Tempio di Giunone (Agrigento)

Tempio antico nella Valle dei Templi, Agrigento, Sicilia
Tempio di Giunone
Agrigento HeraTemple 0078.jpg
Civiltàgreca
UtilizzoTempio
StileOrdine dorico
EpocaV secolo a.C.
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneAgrigento
Altitudine120[1] m s.l.m.
Amministrazione
PatrimonioValle dei Templi
Mappa di localizzazione

Il tempio di Hera, noto anche come tempio di Giunone (dal nome romano della dea) o tempio D, è un tempio greco dell'antica città di Akragas sito nella Valle dei Templi di Agrigento.

Deve ritenersi errato l'epiteto di Lacinia della Dea per questo tempio agrigentino, specifico invece del tempio dedicato a Hera presso il promontorium Lacinium a Capo Colonna non lontano da Crotone[2].

Il tempioModifica

«Arrivammo presto all'estremità orientale della città, dove i ruderi del tempio di Giunone cadono ogni anno sempre più in rovina per la corrosione prodotta dall'aria e dalle intemperie sulla pietra porosa.»

(Johann Wolfgang von Goethe, Viaggio in Italia)

Fu edificato nella seconda metà del V secolo a.C., intorno al 450 a.C. e appartiene come epoca e come stile al periodo del dorico classico. Sono stati rilevati segni dell'incendio del 406 a.C. dopo il quale è stato restaurato in età romana, con la sostituzione delle originarie tegole fittili con altre marmoree e con l'aggiunta del piano inclinato alla fronte orientale.

 
Pianta del tempio

L'edificio è un tempio dorico periptero con 6 colonne sui lati corti (esastilo) e 13 sui fianchi, secondo un canone derivato dai modelli della madrepatria ed utilizzato anche per il tempio "gemello" della Concordia con il quale è accomunato anche dalle dimensioni generali e dalle misure, quasi standardizzate di alcuni elementi costruttivi. Le dimensioni complessive sono di circa m 38,15x16,90.

Il fronte presenta interassi leggermente diversi con la contrazione di quelli terminali e l'enfatizzazione di quello centrale.

Il peristilio di 34 colonne alte m. 6,44 e costituite da 4 rocchi sovrapposti, poggia su un crepidoma di quattro gradini. Edificato su di uno sperone con un rialzo risulta in gran parte costruito artificialmente.

L'interno è costituito da un naos senza colonnato interno, del tipo doppio in antis, dotato di pronao e opistodomo simmetrici, entrambi incorniciati da gruppi di due colonne (distili). Due scale per l'ispezione alla copertura o per motivi di culto, erano presenti nella muratura di separazione tra naos e pronaos (diaframma).

Attualmente si conserva il colonnato settentrionale con l'epistilio e parte del fregio, mentre i colonnati sugli altri tre lati sono conservati solo parzialmente (mancano 4 colonne e 9 sono smozzate), e senza architrave. Pochi sono gli elementi rimasti della cella di cui rimane la parte bassa della muratura che la delimitata. L'edificio è stato così ricostruito mediante anastilosi fin dal Settecento ad oggi. Davanti al fronte principale (orientale) ci sono notevoli resti dell'altare.

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ lavalledeitempli.it - Tempio di Giunone (Era) Lacinia
  2. ^ Giuseppe Celsi, Il Santuario di Hera Lacinia, in Gruppo Archeologico Krotoniate, 7 novembre 2019. URL consultato il 4 aprile 2021.

Altri progettiModifica