Apri il menu principale
Thomas Emmett Hayden

Thomas Emmett Hayden noto come Tom Hayden (Royal Oak, 11 dicembre 1939Santa Monica, 23 ottobre 2016) è stato un attivista e scrittore statunitense conosciuto in particolare per le sue azioni di protesta contro la guerra del Vietnam e a favore dell'integrazione degli afroamericani, ed è stato uno dei più noti attivisti statunitensi per la causa liberale.[1]

BiografiaModifica

I suoi genitori, Genevieve Isabelle Garity e John Francis Hayden, erano di origine irlandese. Suo padre era un ex marine che lavorava per la Chrysler come contabile ed era anche un violento alcolista. Quando Hayden aveva 10 anni, i due divorziarono e sua madre lo crebbe da sola[2].

Dopo le scuole primarie, Hayden frequentò la Dondero High School nel suo paese di nascita, quindi l'Università del Michigan, dove fu redattore del Michigan Daily.

Nel 1961 Hayden sposò Sandra "Casey" Cason, un'attivista per i diritti civili che lavorava per lo Student Nonviolent Coordinating Committee (SNCC), il comitato per il coordinamento degli studenti non violenti [3][4]: i due avrebbero divorziato nel 1965.

Hayden fu uno dei promotori del gruppo di studenti attivisti di sinistra Students for a Democratic Society (SDS)[2] e ne fu presidente dal 1962 al 1963; in seguito si unì ai Freedom Riders nel profondo Sud degli Stati Uniti. Durante una protesta in Mississippi fu duramente picchiato, arrestato e incarcerato a Albany, in Georgia[5] il giorno del suo ventiduesimo compleanno[1]. Mentre era in carcere iniziò a redigere il manifesto del gruppo SDS[6], Port Huron Statement (dichiarazione di Port Huron) per divulgare il concetto di democrazia partecipativa[7]. Nel 1965 visitò per la prima volta i territori di guerra nel Vietnam: trattandosi di un viaggio non autorizzato, fu costantemente tenuto d'occhio dall'FBI[8].

Fu arrestato nuovamente per aver partecipato alle violente proteste originatesi durante il congresso del Partito Democratico del 1968 a Chicago; fu uno degli imputati del processo del "Chicago Seven"[9], accusati di cospirazione e incitamento alla violenza[10].

Nel 1973, Hayden sposò l'attrice Jane Fonda. Nello stesso anno, la coppia ebbe un figlio, Troy O'Donovan Garity Hayden, che sarebbe diventato attore con lo pseudonimo di Troy Garity[11]. Fonda, che aveva già compiuto un viaggio di protesta in Vietnam nel 1972, si impegnò insieme al marito contro la guerra del Vietnam[12]; nel 1974, i due produssero insieme a Haskell Wexler e altri il film documentario Introduction to the Enemy, che narrava i loro viaggi attraverso il Nord e il Sud del Vietnam nella primavera del 1974. Hayden e Fonda divorziarono nel 1990[9].

Hayden fu membro della Assemblea generale della California (1982–1992) e del Senato della California (1992–2000)[13], e si è battuto tra l'altro per i diritti degli immigrati, dei rifugiati, degli afroamericani, dei latinoamericani[14].

Nel gennaio 2008 Hayden rese pubblico il suo sostegno alla candidatura come presidente di Barack Obama[15].

Nel 2016, Hayden fu rappresentante della California al comitato nazionale democratico[10] e annunciò prima il suo sostegno a Bernie Sanders ma poi si schierò invece con Hillary Clinton[16].

Al momento della sua morte dopo una lunga malattia, Hayden viveva a Los Angeles con la moglie Barbara Williams.

Opere (parziale)Modifica

  • The Port Huron Statement, 1962
  • The Other Side, 1966
  • Rebellion in Newark: Official Violence and Ghetto Response, 1967
  • Trial, 1970
  • The Love of Possession Is a Disease with Them, 1972
  • Vietnam: The Struggle for Peace, 1972–73, 1973
  • The American Future: New Visions Beyond Old Frontiers, 1980
  • Reunion: A Memoir, 1988
  • The Lost Gospel of the Earth: A Call for Renewing Nature, Spirit and Politics, 1996
  • Irish Hunger, 1997
  • Irish on the Inside: In Search of the Soul of Irish America, 2001
  • Rebel: A Personal History of the 1960s, 2003
  • Street Wars: Gangs and the Future of Violence, 2004
  • Radical Nomad: C. Wright Mills and His Times with Contemporary Reflections by Stanley Aronowitz, Richard Flacks and Charles Lemert, 2006
  • Ending the War in Iraq, 2007
  • Writings for a Democratic Society: The Tom Hayden Reader, 2008
  • Voices of the Chicago 8: A Generation on Trial, 2008
  • The Long Sixties: From 1960 to Barack Obama, 2009
  • Bring on the Iraq Syndrome: Tom Hayden in Conversation with Theodore Hamm, 2007
  • Listen, Yankee!: Why Cuba Matters, 2015
  • Hell No: The Forgotten Power of the Vietnam Peace Movement, 2017

NoteModifica

  1. ^ a b Michael Finnegan, 'The radical inside the system': Tom Hayden, protester-turned-politician, dies at 76, su latimes.com. URL consultato il 24 gennaio 2019.
  2. ^ a b (EN) Tom Hayden, su Biography. URL consultato il 24 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2018).
  3. ^ (EN) Godfrey Hodgson, Tom Hayden obituary, in The Guardian, 27 ottobre 2016. URL consultato il 24 gennaio 2019.
  4. ^ (EN) Casey Hayden, su SNCC Digital Gateway. URL consultato il 24 gennaio 2019.
  5. ^ Linda Deutsch, Tarek Hamada, Through his life, Tom Hayden dedicated to changing the world, su AP NEWS, 24 ottobre 2016. URL consultato il 27 gennaio 2019.
  6. ^ (EN) Kevin Biglin Daily Staff Reporter, Tom Hayden, University alum and civil rights activist, dies at 76, su The Michigan Daily. URL consultato il 24 gennaio 2019.
  7. ^ (EN) Tom Hayden, Participatory Democracy: From the Port Huron Statement to Occupy Wall Street, 27 marzo 2012. URL consultato il 24 gennaio 2019.
  8. ^ (EN) Associated Press, Tom Hayden, 1960s anti-war activist, dies at 76, in The Guardian, 24 ottobre 2016. URL consultato il 27 gennaio 2019.
  9. ^ a b (EN) Robert D. McFadden, Tom Hayden, Civil Rights and Antiwar Activist Turned Lawmaker, Dies at 76, in The New York Times, 24 ottobre 2016. URL consultato il 24 gennaio 2019.
  10. ^ a b (EN) History com Editors, The "Chicago Seven" go on trial, su HISTORY. URL consultato il 24 gennaio 2019.
  11. ^ (EN) Daniel S. Levine, Troy Garity, Tom Hayden’s Son: 5 Fast Facts You Need to Know, su Heavy.com, 24 ottobre 2016. URL consultato il 24 gennaio 2019.
  12. ^ È morto Tom Hayden, attivista ed ex marito di Jane Fonda, su Spettacoli - La Repubblica, 24 ottobre 2016. URL consultato il 24 gennaio 2019.
  13. ^ (EN) Tom Hayden | Biography, Facts, & Role in SDS, su Encyclopedia Britannica. URL consultato il 24 gennaio 2019.
  14. ^ (EN) Frank de Jesús Acosta, The History of Barrios Unidos: Healing Community Violence, Arte Publico Press, 2007, ISBN 9781611920482. URL consultato il 27 gennaio 2019.
  15. ^ (EN) James Ridgeway, 'I am just an old politician' ... Activist Tom Hayden on the race for the White House, in The Guardian, 13 ottobre 2008. URL consultato il 24 gennaio 2019.
  16. ^ (EN) Miles Mogulescu, My Last Visit With Tom Hayden and Why He Endorsed Hillary Over Bernie, su Huffington Post, 25 ottobre 2016. URL consultato il 24 gennaio 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN74171354 · ISNI (EN0000 0001 0916 3277 · LCCN (ENn80098112 · GND (DE123409764 · BNF (FRcb155874930 (data) · NDL (ENJA00442760 · WorldCat Identities (ENn80-098112