Apri il menu principale
Personificazione della dea Tiche, raffigurata con la corona muraria. Tratto da un'opera di Eutichide di Sicione.

La corona muraria (latino: corona muralis), detta anche corona turrita quando vi compaiano anche delle torri stilizzate, era una corona utilizzata come onorificenza della Repubblica e dell'Impero romano. Era il massimo simbolo di valore militare e spettava al primo uomo che avesse scalato le fortificazioni di una città nemica.

Indice

Caratteristiche della corona murariaModifica

La corona era realizzata in oro, in foggia di cinta muraria merlata e turrita. Era una delle maggiori onorificenze militari ed era assegnata solo dopo attenta indagine per individuare a chi spettasse il primato nella scalata delle mura.

La corona riprendeva una simbologia di età ellenistica con la quale si usava raffigurare con la corona muraria la dea Tiche, personificazione del destino di una città, assimilabile alla romana dea Fortuna. La corona muraria era anche un attributo proprio della dea Cibele. Tale corona era però realizzata in legno.

Il giovane Publio Cornelio Scipione Emiliano, futuro distruttore di Cartagine, ottenne la corona muraria durante una campagna militare in Spagna[1].

AraldicaModifica

 
Corone murarie nell'araldica civica catalana
 
Corone murarie nell'araldica civica portoghese: 1-freguesia; 2-vila; 3-città; 4-capitale (Lisbona)

La corona muraria ha avuto molta fortuna in araldica dove se ne è fatto abbondante uso negli stemmi cittadini. In tali rappresentazioni la corona sembra raffigurare le tipiche mura di un castello o di una città Medievale. Tutt'oggi corone murarie sono utilizzate nell'araldica urbana e amministrativa di numerosi paesi.

La corona muraria è tuttora utilizzata nell'araldica civica italiana per simboleggiare la corona di comune, d'argento e senza torri, rappresentata negli stemmi dei comuni italiani o la corona di città, dorata e con otto torri (di cui cinque visibili) per quelli aventi il titolo di città. La corona compare poi negli stemmi dei corpi dell'Esercito Italiano e in quello dell'Aeronautica Militare.

La corona turrita è infine un attributo iconografico dell'Italia turrita, personificazione simbolica della Nazione.

NoteModifica

BibliografiaModifica

Fonti primarieModifica

Fonti secondarieModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Esercito romano: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Esercito romano