Subh

moglie del califfo al.Hakam

Subh in arabo: صبح‎ nota anche come Sobeya, Sobha e Sabiha Malika Qurtuba ('Regina di Cordoba')[1] (940 circa – Cordova, 11 dicembre 999[2]) è stata la sposa del califfo al-Hakam di Cordoba (r. 961–976 ), e reggente del Califfato di Córdoba nella Spagna di al-Andalus durante la minore età di suo figlio, il califfo Hisham II al-Hakam.

BiografiaModifica

Subh era in origine una cristiana della Navarra di nome Aurora,[3] che fu portata come schiava, una Jāriya, per essere una concubina nell'harem del Califfo a Cordova. In alternativa, la sua origine è stata identificata come basca della regione della Guascogna.[4]

Nell'harem del califfo di Cordoba, Subh divenne la concubina e moglie preferita del califfo al-Hakam. È stata descritta non solo come bella, ma anche intelligente e analitica. [5]

Negli ultimi anni del suo regno, il Califfo perse interesse per la gestione ordinaria degli affari politici e, secondo quanto riferito, lasciò l'incarico alla sua moglie preferita.[5] Per svolgere questo compito, espresse la necessità di avere un segretario, e nel 966 Al-Mansur Ibn Abi Aamir (noto anche come Almanzor) fu nominato per assumere questo incarico. Correva voce che Almanzor fosse diventato il suo amante e che questo sarebbe stato il motivo per cui gli avrebbe dato una tale influenza negli affari di stato, e la loro presunta relazione divenne oggetto di poesie satiriche e rime diffamatorie. Secondo quanto riferito, il Califfo alluse alla questione una volta quando osservò che Almanzor apparentemente aveva avuto un'influenza notevole nelle menti dell'harem, ma a quanto pare il Califfo non ebbe mai un motivo per intraprendere alcuna azione. Che fossero effettivamente amanti o meno non è mai stato confermato, ma è un dato di fatto che Almazor divenne un fidato collaboratore a cui si affidò completamente nella sua attività politica.

Nel 976, il califfo al-Hakam morì e gli succedette il figlio minore di Subh, l'undicenne califfo Hisham II al-Hakam, sotto la reggenza del generale Ghalib, di al-Mushafi (l'amministratore principale del defunto califfo), e Subh così come di Al-Mansur Ibn Abi Aamir, che divenne l'amministratore delle proprietà lasciate a Subh da al-Hakam.[6] Secondo quanto riferito, Subh fornì ad Almanzor i fondi necessari per dargli il controllo dell'esercito, grazie al quale avrebbe potuto garantire la stabilità necessaria a suo figlio, un bambino, di essere assicurato Califfo con lei come reggente, dopo di che gli diede molto potere nel suo governo.[5] Subh nominò Almanzor anche hajib [capo dei visir]. Almanzor era diventato de facto il sovrano di Cordova nel 978, spingendo Subh e Hisham ai margini.

Lo storico del XIII secolo, Al-Murakushi, descrisse così la situazione: "La statura di Ibn 'Amir continuò a crescere fino a quando fece la conoscenza di Sayyida Subh, la madre di Hisham, il figlio di al-Hakam. Prese in carico i suoi affari e gestì le sue terre. In questo modo si guadagnò il suo apprezzamento. Le cose continuarono così fino alla morte di al-Hakam. Hisham era ancora giovane e aveva paura dei problemi. Ibn 'Amir fornì a Subh la sicurezza e la calma necessarie affinché suo figlio potesse regnare. Ibn 'Amir era molto competente e le circostanze lavoravano a suo favore. Subh gli mise a disposizione i fondi necessari ed egli fu in grado di conquistare l'esercito. Seguirono poi una serie di circostanze che gli permisero di salire ancora più in alto, fino a diventare praticamente l'unico amministratore degli affari di stato."[5]

Secondo quanto riferito, la collaborazione tra Subh e Almanzor funzionò bene fino al 986, quando tra di loro si scatenò un conflitto, e Subh mise in atto un tentativo infruttuoso di deporre Almanzor dalla sua posizione introducendo altri maschi preferiti come suoi rivali.[5] Il suo secondo e ultimo tentativo di deporlo, nel 997, portò al suo completo accesso ad ogni potere.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Fatima Mernissi, The Forgotten Queens of Islam, Minnesota Press, 1997, p. 44.
  2. ^ Cronologia di Subh in una ricompilazione di biografie andaluse.
  3. ^ (EN) Subh, su Encyclopædia Britannica.
  4. ^ (EN) The ivories of al-Andalus, su saudiaramcoworld.com.
  5. ^ a b c d e (EN) Mernissi, Fatima; Mary Jo Lakeland (2003). The forgotten queens of Islam. Oxford University Press. ISBN 978-0-19-579868-5.
  6. ^ (EN) Richard Fletcher, Moorish Spain, University of California Press, 2006, p. 73, ISBN 978-0-520-24840-3.