Sottufficiale di Corpo dell'Esercito

Il Sottufficiale di Corpo dell'Esercito è un incarico dello Stato maggiore dell'Esercito italiano, destinato a un sottufficiale scelto tra coloro che, nella categoria, dimostrano di possedere le capacità di rappresentare tutti i sottufficiali, i graduati e i militari di truppa dell'Esercito italiano.[1]

Sottufficiale di Corpo dell'Esercito
StatoBandiera dell'Italia Italia
OrganizzazioneEsercito italiano
TipoStato maggiore
In caricaprimo luogotenente i.s. Michele Romano
da20 dicembre 2023
SedePalazzo Esercito

Storia modifica

La figura affonda le proprie radici già negli anni ’80 con l’istituzionalizzazione del “sottufficiale di "battaglione/reggimento/raggruppamento”, poi divenuto sottufficiale di corpo.

Il ruolo apicale dei sottufficiali è nato nel 2008 per volontà dell'allora capo di stato maggiore dell'esercito gen. Fabrizio Castagnetti, con primo incaricato affidato nel 2013, ma solo nel mese di ottobre 2020 è stata definitivamente istituita la figura del Sottufficiale di Corpo dell'Esercito quale stretto collaboratore del Capo di stato maggiore. [2]

Compiti modifica

  • Advisor per questioni attinenti all'etica, alla morale, allo spirito di corpo, alla motivazione, al profilo disciplinare e al clima organizzativo del personale;
  • rappresenta l'Esercito in consessi interforze o internazionali;
  • è portavoce di problematiche e tematiche a carattere generale rappresentate dai Sottufficiali di Corpo dei comandi e delle unità dell'Esercito;
  • coadiuva il vertice della forza armata nelle attività di supporto al personale e alle famiglie di militari feriti, infermi o deceduti.

Cronologia modifica

Cronologia dei Sottufficiali di Corpo dello Stato Maggiore dell’Esercito:

  • Primo Lgt. f. (G.) Renato Manzella (10 ottobre 2013 - 26 settembre 2018)
  • Primo Lgt. (Tramat) Giuseppe Carvelli (27 settembre 2018 - 19 ottobre 2020)
  • Primo Luogotenente (paracadutista) Antonino Pellegrino (19 ottobre 2020 - 20 dicembre 2023)
  • Primo luogotenente (EW) Michele Romano (dal 20 dicembre 2023)[3]

Note modifica

  1. ^ www.esercito.difesa.it
  2. ^ SME, Direttiva 1034, Il Sottufficiale di Corpo, ed. 2021
  3. ^ difesaonline.it

Voci correlate modifica

  Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra