Apri il menu principale

Le Suore Carmelitane del Sacro Cuore di Gesù (in spagnolo Hermanas Carmelitas del Sagrado Corazón de Jesús) sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio: le suore di questa congregazione pospongono al loro nome la sigla H.C.S.C.J.[1]

Indice

Cenni storiciModifica

La congregazione fu fondata da Asunción Soler Jimeno: suora della congregazione delle carmelitane di Orihuela, nel 1921 fu invitata da Manuel González García, vescovo di Malaga, a riformare la piccola congregazione delle carmelitane di San Giovanni di Dio, fondate nel 1882, alla quale nel 1919 erano stati uniti i beateri di Álora e Almogía.[2][3]

Il 13 maggio 1934 la Soler Jimeno diede inizio a Malaga a una nuova congregazione, dedicata al Sacro Cuore di Gesù, nella quale confluirono le carmelitane di San Giovanni di Dio.[3]

L'istituto, aggregato all'ordine carmelitano dal 7 giugno 1947, ottenne il pontificio decreto di lode il 2 febbraio 1955 e l'approvazione definitiva della Santa Sede il 16 giugno 1964.[3]

Attività e diffusioneModifica

Le suore si dedicano al servizio in seminari e residenze ecclesiastiche e nelle carceri, all'assistenza ai poveri e agli ammalati e all'educazione dell'infanzia.[3]

Oltre che in Spagna, sono presenti a Cuba, nella Repubblica Dominicana, in Mozambico, in Portogallo e in Venezuela;[4] la sede generalizia è a Madrid.[1]

Alla fine del 2008 la congregazione contava 159 religiose in 30 case.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c Ann. Pont. 2010, p. 1520.
  2. ^ Ludovico Saggi, DIP, vol. VIII (1988), col. 1763.
  3. ^ a b c d Ludovico Saggi, DIP, vol. II (1975), col. 416.
  4. ^ Lugares de presencia, su carmelitasscj.org. URL consultato l'11 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).

BibliografiaModifica

  • Annuario Pontificio per l'anno 2010, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2010. ISBN 978-88-209-8355-0.
  • Guerrino Pelliccia e Giancarlo Rocca (curr.), Dizionario degli Istituti di Perfezione (DIP), 10 voll., Edizioni paoline, Milano 1974-2003.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo