Apri il menu principale

Secondo lo statuto speciale della Regione Siciliana[1] e ai sensi della legge regionale 8/2014[2], la Sicilia è suddivisa in liberi consorzi comunali, città metropolitane (entrambi enti territoriali di secondo livello già "province regionali") e comuni.

Indice

Enti di secondo livelloModifica

Liberi consorzi comunaliModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Liberi consorzi comunali della Sicilia.

I liberi consorzi comunali della Sicilia sono 6 (Agrigento, Caltanissetta, Enna, Ragusa, Siracusa e Trapani) i cui territori corrispondono alle rispettive ex-province[3].

Città metropolitaneModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Città metropolitane della Sicilia.

Le città metropolitane della Sicilia sono 3 (Palermo, Catania e Messina) i cui territori corrispondono alle rispettive ex-province[4].

ComuniModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Comuni della Sicilia.

I comuni siciliani sono 390, di cui 248 afferenti alle città metropolitane e i rimanenti 142 ai liberi consorzi.

NoteModifica

  1. ^ Statuto della Regione Siciliana, art. 15 (PDF), su ars.sicilia.it. URL consultato il 28 marzo 2014. (PDF)
  2. ^ Istituzione dei liberi Consorzi comunali e delle Città metropolitane (PDF), su gurs.regione.sicilia.it. URL consultato il 28 marzo 2014. (PDF)
  3. ^ Disposizioni in materia di liberi Consorzi comunali e Città metropolitane (PDF), su gurs.regione.sicilia.it. URL consultato il 15 settembre 2015. (PDF)
  4. ^ Disposizioni in materia di liberi Consorzi comunali e Città metropolitane (PDF), su gurs.regione.sicilia.it. URL consultato il 15 settembre 2015. (PDF)

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia