Strada nazionale 80 della Campania e delle Puglie

Strada nazionale 80
della Campania e delle Puglie
Denominazioni precedentistrada Regia delle Puglie
Denominazioni successivestrada statale 7 Via Appia
strada statale 90 delle Puglie
Localizzazione
StatoItalia Italia
Dati
Classificazionestrada nazionale
InizioNapoli
FineFoggia
Provvedimento di istituzioneR.D. 15 novembre 1923, n. 2506
Percorso
Località serviteMarigliano, Avellino, Pratola Serra, Grottaminarda, Ariano Irpino

La strada nazionale 80 della Campania e delle Puglie era una strada nazionale del Regno d'Italia, che congiungeva Napoli a Foggia.

Il tracciato ripercorreva essenzialmente quello della storica "strada Règia delle Puglie", le cui origini possono essere attribuite a re Carlo III di Spagna che ne ordinò la realizzazione nel corso del Settecento[1]. A quell'epoca lungo tutto il suo percorso furono edificate anche numerose Regie Fontane, di notevole valore storico e architettonico e sormontate dallo stemma reale con imposto il nome di Carlo III, in alcuni casi ancora evidente. La costruzione della strada avvenne comunque tra molte difficoltà, soprattutto nel tratto che attraversa la valle del Cervaro a causa della perenne frana di Montaguto che, alcuni secoli più tardi, avrebbe poi causato disagi ancora più gravi[2].

Da un punto di vista formale la strada nazionale 80 venne istituita ufficialmente solo nel 1923, secondo il percorso "Napoli - Marigliano - Avellino - Pratola - Grottaminarda - Ariano - Foggia"[3].

Nel 1928, in seguito all'istituzione dell'Azienda Autonoma Statale della Strada (AASS) e alla contemporanea ridefinizione della rete stradale nazionale, il suo tracciato venne attribuito in parte a un tratto intermedio della strada statale 7 Via Appia (da Napoli ad Avellino) e in parte all'intera strada statale 90 delle Puglie (da Avellino a Foggia)[4].

NoteModifica

  1. ^ Giampiero Galasso, Grottaminarda - Storia, arte, immagini, Avellino, De Angelis Editore, 2001, p. 15, ISBN 88-86218-32-X.
  2. ^ Frana di Montaguto (PDF), su Centro Alpino Italiano.
  3. ^ R.D. 15 novembre 1923, n. 2506
  4. ^ Legge 17 maggio 1928, n. 1094