Apri il menu principale

Tirannione il Giovane in origine chiamato Diocle (... – ...) è stato un grammatico greco antico vissuto nel I secolo a.C. nato in Fenicia. Omonimo e contemporaneo del grammatico Tirannione il Vecchio, suo maestro da cui prese il soprannome, fu fatto prigioniero durante la guerra fra Marco Antonio e Ottaviano e, portato a Roma, fu comprato da Dima, liberto di Ottaviano [1]. Come liberto fu al servizio di Terenzia, moglie ripudiata di Cicerone che lo liberò [2].

Discepolo di Tirannione il Vecchio, divenne a sua volta maestro intorno al 45 a.C. di Strabone. Aprì una scuola di grammatica a Roma. Scrisse diverse opere che è difficile distinguere nell'attribuzione da quelle di Tirannione il Vecchio. Probabilmente fu autore di un'opera dove teorizzava la derivazione della lingua latina da quella greca [3] e di una dove riportava la versione esatta dei poemi omerici. [4]

NoteModifica

  1. ^ Charles Rollin, Storia antica e romana di Carlo Rollin, Volume 19, tip. G. Galletti, 1829, p.243
  2. ^ Enciclopedia Italiana Treccani
  3. ^ Altri autori attribuiscono questa teoria a Tirannione il Vecchio (In Emilio Gabba, Roma arcaica: storia e storiografia, Ed. di Storia e Letteratura, 2000 p.160
  4. ^ Charles Rollin. Op.cit. ibidem