Single

persona che non sta vivendo una relazione sentimentale stabile
(Reindirizzamento da Single (sociologia))
Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Single (disambigua).

Single (lett. "singolo") è un particolare status di una persona non impegnata in nessuna relazione stabile di tipo sentimentale o personale, quali dating a lungo termine, fidanzamento o matrimonio, e che vive da sola, nella maggior parte della casistica per libera scelta.[1]. La parola single si distingue da celibe o nubile perché indica la situazione sentimentale e non lo stato civile.

Illustrazione in lingua cinese del "giorno dei single"

Storia personale modifica

Le persone possono restare single per vari motivi, tra i quali scelte personali di tipo economico, emotivo o legate all'aspetto fisico o alla salute, oppure ancora per vincoli dovuti alla carriera professionale, a credenze religiose o al fatto di abitare in zone dove non ci sono abbastanza persone per le quali provano attrazione sessuale e/o sentimentale. In certi contesti culturali, come ad esempio in alcune nazioni asiatiche, molti single fanno questa scelta perché non provano interesse per il matrimonio, la convivenza o altre forme di rapporto di coppia istituzionalizzato.[2][3]

Nel marketing modifica

I giovani single hanno un rilevante potere di acquisto.[4] Avendo relativamente pochi obblighi economici verso altri tendono ad essere tra i primi acquirenti di abiti collegati a mode nelle prime fasi della loro diffusione e ad acquistare beni o servizi legati all'intrattenimento e viaggi, e si caratterizzano come consumatori piuttosto auto-indulgenti.[5] Proprio per questo per alcuni prodotti i servizi di marketing si focalizzano su di loro.

Festività modifica

In Cina si festeggia, l'11 novembre di ogni anno, il giorno dei single (光棍节S, Guānggùn JiéP).[6]

In Italia modifica

Secondo l'ISTAT, al 2023 i single sono il 33.2% degli italiani (contro il 31.2% delle famiglie), quasi il 10% in più rispetto al periodo 2001-2002.

Fino a 45 anni gli uomini single per scelta sono l'11% del totale (contro il 6% delle donne), mentre dai 45 ai 65 i separati non risposati sono l'8% (contro il 5% delle donne); sopra i 65 anni, le vedove sono il 27% (contro il 7% dei vedovi), ma le nubili sono il 5% (contro il 5% di celibi).[7]

Note modifica

  1. ^ Single, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato l'8 maggio 2024.
  2. ^ (EN) AFP, China's Gender Gap Leaves Millions of Single Men, su Discovery News, Discovery Inc., 12 gennaio 2010. URL consultato il 2 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2012).
  3. ^ (EN) Alex Williams, The New Math on Campus, in The New York Times, The New York Times Company, 12 gennaio 2010. URL consultato il 5 febbraio 2010.
  4. ^ David Needham, Rob Dransfield, Martin Cole, Rod Harris e Maureen Rawlinson, 1999, p. 33
  5. ^ Leon G. Schiffman e Leslie Lazar Kanuk, 2004, p. 358
  6. ^ Oggi è la Giornata dei Single: che cos'è e perché si festeggia, su ilgiornale.it. URL consultato l'8 maggio 2024.
  7. ^ L’Italia è il Paese dei single, su Adnkronos, GMC S.a.p.A., 15 febbraio 2024.

Bibliografia modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85122849 · GND (DE4001240-2 · J9U (ENHE987007546244605171 · NDL (ENJA00561665