Simboli di Marsala

I simboli di Marsala, città italiana della provincia di Trapani della regione Sicilia, sono:

così come riportato nello statuto comunale.

StemmaModifica

Stemma della città di Marsala
Blasonatura
Di azzurro, al mezzo busto di Apollo, in profilo, posto a sinistra, di carnagione, capelluto d'oro, la chioma ornata dal serto di alloro, di verde, il mento e il petto di Apollo attraversanti la lira di oro, posta in banda a destra, il tutto sormontato dalla scritta centrata, in lettere maiuscole di rosso, LILYBAITAN. Ornamenti esteriori da Città.

StoriaModifica

Lo stemma è in uso e in vigore dal 2003 ed è stato approvato e concesso con decreto del presidente della Repubblica del 20 ottobre 2003.[1] Lo stemma sostituisce uno precedente, riconosciuto con decreto del capo del governo del 13 dicembre 1928[2], su cui era raffigurata la Madonna della Cava, patrona principale e speciale protettrice della città di Marsala, e tale stemma è ancora raffigurato all'ingresso del municipio sito nel quartier spagnolo (quartiere militare spagnolo di Marsala).

Descrizione araldica e blasonatura dello stemmaModifica

Lo stemma della città di Marsala è costituito da uno scudo sannitico di color azzurro raffigurante Apollo con capelli color oro, con una corona d'alloro sulla testa, Apollo è attraversato da una lira color oro. Al centro la scritta LILYBAITAN, motto della città, reso graficamente ΛΙΛΥ ΒΑΙΤΑΝ. Lo scudo è timbrato da una corona turrita dorata simbolo delle città d'Italia, mentre la parte inferiore dello scudo è adornato da un ramo d'alloro ed uno di quercia montati a corona, sostenuti da un nastro tricolore (ornamenti esteriori da città).

La blasonatura dello stemma della città è così riportata dallo statuto comunale di Marsala all'articolo 3, comma 4, del titolo I (Principi fondamentali):

«Di azzurro, al mezzo busto di Apollo, in profilo, posto a sinistra, di carnagione, capelluto d'oro, la chioma ornata dal serto di alloro, di verde, il mento e il petto di Apollo attraversanti la lira di oro, posta in banda a destra, il tutto sormontato dalla scritta centrata, in lettere maiuscole di rosso, LILYBAITAN. Ornamenti esteriori da Città.»

CaratteristicheModifica

  • Colori: azzurro, oro, rosso, verde
  • Scudo: sannitico
  • Ornamenti esteriori da città: corona turrita dorata (titolo di città d'Italia); un ramo d'alloro ed uno di quercia montati a corona, sostenuti da un nastro tricolore.
  • Motto: LILYBAITAN (reso graficamente sullo stemma ΛΙΛΥ ΒΑΙΤΑΝ).

GonfaloneModifica

Il gonfalone di Marsala è il vessillo ufficiale della città di Marsala, è stato approvato e concesso con DPR 20.10.2003.[1] Un gonfalone precedente era stato concesso con regio decreto decreto del 24 novembre 1933.[2]

Descrizione del gonfaloneModifica

La descrizione del gonfalone della città è così riportata dallo statuto comunale di Marsala all'articolo 3, comma 5, del Titolo I (Principi fondamentali):

«Drappo amaranto che riproduce lo stemma, con la scritta "Città di Marsala"»

ll gonfalone è riccamente ornato con ricami color oro. Esso è decorato di medaglia d'oro al volor civile, concessa nel 1961 alla città di Marsala per i bombardamenti di Marsala dell'11 maggio 1943 da parte angloamericana e del quale causo la morte di mille persone per la stragrande maggioranza vittime civili. Tale decorazione è affissa su di esso in alto a destra.

L'utilizzo di esso è disciplinato dal regolamento del cerimoniale e utilizzo del gonfalone.

BandieraModifica

La bandiera della città di Marsala è un altro simbolo identificativo ufficiale di Marsala, essa viene issata nelle sedi comunali.

Caratteristiche e descrizioneModifica

Drappo rosso con lo stemma della città al centro.

OnorificenzeModifica

  Medaglia d'oro al valor civile
«per il comportamento tenuto dalla popolazione durante l’ultimo conflitto bellico[3]»
— 1961[senza fonte]
  Titolo di Città

NoteModifica

  1. ^ a b Marsala (Trapani) D.P.R. 20.10.2003 concessione di stemma e gonfalone, su presidenza.governo.it.
  2. ^ a b Marsala, su Archivio Centrale dello Stato. URL consultato il 15 agosto 2022.
  3. ^ Statuto Comunale Città di Marsala, su comune.marsala.tp.it.
    «Art. 3, Comma 6: "Il Comune si fregia della medaglia d'oro al valor civile"»

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica