Soriculus nigrescens

specie di mammifero
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Soriculus nigrescens
Missing Soricidae.png
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Soricomorpha
Famiglia Soricidae
Sottofamiglia Soricinae
Tribù Nectogalini
Genere Soriculus
Blyth, 1854
Specie S.nigrescens
Nomenclatura binomiale
Soriculus nigrescens
Gray, 1842
Sinonimi

S.aterrimus, S.caurinus, S.centralis, S.holosericeus, S.oligurus, S.pahari, S.sikimensis, S.radulus

Soriculus nigrescens (Gray, 1842) è un toporagno della famiglia dei Soricidi, unica specie del genere Soriculus (Blyth, 1854), diffuso nell'Asia meridionale.[1][2]

DescrizioneModifica

DimensioniModifica

Toporagno di piccole dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 70 e 94 mm, la lunghezza della coda tra 32 e 48 mm, la lunghezza del piede tra 12,0 e 17 e un peso fino a 25,5 g.[3]

Caratteristiche craniche e dentarieModifica

Il primo premolare è notevolmente ridotto. L'incisivo inferiore anteriore è proclivio e con una sola cuspide. Le punte dei denti sono castane scure. Sono presenti 4 denti unicuspidati su ogni semi-arcata.

Sono caratterizzati dalla seguente formula dentaria:

3 2 1 3 3 1 2 3
3 1 1 1 1 1 1 3
Totale: 30
1.incisivi; 2.canini; 3.premolari; 4.molari;

AspettoModifica

Il corpo è snello. La pelliccia è corta, liscia, densa e soffice. Il colore generale del corpo varia dal bruno-nerastro al nerastro leggermente cosparso di peli rossastri e con dei riflessi argentati, mentre le parti ventrali sono nero-grigiastre. Il muso è lungo ed appuntito, gli occhi sono piccoli. Le orecchie sono nascoste nella pelliccia. Le zampe anteriori sono relativamente grandi con gli artigli robusti. Il dorso delle zampe e gli artigli sono chiari. La coda è lunga circa quanto la testa e il corpo, è sottile, scura sopra e più chiara sotto.

BiologiaModifica

ComportamentoModifica

Costruisce nidi con erba secca ed altre fibre, larghi 12-15 cm e situati solitamente sotto le rocce.

RiproduzioneModifica

Danno alla luce da 3 a 9 piccoli alla volta, mediamente 6 in primavera e tra 4 e 5 in autunno. Sono presenti due stagioni riproduttive, la prima tra giugno e luglio, mentre la seconda tra agosto e settembre.

Distribuzione e habitatModifica

Questa specie è diffusa nell'Asia meridionale, dal Nepal allo stato indiano dell'Assam e nella Cina meridionale. Probabilmente è presente anche nel Myanmar settentrionale.

Vive nelle foreste miste di latifoglie e conifere, di conifere e rododendri e nelle zone alpine.

TassonomiaModifica

Sono state riconosciute 2 sottospecie:

Stato di conservazioneModifica

La IUCN Red List, considerato il vasto areale, la popolazione presumibilmente numerosa e la presenza in diverse aree protette, classifica S.nigrescens come specie a rischio minimo (LC).[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Molur, S. 2008, Soriculus nigrescens, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Soriculus nigrescens, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Smith & Xie, 2008.

BibliografiaModifica

  • Charles M.Francis, A Guide to the Mammals of Southeast Asia, Princeton University Press, 2008, ISBN 9780691135519.
  • Andrew T.Smith & Yan Xie, A guide to the Mammals of China, Princeton University Press, 2008, ISBN 9780691099842.

Altri progettiModifica

  Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi