Apollo 7

missione del programma spaziale statunitense Apollo

L'Apollo 7 fu una missione spaziale effettuata nell'ottobre del 1968 dagli Stati Uniti, la prima con equipaggio del programma Apollo della NASA dopo l'incendio che uccise i tre astronauti dell'Apollo 1, avvenuto nel gennaio 1967. L'Apollo 7 fu, inoltre, la prima missione del programma a portare un equipaggio in orbita. Il suo comando fu assegnato a Walter Schirra, il ruolo di pilota del modulo di comando a Donn Eisele, mentre il pilota del modulo lunare fu Walter Cunningham (così designato anche se l'Apollo 7 non trasportava un modulo lunare).

Apollo 7
Emblema missione
Apollo7.png
Dati della missione
OperatoreNASA
NSSDC ID1968-089A
SCN03486
Nome veicolomodulo di comando e servizio Apollo
Modulo di comandoCM-101
Modulo di servizioSM-101
VettoreSaturn IB SA-205
Codice chiamata7
Lancio11 ottobre 1968
15:02:45 UTC
Luogo lancioCape Canaveral Air Force Station Launch Complex 34
Ammaraggio22 ottobre 1968
11:11:48 UTC
Sito atterraggiomare Caraibico (27°38′N 64°09′W / 27.633333°N 64.15°W27.633333; -64.15)
Nave da recuperoUSS Essex
Durata10 giorni, 20 ore, 9 minuti e 3 secondi
Proprietà del veicolo spaziale
Peso al lancio16 519 kg
Peso al rientro5 175 kg
CostruttoreRockwell International
Parametri orbitali
Orbitaorbita terrestre bassa
Numero orbite163
Apogeo301 km
Perigeo227 km
Periodo89.79 min
Inclinazione31,6°
Distanza percorsa~300.000 km (~190.000 mi)
Equipaggio
Numero3
MembriWalter Schirra
Donn Eisele
Walter Cunningham
The Apollo 7 crew poses at launch complex 34.jpg
L'equipaggio davanti alla rampa di lancio
Programma Apollo
Missione precedenteMissione successiva
Apollo 6 Apollo 8

In principio, i tre astronauti erano stati selezionati per svolgere la seconda missione del programma, poi cancellata; quindi, quale equipaggio di riserva per l'Apollo 1. Dopo il drammatico incidente che coinvolse questa missione, tuttavia, tutti i voli con equipaggio furono sospesi, mentre veniva analizzata la causa dell'incendio e venivano apportate delle modiche alla navicella spaziale Apollo e alle procedure di sicurezza per prevenire ulteriori incidenti. I successivi test di volo delle missioni Apollo 4, 5 e 6, avvennero nel frattempo senza equipaggio, mentre Schirra, Eisele e Cunningham, selezionati per la missione dell'Apollo 7, monitorarono la costruzione dei moduli di comando e servizio (CSM) e continuarono l'addestramento per gran parte dei 21 mesi intercorsi tra il disastro dell'Apollo 1 e il lancio.

La missione Apollo 7 fu lanciata l'11 ottobre 1968 dalla Cape Canaveral Air Force Station, in Florida, e si concluse undici giorni dopo, con l'ammaraggio nell'Oceano Atlantico. Durante la missione venne svolto un fitto programma di approfonditi test di funzionamento del modulo di comando e servizio in orbita terrestre bassa; inoltre, venne effettuata la prima trasmissione televisiva in diretta da un veicolo spaziale statunitense. Nonostante alcuni episodi di tensione intercorsi tra l'equipaggio e i controllori di terra, la missione fu un completo successo tecnico, dando alla NASA la fiducia necessaria per inviare due mesi dopo l'Apollo 8 in orbita lunare. Tuttavia, anche a causa delle tensioni di cui furono protagonisti, nessuno dei membri dell'equipaggio partecipò a successive missioni spaziali.

L'Apollo 7 svolse il programma che avrebbe dovuto essere compiuto durante la missione dell'Apollo 1, permettendo alla NASA di fare un significativo passo avanti verso il traguardo di far atterrare gli astronauti sulla Luna, cosa che sarebbe avvenuta, appena nove mesi più tardi, nel luglio 1969 con la missione Apollo 11.

ContestoModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Corsa allo spazio e Programma Apollo.

Durante il secondo mandato del Presidente Eisenhower, gli Stati Uniti si trovarono a rincorrere i successi dell'Unione Sovietica nella cosiddetta corsa allo spazio, aperta dal lancio nel 1957 dello Sputnik 1, il primo satellite artificiale in orbita attorno alla Terra.[1] Nel gennaio del 1961, John Kennedy ereditò dall'amministrazione precedente il Programma Mercury, che aspirava a portare il primo uomo nello spazio, e una bozza del Programma Apollo, che avrebbe dovuto essere un proseguimento del precedente nello spazio circumterrestre. Tuttavia, il 25 maggio 1961, in un discorso pronunciato durante una sessione speciale del Congresso degli Stati Uniti, Kennedy riconvertì l'obiettivo del Programma Apollo verso un allunaggio «entro la fine del decennio», in risposta al nuovo primato stabilito dall'Unione Sovietica, che il 12 aprile aveva lanciato con successo Jurij Gagarin nello spazio.[2]

Il 21 marzo 1966 venne annunciato al pubblico che gli astronauti Virgil Grissom, Edward White e Roger Chaffee erano stati scelti come equipaggio della prima missione del programma Apollo. Durante un test effettuato sulla rampa di lancio, pochi giorni prima di quando era previsto il lancio, scoppiò un incendio a bordo della navetta dove si trovavano i tre astronauti che non ebbero scampo. A ricordo di questo sacrifico la missione che non ebbe mai luogo verrà denominata "Apollo 1".

Informazioni generaliModifica

Equipaggio principaleModifica

Posizione Equipaggio
Comandante Walter Schirra
Pilota del CSM Donn Eisele
Pilota del LM Walter Cunningham
Walter Schirra volò anche sul Mercury-Atlas 8 e Gemini 6

Walter Schirra, uno degli astronauti di "Mercury Seven", si era diplomato all'Accademia Navale degli Stati Uniti nel 1945. Volò per la prima volta nello spazio nella missione Mercury-Atlas 8 nel 1962, il quinto volo con equipaggio del Programma Mercury (il terzo volo statunitense con equipaggio a raggiungere l'orbita terrestre) e successivamente comandò la missione Gemini 6A. Ai tempi dell'Apollo aveva 45 anni ed era capitano della Marina. Donn Eisele si era diplomato anch'egli all'Accademia Navale nel 1952 con una laurea in aeronautica. Scelse di arruolarsi nello United States Air Force e, durante la missione Apollo 7, aveva 38 anni e rivestiva il grado di maggiore.[3] Walter Cunningham si era arruolato nella Marina statunitense nel 1951, iniziando l'addestramento al volo l'anno successivo. Dal 1953 al 1956, aveva prestato servizio in uno squadrone di volo dei Marines. Nel 1968 aveva 36 anni ed era un civile, in servizio nella riserva del Corpo dei Marines con il grado di maggiore.[3][4] Si era laureato in fisica all'UCLA. Sia Eisele che Cunningham furono selezionati come parte del terzo gruppo di astronauti nel 1963.[3]

Eisele era stato originariamente inserito nell'equipaggio dell'Apollo 1 comandato da Gus Grissom, ma pochi giorni prima dell'annuncio ufficiale del 25 marzo 1966, subì un infortunio alla spalla che richiese un intervento chirurgico. La sua posizione venne allora assegnata a Roger Chaffee, mentre Eisele venne inserito nell'equipaggio di Schirra.[5]

 
Da sinistra: Eisele, Schirra e Cunningham

Schirra, Eisele e Cunningham furono assegnati ufficialmente all'equipaggio di una missione Apollo il 29 settembre 1966. Inizialmente, avrebbero dovuto effettuare un secondo test in orbita terrestre bassa del modulo di comando Apollo.[6] Sebbene felice di essere stato assegnato a un equipaggio principale, senza aver mai servito come riserva, Cunningham era preoccupato dal fatto che il secondo volo di prova in orbita terrestre, al momento chiamato Apollo 2, potesse risultare non necessario se l'Apollo 1 avesse avuto successo nei suoi obiettivi. Egli apprese in seguito che il direttore delle operazioni dell'equipaggio di volo Deke Slayton, anche lui parte dei Mercury Seven ma poi messo a terra per motivi medici, aveva pianificato, con il supporto di Schirra, di comandare la missione se avesse ottenuto l'autorizzazione medica. Slayton tuttavia non fu autorizzato al volo e Schirra rimase al comando dell'equipaggio. Nel novembre del 1966, l'Apollo 2 fu cancellato e l'equipaggio assegnato come riserva all'Apollo 1.[7]

Il 27 gennaio 1967, l'equipaggio di Grissom stava conducendo un test sulla rampa di lancio per la missione prevista per il successivo 21 febbraio, quando scoppiò un incendio nella cabina che uccise tutti e tre gli uomini.[8] Alla tragedia seguì una revisione completa della sicurezza dell'intero programma Apollo.[9] Subito dopo l'incendio, Slayton chiese a Schirra, Eisele e Cunningham di effettuare la prima missione dopo la sospensione.[10] Fu programmato che l'Apollo 7 avrebbe utilizzato la navicella spaziale Block II progettata per le missioni lunari, al contrario del Block I che era stato utilizzato per l'Apollo 1 e che era utilizzabile solo per le prime missioni in orbita terrestre poiché priva della capacità di attracco con un modulo lunare. Il modulo di comando e le tute spaziali degli astronauti erano state ampiamente riprogettate al fine di ridurre ogni possibilità che si ripetesse l'incidente dell'Apollo 1.[11] L'equipaggio di Schirra avrebbe testato i sistemi di supporto vitale, quelli di propulsione, di guida e di controllo. Era considerata una missione «aperta», in quanto il suo programma sarebbe stato esteso man mano che i test fossero stati superati. La durata era stata limitata a 11 giorni, ridotta rispetto al limite originale dei 14 giorni preventivati per l'Apollo 1.[12]

Equipaggio di riservaModifica

Posizione Equipaggio
Comandante Tom Stafford
Pilota del CSM John Young
Pilota del LM Eugene Cernan

L'equipaggio di riserva era composto da Tom Stafford (comandante) John Young (pilota del modulo di comando) ed Eugene Cernan (pilota del modulo lunare). Tutti e tre gli astronauti avevano precedentemente prestato servizio per una o due volte su diverse missioni del programma Gemini.[13]

Equipaggio di supportoModifica

Una novità del programma Apollo fu la nomina di un equipaggio di supporto (Support Crew), incaricato di svolgere diversi lavori impegnativi sotto il punto di vista temporale, sollevando l'equipaggio principale e quello di riserva da queste attività e consentendo agli astronauti previsti per la missione una preparazione più specifica. Faceva infatti parte dell'attività dell'equipaggio di supporto l'aggiornare costantemente i piani di volo e le varie liste di controllo. Inoltre furono incaricati di sviluppare diversi programmi d'esercitazione per i simulatori di volo. Prima di ogni test del conto alla rovescia l'equipaggio di supporto era responsabile che ogni leva ed interruttore della capsula dell'Apollo si trovasse nella posizione corretta. Solo dopo tale operazione l'equipaggio principale saliva a bordo della capsula. In generale vennero scelti quali membri dell'equipaggio di supporto esclusivamente astronauti privi di precedenti esperienze nello spazio, al fine di consentire a questi di acquisire esperienza per venir poi chiamati a far parte di un successivo equipaggio di riserva. La NASA infatti seguiva la prassi che gli equipaggi di riserva venivano selezionati quali equipaggio della terza missione successiva. Per Apollo 7, quando il volo venne presentato ufficialmente, vennero scelti quali membri dell'equipaggio di supporto gli astronauti John L. Swigert, Ronald E. Evans e William Pogue. Tutti e tre facevano parte del quinto gruppo di astronauti scelti dalla NASA poco prima, cioè il 4 aprile 1966. A Evans venne affidato il compito di effettuare i test al Kennedy Space Center (KSC), Swigert rivestì il ruolo di capsule communicator (CAPCOM) durante il lancio e lavorò agli aspetti operativi della missione, mentre Pogue impiegò gran parte del tempo nella modifica delle procedure.[14]

Sigert venne in seguito nominato per l'equipaggio di riserva di Apollo 13, dove avanzò al ruolo di pilota del modulo di comando dell'equipaggio principale dovendo sostituire l'astronauta Ken Mattingly poco prima del lancio di questa missione. Evans fece parte dell'equipaggio di riserva dell'Apollo 14 e fu pilota del modulo di comando dell'Apollo 17, mentre Pogue venne nominato per la missione Skylab 4 senza aver fatto parte precedentemente di alcun equipaggio di riserva.

Controllo missioneModifica

I direttori di volo furono Glynn Lunney, Gene Kranz e Gerry Griffin,[15] mentre il ruolo di capsule communicator (CAPCOM), ovvero il radiofonista che tiene il contatto fra centro di controllo missione e astronauti, fu coperto a rotazione dagli astronauti Evans, Pogue, Stafford, Swigert, Young e Cernan.

EmblemaModifica

 
Medaglia con l'emblema dell'Apollo 7

L'emblema della missione mostrava un modulo di comando e servizio con il suo motore SPS accesso, la cui scia circondava il globo terrestre e si estendeva oltre i bordi della toppa, a ricordare che la missione si sarebbe svolta in orbita terrestre. Il numero identificativo della missione era riportato secondo la numerazione romana, VII, ed era tracciato sull'Oceano Pacifico meridionale; i cognomi dei membri dell'equipaggio erano riportati, in basso, subito oltre il bordo del disco terrestre.[16] L'emblema fu disegnato da Allen Stevens di Rockwell International.[17]

PreparazioneModifica

 
Gli astronauti si apprestano ad iniziare una sessione di addestramento in un simulatore di volo

Secondo Cunningham, inizialmente Schirra aveva mostrato un interesse limitato nel prestare servizio in una terza missione spaziale, avendo invece iniziato a concentrarsi sulla sua carriera del dopo NASA. La tragedia dell'Apollo 1 cambiò questa sua disposizione: avrebbe comandato la prima missione con equipaggio dopo quel drammatico incendio; «Wally Schirra veniva raffigurato come l'uomo scelto per salvare il programma spaziale. E questo era un compito degno del suo interesse».[18] Eisele osservò che «sulla scia del fuoco, sapevamo che il destino e il futuro dell'intero programma spaziale con equipaggio, per non parlare delle nostre stesse vite, avrebbe viaggiato sul successo o sul fallimento dell'Apollo 7».[19]

Date le circostanze in cui era scaturito il dramma dell'Apollo 1, l'equipaggio inizialmente riservava poca fiducia nel personale dello stabilimento della North American Aviation di Downey, in California, responsabile della progettazione e costruzione del modulo di comando, e così si dichiarò determinato a seguire ogni fase della costruzione e test del proprio velivolo. Ciò avrebbe interferito con l'addestramento, ma, poiché i simulatori del modulo di comando non erano ancora pronti, sapevano che sarebbe passato molto tempo prima del lancio. Decisero quindi di trascorrere lunghi periodi di tempo a Downey, nel mentre che i simulatori venivano realizzati presso il Lyndon B. Johnson Space Center di Houston e al Kennedy Space Center (KSC) in Florida. Quando questi furono infine ultimati, l'equipaggio ebbe difficoltà a trovare abbastanza tempo per seguire anche i lavori di costruzione della navicella. Poterono però contare sull'aiuto dei colleghi degli equipaggi di riserva e di supporto. Gli astronauti assegnati alla missione lavorarono spesso per 12 o 14 ore al giorno. Dopo che il modulo di comando fu completato e inviato al KSC, il fulcro dell'addestramento dell'equipaggio si spostò in Florida, mentre a Houston si tenevano le riunioni tecniche e di pianificazione. Spesso gli astronauti furono costretti a rimanere al KSC anche nei fine settimana per partecipare all'addestramento o ai test dei veicoli spaziali, senza poter tornare alle loro case a Houston.[20] Secondo quanto scritto in un articolo del 2018 dell'ex astronauta Thomas Jones, Schirra, «con le prove indiscutibili dei rischi che il suo equipaggio avrebbe corso, aveva un'enorme influenza sulla direzione della NASA e della North American, e la utilizzò pienamente, riuscendo ad imporsi sia durante le riunioni, sia in catena di montaggio».[21]

 
L'equipaggio di Apollo 7 si addestra all'ammaraggio

L'equipaggio dell'Apollo 7 trascorse cinque ore in addestramento per ogni ora di volo della durata prevista (di undici giorni) della missione. Inoltre, partecipò a briefing tecnici e riunioni, oltre a dedicare del tempo allo studio da soli. Effettuarono specifici addestramenti per l'abbandono della rampa di lancio, per l'uscita dalla navetta dopo l'ammaraggio e impararono ad utilizzare le attrezzature antincendio. Una lunga sessione fu dedicata alla formazione sull'Apollo Guidance Computer svolta presso il MIT. Ogni membro dell'equipaggio trascorse 160 ore al simulatore del modulo di comando, alcune delle quali effettuate con la partecipazione in tempo reale del Centro di Controllo Missione a Houston.[22] Il test "plug-out" - quello durante il quale avevano perso la vita i membri dell'Apollo 1 - venne condotto a bordo del modulo di comando, ma con il portello aperto.[23] Questo perché uno dei motivi della morte dell'equipaggio dell'Apollo 1 fu che non riuscirono ad aprire il portello dall'interno prima che il fuoco li avvolgesse.[24]

Duplicati boilerplate del modulo di comando furono sottoposti a varie prove in vista della missione. Un duplicato del CM, con un equipaggio costituito da Joseph Kerwin, Vance Brand e Joe Engle, fu collocato in una camera a vuoto presso il Manned Spaceflight Center di Houston per otto giorni, per testare i sistemi del veicolo. Altri tre astronauti, James Lovell, Stuart Roosa e Charles Duke, trascorsero 48 ore in mare a bordo di un modulo di comando calato nel Golfo del Messico da una nave militare nell'aprile del 1968, per testare come i sistemi avrebbero risposto all'acqua di mare. Ulteriori test furono condotti il mese successivo a Houston. Fiamme furono volontariamente appiccate a bordo di un boilerplate, per valutare l'andamento degli incendi in presenza di atmosfere di diverse composizioni e pressioni. I risultati portarono alla decisione di utilizzare all'interno del modulo al momento del lancio un'atmosfera composta al 60% da ossigeno e al 40% da azoto, che sarebbe stata rimpiazzata nelle quattro ore seguenti da un'atmosfera di ossigeno puro, ma con pressione ridotta, per fornire un'adeguata protezione antincendio. Altri boilerplate furono lanciati per testare il sistema di rientro, verificando il funzionamento dei paracadute e stimare l'entità dei danni che avrebbe subito il veicolo se fosse caduto a terra invece che in mare. Tutti i risultati ottenuti furono soddisfacenti.[25]

 
L'equipaggio fa il suo ingresso nel modulo di comando sulla rampa di lancio

Durante il periodo che precedette la missione, i sovietici inviarono le sonde senza equipaggio Zond 4 e Zond 5 intorno alla Luna, facendo sembrare che stessero per effettuare una missione circumlunare con equipaggio. Lo sviluppo del modulo lunare (LM) statunitense stava subendo ritardi e il direttore del veicolo spaziale del programma Apollo George Low propose che, nel caso che Apollo 7 avesse avuto successo, la successiva missione Apollo 8 avrebbe potuto raggiungere l'orbita lunare seppur senza un LM. Il fatto che la proposta di Low fu accolta, alzò la posta in gioco per l'Apollo 7.[21][26] Secondo Stafford, Schirra «sentiva chiaramente tutto il peso del programma e di conseguenza divenne più apertamente critico e più sarcastico».[27]

Durante i programmi Mercury e Gemini, Guenter Wendt, ingegnere aeronautico della McDonnel, aveva avuto il compito di dirigere i tecnici della rampa di lancio, con la responsabilità ultima di assicurarsi dell'idoneità al volo del veicolo al momento del lancio. In tale ruolo si era guadagnato il rispetto e l'ammirazione degli astronauti, compreso quello di Schirra.[28] Durante il programma Apollo, la ditta North American aveva sostituito la McDonnell quale appaltatore per la realizzazione della navicella e, di conseguenza, Wendt - che non ricopriva più quel ruolo - non era presente durante la tragedia dell'Apollo 1.[29] Schirra fu irremovibile nel chiedere che Wendt tornasse alla direzione dei tecnici della rampa di lancio, riuscendo infine ad ottenere che la North American assumesse Wendt a tale scopo. Pretese inoltre che fosse di turno al momento del lancio di Apollo 7.[29]

MezziModifica

 
Il CSM-101 prima del lancio

Navicella spazialeModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Navicella spaziale Apollo.

L'Apollo 7 impiegò il modulo di comando e servizio 101 (CSM-101), il primo del tipo block II ad essere pilotato. Il veicolo era dotato delle interfacce (l'adattatore per modulo lunare, SLA) che avrebbero permesso l'attracco del modulo lunare,[30] sebbene nessun LEM sia stato impiegato nell'Apollo 7, e queste siano state impiegate per permettere l'aggancio tra la navetta e l'unità strumentale dell'S-IVB.[31][32] Il veicolo era stato dotato inoltre del sistema di fuga (launch escape system).[31]

In seguito all'incendio dell'Apollo 1, il modulo di comando e servizio era stato ampiamente riprogettato: erano state consigliate più di 1 800 modifiche, di cui 1 300 implementate per l'Apollo 7.[33] Tra queste spiccava il nuovo portello con apertura verso l'esterno in alluminio e fibra di vetro, che l'equipaggio avrebbe potuto aprire in sette secondi dall'interno e il personale della rampa di lancio in dieci secondi dall'esterno. Altre modifiche includevano la sostituzione dei tubi di alluminio del sistema dell'ossigeno ad alta pressione con tubi in acciaio inossidabile e la sostituzione di materiali infiammabili con materiali non infiammabili (compresi gli interruttori in plastica cambiati con corrispettivi in metallo). Per la protezione dell'equipaggio dagli eventuali fumi tossici che si sarebbero sviluppati in caso di incendio, inoltre, il modulo era stato dotato di una riserva di ossigeno di emergenza, così come di altre attrezzature antincendio.[34]

Durante la missione Gemini 3, Grissom attribuì il soprannomine Molly Brown alla navetta; dopo quest'episodio, la NASA proibì agli astronauti di conferire dei nomignoli ai veicoli spaziali.[35] Nonostante l'esistenza di questo divieto, Schirra chiese di poter chiamare la navetta "Phoenix", ma la NASA gli negò il permesso.[30] Il primo modulo di comando che avrebbe ricevuto un indicativo di chiamata diverso dalla designazione della missione sarebbe stato quello dell'Apollo 9 - la prima missione a trasportare un modulo lunare che si sarebbe separato dal modulo di comando, originando quindi la necessità di assegnare due nomi distinti ai due veicoli.[36]

 
Il Saturn IB dell'Apollo 7, SA-205, sulla rampa di lancio

Razzo vettoreModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Saturn IB.

Poiché era previsto che l'Apollo 7 avrebbe raggiunto solo l'orbita terrestre bassa senza trasportare alcun modulo lunare, quale razzo vettore era sufficiente un Saturn IB invece del più grande e potente Saturn V.[37] Il vettore, designato SA-205,[30] fu il quinto Saturn IB ad essere lanciato, anche se fu il primo a trasportare un equipaggio nello spazio. Si differenziava dai suoi predecessori per il fatto che erano state installate linee propulsive più forti nei motori J-2, in modo da prevenire il ripetersi dell'arresto anticipato che si era verificato durante il lancio dell'Apollo 6, senza equipaggio.[38]

Il Saturn IB era un razzo a due stadi, con il secondo stadio, S-IVB, simile al terzo stadio del Saturn V,[39] il razzo usato in tutte le successive missioni Apollo.[37] Dopo la chiusura del Programma Apollo, il Saturn IB verrà impiegato per trasportare gli equipaggi dello Skylab e per il programma test Apollo-Sojuz.[40]

L'Apollo 7 è stata l'unica missione Apollo con equipaggio a essere lanciata dal complesso di lancio 34 della Cape Canaveral Air Force Station. Tutti i successivi voli Apollo e Skylab (compreso l'Apollo-Soyuz) sarebbero stati lanciati dal complesso di lancio 39 presso il vicino Kennedy Space Center. Il Launch Complex 34 fu dichiarato ridondante e dismesso nel 1969, rendendo l'Apollo 7 l'ultima missione spaziale umana lanciata dalla Cape Kennedy Air Force Station.[37]

MissioneModifica

 
Il lancio

Gli scopi principali della missione erano dimostrare che il Block II fosse abitabile e affidabile per tutto il tempo necessario per una missione lunare e che il sistema di propulsione principale della navicella (SPS) e i sistemi di guida del modulo di comando fossero in grado di eseguire un rendezvous in orbita, un rientro atmosferico preciso, e un ammaraggio sicuro.[21] Oltre a ciò, vi era un'ulteriore serie di obiettivi specifici, tra cui la valutazione della qualità degli apparati di comunicazione e dell'accuratezza dei sistemi di bordo come gli indicatori del serbatoio del propellente. Molte delle attività finalizzate a raccogliere tali dati vennero programmate per l'inizio della missione, in modo che se fosse stato necessario interromperla prematuramente, queste sarebbero già state completate, consentendo di apportare le necessarie correzioni prima del successivo volo Apollo.[41]

LancioModifica

L'Apollo 7 fu la prima missione spaziale statunitense con equipaggio dopo un'interruzione durata 22 mesi. Il lancio avvenne dal complesso di lancio 34 di Cape Canaveral l'11 ottobre 1968 alle ore 15.02:45 UTC in condizioni di vento relativamente forte e proveniente da est.[33][42] Il lancio avvenne nonostante le condizioni meteorologiche violassero le regole di sicurezza; in caso di un malfunzionamento con conseguente necessità di interrompere l'ascesa, il modulo di comando avrebbe potuto non ammarare come previsto, venendo invece trascinato verso terra dal forte vento. L'Apollo 7 era equipaggiato con sedili dello stesso tipo di quelli impiegati nell'Apollo 1, che nelle missioni successive sarebbero stati sostituiti da un nuovo modello che avrebbe offerto maggiore protezione all'equipaggio. Schirra in seguito riferì che in quel momento riteneva che il lancio avrebbe dovuto essere annullato ma che i dirigenti fecero pressione affinché si continuasse.[21]

Il decollo avvenne in modo impeccabile; il Saturn IB, al primo lancio con equipaggio, si comportò ottimamente senza che si riscontrassero anomalie significative durante il suo funzionamento. Gli astronauti descrissero la fase di ascesa come «molto fluida».[33][43] Schirra, allora quarantacinquenne, stabilì il primato di anzianità in orbita.[44][45] Inoltre, fu l'unico astronauta a volare con missioni del programma Mercury, Gemini e Apollo.[11]

Test e simulazioniModifica

 
Lo stadio S-IVB del razzo vettore di Apollo 7 in orbita. È visibile il bersaglio utilizzato nelle simulazioni di attracco.

Nelle prime tre ore di volo, gli astronauti eseguirono due operazioni con cui mimarono quanto necessario per le missioni lunari. In primo luogo, simularono l'accensione del motore che avrebbe immesso la navicella Apollo nella traiettoria di inserzione lunare, manovrando il modulo ancora agganciato all'S-IVB. Quindi, dopo aver espulso quest'ultimo, Schirra girò il modulo di comando e servizio di 180° e simulò la manovra con cui le future navicelle Apollo in viaggio verso la Luna avrebbero estratto il modulo lunare dal terzo stadio del Saturn V, approcciando un bersaglio di attracco disegnato sull'S-IVB.[46] Dopo aver manovrato il modulo di comando per mantenere la formazione di volo con l'S-IVB per 20 minuti, Schirra pilotò la navicella a 122 km dal razzo, in preparazione per il tentativo di rendezvous in programma per il giorno successivo.[21]

Terminate le simulazioni, gli astronauti poterono gustare un pranzo caldo, il primo preparato su un'astronave statunitense.[46] Schirra aveva portato con sé del caffè istantaneo nonostante l'opposizione dei medici della NASA, i quali sostenevano che questo non aggiungesse nulla dal punto di vista nutrizionale.[47] Cinque ore dopo il lancio, riferì di essersi goduto il suo primo sacchetto di plastica pieno di caffè.[48]

Lo scopo del rendezvous era dimostrare la capacità del CSM di modificare la propria orbita e di sincronizzarsi a quella del modulo lunare, per poterlo recuperare una volta che questo avesse lasciato la superficie lunare o nel caso in cui un tentativo di allunaggio avesse dovuto essere interrotto.[49] Il test era in programma per il secondo giorno. Già alla fine del primo, Schirra riferì di accusare i sintomi del raffreddore e si rifiutò di attivare la telecamera di bordo, nonostante ciò fosse stato richiesto del Controllo missione ed anche Slayton avesse dato parere favorevole, indicando proprio il raffreddore e il programma molto fitto come cause per il diniego .[21]

 
Cunningham al lavoro durante la missione

Diversamente dalle successive missioni lunari, l'Apollo 7 non era stato equipaggiato di un radar ad hoc e questo complicò lo svolgimento del rendezvous. L'SPS, il motore che sarebbe stato utilizzato per immettere le navicelle Apollo in orbita lunare, era stato acceso solo sul banco di prova. Sebbene gli astronauti avessero fiducia nel suo funzionamento, erano anche preoccupati che un'anomalia nell'accensione potesse determinare la conclusione anticipata della missione. I calcoli relativi alla durata delle accensioni venivano generalmente eseguiti da terra, ma la manovra di avvicinamento all'S-IVB richiese che fosse Eisele, utilizzando un telescopio e un sestante, a calcolare direttamente le durate delle accensioni finali, con Schirra che comandava il sistema RCS della navetta. Eisele dichiarò in seguito che la violenta scossa provocata dall'attivazione dell'SPS lo sorprese. La spinta fece gridare a Schirra: «Yabba dabba doo!» in riferimento al cartone animato I Flintstones. Schirra pose la navetta vicino all'S-IVB, che stava ruotando fuori controllo, completando con successo il test.[21][50]

 
L'equipaggio durante la trasmissione televisiva

La prima trasmissione televisiva dallo spazio si svolse il 14 ottobre con l'inquadratura di un foglio con la scritta «Dalla bella stanza dell'Apollo in cima a tutto» («From the Lovely Apollo Room high atop everything»), che ricordava gli slogan usati dai leader delle band musicali nelle trasmissioni radiofoniche degli anni 1930. Cunningham si occupò delle riprese, mentre Eisele faceva da presentatore. Durante la trasmissione, durata complessivamente sette minuti, l'equipaggio mostrò l'interno della navicella spaziale e offrì al pubblico una vista degli Stati Uniti meridionali. Prima della chiusura, Schirra espose un altro cartello, «Mantenete quelle carte e lettere che arrivano, gente» («Keep those cards and letters coming in, folks!»), un altro slogan radiofonico del passato cheS-IVB era stato riusato di recente da Dean Martin.[51][52] Questa fu la prima trasmissione televisiva in diretta da un veicolo spaziale statunitense (Gordon Cooper aveva effettuato una registrazione a scansione lenta durante la missione Mercury-Atlas 9 nel 1963, ma le immagini furono talmente scarse di qualità da non venire mai trasmesse mentre navicelle spaziali sovietiche già in precedenti occasioni avevano avuto a bordo delle telecamere).[53] Secondo Jones, «questi astronauti apparentemente amabili hanno consegnato alla NASA un solido apporto nelle pubbliche relazioni».[21] Seguirono trasmissioni televisive a cadenza quotidiana di circa 10 minuti ciascuna, durante le quali l'equipaggio mostrò altre iscrizioni e istruì il pubblico sulle basi del volo spaziale; dopo il ritorno sulla Terra, ricevettero un premio Emmy speciale per le trasmissioni effettuate.[54]

 
Walter Schirra osserva il rendezvous dal CSM nel 9º giorno della missione

Più tardi, il 14 ottobre, il ricevitore di bordo del velivolo fu in grado di agganciarsi a un trasmettitore a terra, mostrando ancora una volta che il modulo di comando e servizio in orbita lunare avrebbe potuto mantenere il contatto con il LEM in risalita dalla superficie della Luna.[51] Per tutto il resto della missione, l'equipaggio continuò a condurre test sul CSM, mettendo alla prova il sistema propulsivo, di navigazione, elettrico e di controllo ambientale e termico. Tutto andò bene; secondo gli autori Francis French e Colin Burgess, «La navicella spaziale Apollo riprogettata appariva migliore di quanto chiunque avesse osato sperare».[55] Eisele scoprì, tuttavia, che la navigazione non era facile come previsto; trovava difficile utilizzare l'orizzonte terrestre per avvistare le stelle a causa della sfocatura data dagli strati dell'atmosfera mentre gli scarichi d'acqua rendevano difficile discernere quali tra i punti scintillanti fossero stelle e quali particelle di ghiaccio.[56] Durante la missione, il motore principale SPS era stato acceso per ben otto volte, con durate variabili da un minimo di mezzo secondo fino ad un massimo di dodici minuti. Ovviamente tali manovre determinarono delle variazioni dell'orbita, che rimase però sempre di tipo terrestre; fu raggiunta un'altitudine massima di 452 chilometri. Tutte le operazioni riuscirono perfettamente.[21]

Delle difficoltà derivarono dalla programmazione adottata per i periodi di sonno degli astronauti. Era stato previsto che un membro dell'equipaggio rimanesse sempre sveglio. Questa strategia non funzionò, poiché era difficile per gli astronauti lavorare negli spazi ristretti della navetta Apollo senza disturbare il compagno dormiente. In particolare, Eisele avrebbe dovuto rimanere sveglio mentre gli altri dormivano e riposare in parte del periodo di veglia degli altri. Cunningham in seguito ricordò, tuttavia, di essersi svegliato trovando Eisele addormentato.[57]

Disaccordi e rientroModifica

 
La penisola del Sinai vista dall'Apollo 7

Già a partire dal lancio si erano registrate tensioni tra l'equipaggio e i dirigenti della NASA, con Schirra che commentò con irritazione le pressioni ricevute da parte dei dirigenti affinché il decollo avvenisse anche in violazione delle regole di sicurezza sulle condizioni di vento, affermando che la missione li avesse posti in una condizione disperata in termini di rischio.[58] Anche Jones disse che «la disputa pre-lancio [era stata] il preludio a un tiro alla fune sulle decisioni di comando per il resto della missione».[21] La mancanza di sonno e il raffreddore accusato dal comandante probabilmente contribuirono ad esacerbare il conflitto tra gli astronauti e il centro di controllo missione durante tutto il volo.[59]

Anche il test della trasmissione televisiva provocò disaccordi tra l'equipaggio e Houston. Schirra usò queste parole con il centro di controllo: «Avete aggiunto due accensioni al programma di volo e avete aggiunto uno scarico di acqua e urina; e abbiamo un nuovo veicolo quassù, e posso dirvi che, a questo punto, la trasmissione televisiva sarà ritardata senza ulteriori discussioni fino a dopo il rendezvous».[21] Schirra in seguito scrisse: «Ci saremmo opposti a tutto ciò che potesse interferire con gli obiettivi principali della missione. In quel particolare sabato mattina, un programma televisivo costituiva chiaramente un'interferenza».[60] Eisele manifestò il proprio consenso con il collega nelle sue memorie: «Eravamo preoccupati per i preparativi per quella procedura critica e non volevamo distogliere la nostra attenzione con quelle che all'epoca sembravano banalità [...] Evidentemente le persone a terra percepivano la situazione diversamente; c'era una vero pregiudizio per l'equipaggio dell'Apollo 7 dalla testa calda e recalcitrante che non accettava ordini».[61] Sebbene alla fine Slayton abbia ceduto alle richieste di Schirra, l'atteggiamento del comandante sorprese i controllori di volo.[21]

 
L'equipaggio dell'Apollo 7 viene recuperato poco dopo essere ammarato

L'ottavo giorno di missione, dopo aver eseguito - come richiesto da terra - una procedura che portò al blocco del computer di bordo, Eisele comunicò via radio: «Non abbiamo ottenuto i risultati che stavate cercando. Non abbiamo ottenuto un accidenti, infatti [...] puoi scommetterci il culo... per quanto ci riguarda, qualcuno laggiù ha fatto un casino».[62] Schirra in seguito dichiarò di essere convinto che quella fosse stata l'unica occasione in cui Eisele avesse sconvolto il centro di controllo.[63] Il giorno successivo si registrarono altre occasioni di scontro, con Schirra che rivolto al responsabile delle comunicazioni presso il Controllo Missione, dopo aver dovuto effettuare più accensioni RCS per mantenere stabile la navicella durante un test, disse: «Vorrei che scoprissi il nome dell'idiota che ha ideato questo test. Lo vorrei scoprire».[21] Eisele si unì: «Mentre ci sei, scopri chi ha inventato il 'test dell'orizzonte P22'; anche questo è una bellezza».[21][64]

 
L'equipaggio a bordo della USS Essex alla fine della missione

Un'ulteriore fonte di tensione tra controllo missione ed equipaggio furono i caschi che gli astronauti avrebbero dovuto indossare durante il rientro. Dopo Schirra, anche Eisele e Cunningham avevano contratto il raffreddore e l'assenza di gravità li obbligava a soffiarsi il naso continuamente, perché la secrezione nasale non colava naturalmente verso il basso. E così, con largo anticipo sulla data di rientro della missione, Schirra e gli altri più volte insistettero per eseguire la manovra di rientro senza indossare gli appositi guanti ed il casco della tuta spaziale. Temevano anche che lo sbalzo di pressione che avrebbero incontrato durante la discesa avrebbe potuto causare loro lo scoppio dei timpani. La NASA si piegò ad accogliere la richiesta solo dopo una lunga ed accurata discussione. Ad esempio, Christopher Kraft, dirigente NASA, pretese una spiegazione dal CAPCOM, Thomas Stafford, per quella che riteneva potesse essere un'insubordinazione di Schirra. Kraft in seguito affermò: «Schirra stava esercitando il diritto del suo comando di avere l'ultima parola, e basta».[21]

Dopo 10 giorni di volo gli astronauti avviarono le procedure di rientro. A tale scopo, accesero i retrorazzi frenanti per 12 secondi. Quattro minuti dopo il modulo di servizio venne staccato dal modulo di comando. Durante la fase di rientro nell'atmosfera terrestre gli astronauti dovettero sopportare una decelerazione fino a 3,3 g. Durante gli ultimi sei minuti la discesa venne frenata da appositi paracadute. Dall'accensione dei retrorazzi fino all'effettivo atterraggio nel mare caraibico era passata mezz'ora; erano le ore 11:11:48 UTC del 22 ottobre 1968. La capsula dell'Apollo atterrò a 370 km dalle Bermuda, capovolta, cioè con la punta sott'acqua. Comunque, poté essere raddrizzata mediante appositi sacchi d'aria che si gonfiarono immediatamente. Gli astronauti vennero recuperati dall'elicottero di soccorso e portati a bordo della portaerei USS Essex. La missione era durata complessivamente 10 giorni, 20 ore, 9 minuti e 3 secondi.[21][65]

Valutazione della missione e futuro dell'equipaggioModifica

 
Gli astronauti dell'Apollo 7 e dell'Apollo 8 alla Casa Bianca con il presidente Lyndon Johnson, la first lady, il vicepresidente Hubert Humphrey, il dirigente NASA James Webb e Charles Lindbergh

La missione dell'Apollo 7 non fu solamente la dimostrazione dell'idoneità al volo della navicella, ma anche di tutte le procedure collegate, come l'assemblaggio del razzo vettore, i preparativi di lancio e la direzione di volo. Dopo la missione, la NASA assegnò a Schirra, Eisele e Cunningham la NASA Exceptional Service Medal in riconoscimento del loro successo. Le medaglie furono consegnate ai tre astronauti il 2 novembre 1968 dal presidente Lyndon Johnson in una cerimonia a Johnson City, in Texas. Nella stessa occasione, venne insignito della NASA Distinguished Service Medal l'amministratore della NASA James Webb, andato recentemente in pensione, per la sua «eccezionale capacità di comando del programma spaziale americano».[66] Johnson invitò anche l'equipaggio alla Casa Bianca ed essi vi si recarono nel dicembre del 1968.[67]

Nonostante gli scontri che occorsero tra l'equipaggio e il personale del centro di controllo, la missione raggiunse con successo i suoi obiettivi relativi alla verifica dell'idoneità al volo del modulo di comando e servizio Apollo, consentendo ad Apollo 8 di decollare alla volta della Luna soltanto due mesi più tardi.[68] John McQuiston scrisse sul New York Times dopo la morte di Eisele nel 1987 che il successo dell'Apollo 7 portò una rinnovata fiducia al programma spaziale della NASA.[54] Secondo Jones, «Tre settimane dopo il ritorno dell'equipaggio dell'Apollo 7, l'amministratore della NASA Thomas O. Paine dette il via libera affinché l'Apollo 8 fosse lanciato alla fine del dicembre seguente e raggiungesse l'orbita della Luna. Un altro equipaggio, nove mesi dopo, avrebbe potuto raggiungere il Mare della Tranquillità».[21]

 
L'Apollo 7 impegnato in una sessione di debriefing, 23 ottobre 1968

Il generale Sam Phillips, il responsabile del programma Apollo, disse all'epoca: «Apollo 7 entra nel mio libro come una missione perfetta. Abbiamo raggiunto il 101 percento dei nostri obiettivi».[21] Kraft disse: «Schirra e il suo equipaggio hanno fatto tutto, o almeno tutto ciò che contava [...] hanno dimostrato con soddisfazione di tutti che il motore SPS era uno dei più affidabili che avessimo mai inviato nello spazio. Hanno gestito il modulo di comando e di servizio con vera professionalità».[69] Eisele scrisse: «Eravamo insolenti, prepotenti e machiavellici a volte. Chiamala paranoia, chiamala intelligenza: ma ha portato a termine il lavoro. Abbiamo fatto un ottimo volo».[70][21] Kranz ha dichiarato nel 1998, «ci guardiamo tutti indietro ora con una prospettiva più ampia. Schirra non era davvero così male come sembrava in quel momento [...] In conclusione, anche con un comandante scontroso, abbiamo lavorato come una squadra».[71]

Nessuno dei membri dell'equipaggio dell'Apollo 7 volò nuovamente nello spazio.[72][52] Secondo Jim Lovell, «L'Apollo 7 è stato un volo di grande successo, hanno fatto un ottimo lavoro, ma è stato un volo molto controverso. Hanno tutti sgridato le persone a terra in modo considerevole e penso che questo abbia messo fine ai loro voli futuri».[73] Schirra aveva annunciato, prima del volo, il suo ritiro dalla NASA e dalla Marina, a partire dal 1º luglio 1969.[74] Tuttavia, anche la carriera degli altri due membri dell'equipaggio subì dei rallentamenti dopo l'Apollo 7; secondo alcuni, Kraft disse a Slayton che non era disposto a lavorare in futuro con nessun membro dell'equipaggio.[75] Cunningham, cui furono riferite le parole di Kraft, lo affrontò all'inizio del 1969; Kraft negò di aver mai detto nulla del genere, «ma la sua reazione non apparve neppure di indignata innocenza».[76] È possibile pure che la carriera di Eisele sia stata danneggiata dal fallimento del primo matrimonio (fu il primo astronauta in attività a divorziare), cui ne seguì rapidamente un secondo. Inoltre, la sua prestazione come comandante di riserva per l'Apollo 10 non fu giudicata all'altezza.[77] Eisele si dimise dall'Ufficio astronauti nel 1970, anche se rimase con la NASA al Langley Research Center in Virginia fino al 1972, quando poté andare in pensione.[78][79] Cunningham fu nominato capo dello Skylab. Riferì che gli era offerto in modo informale il comando del primo equipaggio dello Skylab, ma quando questo andò invece al comandante dell'Apollo 12 Pete Conrad e a lui venne offerta la posizione di comandante di riserva, si dimise da astronauta nel 1971.[80][81]

CimeliModifica

 
Il modulo di comando dell'Apollo 7 in esposizione al Frontiers of Flight Museum a Dallas

Nel gennaio 1969, il modulo di comando dell'Apollo 7 fu esposto su un carro della NASA alla cerimonia di inaugurazione della presidenza di Richard Nixon a cui parteciparono anche gli astronauti dell'Apollo 7. Dopo essere stato trasferito alla Smithsonian Institution nel 1970, il modulo venne prestato al Canada Science and Technology Museum di Ottawa in Ontario che l'ha tenuto fino al 2004 quando lo ha restituito agli Stati Uniti.[82] Attualmente, il modulo di comando dell'Apollo 7 è in prestito al Frontiers of Flight Museum di Love Field a Dallas, in Texas.[83]

Nei mediaModifica

 
Barbara Eden e Bob Hope con gli astronauti dell'Apollo 7

Il 6 novembre 1968, il comico Bob Hope trasmise uno dei suoi speciali televisivi di varietà dal Manned Spacecraft Center della NASA a Houston per onorare l'equipaggio dell'Apollo 7. Barbara Eden, protagonista della popolare serie comica I Dream of Jeannie, che comprendeva astronauti immaginari tra i suoi personaggi regolari, è apparsa con Schirra, Eisele e Cunningham.[67]

Schirra sfruttò il raffreddore contratto durante la missione per un contratto pubblicitario televisivo come portavoce di Actifed, una versione "da banco" del medicinale che aveva preso nello spazio.[84]

La missione Apollo 7 è stata trasposta nell'episodio intitolato We Have Cleared the Tower della miniserie del 1998 Dalla Terra alla Luna, con Mark Harmon nei panni di Schirra, John Mese in quelli di Eisele, Fredric Lehne in quelli di Cunningham e Nick Searcy nella parte di Slayton.[85]

Nel tratteggiare la storia della missione su History per il cinquantenario dell'allunaggio dell'Apollo 11, fu scelta una descrizione per l'Apollo 7 alquanto provocatoria: The Apollo Mission That Nearly Ended With a Mutiny in Space (la missione Apollo che quasi terminò con un ammutinamento nello spazio),[52] a sottolineare quanto l'impatto delle tensioni che si verificarono tra equipaggio e controllo missione fosse ancora vivo mezzo secolo dopo la conclusione della missione.[86]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Steve Garber, Sputnik and The Dawn of the Space Age, su history.nasa.gov, NASA, 10 ottobre 2007. URL consultato il 23 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 18 novembre 2004).
  2. ^ (EN) Roger D. Launius, Apollo: A Retrospective Analysis, su hq.nasa.gov, NASA, luglio 1994. URL consultato il 23 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2017).
  3. ^ a b c Orloff e Harland, 2006, p. 171.
  4. ^ Press Kit, p. 68.
  5. ^ French e Burgess, 2007, pp. 689–691.
  6. ^ French e Burgess, 2007, pp. 955–957.
  7. ^ Stafford, 2002, pp. 552–556.
  8. ^ Chaikin, 1995, pp. 12–18.
  9. ^ Scott e Leonov, 2006, pp. 193–195.
  10. ^ Cunningham, 2003, p. 113.
  11. ^ a b (EN) Thomas Watkins, Astronaut Walter Schirra dies at 84, in Valley Morning Star, Harlingen, Texas, Associated Press, 3 maggio 2007. URL consultato il 4 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2013).
  12. ^ (EN) Ed Karrens, 1968 Year in Review: 1968 in Space, in E. W. Scripps (a cura di), UPI.com, United Press International, 1968. URL consultato il 6 luglio 2013.
  13. ^ Orloff e Harland, 2006, p. 568.
  14. ^ (EN) ORAL HISTORY TRANSCRIPT (PDF), su historycollection.jsc.nasa.gov, luglio 2000.
  15. ^ Orloff e Harland, 2006, pp. 171-172.
  16. ^ (EN) Designed Insignia for Astronauts, in The Humboldt Republican, Humboldt, Iowa, 6 novembre 1968, p. 12. Ospitato su Newspapers.com.
  17. ^ (EN) Ed Hengeveld, The man behind the Moon mission patches, su collectSPACE, Robert Pearlman, 20 maggio 2008. URL consultato il 6 luglio 2013.
  18. ^ Cunningham, 2003, pp. 115–116.
  19. ^

    «Coming on the heels of the fire, we knew the fate and future of the entire manned space program—not to mention our own skins—was riding on the success or failure of Apollo 7»

    (Eisele, 2017, p. 38)
  20. ^ Eisele, 2017, pp. 35–39.
  21. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s Jones, 2018.
  22. ^ Press Kit, pp. 55–57.
  23. ^ Press Kit, pp. 37, 41.
  24. ^ Orloff e Harland, 2006, pp. 110–115.
  25. ^ Press Kit, pp. 70–75.
  26. ^ Chaikin, 1995, p. 76.
  27. ^ Stafford, 2002, p. 616.
  28. ^ (EN) Robe Pearlman, Guenter Wendt, 86, 'Pad Leader' for NASA's moon missions, dies, su collectSPACE, Robert Pearlman, 3 maggio 2010. URL consultato il 12 giugno 2014.
  29. ^ a b Farmer e Hamblin, 1970, pp. 51–54.
  30. ^ a b c Orloff e Harland, 2006, p. 172.
  31. ^ a b Press Kit, pp. 25-26.
  32. ^ Mission Report, p. A-43.
  33. ^ a b c (EN) Day 1, part 1: Launch and ascent to Earth orbit, in Apollo 7 Flight Journal, 2 aprile 2018. URL consultato il 12 ottobre 2020.
  34. ^ Press Kit, p. 29.
  35. ^ Shepard, Slayton e Barbree, 1994, pp. 227-228.
  36. ^ French e Burgess, 2007, p. 340.
  37. ^ a b c (EN) David S. F. Portree, A Forgotten Rocket: The Saturn IB, in Wired, New York, Condé Nast, 16 settembre 2013. URL consultato il 4 ottobre 2013.
  38. ^ Press Kit, pp. 3, 33.
  39. ^ Press Kit, p. 31.
  40. ^ (EN) Saturn 1B, in Space Launch Report, Ed Kyle, 6 dicembre 2012. URL consultato il 14 ottobre 2020.
  41. ^ Press Kit, p. 6.
  42. ^ (EN) Jeanne Ryba, Apollo 7, su nasa.gov, NASA, 8 luglio 2009. URL consultato il 27 maggio 2017.
  43. ^ (EN) Day 1, part 2: CSM/S-IVB orbital operations, in Apollo 7 Flight Journal, 2 aprile 2018. URL consultato il 15 ottobre 2020.
  44. ^ (EN) Robert W. Peterson, Space: from Gemini to the Moon & Beyond, Facts on File, 1972, p. 134, ISBN 9780871961570.
  45. ^ (EN) Robin Kerrod, The Illustrated History of Man in Space, Mallard Press, 1989, p. 58, ISBN 9780792450405.
  46. ^ a b (EN) John Noble Wilford, 3 on Apollo 7 circling Earth in 11-day test for moon trip, in The New York Times, 12 ottobre 1968, pp. 1, 20.
  47. ^ Schirra, 1988, pp. 192–193.
  48. ^ (EN) Day 1, part 4: Remainder (preliminary), in Apollo 7 Flight Journal, 2 aprile 2018. URL consultato il 17 ottobre 2020.
  49. ^ Press Kit, p. 14.
  50. ^ Eisele, 2017, pp. 63–68.
  51. ^ a b (EN) John Noble Wilford, Orbiting Apollo craft transmits TV show, in The New York Times, 15 ottobre 1968, pp. 1, 44.
  52. ^ a b c Eric Niiler, The Apollo Mission That Nearly Ended With a Mutiny in Space, su history.com, A&E Television Networks, LLC, 11 ottobre 2019. URL consultato il 27 ottobre 2022.
  53. ^ Steven-Boniecki, 2010, pp. 55–58.
  54. ^ a b (EN) John T. McQuiston, Donn F. Eisele, 57: One of 3 crewmen On Apollo 7 mission, in The New York Times, 3 dicembre 1987, p. 58.
  55. ^ French e Burgess, 2007, pp. 1011–1012.
  56. ^ French e Burgess, 2007, pp. 1012–1014.
  57. ^ French e Burgess, 2007, pp. 1015–1018.
  58. ^ Schirra disse «The mission pushed us to the wall in terms of risk» (Schirra, 1988, p. 200), utilizzando un'espressione idiomatica inglese.
    (EN) push to the wall, su The Free Dictionary, Farlex, Inc. URL consultato il 26 ottobre 2022.
  59. ^ French e Burgess, 2007, pp. 1021–1022.
  60. ^ Schirra, 1988, p. 202.
  61. ^ Eisele, 2017, pp. 71–72.
  62. ^

    «We didn't get the results that you were after. We didn't get a damn thing, in fact ... you bet your ass ... as far as we're concerned, somebody down there screwed up royally when he laid that one on us.»

    (Eisele, riportato da French e Burgess, 2007, p. 1032)
  63. ^ French e Burgess, 2007, p. 1032.
  64. ^ (EN) Day 9 (preliminary), in Apollo 7 Flight Journal, 14 giugno 2019. URL consultato il 27 novembre 2020.
  65. ^ Orloff e Harland, 2006, p. 180.
  66. ^ (EN) Remarks at a Ceremony Honoring the Apollo 7 Astronauts and Former NASA Administrator James E. Webb, su presidency.ucsb.edu, 2 novembre 1968.
  67. ^ a b (EN) 50 years ago, accolades for Apollo 7 astronauts, su nasa.gov, NASA, 11 dicembre 2018. URL consultato il 21 ottobre 2020.
  68. ^ (EN) Robert Z. Pearlman, First Apollo flight crew last to be honored, su collectSPACE, Robert Pearlman, 20 ottobre 2008. URL consultato il 12 giugno 2014.
  69. ^

    «Schirra and his crew did it all—or at least all of it that counted ... [T]hey proved to everyone's satisfaction that the SPS engine was one of the most reliable we'd ever sent into space. They operated the Command and Service Modules with true professionalism.»

    (Christopher Kraft, come riportato da Jones, 2018)
  70. ^

    «We were insolent, high-handed, and Machiavellian at times. Call it paranoia, call it smart—it got the job done. We had a great flight.»

    (Eisele, 2017, p. 72)
  71. ^ French e Burgess, 2007, pp. 1073–1074.
  72. ^ French e Burgess, 2007, pp. 1077–1078.
  73. ^

    «Apollo 7 was a very successful flight—they did an excellent job—but it was a very contentious flight. They all teed off the ground people quite considerably, and I think that kind of put a stop on future flights [for them].»

    (Commento di Jim Lovell, come riportato da French e Burgess, 2007, pp. 1077–1078)
  74. ^ Schirra, 1988, p. 189.
  75. ^ French e Burgess, 2007, pp. 1074–1075.
  76. ^ Cunningham, 2003, p. 183.
  77. ^ Cunningham, 2003, pp. 217–220.
  78. ^ French e Burgess, 2007, pp. 1116–1121.
  79. ^ Eisele, 2017, pp. 121–122.
  80. ^ French e Burgess, 2007, pp. 1079–1082.
  81. ^ Cunningham, 2003, p. 291.
  82. ^ (EN) Forty years of astronauts, moon craft in the Presidential Inaugural Parade, su collectSPACE, Robert Pearlman, 19 gennaio 2009. URL consultato il 21 ottobre 2020.
  83. ^ (EN) Location of Apollo Command Modules, su airandspace.si.edu, National Air and Space Museum. URL consultato il 27 agosto 2019.
  84. ^ (EN) 40th Anniversary of Mercury 7: Walter Marty Schirra Jr., su history.nasa.gov, NASA. URL consultato il 21 ottobre 2020.
  85. ^ (EN) From the Earth to the Moon, su tv.verizon.com, Verizon. URL consultato il 21 ottobre 2020.
  86. ^ (EN) Bill Andrews, Apollo 7: NASA’s first mini-mutiny in space, su astronomy.com, 9 ottobre 2018. URL consultato il 28 ottobre 2022.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • (EN) David Woods, Dave Hardin, Rob McCray e Alexander Turhanov, The Apollo 7 Flight Journal, su history.nasa.gov, NASA History Division, NASA, 3 agosto 2019. URL consultato il 29 ottobre 2022.
Controllo di autoritàLCCN (ENno2001081165
  Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica