Teorema di Monsky

Il teorema di Monsky stabilisce che non è possibile scomporre un quadrato in un numero dispari di triangoli equivalenti.

Il problema fu proposto da Fred Richman sulla rivista American Mathematical Monthly nel 1965 e dimostrato da Paul Monsky nel 1970.[1][2]

La dimostrazione di Monsky utilizza tecniche di algebra e di combinatoria, come la valutazione 2-adica sui razionali e una sua estensione al campo reale .

Voci correlateModifica

NoteModifica

  1. ^ P. Monsky, On Dividing a Square into Triangles, in The American Mathematical Monthly, vol. 77, n. 2, 1970, pp. 161–164, DOI:10.2307/2317329, JSTOR 2317329, MR 0252233.
  2. ^ S. Stein, Cutting a Polygon into Triangles of Equal Areas, in M. Kleber e R. Vakil (a cura di), The Mathematical Intelligencer, vol. 26, 2004, pp. 17–21, DOI:10.1007/BF02985395.
  Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica