Apri il menu principale
Soay
Sòdhaigh
so-øy
Soaybaskingsharkfisheries.jpg
Ex sede della The Island of Soay Shark Fisheries Ltd
Geografia fisica
LocalizzazioneOceano Atlantico
Coordinate57°09′00″N 6°13′48″W / 57.15°N 6.23°W57.15; -6.23Coordinate: 57°09′00″N 6°13′48″W / 57.15°N 6.23°W57.15; -6.23
ArcipelagoEbridi Interne
Superficie10,36 km²
Altitudine massima141 m s.l.m.
Geografia politica
StatoRegno Unito Regno Unito
Nazione costitutivaScozia Scozia
Area di governo localeHighland
Demografia
Abitanti1 (2011)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Scozia
Soay
Soay
voci di isole del Regno Unito presenti su Wikipedia

Soay (in lingua gaelica scozzese: Sòdhaigh, pronuncia IPA: /ˈs̪ɔː.aj/) è un'isola situata al largo della costa di Skye, nelle Ebridi Interne in Scozia.

Indice

GeografiaModifica

Soay sorge ad ovest di Loch Scavaig, sulla costa sud-occidentale di Skye, da cui è separata dal Soay Sound. Diversamente dalle vicine Skye e Rùm, Soay è pianeggiante, e raggiunge un massimo di 141 metri sul livello del mare a Beinn Bhreac. La forma di manubrio è all'incirca tagliata a metà da fiordi che formano il porto di Soay a nord e la baia principale, Camas nan Gall, a sud. Il principale insediamento abitato, Mol-chlach, si trova sulla costa di Camas nan Gall.[1] L'isola si raggiunge in barca da Elgol e fa parte dell'Area Scenica Nazionale dei Cuillin, una delle 40 della Scozia.[2]

StoriaModifica

Il nome deriva dall'antico norreno so-øy che significa "isola delle pecore". Camas nan Gall ("baia degli stranieri") prende probabilmente il nome degli invasori norreni, dai quali prendono il nome le Ebridi stesse (Na h-Innse Gall).

La popolazione ha toccato il picco massimo nel 1851 con 158 persone, a seguito della cacciata degli agricoltori da Skye nelle Highland Clearances.[3]

Nel 1946 l'autore Gavin Maxwell acquistò l'isola e stabilì una fabbrica per lavorare l'olio dello squalo gigante. L'impresa non ebbe successo, e durò appena tre anni.[4] Maxwell scrisse dell'esperienza nel suo libro Harpoon at a Venture.[5] Dopo il fallimento dell'azienda, l'isola fu venduta al partner di affari di Maxwell, Tex Geddes; l'isola ebbe la prima centrale telefonica alimentata con energia solare nel mondo.[1]

In passato sull'isola abitarono principalmente abitanti di lingua gaelica scozzese, poi gran parte della popolazione fu evacuata su Mull il 20 giugno 1953; da allora l'isola è scarsamente popolata.[6] Nel 2001 la popolazione abitante era di 7 persone, che nel 2003 scesero a 2; la popolazione residente abitualmente sull'isola nel 2011 era di una persona soltanto.

FrancobolliModifica

Francobolli locali furono emessi a Soay dal 1965 al 1967, tutti sul tema dell'Europa, ed alcuni furono ristampati per commemorare Sir Winston Churchill. Dato che i francobolli furono stampati senza il permesso del proprietario, sono considerati falsi filatelici.[7]

NoteModifica

  1. ^ a b Haswell-Smith (2004) p. 151
  2. ^ "National Scenic Areas" Archiviato l'11 marzo 2017 in Internet Archive.. SNH. 30 marzo 2011.
  3. ^ Perrott, David, Guide to the Western Islands of Scotland, Edimburgo, Kittiwake, 1988, ISBN 0-7028-0886-5.
  4. ^ Soay Overview, Gazetteer for Scotland. URL consultato il 22 luglio 2007.
  5. ^ ISBN 1-899863-28-1
  6. ^ Haswell-Smith (2004) p. 150
  7. ^ Modern British Local Posts CD Catalogue, 2009 Edition, Phillips, 2003. URL consultato l'8 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2008).

Altri progettiModifica

  Portale Scozia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Scozia