Apri il menu principale
Thomas Stafford
Thomas Stafford.jpg
Astronauta della NASA
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
StatusRitirato
Data di nascita17 settembre 1930
Selezione17 settembre 1962
(secondo gruppo NASA)
Primo lancio15 dicembre 1965
Ultimo atterraggio24 luglio 1975
Altre attivitàPilota collaudatore
Tempo nello spazio21 giorni, 3 ore e 42 minuti
Missioni
Data ritiro1975

Thomas Patten Stafford (Weatherford, 17 settembre 1930) è un astronauta statunitense.

CarrieraModifica

Stafford venne assunto dalla NASA nel 1962 come membro del secondo gruppo di astronauti. Il 15 dicembre 1965 partì per il suo primo volo nello spazio come pilota della missione Gemini 6. Comandante di detta missione fu Walter Schirra. Obbiettivo della missione fu di effettuare una manovra di rendezvous nell'orbita terrestre con la capsula Gemini 7 che già si trovava nello spazio.

Il suo secondo volo nello spazio seguì già circa sei mesi dopo. Il 3 giugno 1966 partì con l'incarico di comandante della missione Gemini 9 insieme al pilota Eugene Cernan. Durante questa missione venne effettuato il rendezvous e tentato l'aggancio con il satellite precedentemente lanciato nello spazio l’ATDA (Augmented Target Docking Adapter) - comunque in seguito mai più utilizzato. Tale manovra comunque non riuscì dato che una parte del rivestimento esterno del satellite non si era staccata completamente. In seguito venne accertato che tale fatto fu causato da un errore di montaggio dei nastri di sicurezza durante l'assemblaggio a terra. Tale errore non poté essere riparato nell'orbita terrestre e pertanto si dovette rinunciare alla manovra.

Durante il programma Apollo nell 1966 Stafford venne assegnato all'equipaggio di riserva per il secondo volo Apollo con equipaggio, programmato a diventare un volo a lunga durata nell'orbita terrestre. A causa della catastrofe di Apollo 1 tutte le decisioni precedenti vennero annullate e Stafford venne nominato quale pilota dell'equipaggio di riserva per Apollo 7.

Con l'incarico di comandante, il 16 maggio 1969 Stafford partì verso la Luna nella missione di Apollo 10, durante la quale venne testato per la prima volta il modulo lunare (lunar module, LM) nell'orbita lunare. Fu la prova generale per il primo allunaggio di Neil Armstrong ed Edwin Aldrin a luglio dello stesso anno.

Nel luglio del 1971 partecipò, come rappresentante degli Stati Uniti, ai funerali dei cosmonauti sovietici periti nel rientro del Sojuz 11.

Il suo quarto ed ultimo volo nello spazio fu la missione Apollo-Sojuz ASTP il 15 luglio 1975. Durante questo volo nello spazio venne effettuato per la prima volta l'aggancio di un veicolo spaziale americano (Apollo) ad una capsula sovietica del tipo Sojuz 19. Dopo detta missione Stafford lasciò la NASA e la sua carriera di astronauta.

Nel giugno del 1990 venne comunque nominato presidente di un comitato che si occupa della valutazione di future possibilità di voli nello spazio con equipaggi.

OnorificenzeModifica

Onorificenze statunitensiModifica

  Medaglia presidenziale della libertà
  Congressional Space Medal of Honor
— 19 gennaio 1993
  Air Force Distinguished Service Medal con due foglie di quercia
  Distinguished Flying Cross con foglia di quercia
  Air Force Commendation Medal
  Air Force Outstanding Unit Award con tre foglie di quercia
  NASA Distinguished Service Medal con foglia di quercia
  NASA Exceptional Service Medal con foglia di quercia

Onorificenze straniereModifica

  Medaglia per i contributi alla conquista dello spazio (Russia)
«Per l'eccezionale contributo allo sviluppo della cooperazione internazionale in materia di voli spaziali con equipaggio»
— 12 aprile 2011
  Ordine dell'Amicizia
«Per l'eccezionale contributo allo sviluppo della cooperazione nella conquista dello spazio tra la Russia e gli Stati Uniti d'America»
— 9 aprile 2018[1]

NoteModifica

  1. ^ Thomas Stafford awarded 'Order of Friendship', su collectspace.com, 10 aprile 2018. URL consultato il 1º novembre 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN56474779 · LCCN (ENnr92021128 · GND (DE124459471 · WorldCat Identities (ENnr92-021128