That's My Girl

singolo dei Fifth Harmony del 2016
That's My Girl
5H - That's My Girl.jpg
Screenshot tratto dal video del brano
ArtistaFifth Harmony
Tipo albumSingolo
Pubblicazione27 settembre 2016
Durata3:24
Album di provenienza7/27
Genere[1]Contemporary R&B
Dance
EtichettaEpic, Syco
ProduttoreLulou, Alex Purple
RegistrazioneWestlake Recording Studios (Los Angeles) (California)
Windmark Recording (Los Angeles) (California)
The Hide Out Studios (Londra) (Regno Unito)
FormatiCD, download digitale, streaming
Certificazioni
Dischi d'oroCanada Canada[2]
(vendite: 40 000+)
Polonia Polonia[3]
(vendite: 10 000+)
Regno Unito Regno Unito[4]
(vendite: 400 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[5]
(vendite: 500 000+)
Fifth Harmony - cronologia
Singolo precedente
(2016)
Singolo successivo
(2017)
Logo
Logo del disco That's My Girl

That's My Girl è un singolo del gruppo musicale statunitense Fifth Harmony, pubblicato il 27 settembre 2016 come terzo estratto dal secondo album in studio 7/27.[6]

DescrizioneModifica

La canzone è stata scritta da Tinashe Kachingwe, Lukas Loules ed Alexander Kronlund, e prodotta dagli ultimi due, in arte rispettivamente Lulou e Alex Purple.

Nella recensione dell'album 7/27 di Rolling Stone, Christopher R. Weingarten scrive:[7] «Nulla è ai livelli di Boss del 2014, ma That's My Girl centra appieno il punto, e allo stesso tempo diffonde il suo rimbombante messaggio di incoraggiamento.»

That's My Girl è l'ultimo singolo pubblicato dal gruppo come quintetto, prima dell'uscita di Camila Cabello, avvenuta nel dicembre 2016.[8]

PromozioneModifica

Il girl group ha presentato That's My Girl dal vivo per la prima volta in televisione il 20 novembre 2016 alla cerimonia annuale degli American Music Awards.[1]

Video musicaleModifica

Il video musicale, diretto da Hannah Lux Davis, è stato reso disponibile il 19 settembre 2016.[9]

Nel video si vedono le cinque ragazze mentre ballano in uno scenario post-apocalittico, ispirato a quello di Mad Max,[10] cantando le loro parole di incoraggiamento, mentre salvano delle persone. A queste scene si alternano delle riprese delle singole ragazze vestite in nero, mentre ballano ai piedi di un masso roccioso.

Sono presenti due versioni alternative del video musicale: la prima è stata pubblicata come video di sponsorizzazione per la nazionale di ginnastica artistica femminile degli Stati Uniti d'America durante lo svolgimento delle Olimpiadi di Rio 2016. In questa versione vengono alternate scene di allenamenti e gare delle ragazze della nazionale con scene in cui si vedono le Fifth Harmony, vestite in bianco, mentre cantano la canzone.[11]

La seconda versione alternativa è stata pubblicata il 28 settembre 2016 ed è un montaggio di scene della web serie DC Super Hero Girls e del film DC Super Hero Girls: Hero of the Year.[12]

TracceModifica

Testi e musiche di Tinashe Kachingwe, Alexander Kronlund e Lukas Loules.

Download digitale – Remixes EP
  1. That's My Girl (con Ryan Riback) (Ryan Riback Remix) – 3:16
  2. That's My Girl (con Jimmie) (Jimmie Club Mix) – 3:38
  3. That's My Girl (con Eva Shaw) (Eva Shaw Remix) – 3:13
  4. That's My Girl (Boaz van de Beatz Rework) – 3:25

FormazioneModifica

Musicisti
Produzione
  • Lulou – produzione
  • Alex Purple – produzione
  • Tryna Loules – produzione vocale
  • Sam Holland – registrazione
  • Nate Alford – registrazione
  • Jonas Thander – registrazione del corno
  • Cory Bice – assistenza alla registrazione
  • Jeremy Lertola – assistenza alla registrazione
  • Brandon Wood – assistenza alla registrazione
  • Serban Ghenea – missaggio
  • John Hanes – assistenza al missaggio
  • Dave Kutch – mastering

ClassificheModifica

Classifica (2016) Posizione
massima
Australia[13] 54
Belgio (Fiandre)[14] 58
Belgio (Vallonia)[14] 80
Canada[15] 54
Irlanda[16] 46
Regno Unito[17] 26
Stati Uniti[18] 73

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Joe Lynch, Watch Fifth Harmony Perform 'That's My Girl' at the 2016 AMAs, su Billboard, 20 novembre 2016. URL consultato il 29 marzo 2020.
  2. ^ (EN) That's My Girl – Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 29 marzo 2020.
  3. ^ (PL) bestsellery i wyróżnienia, Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 29 marzo 2020.
  4. ^ (EN) That's My Girl, British Phonographic Industry. URL consultato il 29 marzo 2020.
  5. ^ (EN) Fifth Harmony - That's My Girl – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 29 marzo 2020.
  6. ^ (EN) Top 40/M Future Releases, All Access. URL consultato il 7 giugno 2020 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2016).
  7. ^ (EN) Christopher R. Weingarten, 7/27, su Rolling Stone, 27 maggio 2016. URL consultato il 29 marzo 2020.
  8. ^ (EN) Stephanie Chase, Camila Cabello Releases Her Own Statement Over Fifth Harmony Departure, su contactmusic.com, 20 dicembre 2016. URL consultato il 24 dicembre 2016.
  9. ^ (EN) Nerisha Penrose, Watch Fifth Harmony's Post-Apocalyptic Video for 'That's My Girl', su Billboard, 4 agosto 2016. URL consultato il 14 gennaio 2017.
  10. ^ (EN) Sasha Geffen, Fifth Harmony Raid The Mad Max Wardrobe For Their 'That's My Girl' Video, MTV, 19 settembre 2016. URL consultato il 24 settembre 2016.
  11. ^ (EN) Gil Kaufman, Watch Fifth Harmony's Pump-Up Video for U.S. Women's Gymnastics Team: 'That's My Girl', su Billboard, 4 agosto 2016. URL consultato il 14 gennaio 2017.
  12. ^ (EN) Philiana Ng, EXCLUSIVE: Fifth Harmony Teams With 'DC Super Hero Girls' for New Music Video About Girl Power -- Watch!, su Entertainment Tonight, 28 settembre 2016. URL consultato il 2 ottobre 2016.
  13. ^ (EN) ARIA Charts – 20 Oct 2016 (PDF), ARIA Charts. URL consultato il 29 marzo 2020.
  14. ^ a b (NL) Fifth Harmony - That's My Girl, Ultratop. URL consultato il 29 marzo 2020.
  15. ^ (EN) Fifth Harmony - Chart history (Billboard Canadian Hot 100), su Billboard. URL consultato il 29 marzo 2020.
  16. ^ (EN) DISCOGRAPHY - FIFTH HARMONY, su irish-charts.com. URL consultato il 29 marzo 2020.
  17. ^ (EN) That's My Girl - Full Official Chart History, Official Charts Company. URL consultato il 29 marzo 2020.
  18. ^ (EN) Fifth Harmony - Chart history (Hot 100), su Billboard. URL consultato il 29 marzo 2020.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica