Suore adoratrici del Preziosissimo Sangue di Nostro Signore Gesù Cristo

Le suore adoratrici del Preziosissimo Sangue di Nostro Signore Gesù Cristo (in francese Religieuses Adoratrices du Très-Précieux-Sang de Notre-Seigneur Jésus-Christ) sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio: le suore di questa congregazione pospongono al loro nome la sigla A.P.S.[1]

Cenni storiciModifica

La congregazione fu fondata il 14 settembre 1861 a Saint-Hyacinthe, in Québec, da Aurélie Caouette (1833-1905) per l'adorazione del Preziosissimo Sangue.[2]

Le adoratrici del Preziosissimo Sangue ricevettero il pontificio decreto di lode il 24 novembre 1889 e l'approvazione definitiva della Santa Sede il 20 ottobre 1896; le loro costituzioni furono approvate definitivamente il 1º giugno 1960.[2]

Vivente la fondatrice, sorsero dieci monasteri di adoratrici in Canada, Stati Uniti d'America; nel 1945 i monasteri si riunirono in due congregazioni, una di lingua francese con sede a Saint-Hyacinthe, l'altra di lingua inglese con sede a London.[2]

Attività e diffusioneModifica

Le adoratrici del Preziosissimo Sangue si dedicano essenzialmente alla preghiera contemplativa.[2]

Sono presenti in Canada, Stati Uniti d'America e Giappone;[3] la sede generalizia è a Saint-Hyacinthe.[1]

Alla fine del 2008 la congregazione di Saint-Hyacinthe contava 68 religiose in 2 case;[1] le religiose della congregazione di London, organizzate in monasteri sui iuris, erano 64 in 7 case.[4]

NoteModifica

  1. ^ a b c Ann. Pont. 2010, p. 1627.
  2. ^ a b c d G. Rocca, DIP, vol. I (1974), coll. 114-115.
  3. ^ Adoratrices du Précieux-Sang, su adoratricesps.net. URL consultato il 21 agosto 2012.
  4. ^ Ann. Pont. 2010, p. 1495.

BibliografiaModifica

  • Annuario pontificio per l'anno 2010, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2010. ISBN 978-88-209-8355-0.
  • Guerrino Pelliccia e Giancarlo Rocca (curr.), Dizionario degli istituti di perfezione (DIP), 10 voll., Edizioni paoline, Milano 1974-2003.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN135404088 · ISNI (EN0000 0001 0663 3755 · LCCN (ENn87803437 · WorldCat Identities (ENlccn-n87803437
  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo