Apri il menu principale

The Jinx - La vita e le morti di Robert Durst

Serie televisiva americana
The Jinx - La vita e le morti di Robert Durst
The Jinx.png
Immagine tratta dalla sigla originale della miniserie
Titolo originaleThe Jinx: The Life and Deaths of Robert Durst
PaeseStati Uniti d'America
Anno2015
Formatominiserie TV
Generedocu-drama
Puntate6
Durata45 min (puntata)
Lingua originaleinglese
Rapporto16:9
Crediti
RegiaAndrew Jarecki
SceneggiaturaAndrew Jarecki, Marc Smerling, Zachary Stuart
Interpreti e personaggi
MusicheWest Dylan Thordson, John Kusiak
Produttore esecutivoJason Blum
Casa di produzioneHBO Documentary Films, Blumhouse Productions, Hit the Ground Running
Prima visione
Prima TV originale
Dall'8 febbraio 2015
Al15 marzo 2015
Rete televisivaHBO
Prima TV in italiano
Dal2 dicembre 2015
Al6 gennaio 2016
Rete televisivaSky TG 24

The Jinx - La vita e le morti di Robert Durst (The Jinx: The Life and Deaths of Robert Durst) è una miniserie televisiva-documentario statunitense in sei puntate, co-prodotta, creata, scritta e diretta da Andrew Jarecki nel 2015.

Indice

TramaModifica

La miniserie ripercorre l'intera vita del multimilionario Robert Durst, focalizzandosi specialmente negli ultimi 20 anni e sui suoi problemi con la legge. È stato infatti processato per tre differenti omicidi: quello di sua moglie Kathie, quello di Susan Berman (una sua strettissima amica giornalista) e quello del suo vicino di casa Morris Black (il cui corpo è stato smembrato e gettato nel mare a Galveston, in Texas, dallo stesso Durst). Le puntate alternano interviste a Robert Durst (intervistato da Andrew Jarecki, regista e creatore della miniserie), ricostruzioni basate sui resoconti, foto e video d'archivio e interviste a varie altre persone coinvolte nelle indagini.

ConseguenzeModifica

Nell'ultima puntata del documentario, il giornalista mostra a Durst due indirizzi scritti a mano, in stampatello. La calligrafia è simile ed entrambi contengono lo stesso errore ("Beverly Hills" scritto "Beverley Hills"). Durst ammette di averne scritto uno (quello sulla busta indirizzata a Susan Berman, un nuovo reperto), ma nega di aver scritto l'altro (quello sulla busta indirizzata alla polizia, contenente la lettera che segnalava il cadavere di Susan Berman e che Durst, durante l'intervista, dichiarò dover essere opera di chi l'aveva uccisa). Al termine dell'intervista, Durst si reca alla toilette e, non accorgendosi di essere ancora microfonato, dice a se stesso: "Ha ragione. Mi ha incastrato. Ma non lo sa. Cosa diavolo ho fatto? Li ho uccisi tutti e tre, ovvio.") In seguito a questi nuovi elementi, un giudice di Los Angeles ha emesso un ordine d'arresto contro Durst per l'omicidio di Susan Berman avvenuto nel 2000. Il 14 marzo 2015 Durst è stato arrestato a New Orleans (Louisiana). Il 18 agosto 2016 Durst sarà trasferito in una prigione federale della California, in attesa del processo. Se verrà condannato, rischia la pena di morte. [1]

PuntateModifica

La miniserie è andata in onda sul canale statunitense HBO dall'8 febbraio al 15 marzo 2015. In Italia è stata trasmessa su Sky TG 24 dal 2 dicembre 2015 al 6 gennaio 2016.

Titolo originale Titolo italiano Prima TV USA Prima TV Italia
1 Chapter 1: A Body in the Bay Capitolo 1: Un corpo nella baia 8 febbraio 2015 2 dicembre 2015
2 Chapter 2: Poor Little Rich Boy Capitolo 2: Il povero ragazzo ricco 15 febbraio 2015 9 dicembre 2015
3 Chapter 3: The Gangster's Daughter Capitolo 3: La figlia del gangster 22 febbraio 2015 16 dicembre 2015
4 Chapter 4: The State of Texas vs. Robert Durst Capitolo 4: Lo Stato del Texas contro Robert Durst 1º marzo 2015 23 dicembre 2015
5 Chapter 5: Family Values Capitolo 5: Valori familiari 8 marzo 2015 30 dicembre 2015
6 Chapter 6: The Second Interview Capitolo 6: "Cosa diavolo ho fatto?" 15 marzo 2015 6 gennaio 2016

SiglaModifica

Il brano musicale utilizzato per la sigla è Fresh Blood degli Eels.

NoteModifica

  1. ^ Los Angeles Times, Robert Durst will return to L.A. to face murder charge in the summer, su latimes.com, 22 December 2015.

Collegamenti esterniModifica