Burcardo II di Svevia: differenze tra le versioni

Ortografia
(Aggiunte e modifiche)
(Ortografia)
Poco dopo Erchanger venne proclamato duca. Quest'ultimo venne giustiziato il 21 gennaio [[917]] e Burcardo prese tutte le sue terre e venne acclamato suo successore nel ducato. Due anni dopo [[Rodolfo II di Borgogna]] mise sotto assedio la contea di [[Zurigo]] e la regione di [[Costanza (Germania)|Costanza]], intaccando quel che di fatto era il centro e la capitale della Svevia. Rodolfo venne sconfitto a [[Winterthur]] e in quello stesso anno Burcardo diede il proprio riconoscimento a [[Enrico I di Sassonia]] quale [[Sovrani di Germania|re di Germania]] avendo in cambio da lui il permesso di imporre le tasse e di nominare i vescovi e gli abati entro il ducato.
 
Nel [[922]] Burcardo maritò la figlia [[Berta di Svevia]] a Rodolfo per sancire la pace, quindi lo accompagnò in Italia dove venne eletto re in contrapposizione a [[Berengario del Friuli]]. Nel 923 fece si che suo nipote [[Ulrico di Augusta]] divenisse [[Diocesi di Augusta|vescovo di Augusta]]. Pochi anni dopo, nel [[926]], Burcardo attaccò la città di [[Novara]], difesa dagli uomini di [[Lamperto di Milano|Lamberto]], [[Arcidiocesi di Milano|arcivescovo di Milano]] e qui fu ucciso probabilmente il 28 aprile.
 
== Famiglia e figli ==