesori, incontrato nella Zona Sabbia. È un digimon dall'aspetto di un cowboy, con un ampio cappello e tre revolver, un dei quali, enorme, sul torace. Inizialmente sempre un opportunista meschino e manipolare, che tenta di attirare i Fusion Hearts in trappola e poi li aizza contro il potente Pharaohmon, sostenendo di volere il tesoro del digimon egizio; ma poi si scopre che i due sono amici, e che tutto il suo comportamento era solo una messinscena per testare il valore del gruppo. Dopo che Taiki supera la prova, decide di unirsi a lui.

WisemonModifica

Misterioso ricercatore che vive in una sua dimensione personale, accessibile tramite un libro che fluttua nello spazio che connette le varie Zone di DigiWorld. Il suo nome fa riferimento ai Wise men, ovvero i Tre Magi biblici. È una figura alata avvolta da una veste rossa e il volto coperto da un cappuccio bianco, che coprono una carnagione nera e priva di orifizi e tratti somatici. Possiede due occhi gialli, privi di iridi e pupille. È uno scienziato razionale e calcolatore, che persegue la conoscenza per il puro di gusto di farlo, ed è inizialmente del tutto indifferente alla guerra che ha luogo a Digiworld, in quanto ininfluente per l'esito delle sue ricerche. Dopo aver catturato Taiki Kudo, separato dal gruppo a causa di Rirismon e Arukadhimon, interessato alla biologia umana, intende praticargli un'autopsia, ma sviene per via di un digiuno prolungato. Dopo che il bambino lo salva facendolo mangiare, decide di risparmiargli la vita e, dopo molti dubbi, lo rilascia. Poi, incuriosito dalle nuove conoscenze e sorprese che il ragazzo gli ha offerto, lo segue e gli salva la vita contro Arukadhimon, distruggendo perfino il suo libro di appunti, senza pensarci. Ormai affezionato a Taiki, decide di seguirlo nelle sue avventure, continuando ad osservarlo dall'interno del DigiVice e proseguendo i suoi studi. Wisemon non ha poteri d'attacco, ma le sue grandi conoscenze e capacità analitiche si rivelano fondamentali per analizzare e superare trappole o strategie nemiche; come quando scopre la capacità di clonazione dei cristalli di Blastmon o il segreto dietro i poteri di Doumon. Nella Zona Inferno, è lui a scoprire le capacità del luogo di amplificare il potere dei digimon malvagi e il funzionamento del dispositivo di blocco, permettendo di bypassarlo e tornare nel Territorio della Luce senza che debba morire ne Taiki ne Yuu Amano. Riappare poi nella terza serie, dove decripta le coordinate per raggiungere l'isola di VolcDramon.

Gruppo di NeneModifica

Nenè AmanoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Nene Amano.

Primo generale del Team Twilight, si unisce ai Fusion Hearts dopo aver capito che DarkKnightmon non intende mantenere la promessa di liberare suo fratello Yuu.

SparrowmonModifica

È il digimon principale di Nenè, unico verso cui la ragazza, inizialmente, mostra aperto affetto. Il suo nome sembra fare riferimento allo sparrow, nome inglese del volatile Petronia xanthocolli. Ha l'aspetto di una sorta di aereo giallo con una piccola testa e due mani dotare di pistole laser. Nell'edizione originale, il sesso di Sparrowmon non è ben definito, in quanto ha una voce piuttosto femminile, ma usa il pronome "Boku", usato generalmente da giovani ragazzi, anche se può essere usato anche da ragazze. In italiano, Sparrowmon ha una voce piuttosto maschile, mentre in edizione anglosassone è invece una femmina. Ha l'aspetto di una sorta di aeroplano giallo, con una piccola testa e due mani armati di pistole che sprigionano raggi laser. Data la sua capacità di volare, è spesso usato dal suo generale come mezzo di trasporto. È il miglior amico di Nene, ed è disposto a tutto pur di salvarla e proteggerla, anche a rischiare la propria vita e ad andare contro il temibile DarkKnightmon. Inizialmente è piuttosto ostile nei confronti di Taiki Kudo e i Fusion Hearts, ma quando vede l'impegno di questi per salvare Nene, rimasta intrappolata dentro il demoniaco e impazzito Lucemon, inizia a fidarsi di loro fino a chiedere al generale rosso di liberare Nene dalla torre in cui era stata rinchiusa da DarkKnightmon. Pare avere una fobia verso i vampiri, dato che, speculando sul generale oscuro NeoVamdemon, un vampiro, Sparrowmon mostra terrore solo all'idea. Nel Territorio dell'Oro, dopo essere stato ipnotizzato da Olegmon, descrive Nene in malo modo e afferma di non sopportare il suo taglio di capelli, affermazione che ferisce in modo evidente la ragazza, che mostra di portare un certo rancore per questo. Effettuando la DigiXros, può trasferire la sua capacità di volare, sia con Shoutmon che con Mervamon.

MonitamonModifica

È un trio di Digimon provenienti dal Villaggio dei Monitamon, nella Zona Shinobi, descritti come i migliori del luogo. Il loro nome fa riferimento alla parola monitor, e all'atto di monitorare. Hanno l'aspetto di piccoli uomini dotati di un televisore al posto della testa, su cui possono proiettare immagini o degli occhi ed espressioni che riflettono il loro stato d'animo. Svelti, agili, e abilissimi a nascondersi, sono ottime spie, un ruolo particolarmente utile per la loro abilità di condividere tra di loro le immagini di ciò che vedono, che possono essere visualizzate anche da altri. Appaiono anche negli omake di fine episodio, dove commentano comicamente il profilo di un digimon.

MervamonModifica

Guerriera esuberante ed energica che combatte l'esercito Bagra nel Territorio del Miele, è la sorella maggiore di Ignitemon. Il suo nome fa riferimento alla dea greca etrusca Minerva, che ha, tra alte cose, affinità con la guerra. È una donna alta e robusta. Indossa una gonna rossa e un reggiseno che mette in risalto un seno prosperoso. Ha il volto parzialmente coperto da una sorta di maschera d'osso e un lungo serpente come braccio sinistro. Usa come arma principale un'enorme spada. È una combattente ostinata e impulsiva, che attacca a testa bassa senza preoccuparsi troppo della strategia. Nonostante a prima vista appaia come prepotente ed autoritaria, in realtà ha un forte senso di giustizia, che disprezza i modi dell'esercito Bagra ed è pronta a tutto pur di proteggere i digimon innocenti ed indifesi, anche affrontare suo fratello Ignitemon, nonostante l'affetto che nutre per lui. Dopo che Nene convince Ignitemon a disertare, e la morte di Zamielmon, decide di unirsi al gruppo, anche al fine di aiutare la ragazza a riunirsi al suo fratellino, Yuu. Con il tempo, sviluppa un forte legame, quasi romantico, con Beelzemon, piangendo di gioia quando questi torna in vita per la battaglia finale contro l'esercito Bagra. Effettuando la DigiXros con Sparrowmon, diventa JetMervamon, in grado di volare.

Blue FlareModifica

Sono un'armata guidata da Kiriha Aonuma, in esplicita competizione con l'esercito Bagra per la conquista dei frammenti della Corona del Codice. Successivamente, hanno attriti anche con i Fusion Hearts, sebbene non arrivino pressoché mai a uno scontro diretto con loro, se non in un'occasione. Seguono generalmente una spietata filosofia del più forte, e non mostrano uno spiccato cameratismo come l'armata guidata da Taiki Kudo, pur restando sempre molto fedeli al loro comandante Kiriha. Dopo un'altalenante e fragile alleanza con i Fusion Hearts, si uniscono a loro nella seconda parte della serie.

Kiriha AonumaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Kiriha Aonuma.

È il gelido e ambizioso generale dei Blue Flare. Con il passare del tempo, diventa sempre più amichevole e aperto nei confronti dei suoi sottoposti e dei Fusion Hearts.

GreymonModifica

È uno dei due Digimon preferiti di Kiriha. D'aspetto è simile a un grosso dinosauro con una placca d'acciaio con tre corni sulla testa. È un guerriero molto orgoglioso, che combatte sempre al massimo delle sue forze incurante del pericolo, seguendo la filosofia del suo generale. Ha un certo senso dell'onore e, dopo essere stato inizialmente sprezzante verso Shoutmon, inizia a mostrarsi più amichevole nei suoi confronti quando il piccolo digimon gli salva la vita. È totalmente leale a Kiriha, combattendo e alleandosi con i Fusion Hearts seguendo sempre fedelmente gli ordini del ragazzo. Quando Kiriha lo affida temporaneamente a Taiki, Greyson dice che se Kiriha si fida del generale rosso allora si fida anche lui. Può effettuare la DigiXros con MailBirdramon diventando MetalGreymon, successivamente digievolvere in ZekeGreymon e perfino fare DigiXros con OmegaShoutmon. Altre DigiXros possibili per MetalGreymon sono con CyberDramon e DeckerDramon, diventando rispettivamente MetalGreymon CyberDramon e DeckerGreymon.

MailBirdramonModifica

È uno dei due Digimon preferiti di Kiriha. Il suo nome contiene le parole Mail, parola inglese per maglia, bird, uccello, e il suffisso dra, che indica i digimon di tipo drago; quindi può essere tradotto come uccello drago di maglia. D'aspetto è simile a un grosso volatile meccanico pesantemente armato, simile ad un aereo da combattimento, e proprio per questo è spesso usato dal generale blu come mezzo di trasporto. È generalmente distaccato e freddo verso chiunque, anche se non ostile, e rimane sorpreso quando Greymon aiuta volontariamente Shoutmon contro Bulbmon, dopo che il piccolo digimon aveva salvato loro la vita. Successivamente, diventa più amichevole con i Fusion Hearts quando i Blue Flare iniziano a cooperare con loro. Tende a chiedere spiegazioni a Kiriha riguardo alle sue decisioni, o a chiedergli se ne è sicuro, ma la sua fedeltà è assoluta, tanto che, quando il suo generale lo affida temporaneamente a Taiki, non ha alcun problema a farsi usare dal comandante rosso. Può effettuare la DigiXros con Golemon, ma la più importante è quella con Greymon, diventando MetalGreymon, successivamente digievolvere in ZekeGreymon e perfino fare DigiXros con OmegaShoutmon. Altre DigiXros possibili per MetalGreymon sono con CyberDramon e DeckerDramon, diventando rispettivamente MetalGreymon CyberDramon e DeckerGreymon.

CyberDramonModifica

Digimon simile a un drago antropomorfo corazzato con una strana maschera viola senza lineamenti e quattro ali rosse bucate. Il suo nome contiene le parole Cyber, cibernetico, e il suffisso dra, che indica i digimon di tipo drago. Nonostante l'apparenza, non è completamente meccanico. Generalmente, è molto silenzioso e non dice una parola. Armato di una lancia a due punte, è molto forte e agile. Può effettuare la DigiXros con MetalGreymon e con Dracomon, diventando rispettivamente MetalGreymon CyberDramon e CyberDracomon.

DeckerDramonModifica

È un digimon leggendario che alberga nel santuario nascosto nella Zona Foresta. Il suo nome contiene le parole deck, parola inglese che indica il ponte delle navi, e il suffisso dra, che indica i digimon di tipo drago. Inizialmente simile a un'enorme statua dorata, il suo vero aspetto è quello di un enorme alligatore corazzato, con due batterie lancia missili sul dorso. All'occorrenza, può modificare il proprio corpo per galleggiare, come una sorta di barca. Nonostante l'aspetto imponente, ha in realtà un cuore molto tenero, e si commuove facilmente di fronte all'amicizia e all'amore, permettendo solo a coloro che mostrano questi sentimenti di incontrarlo. Per questo, rifiuta immediatamente di unirsi a DarkKnightmon, in quanto lo riconosce come un essere spietato; ma quando incontra Kiriha, è attratto dalla bontà latente del ragazzo e insiste per unirsi a lui. Dimostratosi utile in varie occasioni, nel Territorio dei Canyon si oppone fermamente alla battaglia contro Taiki, in quanto non vuole che Kiriha sprechi i suoi buoni sentimenti, venendo ferito gravemente dagli altri Blue Flare agli ordini del generale blu. Ciononostante, mostra agli altri il passato di Kiriha, per aiutare il generale a capire se stesso, venendo però ferito mortalmente da Gravimon, assorbendo volontariamente il secondo colpo per proteggere il gruppo. Muore felice di aver aiutato Kiriha a comprendere il valore dell'amicizia e gli insegnamenti del padre; ritornando in vita nella battaglia finale contro MegaDarknessBagramon grazie alla Corona del Codice. Può effettuare la DigiXros con MetalGreymon, diventando DeckerGreymon.

DracomonModifica

È l'ultimo compagno arruolato da Kiriha, inizialmente residente nel Territorio dei Draghi. Il suo nom contiene la parola Draco, drago. Ha l'aspetto di un piccolo drago con piccole ali rosse. Non è molto potente, ma compensa con l'ingegner e l'astuzia, scoprendo i punti deboli del nemico o delle sue strategie. Non sopporta la filosofia del più forte di Dorbickmon, e rifiuta di seguire gli altri draghi negli attacchi ai digimon indifesi, ritenendo che i più forti dovrebbero proteggere i più deboli. È un grande ammiratore dei Blue Flare, e dopo aver ispirato a Kiriha l'orgoglio necessario per far nascere ZekeGreymon e sconfiggere Dorbickmon, il generale blu accetta di accoglierlo nel gruppo, dopo averne riconosciuto la forza interiore. Può effettuare la DigiXros con CyberDramon, diventando CyberDracomon.

Team TwilightModifica

È una misteriosa armata che non ha alcun interesse ad acquisire i frammenti della Corona del Codice. Inizialmente sembra essere guidata da Nene Amano nella prima parte della serie, e da Yuu Amano nella seconda, ma in realtà colui che ha in mano le rendini del gruppo è DarkKnightmon. Successivamente, alcuni membri del Team, Nene Amano, Sparrowmon, e i Monitamon, si uniscono ai Fusion Hearts, mentre i restanti membri entrano a far parte dell'esercito Bagra, pur rimanendo essenzialmente indipendenti e, di fatto, estranei agli interessi dell'impero, rimanendo leali solo al digimon cavaliere nero. A essi vengono associati, a forza, anche Rirismon, Blastmon e i tre Vilemon, ma nessuno di essi mostra vera realtà al gruppo. Infine, abbandonano il Team anche Yuu Amano e Damemon.

DarkKnightmonModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: DarkKnightmon.

Misterioso Digimon dall'aspetto di un cavaliere nero, le cui motivazioni non sono chiare per gran parte della serie. È il vero leader del Team Twilight, colui che manipola i loro leader, Nene e Yuu Amano, nonché fratello minore di Bagramon. Nella seconda parte, diventa il secondo in comando dell'esercito Bagra.

Yuu AmanoModifica

Secondo generale ufficiale del Team Twilight, è il fratello minore di Nene Amano. Si unisce ai Fusion Hearts nella battaglia finale contro l'esercito Bagra, quando il Team Twilight è ormai sconfitto definitivamente.

Yuu è fondamentalmente un bravo ragazzo, sensibile ed estraneo alla violenza, e dotato di vari talenti e capacità tattiche. Ciononostante, è segretamente frustrato dal fatto che, appena mostra la sua vera forza, rischia di fare del male a qualcuno; come quando, nel catturare una libellula con un retino, la uccise inavvertitamente, restandone sconvolto.

Questa sua bontà d'animo e desiderio di mettersi alla prova sono sfruttate da DarkKnightmon, il quale, insieme a Damemon, lo irretisce convincendolo che DigiWorld è un mondo fittizio simile a un videogioco dove nessuno soffre e muore per davvero; e dove può mettere alla prova le sue capacità senza alcuno scrupolo morale. In realtà, il cavaliere nero intende solo sfruttare il ragazzo solo per i suoi scopi personali, ovvero sviluppare il Digivice Darkness Loader. Yuu, sconvolto per la recente morte della nonna, accetta. Qualche anno dopo, DarkKnightmon mantiene la sua promessa e viene a prendere Yuu per portarlo a Digiworld, sotto gli occhi della sorella Nene, sconvolta per il sorriso inquietante che, per la prima volta, sfoggia il fratello. Successivamente, DarkKnightmon ricatta Nene obbligandola a lavorare per lui, sotto minaccia di uccidere l'inconsapevole ostaggio.

Yuu entra in scena dopo il salto temporale tra la prima e seconda parte della serie, quando Taiki ritorna a Digiworld dopo che questi è stato conquistato e modificato da Bagramon dopo aver ottenuto la Corona del Codice. Interessato a confrontarsi con Taiki, verso cui nutre grande ammirazione, inizia a seguirlo di nascosto, in compagnia del fido Damemon. Viene notato dai Fusion Hearts nel Territorio del Miele, dove è rimasto bloccato dopo la morte del generale Zamielmon. Bramoso di uno scontro, attira in due trappole alcuni membri del gruppo, prima con dei rampicanti su un ponte sospeso su un burrone, poi grazie ai poteri psichici di Doulmon, seguace di DarkKnightmon evocato grazie a un sigillo locale. Convinto di essere in un mondo fittizio dopo non esiste davvero la morte, mette in pericolo anche la sorella Nene, agendo da arrogante e spietato narcisista amante delle battaglie, e a nulla valgono i tentativi dei Fusion Hearts di convincerlo che è tutto reale. Successivamente, intervengono in suo aiuto anche DarkKnightmon e le nuove reclute Rirismon, Blastomon e i tre Vilemon, che egli gestisce efficacemente in una dura battaglia; ma dopo che Doulmon è annientato, viene scortato via da DarkKnightmon, promettendo di concludere lo scontro in un'altra occasione.

Questa si presenta nel Territorio della Luce, gestito dal generale Apollomon. Grazie al suo alter ego malvagio, Apollomon Whispered, i Fusion Hearts vengono imprigionato nella Zona Inferno, dove viene loro lanciata una sfida: i leader dei due gruppi, Taiki e Yuu stesso, sono legati al portale che porta fuori dalla Zona, e solo la morte di uno di loro può aprirlo. Nonostante il vantaggio che il luogo offre al suo esercito e le sue abilità analitiche e strategiche, viene sorpreso dal piano di Kiriha, che propone ai membri di scambiarsi i digimon, e si ritrova ad affrontare Taiki in un duello a colpi di spada. Durante la lotta, le sue certezze iniziano a vacillare ma, rifiutando di arrendersi, forza Damemon a continuare la lotta, finché non viene definitivamente sconfitto. Viene salvato da SkullKnightmon ma, a causa del tradimento di Apollomon Whispered, rischia di morire, con tutti i presenti, nella deflagrazione della Zona causata dall'ibrido Rirismon Blastmon. Solo grazie al potere di Wisemon, e al coraggio di Taiki, il varco è di nuovo aperto senza che nessuno dei due leader muoia, ma il fratello di Nene crede, provando rimorso, che il generale rosso sia deceduto a causa sua.

Tornato nella fortezza Nido del Demone, Yuu soffre un altro grande dolore, ovvero la morte di Damemon, digimon che si era realmente affezionato a lui, ed è ormai conscio che, anche a Digiworld, la sofferenza e la morte sono reali. DarkKnightmon, capito che il suo inganno è stato svelato, imprigiona senza pietà il ragazzo in una sorta di prigione di vetro, in modo che alimenti il Digivice Darkness Loader, lasciando ChuuChumon di guardia. Viene in seguito salvato da Taiki, Wisemon, Knightmon e Mervamon, la quale, annoiata dai lamenti del ragazzo, lo stordisce.

Si risveglia successivamente quando MegaDarknessBagramon sta attaccando la Terra, trovando, grazie alle parole dei Fusion Hearts, la forza di perdonarsi e di prendere parte alla battaglia finale, che si conclude con la definitiva vittoria sull'esercito Bagra.

Ricompare dopo un anno, al fianco di Taiki e Tagiru, guidandoli nella loro caccia ai digimon. Inizialmente è invidioso di loro, perché non ha un digimon partner, diventando preda del Digimon Blossomon, alimentato dall'invidia umana, venendo salvato dai suoi amici. In seguito, protegge Cutemon, preso di mira dalla cacciatrice rivale Airu Suzaki, riprendendosi del tutto dal suo malumore quando risorge Damemon, in tempo per aiutarlo contro Cho Hakkaimon, digimon della capricciosa Airu. Prende in seguito parte a serie battaglie, catturando diversi Digimon lui stesso, come SuperStarmon e RockChessmon, sviluppando nel frattempo una strana rivalità con Airu, la quale con il tempo sviluppa una sorta di attrazione verso di lui, anche se Yuu non perde occasione per batterla in astuzia e umiliarla privatamente sull'isola di VolcDramon. Partecipa anche contro il potente creatore del Dig Quartz Quartzmon, venendo liberato dal Digimon quando Tagiru vince la battaglia.

Damemon/TuwarmonModifica

Spia di DarkKnightmon dentro l'esercito Bagra, è anche la guardia del corpo, ed effettivo digimon partner di Yuu Amano. Il nome dame è un riferimento all'omonima affermazione giapponese che può essere tradotta come "Non va bene!", frase spesso detta da Damemon; mentre la parola Tuswamono significa "soldato" in giapponese. Damemon è un Digimon molto piccolo e basso, con il corpo costituito da tre anelli bianchi uno sopra l'altro e braccia e gambe dorate. Ha quasi sempre un'espressione allegra e spensierata. Tuwarmon invece è un umanoide ninja alto e con il volto coperto. In entrambe le forme, è spesso accompagnato dal minuscolo ChuuChuumon, il quale però lo critica all'occorrenza e non gli è davvero legato. È un buon attore, e un abile bugiardo e manipolatore, fingendosi l'animaletto di Rirismon per poi manipolare l'ufficiale Blastmon perché si rovini affrontando i Fusion Hearts, dopo aver avvertito questi ultimi e aver preparato Shoutmon allo scontro. Nonostante ciò, non mostra particolare crudeltà, specie se paragonato ai suoi compagni. È incaricato da DarkKnightmon di seguire Yuu e alimentare l'inganno secondo cui DigiWorld è solo un videogioco, ma con il passare del tempo si affeziona realmente al ragazzo, arrivando a temere per la sua incolumità e nascondendo il dolore per le sue ferite. Dopo avere combattuto i Fusion Hearts con Yuu e DarkKnightmon nel Territorio del Miele, affronta una dura battaglia nella Zona Inferno, assorbendo, su ordine di Yuu, molti Digimon dell'esercito Bagra, venendo però ferito mortalmente da Shoutmon X7. Muore nella fortezza Nido del Demone, tra le lacrime di Yuu e l'indifferenza di ChuuChuumon. Rinasce nella terza parte della serie, quando il Team Twilight è ormai sciolto, salvando da Cho Hakkaimon Yuu e riunendosi al suo partner, ecombattendo altre battaglie, ad esempio contro KnightChessmon e SuperStarmon.

ChuuChuumonModifica

Piccolo Digimon simile a un fantoccio di pezza a forma di topo con guantoni. In realtà è molto più grande, ma comprime abitualmente i suoi dati per diventare minuscolo. Appare sempre in coppia con Damemon. Dopo che questi muore in seguito alle ferite riportate nella battaglia contro i Fusion Hearts, assiste indifferente, mostrandosi anzi annoiato e sbadigliando alle suppliche di Yuu di aiutarlo a salvare l'amico. Viene poi messo a guardia del bambino da DarkKnightmon nella Zona che alimenta il Digivice Darkness Loader, trovandosi ad affrontare Taiki Kudo, Mervamon, Wisemon, Knightmon e Pawnchessmon. A quel punto decomprime i suoi dati, diventando molto più grande e forte, ma quando si trova di fronte la felina e stranamente aggressiva Bastemon, il digimon simile a un topo trema di paura ed è subito ucciso e mangiato.

Esercito BagraModifica

L'esercito Bagra (バグラ軍 Bagura gun?) è la fazione dell'impero Bagra che attacca Digiworld con l'obiettivo di conquistarlo, ottenendo tutti i frammenti della Corona del Codice. Successivamente, viene reso noto che tra i loro obiettivi c'è anche l'invasione del mondo reale. Sono i principali avversari dei Fusion Hearts e dei Blue Flare, e la loro presenza gioca un ruolo importante per circa i due terzi della serie.

BagramonModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Bagramon.

Bagramon (バグラモン Baguramon?) è l'imperatore supremo dell'impero Bagra, e l'antagonista principale di Digimon Fusion Battles.

Ufficiali BagraModifica

TactimonModifica

Tactimon (タクティモン Takutimon?) è uno dei tre ufficiali dell'esercito Bagra. Indossa un'armatura e un elmo che lo fanno assomigliare a un samurai. Tactimon è un soldato estremamente competente, che valorizza l'organizzazione e la disciplina sopra ogni altra cosa. Essendo il più abile dei tre ufficiali, dispone del più grande esercito, avendo a disposizione sei comandanti di zone su dieci. Riesce a conquistare più Corone del Codice degli altri ufficiali, portando 26 zone sotto il suo controllo. È il più spietato e crudele dei suoi compagni: non esita a sacrificare i suoi stessi soldati, se questo significa vincere una battaglia in tempi che lui ritiene accettabili. Non ha alcuna pietà verso gli indifesi e i deboli, da lui definiti feccia. Sembra in rapporti quantomeno amichevoli con gli altri ufficiali, arrivando anche a offrire alcuni suoi soldati a Blastmon, ma mostrandosi parecchio infastidito dalla sconfitta finale di quest'ultimo. È estremamente leale al suo signore, Lord Bagramon, ed è intenzionato a portargli tutti i frammenti della Corona del Codice con ogni mezzo a lui disponibile.

Affronta numerose volte i Fusion Hearts e i Blue Flare a Digiworld per rubare i loro frammenti. A causa di un attacco del gruppo si ritrova scagliato lontano nel mondo umano, dove inizia ad assorbire l'energia elettrica per riprendere le forze e potenziarsi, diventando molto più grande e desideroso di informare Bagramon del nuovo mondo da conquistare. Ma Taiki e Shoutmon lo sconfiggono definitivamente. La sua lealtà a Bagramon, però, è tale da perdurare anche dopo la sua morte, rimanendo insito nella sua spada maledetta Jatestufuujin-maru, che riesce a guidare l'imperatore nel mondo reale.

RirismonModifica

Rirismon (リリスモン Ririsumon?) è una dei tre ufficiali dell'esercito Bagra. È l'unico membro femminile, nonché mente manipolatrice del gruppo. La sua caratteristica dominante è la demoniaca Unghia di Nazar che ricopre la sua mano destra e che corrode ogni cosa che tocca. Rirismon è una digimon strega vampira estremamente malefica che è disposta a tutto per raggiungere il suo obiettivo e non si fa scrupoli a usare anche i mezzi più subdoli. È estremamente narcisista, e tiene molto al suo aspetto fisico, infuriandosi enormemente quando il suo volto viene ferito. Fedele a Bagramon, smania di ottenere la sua approvazione e di compiacerlo con le sue conquiste. Tratta gli altri ufficiali con grande superiorità, ed è la più competitiva dei tre nell'ottenere i Frammenti della Corona. Se Rirismon si arrabbia e perde il controllo, causa violente e distruttive esplosioni che hanno, solitamente, conseguenze orribili e mortali. In questi stati, non ha alcun riguardo ne per gli avversari ne per i suoi stessi soldati.

Molto abile nella manipolazione e nell'intimidazione, è riuscita a portare 24 zone del Digiworld sotto il suo comando. Rirismon affronta i Fusion Hearts in numerose occasioni, ma sempre lei o i suoi sottoposti ne escono sconfitti. Per questo viene in seguito degradata e assegnata al team di DarkKnightmon. Infine si fonde con Blastmon, diventando un mostro di dimensioni colossali, venendo però definitivamente sconfitta e morendo nella deflagrazione della zona affrontando Beelzemon.

BlastmonModifica

Blastmon (ブラストモン Burasutomon?) è uno dei tre ufficiali dell'esercito Bagra. Ha braccia e mani sproporzionatamente grandi, che sono ricoperti da guanti metallici, e una possente coda con una sfera di cristallo alla sua estremità, la quale funge da enorme clava. I vari cristalli del suo corpo possono staccarsi da lui e creare suoi cloni, più deboli di lui, ma che è capace di rintracciare e con cui può condividere informazioni, anche da zone diverse. È un personaggio dalla forte venatura comica: appare piuttosto goffo, impacciato e capriccioso, soprattutto se paragonato agli altri ufficiali. È solito mangiare gemme, cristalli e diamanti per rendere il suo corpo più lucente, mostrando, a volte, di tenere più al cibo che a recuperare i Frammenti della Corona. Ha un atteggiamento pigro e svagato e dimostra di possedere una scarsa intelligenza. Blastmon, comunque, mostra segni di grande intelletto di tanto in tanto ed è un comandante competente e di successo nel portare l'influenza dell'impero Bagra a Digiworld, conquistando 22 zone.

Dopo aver affrontato alcune volte i Fusion Hearts, nel combattimento contro Taiki e Shoutmon il corpo di Blastmon viene distrutto quasi completamente, lasciando solo la testa, e perdendo tutti i frammenti da lui conquistati. Incapace di riacquistare la sua forma completa, Blastmon viene degradato. In seguito si fonde con Rirismon e muore nella deflagrazione della zona.

Generali OscuriModifica

I Generali Oscuri (デスジェネラル Desu Jeneraru?, lett. Death Generals) sono sette tra i più potenti guerrieri dell'esercito Bagra, di cui assumono il comando al posto dei vecchi ufficiali Tactimon, Rirismon e Blastmon nella seconda parte della serie. Rispondono direttamente a Bagramon e a suo fratello DarkKnightmon. Dal secondo hanno ricevuto un proprio Digivice Darkness Loader, con cui possono fondersi con i loro soldati, o forzarli a farlo tra di loro, ogni volta che desiderano. Possiedono ciascuno il controllo di uno dei sette territori in cui è stato diviso Digiworld, ognuno con il proprio personale esercito; e il loro compito è quello di spargere sofferenza tra i digimon che vi vivono, allo scopo di accumulare energia negativa per tramutare la Corona del Codice nella Pietra Nera, per il piano D5. Ogni generale ha un suo elemento o titolo che rimanda a uno dei giorni della settimana, rappresentati in Giappone dal Sole, la Luna e i cinque elementi cinesi.

DorbickmonModifica

Dorbickmon (ドルビックモン Dorubikkumon?), detto "La furia di fuoco", è il generale del territorio dei draghi. Rappresenta il martedì, e l'elemento del fuoco. Ha l'aspetto di un drago antropomorfo, alto e muscoloso, che si erge sulle zampe posteriori. La sua armata è composta da numerosi digimon drago, che infieriscono continuamente sugli abitanti del territorio per tenersi in allenamento, in conformità alla sua filosofia, secondo cui i forti hanno il diritto di sfruttare i più deboli. Nonostante prediliga la forza bruta, è anche un abile stratega, capace di adattarsi rapidamente a una nuova situazione. Dorbickmon possiede numerosi attacchi basati sul fuoco, riuscendo anche a tramutarlo in una spada, nonché di poter cambiare la conformazione del terreno a suo piacimento, tramutandolo in una trappola per il suo avversario. La sua tattica preferita, praticata dai suoi soldati, consiste nel circondare il nemico e colpirlo con delle fiammate da tutti i lati. Ha un punto debole, come tutti i digimon drago: il polline del Monte del pianto di drago, capace di togliergli le forze. Durante lo scontro con i Fusion Heart, Dorbickmon si fonde con tutti i suoi soldati, arrivando vicino alla vittoria, ma successivamente viene annientato da ZekeGreymon.

NeoVamdemonModifica

NeoVamdemon (ネオヴァンデモン NeoVandemon?), detto "Il chiaro di luna", è il generale del territorio dei vampiri. Rappresenta il lunedì, e l'elemento della luna. È un digimon alto e magro, dalla carnagione pallida e il corpo e il volto coperto da una maschera e un'armatura di metallo. NeoVamdemon è dotato della capacità di guarire immediatamente anche da ferite molto gravi e di evocare sanguisughe volanti che succhiano l'energia dell'avversario. Sul suo territorio non sorge mai il sole, ed è infestato da digimon suoi soldati che, come lui, hanno grandi poteri rigenerativi. È un personaggio dai modi controllati e sofisticati, ma anche freddo e spietato. Affronta i Fusion Heart riuscendo a prevalere prima digifondendosi con i suoi soldati, poi con MetalGreymon stesso. Quando sta per finire anche Shoutmon, la vista del Lopmon che accompagna i Fusion Hearts, che riconosce come il Lopmon bianco essere leggendario capace di indebolire i suoi poteri, lo spaventa temporaneamente, permettendo al gruppo di fuggire. Grazie al sacrificio di Lopmon, NeoVamdemon perde poi tutte le sue fusioni e la capacità di rigenerarsi, venendo battuto da un attacco avversario.

ZamielmonModifica

Zamielmon (ザミエールモン Zamiērumon?), detto "Lo spirito ligneo", è il generale del territorio del miele. Rappresenta il giovedì, e l'elemento del legno. Appare come una piccola creatura simile a un folletto. È molto veloce, cosa che, combinata con le sue piccole dimensioni, lo rende molto difficile da colpire. Viene rivelato che in realtà è un digimon gigantesco, ma che usa il DigiHoney per rimpicciolirsi fino a poter stare sul palmo di una mano per non uccidere subito il suo avversario. Porta sempre con se delle frecce. I suoi soldati, in gran parte digimon insetti simili ad api, cacciano costantemente gli abitanti del territorio, succhiando la loro forza vitale e immagazzinando l'energia negativa prodotta dal loro dolore sotto forma di DigiHoney, da spedire a DarkKnightmon. È uno degli antagonisti più spietati e crudeli della serie, tanto che il suo passatempo preferito consiste nel rinchiudere digimon indifesi nel suo personale parco di divertimenti, dove può dare loro la caccia, ferirli e ucciderli. Invita i Fusion Hearts nel suo parco di divertimenti, dove dà loro la caccia. Quando le scorte di DigiHoney si esauriscono, riassume le sue gigantesche dimensioni originali, ma viene annientato da Shoutmon.

SplashmonModifica

Splashmon (スプラッシュモン Supurasshumon?), detto "La tigre d'acqua", è il generale del territorio cyber. Rappresenta il mercoledì, e l'elemento dell'acqua. Appare come un uomo alto e snello, indossante una tuta bianca, ma la sua vera forma, una volta spogliatosi di essa, è quella di una gigantesca tigre dal manto bianco e blu. Splashmon possiede un corpo fatto d'acqua che lo rende invulnerabile alla maggior parte dei colpi, e può modificarlo a piacimento cambiando forma. Può anche sparare potenti getti idrici e delle gocce dai vari colori ed effetti, quali muovere i suoi fantocci a distanza, indurre aggressività, narcisismo, paralizzare con della corrente elettrica o colpire direttamente. A differenza degli altri generali, non possiede un esercito vero e proprio e il suo territorio è popolato da fantocci comandati a distanza dal generale stesso. È losco e manipolatore, preferendo attaccare i suoi nemici a distanza con una serie di stratagemmi e invenzioni, ma anche seminando il dubbio e la discordia tra gli amici, cercando di romperne i legami. Questo suo modo di fare è dovuto alla sua paranoia: non possiede un vero e proprio esercito perché non si fida di nessuno, dichiarando di stare bene da solo. Cerca di infiltrarsi tra i Fusion Hearts per sabotarli, ma, mascherato è costretto allo scontro frontale, nel quale viene fatto evaporare da Shoutmon.

OlegmonModifica

Olegmon (オレーグモン Orēgumon?), detto "Il pirata d'oro", è il generale del territorio dell'oro. Rappresenta il venerdì, e l'elemento del metallo. È un digimon dal fisico alto e possente, coperto da un elmo e armatura di ispirazione vichinga e dotato di asce. Dalle sue spalle possono apparire due spiriti, Surtrn l'allegro e Jormungandr il malinconico, che, pur potendo parlare e avendo personalità distinte, sembrano essere parte di lui, più che entità indipendenti. Solca abitualmente il mare d'oro con il suo vascello e la sua ciurma di pirati, tutti digimon acquatici, di cui è il capitano. È un personaggio molto più amichevole degli altri generali: quasi sempre allegro, è molto legato ai suoi sottoposti, di cui non abusa mai, e considera l'amicizia e gli amici il tesoro più prezioso. Urlando una formula magica, Olegmon è capace di riscrivere il programma dei digimon che la ascoltano, facendo loro il lavaggio del cervello e tramutandoli in suoi alleati, anche se, alterandone la lunghezza d'onda, l'effetto può essere inibito o annullato.

Mette in difficoltà i Fusion Hearts stregandoli con la sua cantilena. In seguito si rivela essere il creatore di Ballistamon, riportandolo alla sua precedente e malvagia forma di DarkVolumon. Ballistamon tuttavia ritorna dai Fusion Hearts grazie all'amicizia con Shoutmon e sconfigge Olegmon colpendolo con una registrazione amplificata della sua stessa voce. Dopo che tutti i Generali Oscuri sono riportati in vita da DarkKnightmon per dare vita a GranGeneramon, Olegmon si schiera con Taiki, distrugge la piattaforma usata da DarkKnightmon per il rituale della resurrezione e, pur ferito mortalmente da GranGeneramon, aiuta Shoutmon a distruggere il nemico, morendo poco dopo. Dopo che Taiki ottiene la Corona del Codice, Olegmon è riportato in vita per aiutare il ragazzo nella battaglia finale, tornando a DigiWorld dopo la vittoria.

GravimonModifica

Gravimon, detto Lo spirito della terra, è il generale del territorio dei Canyon. Rappresenta il sabato, e l'elemento della terra. Il suo nome viene dalla parola gravità, quindi può essere tradotto come "mostro di gravità ".

È un umanoide dalle mani e il torace molto voluminosi, ma dalla vita e le gambe molto sottili. Ha gli occhi coperti da una maschera e dei cavi sulla schiena simili a tentacoli. Il suo esercito è composto da Digimon animali sacri e mitologici, gli Anubimon sono sue guardie del corpo e più fedeli seguaci. È un leader carismatico e dal temperamento generalmente allegro e compiaciuto, ma anche dalla mente fredda e calcolatrice: è abilissimo nelle strategie e nel prevedere le mosse dei suoi avversari, riuscendo spesso a capolgere inaspettatamente la situazione a suo vantaggio. È un efficiente manipolatore e abile nella guerra psicologica. Non crede assolutamente nell'amicizia, ritenendola una debolezza che allontana dalla vera forza, non concependo l'idea di potersi sacrificare per una persona cara. Molto orgoglioso, se non superbo, si diverte a sminuire e a canzonare i suoi avversari, e porta facilmente rancore se qualcuno rovina i suoi piani. Gravimon ha il potere di manipolare la gravità, aumentando il peso del suo avversario o potenziando il potere delle sue mani; ma il suo vero asso nella manica è la capacità di rigenerarsi completamente tutte le volte che desidera finché rimane intatto il suo nucleo, che può spostare a piacimento.

I Fusion Hears attaccano la base di Gravimon poco dopo essere entrati nel suo territorio. Inizialmente, la, rischiosa, strategia di Kiriha, che desidera sconfiggerlo da solo, sembra funzionare, ma in breve si rivela un'illusione: il generale ha previsto ogni mossa e li ha attirati in una trappola. Taiki riesce a fuggire grazie a Nene, ma Kiriha è preso prigioniero. Rinchiuso il ragazzo in una cella, Gravimon lo tormenta psicologicamente sostenendo che Taiki è l'unico avversario che davvero preoccupa l'esercito Bagra, in quanto lui è un debole indegno di esistere. Quando Kiriha, rivivendo il trauma psicologico mai superato della morte del padre, si dichiara disposto a tutto pur di provare il contrario, il generale della terra lo sfida a sconfiggere Taiki in combattimento. Costatato che Kiriha si è poi riappacificato, definitivamente, con i suoi amici, Gravimon attacca a sorpresa, uccidendo, Deckerdramon, esprimendo disgusto sulle loro parole sull'amicizia e beffandosi della morte del digimon dell'amore. Questo spinge Taiki, Kiriha e Nene a dare vita a Shoutmon X7, che, dopo aver colpito ripetutamente l'avversario, lo annienta senza problemi. Ma ancora una volta non è finita: Gravimon riesce a rigenerarsi, grazie al suo nucleo, ed è desideroso non solo di vendicarsi, ma anche di costringere il gruppo a unirsi a lui dopo aver provato la sua superiorità. Mentre un gruppo distrae il grosso del suo esercito, e Shoutmon X7 combatte di nuovo Gravimon, un altro gruppo cerca il nucleo nel castello del generale, senza successo. Gravimon, dopo essersi sempre rigenerato dai colpi subiti e aver battuto perfino Shoutmon X7 grazie a una digixros con i suoi soldati, rivela che il nucleo è in realtà impiantato, profondamente, nel braccio di Taiki, e umilia di nuovo Kiriha sfidandolo a uccidere il generale rosso per uccidere anche lui e diventare davvero "forte". Quando Kiriha rifiuta, dicendo che è disposto ad arrendersi ma non a tradire la sua amicizia, Gravimon, disgustato, cerca di ucciderlo, ma è un errore fatale: Taiki fa da scudo a Kiriha, e Gravimon, per non distruggere il suo nucleo, lo fa uscire dal corpo di Taiki, consentendo prima al gruppo di ferirlo, e a Kiriha di schiacciarlo a mani nude, distruggendo Gravimon con esso.

Riappare nei pressi della fortezza di Bagramon, dove DarkKnightmon usa la Pietra Nera per riportare in vita i Generali Oscuri, ma lasciandone le anime nella Zona Prigione, in modo da usarne la forza a sua piacimento e dare vita a GranGeneramon. Incontra Taiki Kudo, entrato anche lui nella Zona Prigione per liberare Shoutmon, Ballistamon e Dorulumon, con l'intenzione di vendicarsi; ma la situazione lentamente si capovolge: l'arroganza di Apollomon Whispered gli attira le antipatie degli altri Generali, che si rifiutano di aiutarlo, Olegmon, disgustato dalla sua affermazione secondo cui non sono amici, si schiera con Taiki, e Apollomon riesce a risvegliarsi, distruggere Whispered e a far uscire i suoi alleati dalla Zona Prigione, pur venendo ucciso dagli altri Generali. Dopo la distruzione di GranGeneramon, scompare con i suoi compagni superstiti, sperando di trovare finalmente pace nella morte.

ApollomonModifica

Apollomon, detto Il sole, è il generale del territorio della luce. Rappresenta la domenica, e l'elemento del sole. Il suo nome viene da Apollo, dio greco della luce.

È un digimon dall'aspetto di leone antropomorfo, alto e maestoso, e si dichiara, nell'edizione giapponese, il dio del territorio. Questo è in realtà un luogo desertico, in quanto l'energia dell'ambiente è convogliata sulla cima della torre Apollonia, dove vi è un fiorente giardino. Il suo esercito è composto da vari digimon con connotati animaleschi. Sethmon e Marsmon sono i due ufficiali.

Apollomon è un personaggio dalla doppia personalità: la prima mostrata, l'originale, è quella di un digimon buono e dall'animo nobile, che ama la giustizia e disprezza i modi dell'esercito Bagra. Per questo, dopo essere stato arruolato a forza, finge di collaborare al piano del D5, torturando i Digimon per non destare sospetti ma cercando di non ucciderli, flagellandosi il braccio destro come forma di autopunizione, al punto da renderlo inservibile; aspettando nel frattempo che degli eroi lo raggiungessero per proporre loro un'alleanza contro l'imperatore Bagramon. L'altra, impiantatagli a sua insaputa dai fratelli Bagra e autodefinitasi "La macchia solare" è l'opposto, chiamata Apollomon Whispered: un digimon crudele, sadico e arrogante, che crede solo nella forza e disposto a tutto pur di vincere e scalare la gerarchia dell'esercito Bagra, anche a sabotare i suoi stessi alleati. Le due personalità sono indipendenti l'una dall'altra, anche se una può acquisire il controllo del corpo e, a un certo punto, perfettamente consapevoli e capaci di comunicare tra di loro; ciononostante, sono inizialmente inseparabili. La differenza è evidente anche nell'aspetto: Apollomon ha il corpo colorato con toni caldi, brillanti, mentre quando Whispered prende il controllo si colora con colori freddi e cupi. Apollomon è il più forte dei Generali, dotato di una grandissima forza fisica e poteri magici, quali lanciare frecce di energia' creare barriere per imprigionare i nemici o evocare sfere capaci di distruggere l'intero territorio della luce.

Dopo aver visto il valore dei Fusion Hearts, Apollomon chiede a Marsmon di accompagnarli in cima alla torre di Apollonia. Qui, dopo aver rivelato la sua natura di digimon buono, propone loro di fingersi sconfitti in modo da poter avvicinare Bagramon e attaccarlo tutto insieme, mostrandosi disposto a subire, senza difendersi, i colpi dei sospettosi membri del gruppo pur di convincerli della sua buona fede. Quando è riuscito a conquistare la loro fiducia, però, le sue speranze sono distrutte da Damemon e Yuu, che gli rilevano di essere arrivati fin lì grazie alla sua metà, Whispered, che non solo lì ha sempre tenuti informati dei suoi piani, ma che ne prende anche il controllo del corpo e scaraventa i Fusion Hearts nella Zona Inferno. Qui, il generale malvagio partecipa alla battaglia dalla parte del Team Twilight, ma si defila quando comprende che Yuu avrebbe perso. Poco dopo, spinge i morenti Rirismon e Blastmon a fondersi tra di loro per ottenere la loro vendetta, con l'intenzione di spingere i due a distruggere la Zona e portare con loro anche i Fusion Hearts e il Team Twilight, tra cui Damemon, Yuu e DarkKnightmon. Tornato nel territorio della luce, Apollomon è sconvolto dalle azioni crudeli di Whispered il quale, beffandosi del senso di giustizia della sua metà, dice che grazie a lui, con la scomparsa di DarkKnightmon, loro sono ora i numeri due dell'esercito Bagra, e ordina lo sterminio di tutti i prigionieri del territorio. Quando i Fusion Hearts, sopravvissuti, bloccano il suo piano e lo affrontano, Whispered tenta, senza successo, di usare il buon Apollomon come scudo; dopo che tale tattica fallisce, immobilizza Shoutmon X7 e cerca di distruggere l'intero territorio con una potentissima sfera di energia. Apollomon, però, riesce a bloccare, con il mutilato braccio destro, il colpo del suo malvagio alter ego, portandolo ad essere investito, grazie all'aiuto dei Fusion Hearts, dall'esplosione del suo stesso colpo, morendo entrambi.

Riappare nei pressi della fortezza di Bagramon, dove DarkKnightmon usa la Pietra Nera per riportare in vita i Generali Oscuri, ma lasciandone le anime nella Zona Prigione, in modo da usarne la forza a sua piacimento e dare vita a GranGeneramon. Whispered, che ritiene Apollomon cancellato completamente nel processo di resurrezione, incontra Taiki Kudo, entrato anche lui nella Zona Prigione per liberare Shoutmon, Ballistamon e Dorulumon, con l'intenzione di vendicarsi; ma la situazione lentamente si capovolge: l'arroganza di Apollomon Whispered gli attira le antipatie degli altri Generali, che si rifiutano di aiutarlo, Olegmon, disgustato dalla sua affermazione secondo cui non sono amici, si schiera con Taiki, e Apollomon, dopo che il suo clone malvagio vede il potere dell'amicizia, riesce a risvegliarsi, distruggere Whispered e a far uscire i suoi alleati dalla Zona Prigione, pur venendo ucciso dagli altri Generali.

Dopo che Taiki ottiene la Corona del Codice contro MegaDarknessBagramon, Apollomon è riportato in vita per aiutare il ragazzo nella battaglia finale, tornando a DigiWorld dopo la vittoria.

GranGeneramonModifica

È una chimera creata da DarkKnightmon, nata dalla DigiXros di tutti e sette i Generali Oscuri. Priva di volontà propria, obbedisce ciecamente a tutti gli ordini datigli dal cavaliere nero, e può esistere anche in forma incompleta, senza tutti e sette i membri. Molto potente, riesce a mettere in difficoltà perfino Shoutmon X7, anche quando perde Apollomon e Olegmon, arrivando anche a ferire mortalmente quest'ultimo. In seguito però alle richieste pressanti di DarkKnightmon, inizia perdere rapidamente energie, facendo anche soffrire le anime dei cinque Generali rimasti che, in seguito alle rivelazioni di Taiki Kudo, sono consapevoli di essere solo strumenti nelle mani del cavaliere nero, che, nonostante la loro fedeltà, non si fida di loro. Di conseguenza, essi iniziano a non alimentare il mostro il quale, sofferente, è sconfitto definitivamente da Shoutmon X7 e da Olegmon stesso, il quale considera ciò come un favore da un generale oscuro agli altri. Il pirata d'oro, inoltre, distrugge anche la piattaforma usata per la resurrezione, impedendo a DarkKnightmon di riportare in vita il digimon.

Comandanti dell'esercito BagraModifica

L'esercito Bagra vanta un gran numero di soldati, molto maggiore di tutti gli altri eserciti che appaiono nella serie. In seguito, è reso noto che almeno alcuni di loro sono stati corrotti dal potere di Bagramon, diventando suoi seguaci malvagi. Non è reso noto se ciò valga per tutti loro, ma diversi mostrano di essere rinato buoni grazie alla Corona del Codice seguendo i desideri di Taiki; non è chiaro però se ciò avviene a tutti loro, sebbene alcuni membri appaiano anche per formare Shoutmon X7 Superior Mode.

MadLeomonModifica

Madleomon (怒ってレオモン?) è un Digimon animale e comandante dell'esercito Bagra che attacca la Zona Verde, dove vi è situato il Villaggio dei Sorrisi. Ha le sembianze di un enorme leone blu dall'aspetto mostruoso e occhi di colore rosso in grado di reggersi su due zampe. Inoltre, possiede anche dei tratti antropomorfici.

Compare per la prima volta nell'episodio "Il Digiworld", durante il primo attacco nella Zona Verde in seguito all'arrivo di Taiki, Akari e Zenjiro e al ritorno di Shoutmon. Nel corso delle battaglie, Madoleomon tende spesso ad assorbire i dati digitali del suo stesso esercito che lo porta a diventare più potente a seconda delle qualità dei Digimon da lui annientati. Tuttavia però, ciò non lo porta a vincere alcuna battaglia contro la squadra Fusion Heart e questo causa spesso l'ira e la disapprovazione di Tactimon, uno dei tre ufficiali di Bagramon, anche se alla fine vengono concesse lui altre possibilità che alla fine vanno ugualmente sprecate.

Nel corso della seconda invasione da parte dell'esercito Bagra, MadoLeomon attacca con le sue truppe Taiki e i suoi due amici e manda un suo scagnozzo, Orochimon, ad annientarli. I tre ragazzi però vengono salvati in extremis da Shoutmon, per cui MadoLeomon decide di assorbire i dati di Orochimon e diventare imbattibile. Tuttavia però, grazie al leggendario potere della DigiXros, il team Fusion Heart ha la meglio in seguito alla formazione di Shoutmon X2, il quale elimina con il suo potere la parte costituita da Orochimon lasciando però MadoLeomon illeso.

MadLeomon attacca per la terza volta il villaggio in seguito alla crescita smisurata di enormi piante di bambù, dovuta all'elevata quantità di energia rilasciata nel sottosuolo da Drimogemon, altro membro dell'esercito Bagra. Nel corso del combattimento, assorbe invece una mandria di Apemon per acquistare agilità e velocità, ma anche questa volta non riesce ad uscirne vittorioso. Grazie a Dorulumon infatti, Taiki riesce ad effettuare una nuova DigiXros, creando Shoutmon X3, il quale riesce a mettere in difficoltà MadoLeomon. Questi, sul puto di arrendersi, decide di autodistruggersi ma di annientare allo stesso tempo anche l'intera Zona Verde e il villaggio. Shoutmon X3 però glielo impedisce e grazie alla sua potente arma, il Boomerang Vincente, riesce finalmente ad annientare definitivamente l'infido MadLeomon.

In una puntata rinasce buono diventando Leomon; può darsi che in passato sia diventato cattivo per colpa dell'esercito Bagra, infatti gli abitanti del villaggio del sorriso sono felici di rivederlo purificato.

NepmonModifica

Nepmon (ネプチューンモン Neptunmon?) è un Digimon Mago molto potente e membro dell'esercito Bagra a capo della spedizione per l'oppressione e la conquista degli abitanti della Zona Isola con lo scopo di scoprire dove sia il frammento della Corana della zona. Il suo nome è un riferimento al Dio romano Nettuno, nome latino di Poseidone Ha un carattere molto subdolo e tende spesso ad usufruire di sporchi ricatti pur di raggiungere i suoi scopi.

Appare per la prima volta nell'episodio "Pericolo sull'isola" al comando di una potente e numerosa flotta marina composta da Mantaraymon, Gizamon, Divermon e Flymon, grazie alla quale riesce a rapire Archelomon, il protettore dell'isola, ricattandolo per riuscire ad ottenere il frammento della Corona del Codice. Nelle prime due battaglie non combatte direttamente e in prima persona contro i Fusion Heart, ma manda alcuni dei suoi scagnozzi a fronteggiarli. Nel primo scontro invia Octomon, il quale distrugge una delle navi, poiché Taiki e gli altri erano riusciti ad infiltrarsi nell'interno. Tuttavia Octomon muore per mano di Shoutmon X2 con l'aiuto di ChibiTortomon. Nel secondo scontro, Nepmon manda Ebidramon ad attaccare Taiki dopo che questi era riuscito ad ottenere il frammento, ma anche il secondo scagnozzo muore, grazie all'intervento di Leviamon, uno dei Digimon Leggendari.

Nepmon è quindi costretto a servirsi di uno dei suoi ricatti per ottenere il frammento e le DigiMemorie dei Digimon Leggendari, minacciando di fare del male ad Archelomon. Taiki, nonostante l'intervento di Kirha, libera MarineAngemon, anch'esso Digimon Leggendario, il quale distrae i Seadramon mandati in battaglia e grazie al quale i Fusion Heart riescono a liberare Archelomon. Tuttavia, Nepmon se ne accorge e ordina ai Seadramon di congelare l'oceano per far sì che rimangano intrappolati all'interno.
Si ritrova però ad affrontare Shoutmon X3, ma si fa scudo con la sua potente lancia, la quale una volta lanciata all'attacco non smette di attaccare finché non avrà colpito la sua preda. Grazie ad un astuto piano di Taiki, Shoutmon X3 riesce ad uccidere Nepmon mettendosi dietro di lui per fare in modo che venga colpito dalla sua stessa lancia. Nepmon è destinato a morire, ma decide di annientare con sé anche l'intera isola, ma grazie all'intervento di Whamon, i suoi piani vanno in fumo.

In una puntata rinasce buono.

VolcanomonModifica

Volcanomon (火山モン?) è un Digimon di fuoco che controlla la Zona Magma ed è membro dell'esercito Bagra. Appare per la prima volta nell'episodio "L'esercito Bagra". Volcanomon, tramite il suo esercito di Meramon, guidato dal perfido e mostruoso Skullmeramon, ha ridotto in schiavitù tutti gli abitanti della zona, costringendoli a scavare nel terreno per ritrovare il frammento della Corona.
Volcanomon è (come dice il nome) simile ad un vulcano. Ha gli occhi gialli e braccia e gambe molto possenti; possiede inoltre un enorme masso pieno di magma al posto del busto sul quale vi sporge un cratere. Volcanomon infatti è spesso preda a violenti attacchi di ira, soprattutto quando i suoi scagnozzi non svolgono alla perfezione il compito assegnatogli, e ciò lo porta a far emergere involontariamente dal suo cratere enormi quantità di magma causando devastazioni.

Volcanomon fronteggia per la prima volta i Fusion Heart alla fine del suddetto episodio, ma essendo all'interno di una buia caverna, Taiki decide di non lottare poiché potrebbe crollare e loro rimarrebbero schiacciati. Finge quindi di arrendersi e di consegnare il suo Digivice Xros Loader, ma in realtà gli cede un falso. A causa della sua ingenuità, Volcanomon cade nel tranello e fa imprigionare Taiki e gli altri.
Riesce purtroppo a scoprire il raggiro grazie a Skullmeramon e scatena la sua furia sui Fusion Heart, che nel frattempo sono riusciti a fuggire di prigione insieme agli altri prigionieri. Volcanomon, dopo aver fronteggiato il Digimon Leggendario Agumon, ingaggia una lotta contro Shoutmon X3, il quale alla fine ha la meglio riuscendo a chiudere con una pietra il cratere sul dorso del Digimon facendolo esplodere.

Tuttavia però, Volcanomon evita la morte e in seguito alla cattura di Taiki e Dorulumon da parte di Tactimon, gi viene impartito da quest'ultimo l'ordine di eliminarli entrambi. A causa dell'intervento di Kiriha però, Tactimon ingaggia la sfida e ciò permette a Bluemeramon, anche lui dell'esercito Bagra, di tradire a sua parte e di liberare Dorulumon e Taiki.
Nella battaglia che si sussegue, Volcanomon duella brevemente con Garurumon, uno dei Digimon Leggendari, per permettere la formazione di Shoutmon X4. Per divenire più irrobustito, Volcanomon assorbe tutti i Meramon e il suo cratere si sposta sul ventre anziché sul dorso. Tuttavia, grazie alla forza di Shoutmon X4, Volcanomon viene annientato e la Zona Magma ottiene di nuovo la libertà. In una puntata rinasce buono.

Normalmente, al di fuori della serie Digimon Fusion Battles, Volcanomon è conosciuto in realtà come AncientVolcanomon.

SkullMeramonModifica

SkullMeramon (デスメラモン DeathMeramon?) è un Digimon di fuoco, membro dell'esercito Bagra e capo dell'invasione nella Zona Magma, posta sotto il comando del perfido Volcanomon. SkullMeramon appare per la prima volta nell'episodio "L'esercito Bagra", nel corso della battaglia contro i Fusion Heart alle fonti termali della zona. In questa battaglia, SkullMeramon combatte con un esercito di Meramon e con l'aiuto di BlueMeramon, ma all'intervento di Dorulumon in aiuto di Taiki e gli altri, si ritirano.

SkullMeramon riduce in schiavitù tutti gi abitanti della zona per fare in modo che si diano da fare per ritrovare il frammento della Corona del Codice. È il servo più fidato di Volcanomon ed ogni volta che questi si arrabbia, richiama in suo aiuto una mandria di Frigimon per far sì che spengano il cratere sul suo dorso. SkullMeramon, quando Taiki consegna un falso del suo Digivice a Volcanomon, rivela a quest'ultimo il raggiro, cosa che lo fa nuovamente ribollire di ira.
Affronta quindi per la seconda volta i Fusion Heart con l'aiuto del Digimon Leggendario, Agumon, ma anche stavolta ha la peggio e viene sconfitto.

Compare infine nell'ultimo episodio che vede protagonista la Zona Magma, ovvero "Dorulumon corre come il vento", quando BlueMeramon tradisce la sua parte e libera Dorulumon e Taiki, restituendo a questi il suo Digivice Xros Loader rosso. A questo punto, SkullMeramon attacca BlueMeramon, uccidendolo per via del tradimento escogitato, ma venendo immediatamente annientato a sua volta da Shoutmon.

BlueMeramonModifica

BlueMeramon (ブルーメラモン?) è un Digimon di fuoco, membro dell'esercito Bagra e combattente sotto il comando del perfido SkullMeramon. Appare per la prima volta nell'episodio "L'esercito Bagra". BlueMeramon, al contrario dei suoi colleghi dell'esercito Bagra, risulta avere un carattere molto apprensivo nei confronti dei Digimon ridotti in schiavitù dal suo padrone con lo scopo di ritrovare il frammento della Zona Magma.

BlueMeramon ha un passato molto brusco con Dorulumon. Viene rivelato infatti che quest'ultimo tempo addietro era un membro dell'esercito Bagra e che per salvare la vita di BlueMeramon fu costretto ad andare anche contro gli ordini impartitogli da Tactimon, uno dei tre ufficiali. Da allora, BlueMeramon ha sempre sentito la necessità di ripagare il favore di Dorulumon, senza però riuscirci.
BlueMeramon però, incontra nuovamente il suo ex-alleato durante la prima battaglia contro i Fusion Heart. Nell'episodio "Dorulumon corre come il vento", Dorulumon viene fatto prigioniero insieme a Taiki da Tactimon e destinato ad essere annientato da Volcanomon e dai Meramon. Il generale dei Blue Flare, Kiriha, interviene però sul luogo e ingaggia un duello con l'ufficiale.

Grazie a questo momento di distrazione, BlueMeramon ha via libera per liberare il suo amico e Taiki, per poi restituire il suo Digivice Xros Loader a quest'ultimo.
A causa di questo gesto però, SkullMeramon attacca i Fusion Heart e tenta di ferire mortalmente Dorulumon. BlueMeramon però si interpone tra i due ricevendo il colpo destinato al suo amico e sacrificando la sua stessa vita per ripagare il favore allora datogli da Dorulumon.

IceDevimonModifica

IceDevimon è un Digimon oscuro assomigliate a Devimon con il corpo e i poteri di ghiaccio. Con il suo esercito di Troopmon, Icemon e Pteramon attacca il castello della principessa Bastemon ma viene sconfitto dai Fusion Heart e dai Blue Flame, ritenta una seconda volta ad attaccare facendo la digifusione con gli Icemon ma invano. In seguito Rirismon passa il ruolo di comandante a Daipenmon, intrappolando lo sfortunato IceDevimon in uno dei suoi gelati, in seguito farà la digifusione con Daipenmon. Malgrado sia un Digimon malvagio, IceDevimon sa essere anche comico, come esempio quando si trova davanti al suo superiore Rirismon si mette in ginocchio terrorizzato.

DaipenmonModifica

È un Digimon assomigliante ad un pinguino armato di due coni gelati, che malgrado il suo aspetto ebete è un avversario pericoloso arrivando a congelare il regno di Bastemon. Prima era imbernato dentro ad un blocco di ghiaccio ma fu liberato da Rirismon dopo il secondo fallimento di IceDevimon. Alla fine fa la digifusione insieme a IceDevimon, diventando più forte e minaccioso ma fu sconfitto da Shoutmon X4K.

VilemonModifica

Sono un trio di Digimon simili a piccoli diavoli pelosi. Sono i fidi assistenti e consiglieri di Blastmon, che seguono quasi ovunque e a cui spesso danno consigli utili o avvertimenti. Nonostante l'aspetto, sono personaggi dalla sottile venatura comica, in quanto non combattono quasi mai e si mostrano spesso preoccupati e ansiosi. Mostrano un certo attaccamento verso il loro comandante, sentimento poi esteso anche a Rirismon, che però tendono a canzonare implicando che ella non abbia mai avuto un fidanzato. Nella seconda parte della serie, seguono sempre il ferito Blastmon e Rirismon, divenendo parte del Team Twilight e usati da Yuu in una DigiXros con i due ex ufficiali dell'esercito Bagra. Combattono nel Territorio del miele e nella Zona Inferno, venendo sconfitti. Si sacrificano per salvare Rirismon da un lago di lava, morendo poco dopo per le ferite riportate.

SkullScorpionmonModifica

Sono Digimon scheletrici simili a scorpioni che servono Rirismon e Blastmon nella Zona Sabbia. Il comandante si differenzia dagli altri SkullScorpionmon per il colore grigio delle sue ossa. Gli SkullScorpionmon seguono i Fusion Hearth nella caverna, alcuni vengono distrutti da un BigMamemon che alla fine fu distrutto grazie all'intervento di Blastmon.

EbemonModifica

Digimon androide molto pericoloso che sfrutta il suo raggio per controllare la mente dei Digimon di Taiki, fortunatamente grazie all'intervento di Baalmon, Ebemon alla fine vienne sconfitto. Viene rivelato che fu lui la causa della strage dei guerrieri della dea che ne faceva parte un giovane Baalmon, colpendoli con il suo raggio i guerrieri furono presi da una follia omicida.

MachineDramonModifica

È un digimon androide dalle sembianze di dinosauro con due cannoni, viene evocato da Rirismon nella Zona Sabbia per combattere i Fusion Hearts. Mette tutti in grave difficoltà, soprattutto dopo aver divorato gli SkullScorpiomon ed essere diventato HiMachinedramon, ma quando Baalmon rinasce come Beelzemon, viene rapidamente distrutto.

LucemonModifica

Digimon angelico dall'aspetto di bambino che vive nella Zona Cielo. È in competizione con SlashAngemon, il capo della polizia, per allentare l'oppressione delle forze dell'ordine e delle loro durissime regole, che spesso culminano in esecuzioni pubbliche per reati anche innocui. Appare molto buono e gentile verso i Fusion Heart, studioso e desideroso di rendere serena la sua zona. In realtà è tutta una recita: egli è una spia dell'esercito Bagra, sottoposto di Rirismon, che mira a essere presidente per impossessarsi del Frammento della Corona locale. Dopo aver ottenuto la carica, usa delle parole magiche dategli da Nene per evocare un tempio pieno di forze oscure e rivela sua vera forma e natura: un digimon metà angelo e metà demone, manipolatore e ipocrita a cui non importa nulla degli altri. Viene inizialmente sconfitto da Shoutmon x4 con l'aiuto di Shakkumon, ma si riprende e prende Nene in ostaggio, intenzionato ad assorbire l'energia oscura per recuperare le forze. Nel farlo però, viene corrotto dalle tenebre al punto che impazzisce totalmente e si trasforma in un essere gigantesco dall'aspetto di drago, preso solo dall'istinto di consumare dati per crescere ancora indefinitivamente. Inizialmente sembra imbattibile, ma quando Nene viene liberata dalla sfera oscura che il digimon ha tra le mani, Sparrowmon accetta di unirsi ai Fusion Hearts dando vita a Shoutmon X5, che riesce a distruggerlo.

KongoumonModifica

È un ufficiale di Tactimon simile a un grosso insetto. Piuttosto inefficiente, è impegnato nella conquista della Zone Foresta, venendo però sempre respinto da Stigmon, il protettore della Zona. Dopo l'arrivo dei Fusion Hearts, è inviato da Tactimon ad attaccare il santuario, ma è battuto senza problemi da Kiriha e Nene. Ripresosi, tenta di rifarsi attaccando con un esercito di GranKuwagamon, ma è definitivamente sconfitto quando i Fusion Hearts si riuniscono.

TankmonModifica

Digimon simili a carri armati che attaccano la Zona Polvere sotto il comando di Rirismon, ma sono sconfitti senza particolari difficoltà dai Fusion Hearts e i Blue Flare.

ArukadhimonModifica

Potente digimon dall'aspetto demoniaco che vive nello spazio che connette le varie zone di Digiworld. Ha una propria dimensione, in cui vi è il suo nido e dove i digimon normali non possono sopravvivere. È una creatura violenta e bestiale, seppur abbastanza intelligente, che obbedisce solo a Rirismon. Questa gli fa attaccare i Fusion Hearts quando sono nello spazio, separandoli da Taiki e portando gli altri nel suo nido per divorarli. Senza il ragazzo, i digimon non possono effettuare la DigiXros, risultando vulnerabili, ma quando il generale ritorna, riescono a sconfiggerlo e a tentare la fuga. Arukadhimon però è ancora vivo e tenta di inseguirli; allora Shoutmon X5, con l'aiuto della Card di DarkDramon, lo trafigge con forza, rispedendolo nel suo nido, dove muore sotto gli occhi della furiosa Rirismon.

MusyamonModifica

Digimon vestito con un'armatura simile a quella di un samurai ed esperto spadaccino; è un sottoposto di Blastmon. Prende in ostaggio la principessa della Zona Shinobi, installandosi nel castello locale e chiedendo, sotto minaccia di uccidere l'ostaggio, di ricevere il frammento della Corona del Codice dai Monitamon, i quali però prendono tempo distraendolo con delle videocassette di una serie TV a tema samurai, di cui Musyamon è un fan sfegatato. Dopo aver saputo che i digimon non vogliono dargli il frammento, manda i suoi sottoposti ad attaccare il villaggio. Rimasto al castello, si trova a combattere Zenjiro, apprezzando le abilità del ragazzo come spadaccino. Successivamente, l'apparizione di HiVisionMonitamon gli impedisce di dare il colpo di grazia, venendo definitivamente sconfitto da Shoutmon X5.

ShurimonModifica

Braccio destro di Musyamon, è un digimon ninja con shuriken al posto di mani e piedi, ed è completamente coperto di foglie, con il volto coperto da un bavaglio. Cerca ci convincere i Monitamon a consegnargli il frammento della corona, con scarsi risultati. Concede un giorno in più quando gli abitanti del luogo gli danno un'altra videocassetta per distrarre Musyamon, ma quando è chiaro che i Monitamon non intendono cedere, attacca il loro villaggio con varie truppe. Inizialmente tiene testa al gruppo, ma è infine sconfitto da Shoutmon X5.

EtemonModifica

Sono un gruppo di ninja dalle sembianze di scimmia con degli occhiali da sole. Amano molto cantare e suonare, anche se sono tremendamente stonati. Inizialmente spiano i Fusion Hearts, salvando la vita a Zenjiro da una caduta e fingendo di voler diventare fan di Shoutmon, ma in realtà vogliono solo il frammentodella corona. Falliscono nel far ridere il suo guardiano, Karatenmon, e si rivelano quando Nene e Akari vincono la gara. Combattono contro il gruppo, mostrando le loro uniformi, ma vengono sconfitti dalla DigiXros di Ballistamon e Bastemon. In italiano, il leader è sconfitto chiedendosi se ha cantato davvero tanto male, in originale invece mostra ammirazione per l'attacco sonoro che lo sconfigge, ritenendolo del vero rock nd' roll.

BulbmonModifica

Gigantesco digimon simile a un'enorme sfera d'oro con braccia e gambe allungabili, non manifesta alcuna personalità. Viene evocato da Blastmon nella Zona Disco, rischiando di distruggere la già compromessa Zona con il suo peso. Mette in serie difficoltà Shoutmon X4, che però, con l'aiuto di Greymon, riesce a scagliare in aria il digimon e a distruggerlo.

MatadormonModifica

Sottoposto di Tactimon che ha invaso la Zona Dolci. Il suo nome viene dalla parola Matador, parola spagnola che indica la corrida. Infatti è vestito con una tunica rosso rosata, ed è solito effettuare movimenti simili ad una danza. Questo suo rimando alla Spagna nell'edizione italiana è enfatizzato dal suo frequente uso della parola "Olé!", mentre in originale dice "Dolce!". Ha il volto coperto da una sorta di maschera, una lunga capigliatura bionda arancio e unghie di mani e piedi molto lunghe, apparentemente di metallo. È estremamente goloso di dolci, infatti ha schiavizzato i pasticcieri della Zona obbligandoli a cucinare per lui, oltre ad usufruire degli stessi servizi dal sottoposto WaruMonzaemon. Intende compiacere Tactimon sperando che questo gli lasci permanente il controllo della Zona. Quando i Fusion Hearts arrivano, Matadormon, che non sa chi siano, organizza una gara di cucina tra loro e WaruMonzaemon quando sente dire che Akari è una pasticciera. Dopo aver premiato il dolce della ragazza, si rivela e affronta i Fusion Hearts quando scopre la loro identità, facendoli precipitare nelle fogne. Qui riesce a risvegliare BreakDramon, progettando di usarlo come arma e mettendo in seria difficoltà Shoutmon X5, ma quando l'energia del drago inizia a diminuire è rapidamente sconfitto.

WaruMonzaemonModifica

Sottoposto di Matadormon, è un digimon simile a un inquietante orsacchiotto gigante, e il riconosciuto miglior pasticciere di DigiWorld. Quando i Fusion Hearts si vantano che è invece la loro compagna Akari, la miglior pasticciera del mondo, per attirare il goloso Matadormon, WaruMonzaemon li sfida a una gara di cucina, imbrogliando Shoutmon e Ballistamon perché mangino alcuni ingredienti e prendendo tutti gli altri pur di vincere, ma il superiore premia la torta di Akari. Successivamente, affronta il gruppo quando scopre la loro identità, fondendosi anche con i suoi sottoposti Monzaemon diventando GigaWaruMonzaemon, ma è sconfitto da Shoutmon X4S.

BreakDramonModifica

È un leggendario Digimon dall'aspetto a metà tra un drago e una macchina, che si dice abbia quasi distrutto DigiWorld in passato. Giace nelle fogne della Zona Dolci, dove Matadormon lo risveglia usando l'energia vitale sottratta agli abitanti non pasticcieri della Zona, tramutandola in Raremon e prendendo il controllo del digimon usandolo come arma. Oltre a ciò, gli collega i genitori di Cutemon, usando il loro potere curativo per dotarlo di un fattore di guarigione. Con questi poteri, riesce quasi a vincere contro Shoutmon X5, ma quando perde il potere di curarsi, è rapidamente sconfitto.

Riappare nella terza serie in una versione potenziata, GigaBreakDramon, questa volta sotto il controllo di Puppetmon, che manipola un club di appassionati di robot per modificarlo, ma è sconfitto di nuovo e catturato da Tagiru Akashi, che lo usa in una DigiXros contro Dragomon.

GrademonModifica

È un Digimon guerriero, alto e coperto da un'armatura e un mantello, sottoposto di Tactimon che invade la Zona Spada. Sconfitto da Shoutmon X4, viene purificato dalla Corona del Codice seguendo i desideri di Taiki, cambiando colore da viola a giallo arancio. Inizialmente sembra sconvolto da tale trasformazione, e si allontana sprezzante, ma in seguito torna ad aiutare il ragazzo quando questi è impegnato in una dura lotta contro Tactimon. Al suo ex superiore, si giustifica dicendo che, dopo che il ragazzo gli ha mostrato pietà, non riesce a non restituirli il favore, e si sacrifica per distruggere la torre che l'ufficiale dell'esercito Bagra aveva installato per impedire al gruppo di scappare in un'altra Zona. Tactimon è disgustato da tale cambiamento, dicendo che Taiki ha corrotto uno dei suoi uomini, ma il generale dei Fusion Hearts ribatte che è stato l'esercito Bagra ha rovinare Grademon. In seguito, viene confermato che Grademon era stato reso malvagio dall'influsso di Bagramon, ma ritorna in vita buono quando Taiki riconquista la Corona del Codice.

Armate dei Generali OscuriModifica

Ognuno dei sette Generali Oscuri possiede un proprio esercito particolare, la cui funzione è sia quella di soldati, sia quella di torturare i digimon civili per ottenere energia negativa per il progetto D5. Ogni armata è composta da un tipo particolare di digimon. Con l'eccezione di Ignitemon, muoiono tutti nei vari scontri con i Fusion Hearts. Nel dettaglio:

  • Territorio dei Draghi: sono digimon di tipo Drago, armata personale di Dorbickmon. Huanglongmon è il secondo in comando del generale, unico di cui mostri realmente rispetto. Ha l'aspetto di un drago a quattro zampe, senza ali e coperto di scaglie dorate. Considerati tra l'élite dell'esercito Bagra, sono soliti tenersi in allenamento infierendo sugli indifesi digimon del territorio, ottenendo l'energia negativa.
  • Territorio dei Vampiri: sono digimon di tipo Angelo Caduto, armata personale di NeoVamdemon. Sono guidati dai comandanti delle LadyDevimon, digimon dall'aspetto di donne demoniache, una di loro si caratterizza per un colorito più rossastro rispetto alle loro varianti standard, inoltre i loro vestiti sono malandati. Possiedono grandi poteri rigenerativi che li consentono di guarire da ferite anche mortali, ma se vengono attaccati costantemente esauriscono le forze e possono essere eliminati. Hanno l'ordine di rapire i Lopmon locali e portarli al castello di NeoVamdemon, così che il loro padrone possa assorbire il potere dei piccoli digimon.
  • Territorio del Miele: sono digimon prevalentemente di tipo Insetto, armata personale di Zamielmon. Tra di loro, un ruolo importante è svolto da Ignitemon, digimon dall'aspetto di un ragazzino con il volto coperto da una strana maschera. Non è fisicamente forte, ma possiede il potere di emettere suoni che paralizzano i Digimon, consentendo ai suoi compagni di succhiare l'energia dei digimon per produrre il DigiHoney, lasciando le vittime vive ma prive di forze. In realtà, Ignitemon serve l'esercito Bagra solo per paura, e quando arrivano i Fusion Hearts, si schiera dalla loro parte e con sua sorella, la ribelle Mervamon.
  • Territorio Cyber: sono digimon di tipo Androide armata personale di Splashmon. In realtà non sono davvero Digimon, ma fantocci controllati direttamente a distanza dal generale, tramite apposite goccia, in quanto non si fida di nessuno. Un fantoccio particolare è Ruka, fatto per assomigliare a una ragazza umana dai capelli verdi e i modi di fare esuberanti e infantili, con cui Splashmon tenta di far cadere in trappola i Fusion Hearts e tentare di portare Dorulumon di nuovo dalla parte dell'esercito Bagra. Dopo aver fallito nell'intento e aver rapito il Digimon, Ruka viene disattivata. Le gocce di Splashmon sono parte del suo corpo, e pertanto seguono tutti i suoi ordini.
  • Territorio dell'Oro: sono digimon di tipo Acquatico, armata personale di Olegmon. Membro importante è Mermaimon, digimon dalle sembianze di sirena vestita con un cappello da pirata e armata di ancora. In passato vi faceva parte anche Ballistamon, nella sua forma originale di DarkVolumon. Detti anche La Ciurma del Pirata d'Oro, sono tutti estremamente fedeli al loro capitano Olegmon, che li considera suoi amici. In realtà, grazie al potere della cantilena di Olegmon, capace di sovrascrivere il codice dei digimon, possono portare dalla loro parte qualunque digimon desiderino, tranne quelli completamente meccanici. Non mostrano particolare violenza verso i digimon locali per ottenere energia negativa, anche se attaccano un villaggio locale per mettere una taglia sui Fusion Hearts.
  • Territorio dei Canyon : sono digimon simili a creature mitologiche, armata personale di Gravimon. Tra di loro, quelli più vicini al generale sono gli Anubismon, digimon dall'aspetto di sciacalli antropomorfi vestiti di una tunica e dotati di due paia di ali. Uno di loro si mostra particolarmente fedele a Gravimon, anche se tutti i digimon dell'armata, in generale, mostrano ammirazione nei confronti del loro comandante. Non vengono mai mostrati commettere violenza verso dei digimon locali, i quali comunque non sono mai mostrati.
  • Territorio della Luce: sono digimon assomiglianti ad animali o bestie, armata personale di Apollomon. I soldati di grado più alto sono Marusumon e Sethmon. Il primo ha l'aspetto di un uomo alto e muscoloso, con il volto coperto da una maschera di tigre bianca; è molto fedele ad Apollomon, accompagnando i Fusion Hearts in cima alla Torre di Apollonia quando gli viene ordinato, ma è ucciso da Whispered quando questi deve incontrare Yuu e Damemon. Sethmon ha l'aspetto di una bestia a quattro zampe con una testa recante il simbolo del digiuovo dell'amore; è molto violento e amante della lotta, e quando combatte nella Zona Inferno con Whispered, lo considera il suo vero comandante in quanto da sempre desideroso di usare metodi più violenti. Tuttavia, proprio Apollomon Whispered non muove un dito per aiutarlo quando il sottoposto è usato da Yuu per effettuare una DigiXros con Tuwarmon. I digimon locali sono tenuti bloccati al suolo da strane sbarre simili a metallo, al fine di ottenere energia negativa, anche se a un certo punto Whispered ne ordina l'esecuzione, sventata dai Fusion Hearts.

Ordine dei CavalieriModifica

Sono un gruppo di digimon leggendari che una volta protessero DigiWorld. Il gruppo è composto da Ominimon, il loro leader, tre Agumon, Guilmon, Leviamon, Garurumon, MarineAngemon, Impmon, MetalGarurumon, Gatomon, Veemon, WarGreymon ed Examon. In seguito alla battaglia contro l'esercito Bagra, si trasformarono in DigiMemorie, finendo per la maggior parte dispersi nelle zone di DigiWorld, Omnimon nel mondo reale, e WarGreymon ed Examon si bloccarono tra i due universi. Ominmon in seguito trovò Taiki Kudo e, dopo averlo aiutato a salvare Shoutmon, lo manda nel mondo digitale per salvarlo. Il ragazzo trova poi le DigiMemorie, usandole per salvare la situazione in varie occasioni, anche se queste possono essere usate solo una volta in una zona. Dopo la vittoria dell'esercito Bagra, Omnimon rimanda Taiki e Shoutmon a Digiworld. A insaputa di tutti, l'ufficiale Tactimon, finendo nel mondo reale, libera WarGreymon ed Examon, che salvano Akari e Zenjiro dall'attacco di Bagramon, permettendo loro di salvare i Fusion Hearts dalla dimensione in cui erano stati imprigionati dall'imperatore. In seguito, tutte le loro DigiMemorie sono usate da Taiki per penetrare in MegaDarknessBagramon, disattivandosi a causa dell'alta concentrazione di energia negativa. Dopo che la Corona del Codice si risveglia con Taiki come padrone, si manifestano tutti per la battaglia finale contro l'esercito Bagra, diventando parte di Shoutmon X7 Superior Mode.

Altri Digimon di DigiWorldModifica

SlashAngemonModifica

È l'autoritario e dispotico presidente della Zona Cielo; è un digimon angelico con volto e corpo coperto da un'armatura e lame al posto delle braccia. Governa la Zona con estrema violenza, aiutato dalle forze di polizia locali, ed è solito punire severamente, anche con delle pubbliche esecuzioni, reati piuttosto innocui, perfino digimon molto piccoli. Nonostante ciò, agisce in tale modo perché crede sinceramente che sia l'unico modo per tenere lontano l'esercito Bagra, e anche perché preoccupato che il potere oscuro sigillato nella Zona possa liberarsi e corrompere gli abitanti. È in competizione con Lucemon per riottenere la carica. Condanna tutti i Fusion Hearts, appena li incontra, per aver opposto resistenza all'arresto e aver risposto alla polizia, venendo però sconfitto nell'arena da Shoutmon X4B, ma Taiki decide di risparmiarli la vita. Perde la campagna contro Lucemon, riconoscendo il potere oscuro quando la spia Bagra lo libera.

ShakkoumonModifica

È un digimon della Zona Cielo, il cui nome e aspetto sono un riferimento alle bambole Shakōki-dogū. Ambiguo e imperscrutabile, è sospettato di essere una spia della polizia, ma in realtà è il giudice preposto a valutare gli aspiranti presidenti, come Lucemon, al fine di eleggere solo quelli di buon cuore , affinché non liberino le forze oscure nel tempio della Zona, dove è nascosto il frammento della Corona del Codice. Caduto nell'inganno di Lucemon, lo elegge presidente, ma poi aiuta i Fusion Hearts a salvare la Zona dalla spia dell'esercito Bagra. Dopo la vittoria, nomina Taiki Kudo presidente, affidandogli anche il frammento della Corona del Codice.

Stingmon e LilamonModifica

Sono una coppia di Digimon che vive nella Zona Foresta. Stingmon è un insetto umanoide deciso e determinato a proteggere la Zona dall'esercito Bagra, inizialmente sospettosi nei confronti dei Fusion Hearts, ma poi diventa loro alleato quando capisce che sono ben intenzionati. Lilamon invece è una sorta di fiore dalle fattezze femminili, molto premurosa e romantica, che vede l'amore in tutto, anche fra Akari e Zenjiro. I due hanno una relazione romantica, ma mentre Lilamon è molto più aperta nel parlarne, Stingmon prova leggero disagio, arrivando quasi a sminuirla. Ciò porta a piangere di gelosia la sua compagna, imbarazzando Stingmon notevolmente. Il guardiano della Foresta respinge agevolmente Kongoumon, ma poi è sconfitto dai Blue Flare e il Team Twilight. Quando quest'ultimo penetra nel santuario sacro, Lilamon da ad Akari e Zenjiro le istruzioni per la Danza dell'Amore, unica via per riaprire il varco. I due aiutano poi i Fusion Hearts a sconfiggere le restanti forze dell'esercito Bagra. Ricompaiono nel Territorio del Miele, dove Stingmon è prosciugato da Zamielmon e Lilamon ferita. Dopo la morte del generale oscuro, i due rimangono a sorvegliare il Territorio.

MonitamonModifica

Compagni dei Monitamon sotto il comando di Nene Amano, sono guidati da un anziano locale e vivono nella Zona Shinobi, dove si allenano e vengono addestrati da un nerboruto Monitamon dai modi di fare militari. In realtà, hanno da tempo perso forza, tanto da non potersi opporre all'esercito Bagra, ma aiutano comunque i Fusion Hearts. Tre di loro si uniscono a Taiki Kudo, fungendo da canale di comunicazione con Nene.

LunamonModifica

Residente della Zona Disco, ha l'aspetto di un piccolo esserino bianco, con quattro voluminose orecchie simili a quelle di un coniglio e con addosso una veste rosata. Nonostante le chiare fattezze femminili, il sesso di Lunamon non è ben definito nell'originale giapponese, in quanto utilizza il suffisso "boku", usato tendenzialmente da giovani ragazzi, anche se può essere utilizzato anche da delle femmine. Tale ambiguità è enfatizzata dal fatto che sembra avere una sorta di attrazione per Shoutmon, sebbene ciò appare come molto innocente, e può anche essere semplice ammirazione. Nelle altre edizioni, compresa quella italiana, ha una chiara voce femminile. Dopo che il leader della sua Zona, Mercurymon, è ucciso dai Blue Flare, capitanati da Kiriha Aonuma, Lunamon assiste impotente alla distruzione della sua Zona in seguito ad una dura battaglia dei conquistatori contro uno squadrone dell'esercito Bagra, guidato da Blastmon. Kiriha non fa nulla per proteggere ne la Zona ne gli abitanti, i quali però sono salvati dai Fusion Hearts, che li portano nella Zona Shinobi, che da loro asilo. Dopo aver incontrato Shoutmon, il digimon rosso le offre come consolazione la sua scatola di DigiNowa, che Lunamon conserva gelosamente, ma il giorno dopo questa, abbandonata in una capanna, è distrutta in un nuovo scontro contro Blastmon. La vista delle lacrime di Lunamon, che soffre per la perdita del suo tesoro, da però la forza, e la determinazione, a Shoutmon, di continuare a combattere, raggiungere la forma X5B, e di affrontare, e sconfiggere definitivamente, l'ufficiale Bagra, lasciandone solo la testa, ancora vivo ma ormai inoffensivo. Lunamon ricompare nel Territorio dell'Oro, dove è stata incantata da Olegmon e manipolata per entrare a far parte della Ciurma del Pirata d'oro, anche se poi viene liberata da Shoutmon.

SpadamonModifica

È un abitante della Zona Dolci. È un piccolo digimon dall'aspetto di un leoncino bianco coperto da un'armatura azzurra. È armato di una sorta di spada. Dopo essere sfuggito all'invasione della sua casa da parte dell'esercito Bagra, guidato da Matadormon, parte alla ricerca degli ormai leggendari Fusion Hearts. Morente, è trovato da questi nella Zona Shinobi e salvato da Taiki Kudo grazie al DigiVice. Pur non rimanendo impressionato dall'aspetto degli eroi, li guida nella Zona sperando di liberarne gli abitanti, in particolare il suo amico Coronamon. Insieme giungono al castello di Matadormon, dove aiuta i Fusion Hearts a sconfiggere GigaWaruMonzaemon fondendosi con la DigiXros e dando vita a Shoutmon X4S. Successivamente, finisce nei sotterranei della Zona, dove aiuta nella battaglia contro BreakDramon liberando i genitori di Cutemon e impedendo al potente digimon di potersi rigenerare. Spadamon ricompare nel Territorio dell'Oro, dove è stato incantato da Olegmon e manipolato per entrare a far parte della Ciurma del Pirata d'oro, anche se poi viene liberato da Shoutmon.

CoronamonModifica

Abitante della Zona Dolci, è il miglio amico di Spadamon. Ha l'aspetto di un felino rosso, con in testa un cappello da Chef. In quanto pasticciere, è imprigionato con i suoi colleghi e sorvegliato da dei Troopmon dell'esercito Bagra per servire Matadormon e cucinare per il piacere del soldato Bagra. Dopo essere liberato dai Fusion Hearts, informa Cutemon che i suoi genitori sono imprigionati nei sotterranei. Coronamon ricompare nel Territorio dell'Oro, dove è stato incantato da Olegmon e manipolato per entrare a far parte della Ciurma del Pirata d'oro, anche se poi viene liberato da Shoutmon.

Genitori di CutemonModifica

Sono i genitori di Cutemon, d'aspetto assomigliano al figlio, assomigliando a dei conigli antropomorfi, anche se sono molto più grandi e di aspetto adulto. Inoltre, hanno somiglianze tra di loro ma anche differenze, enfatizzando il diverso genere. Dopo che la loro casa è attaccata dall'esercito Bagra, vengono separati dal figlio e catturati. Sono prima inviati nella Zona Magma, e poi nella Zona Dolci. Dopo essersi opposti a Matadormon, vengono inviati nei sotterranei e collegati a BreakDramon, affinché possano usare il loro potere per curare le ferite del potente digimon. Il processo è contro la loro volontà, e anche doloroso, ma hanno la forza di comunicare al figlio quanto siano orgogliosi di lui e del suo buon cuore, prima di essere liberati da Spadamon. Alla fine, acconsentono che Cutemon continui il viaggio al fianco dei Fusion Hearts, anche se la madre non riesce a trattenere una lacrima alla partenza del gruppo.

LopmonModifica

Sono piccoli digimon dalle lunghe orecchie che vivono nel Territorio dei Vampiri. Sono noti come messaggeri di Dio. Vivono in piccoli villaggi. In gran parte allo stadio di Chokomon, non appena digievolvono Lopmon, vengono rapiti dalle LadyDevimon locali e portati al castello del vampiro, il generale oscuro NeoVamdemon, affinché questi li assorba nel suo corpo per accrescere il suo potere e diventare immortale. Figura leggendaria tra di loro è il Lopmon bianco, capace di indebolire i poteri del vampiro e che si dice viva in una cripta. Uno dei Lopmon incontra I Fusion Hearts mentre è intento a nascondersi dalle LadyDevimon, le quali attaccano il Villaggio dei Chokomon per trovarlo. Dopo che i Fusion Hearts sventano l'attacco, Lopmon, commosso per la loro gentilezza, li accompagna al castello ad affrontare NeoVamdemon, spaventando perfino il vampiro svelando strani poteri. Raggiunge con i suoi nuovi amici la cripta leggendaria, priva però del Lopmon bianco che cercavano. Qui, si fa volontariamente assorbire da NeoVamdemon insieme a Shoutmon per raggiungere l'interno del generale oscuro per liberare MetalGreymon, inglobato precedentemente dal vampiro, e dove si trovano anche gli altri Lopmon. Qui, si rivela essere niente meno che il Lopmon Bianco, e usa i suoi poteri, e tutti i suoi fratelli, per dare a OmegaShoutmon e ZekeGreymon la possibilità di digievolvere insieme in Shoutmon DX e fuggire dal corpo del generale oscuro. I Lopmon muoiono nel processo, ma ciò priva NeoVamdemon della capacità di rigenerarsi, permettendo ai Fusion Hearts di attaccarlo e distruggerlo.

Cacciatori di digimonModifica

Sono un gruppo di ragazzi che si dedicano alla caccia di digimon, per catturarli e collezionarli. Sono tutti dotati di Digivice, forniti loro da un misterioso orologiaio, che consente di spostarsi a loro piacimento tra il mondo reale e il DigiQuartz.

Tagiru AkashiModifica

Tagiru Akashi (明石 タギル Akashi Tagiru?) è il protagonista della terza parte della serie, e un amico di Taiki e Yuu. È un ragazzo impulsivo e testardo, estremamente sicuro di se è delle sue capacità, che segue principalmente l'istinto e le passioni, cacciandosi spesso nei guai. Oltre a ciò, è piuttosto ingenuo, arrivando talvolta a farsi raggirare e manipolare. Energico e determinato, il suo obiettivo è quello di superare l'amico Taiki, per dimostrare di essere il più forte di tutti. A dispetto di questi suoi lati egoistici, ha un grande rispetto per Taiki e una forte considerazione dell'amicizia, legando facilmente con le persone e preoccupandosi dello stato dei suoi digimon, pur cercandone sempre di nuovi. Il suo digimon principale è Gumdramon. Effettuando la DigiXros con la potente arma Mano Invisibile, Tagiru e Gumdramon riescono a sconfiggere definitivamente Quartzmon, distruggendo il DigiQuartz e riportando la pace in entrambi i mondi.

Il suo digimon partner è Gumdramon (ガムドラモン Gamudoramon?), un piccolo digimon simile a un draghetto antropomorfo viola, con un giubbotto rosso e una coda con la punta a martello. Ha una sorta di braccialetto dorato sulla coda, messogli da Sanzomon. È il digimon partner di Tagiru Akashi, con cui condivide molto in quanto a personalità e obiettivi: è testardo, impulsivo ed emotivo, pronto a combattere contro qualunque avversario, senza pensare alla sua forza. Come Tagiru, punta a diventare il più forte di tutti, e proprio come Tagiru con Taiki, ha una forte rivalità a senso unico con Shoutmon, mostrandosi scostante o persino ostile nei suoi confronti, nonostante in realtà abbia un profondo rispetto e ammirazione per lui. Inizialmente è solo interessato a usare Tagiru per aumentare la sua forza, ma successivamente si affeziona sinceramente al ragazzo, considerandolo un vero e proprio partner alla pari. La sua digievoluzione si chiama Arresterdramon, diventando molto più alto e robusto, vestito di pantaloni, guanti, corazza con la mascella serrata e una lama sulla coda. La sua forma più potente, ottenuta quando è rilasciato il potere del bracciale sulla sua coda, è Arresterdramon Superior Mode. Fisicamente non cambia molto, ma acquisisce artigli e spalanca la bocca prima sigillata.

Ryouma MogamiModifica

Ryouma Mogami (最上 リョウマ Mogami Ryouma?) è il leader del gruppo di cacciatori incontrato da Tagiru, composto da lui, Ren e Aiuru. Il suo digimon partner è Psychemon, e dà la caccia solo ai digimon che considera potenti. Alto e snello, appare sempre sicuro di se, con un sorriso costantemente stampato sulla faccia. È disposto a collaborare con altri cacciatori, non gioca sporco, né ruba digimon ad altri. È anche disposto ad accettare la sconfitta stoicamente, senza portare rancore. Dopo essere entrato in possesso dell'arma Mano Invisibile, si scopre che Ryouma è stato manipolato da Quartzmon, sotto le sembianze di Psychemon, per tutto il tempo. Ryouma viene poi liberato dal suo controllo mentale e si mostra sinceramente pentito.

Il suo digimon partner è Psychemon (サイケモン Saikemon?). Ha l'aspetto di un piccolo rettile di colore viola e verde. La sua forma evoluta è Astamon, che assume una forma umanoide coperto dalla testa ai piedi di pellicce e armato di un mitragliatore Thompson chiamato Oro Salmón. È freddo e silenzioso, obbediente a tutti gli ordini del suo partner. In realtà, sotto le sembianze di Psychemon si cela Quartzmon il quale usa questa forma per manipolare Ryouma perché li porti dei digimon per amplificare il suo potere; e Astamon non era altro che il primo digimon attirato nel DigiQuartz da Quartzmon.

Ren TobariModifica

Ren Tobari (戸張 レン Tobari Ren?) è uno dei tre cacciatori rivali del gruppo di Tagiru. Il suo digimon partner è Dracmon. Ren colleziona digimon che considera rari. In apparenza appare calmo e controllato, quasi amichevole, è in realtà un viscido manipolatore, disposto a mettere in pericolo non solo altri cacciatori, ma anche esseri umani pur di ottenere il digimon che gli interessa, senza alcun rimorso. È l'unico del suo gruppo a non avvicinarsi mai davvero ai protagonisti, anche se poi partecipa alla battaglia finale contro Quartzmon.

Il suo digimon partner è Dracmon (ドラクモン Dorakumon?). Ha l'aspetto di un piccolo demone umano dalla pelle blu, due occhi sui palmi delle mani e una maschera e una coda che lo fanno assomigliare a un pipistrello o un vampiro. La sua forma evoluta, Yaksamon, ha l'aspetto di un coniglio antropomorfo con indosso una maschera e due spade di legno. Nella sua forma base si esprime solo con delle risatine, obbedendo a tutti gli ordini del suo partner, mentre come Yaksamon, una volta, esprime dubbi sulla validità dei suoi metodi.

Airu SuzakiModifica

Airu Suzaki (洲崎 アイル Suzaki Airu?) è una ragazza del gruppo di cacciatori rivali di Tagiru. Il suo digimon partner è Opossumon. È un'esperta di trappole per digimon. Infantile e capricciosa, Airu cattura solo digimon che lei trova carini, anche a costo di rubarli ad altri, infischiandosene delle regole della caccia ai digimon. Anche se le piace provocare la gelosia di Opossumon, è molto legata a lui e si preoccupa terribilmente quando è in pericolo. Sviluppa una cotta per Yuu, cercando di spingerlo a diventare suo sottoposto, anche se non mostra apertamente i suoi sentimenti. Alla fine della serie, è abbastanza in sintonia con i protagonisti per partecipare alla battaglia finale contro Quartzmon.

Il suo digimon partner è Opossummon (オポッサモン Opossamon?). Ha l'aspetto di un topo antropomorfo che veste un cappello rosso e fluttua con dei palloncini colorati esplosivi. La sua digievoluzione, Cho Hakkaimon, ha le sembianze di una donna che veste un costume da maiale e dotata di un enorme martello, che manovra con sorprendente forza nonostante l'apparenza gracile. Opossumon è un digimon molto emotivo, che vuole sempre essere al centro delle attenzioni di Airu. Quando la ragazza mostra apprezzamento verso un altro digimon, esplode di gelosia e si accanisce contro la sfortunata preda.

Hideaki MashimoModifica

Hideaki Mashimo (真下 ヒデアキ Mashimo Hideaki?) è un cacciatore che caccia i digimon per profitto al fine di ottenere abbastanza denaro per realizzare il suo sogno di aprire un negozio di takoyaki. Non gli piace però guadagnare in modo disonesto, rifiutando quanto guadagnato lavorando con metodi non puliti. Il suo digimon partner, Dobermon, è simile a un canide.

Kiichi FunabashiModifica

Kiichi Funabashi (船橋 キイチ Funabashi Kiichi?) è un ragazzo con la passione per i treni, e in particolare per le locomotive a vapore; il suo digimon, Locomon, è appunto un digimon dall'aspetto di locomotiva, in grado anche di volare. Non è propriamente un cacciatore, in quanto non è interessato alla caccia ai digimon, ma solo a viaggiare in lungo e in largo con Locomon, interesse condiviso dal digimon, che si nutre di risate e gioia umane, senza arrecare loro danno.

MizukiModifica

Mizuki (ミズキ?) è una ragazza allegra e solare che, oltre ad essere una cacciatrice di digimon, ha anche la passione per la caccia ai tesori, anche subacquei, un'attività facilitata dal suo digimon Submarimon, simile a un sommergibile dotato di trivella. Ama molto il mare, cercando sempre di ripulirlo dai rifiuti.

QuartzmonModifica

Quartzmon (クオーツモン Kuōtsumon?) è l'antagonista principale della terza parte della serie. Si manifesta sotto varie forme, come torri fluttuanti di roccia e grottesche strutture. La sua forma principale, comunque, è quella di un torso umanoide con sei braccia e una testa con sei occhi rossi, senza bocca. È capace di assorbire dati di altri digimon dentro di lui, riuscendo ad assumere le loro sembianze, come Astamon, o clonarli per formare un'armata obbediente a lui. Quartzmon non è altro che ciò che resta dei dati di MegaDarknessBagramon, riconfigurati poi in un altro essere, usando anche l'enorme mole di dati del mondo umano. A causa di ciò, ambisce, come l'imperatore Bagramon, a creare un mondo perfetto, ma persegue questo obiettivo in modo approssimativo e contorto, senza una vera motivazione o ragione. Dopo essersi formato, Quartzmon crea il DigiQuartz e inizia ad attirarvi in trappola molti digimon. In seguito, inizia a espandere il DigiQuartz sovrapponendolo al mondo reale per riprogrammare tutta la Terra e Digiworld in un unico mondo che ritiene perfetto. Dopo essere stato sconfitto da Tagiru e Arresterdramon, Quartzmon regredisce in un digiuovo, preso in custodia da Shoutmon e riportato a Digiworld.

NoteModifica


  Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga