Apri il menu principale

Trattamento dell'infezione da HIV

terapia multifarmaco per il controllo dell'infezione da HIV

1leftarrow blue.svgVoce principale: HIV.

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Il trattamento dell'infezione da HIV è un processo di cure farmacologiche imperniato sull'impiego di farmaci antivirali, avente l'obiettivo di ridurre al minimo la presenza del virus all'interno dell'organismo e permettere al sistema immunitario di tornare ad un livello di attività minimo.

Si tratta di una delle pietre miliari della medicina moderna, avendo permesso un notevole aumento della sopravvivenza dei malati di AIDS, precedentemente condannati nella grande maggioranza dei casi a soccombere a causa di un'infezione opportunistica o di altre complicanze[1]: infatti, grazie alla terapia farmacologica, attualmente l'aspettativa di vita dei pazienti che presentano un'infezione da HIV e assumono la terapia è paragonabile a quella dei soggetti sani[2].

La terapia HAART (sigla di Highly Active AntiRetroviral Therapy, "terapia antiretrovirale altamentente attiva") rappresenta il principale approccio terapeutico delle infezioni da parte del virus HIV nei paesi sviluppati. Essa si basa sull'utilizzo combinato di varie classi di farmaci allo scopo di abbattere la carica virale, in modo da stabilizzare il sistema immunitario del paziente e prevenire eventuali infezioni opportunistiche[3].

StoriaModifica

Il primo farmaco approvato dall'FDA per il trattamento antiretrovirale fu la azitotimidina (AZT), un inibitore della trascrittasi inversa (RTI), che entrò in commercio nel 1987[4]. Tale avvenimento spianò la via alla produzione di altri farmaci della stessa classe (didanosina, zalcitabina, ecc)[5]. Tuttavia ben presto apparve chiaro che tali farmaci spesso risultavano inefficaci se somministrati singolarmente, a causa della diffusa comparsa di mutazioni del virus che determinavano resistenza alla terapia[6][7] (si tentò di ovviare al problema aumentando le dosi, ma ciò ebbe come risultato la comparsa di vari effetti collaterali[8][9] nonché l'inasprimento e la diffusione delle resistenze ai farmaci[10]).

A partire dal 1992 si iniziò quindi a sperimentare una duplice terapia, ovvero la somministrazione combinata di due farmaci (come zalcitabina e AZT), la quale in vari trial clinici dimostrò importanti capacità di riduzione della mortalità rispetto alla semplice monoterapia[11].

Nel 1995 venne approvato il saquinavir, capostipite della classe degli inibitori della proteasi[12], i quali da allora vennero implementati negli schemi terapeutici ed utilizzati assieme alla duplice terapia, con risultati ancora migliori sotto il profilo della conta dei CD4 e della mortalità[11]: a partire dalla seconda metà degli anni '90 si iniziò quindi a definire questo approccio terapeutico basato sull'uso di almeno tre farmaci "Highly Active AntiRetroviral Therapy", o HAART[13], differenziandolo dalla terapia antivirale generica (che da allora viene definita "AntiRetroviral Therapy", ART).

Farmaci utilizzatiModifica

Lo schema terapeutico può avvalersi di varie classi di farmaci, ognuno con una propria attività e bersaglio, diverso a seconda dello stadio di maturazione virale. Generalmente vengono impiegati due inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa assieme ad un altro tipo di farmaco, come un inibitore della proteasi o un inibitore dell'integrasi virale: lo schema iniziale può essere modificato a seconda dello sviluppo o meno di resistenze.

 
Abacavir, un inibitore nucleosidico della trascrittasi inversa (NARTI or NRTI)

Inibitori nucleosidici e nucleotidici della trascrittasi inversaModifica

Si tratta di analoghi nucleosidici o nucleotidici, che vengono riconosciuti dalla trascrittasi inversa ed inseriti nella catena di DNA che l'enzima sta producendo utilizzando l'RNA virale come stampo. Questi analoghi nucleosidici/nucleotidici agiscono come terminatori: una volta inseriti l'allungamento della sequenza di DNA viene interrotto (gli analoghi non presentano i gruppi ossidrilici in posizione 3' e conseguentemente non possono legare altri nucleosidi) e pertanto la produzione di DNA virale risulta difettiva.

A questa classe appartengono AZT, lamivudina, tenofovir e emtricitabina[14].

Inibitori non nucleosidici della trascrittasi inversaModifica

Questi farmaci bloccano l'enzima tramite regolazione allosterica, ovvero non legandosi al sito attivo dell'enzima (come gli analoghi nucleosidici) ma ad un'altra sua parte, detta sito allosterico. La nevirapina, ad esempio, si lega ad una tasca idrofobica vicina al sito attivo, impedendo stericamente l'allungamento della catena di DNA[15].

HIV-2 risulta intrinsecamente resistente a questa classe di farmaci[16].

Attualmente vengono impiegati sia farmaci di prima generazione (nevirapina, efavirenz) sia di seconda generazione, più recenti (rilpivirina)[17].

Inibitori della proteasiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Inibitori della proteasi.

Le proteine virali vengono prodotte a partire da lunghe catene polipeptidiche, che vengono sezionate dalla proteasi virale permettendo la creazione delle singole proteine[18]. Gli inibitori della proteasi hanno come intuibile il ruolo di inibire questo enzima, cosicché la produzione di proteine virali risulta difettiva (le proteine non vengono prodotte, o se prodotte non funzionano)[19].

Inibitori della fusioneModifica

Questa classe di farmaci impedisce l'entrata del virus all'interno della cellula. L'HIV-1 sfrutta varie proteine come recettore per legarsi all'esterno della membrana plasmatica: CD4, CCR5, CXCR4 e altre[20]. Gli inibitori della fusione legano questi recettori impedendo il legame con il virus e conseguentemente il suo ingresso all'interno della cellula.

Maraviroc lega CCR5[21] (un co-recettore), mentre Enfuvirtide lega gp41[22] (una glicoproteina che avvicina fisicamente la membrana di rivestimento virale a quella della cellula e ne permette la fusione vera e propria). L'utilizzo di questi due farmaci può rendersi vano nel caso di mutanti virali con un'elevata affinità verso altre proteine recettoriali, come il CXCR4, per le quali non esistono attualmente inibitori (venne sperimentato l'utilizzo off-label del plerixafor, un inibitore di CXCR4, ma alcuni trial dimostrarono la sua scarsa attività antivirale[23]).

In rari casi, gli individui possono presentare una mutazione nel gene delta CCR5 che risulta in un co-recettore CCR5 non funzionale e, a sua volta, un mezzo di resistenza o progressione lenta della malattia. Tuttavia, come accennato in precedenza, questo meccanismo può essere superato se una variante dell'HIV che colpisce CXCR4 diventa dominante.[24]

Inibitori della integrasiModifica

Gli inibitori delle integrasi bloccano l'enzima integrasi virale, ossia l'enzima deputato ad incorporare il DNA virale all'interno della cellula ospite, per permettere la trascrizione[25].

Si tratta della classe di farmaci più recente: il capostipite, raltegravir, è stato approvato dall'FDA nel 2007[26], mentre gli altri due membri della famiglia, elvitegravir e dolutegravir, nel 2014[17].

Regimi terapeuticiModifica

Come già accennato, la maggior parte dei regimi terapeutici prevedono l'impiego di due inibitori nucleosidici e un farmaco di un'altra classe, come un inibitore della proteasi o un inibitore della integrasi.

L'utilizzo di almeno tre farmaci rispetto alla monoterapia o alla duplice terapia presenta infatti vari vantaggi:

  • la possibilità di attaccare il virus su più fronti e ridurre il più possibile la carica virale;
  • la maggiore difficoltà nello sviluppo di mutazioni spontanee con la comparsa di resistenze da parte del virus: nel caso in cui si manifesti una resistenza ad uno dei farmaci impiegati vi saranno sempre gli altri due ad agire, e sarà comunque sempre possibile modificare il farmaco o la classe di farmaci impiegati[27]. La diminuzione della carica virale inoltre ha come conseguenza indiretta proprio la diminuzione della possibilità di comparsa di mutazioni[28].

Nel corso degli anni sono stati rilasciate varie formulazioni a dose fissa, ossia più farmaci combinati all'interno di un'unica pillola: ad esempio, nel 1997 la GlaxoSmithKline rilasciò una combinazione lamivudina + AZT con il nome commerciale di Combivir[29], mentre nel 2004 venne commercializzata la combinazione tenofovir + emtricitabina con il nome di Truvada da parte della Gilead Sciences[30].

ObiettiviModifica

Il principale obiettivo di qualsiasi terapia antivirale è raggiungere dopo circa 24 settimane dall'inizio della terapia una viremia tale da non poter essere più rilevabile, indicativamente sotto le 50 copie per millilitro[31][32].

Dal punto di vista immunologico, l'obiettivo è portare i linfociti CD4 ad una soglia pari o superiore alle 350 cellule/μL[31], soglia che permetterebbe un ripristino (seppur minimo) dell'attività immunitaria.

In caso di un numero di copie virali superiore alle 50 per millilitro viene considerato il fallimento virologico della terapia; un numero di CD4 inferiore ai 350 per microlitro indica invece il fallimento immunologico, anche in presenza di una soppressione del virus. In quest'ultimo caso si assiste generalmente ad un prognosi peggiore rispetto ai casi in cui il livello minimo di CD4 è stato raggiunto[33].

Fallimenti terapeuticiModifica

In alcuni casi la terapia HAART porta a risultati non ottimali, a causa dell'intolleranza ai farmaci o degli effetti collaterali dei farmaci stessi, così come per l'eventualità di infezione dovuta ad un ceppo di HIV farmaco-resistente. La non aderenza alla terapia è indubbiamente fra i motivi principali per cui alcuni soggetti non ne traggono i benefici desiderati.[34] Le cause possono facilmente essere ricondotte a molteplici fattori. Fra le principali tematiche psicosociali spiccano il difficoltoso accesso alle strutture mediche e il contemporaneo mantenimento della segretezza dei dati personali, ciò che rende anche più difficile l'implementazione dei supporti sociali, la presenza in non sporadici casi di una patologia psichiatrica e l'abuso di droghe. I regimi disponibili per la terapia HAART possono anche essere complessi e quindi difficili da seguire, a causa del gran numero di principi attivi da assumere frequentemente; tuttavia l'introduzione di preparazioni farmacologiche combinate di differenti principi attivi ha reso disponibili trattamenti che riducono l'assunzione di medicinali anche ad una singola somministrazione giornaliera.[35][36][37][38][39]

Tra gli effetti collaterali si registrano infatti lipodistrofia, dislipidemia, diarrea, insulino-resistenza, aumento dei rischi cardiovascolari, danni a carico dell'apparato scheletrico (osteopenia/osteoporosi vuoi dovuta all'azione diretta del materiale virale, vuoi derivanti da carenza indotta di vitamina D), e una diminuzione dell'energia dell'individuo per effetti negativi sui mitocondri.[40]

Trattandosi di una terapia complessa e portatrice di numerosi effetti collaterali, a fronte di progressi non riscontrabili, i principali rischi di fallimento sono legati a errori nell'assunzione dei farmaci e alla sospensione volontaria. L'abbandono o anche la mancata assunzione di alcune dosi della terapia porta inevitabilmente allo scarseggiare degli inibitori nel plasma a livelli inferiori, facendo sì che il virus possa riprendere la replicazione, la quale, in presenza delle dosi sub-inibenti del farmaco, porta inevitabilmente all'emergere di mutamenti resistenti: in qualsiasi momento potrebbe essere tardi per riprendere la vecchia terapia, e non è infrequente che essa debba essere sostituita. La ripresa dell'attività virale comporta le normali conseguenze nel crollo del livello dei linfociti CD4+ e nell'aumento della carica virale nel sangue, e quindi della contagiosità dell'individuo.[41]

I farmaci anti-retrovirali sono costosi e la maggior parte degli individui infetti non hanno la possibilità di averne accesso, tuttavia, i costi nei paesi a basso reddito sono recentemente scesi. Inoltre, il successo del trattamento è correlato con la qualità dei servizi sanitari presenti.[42]

Modalità di trattamentoModifica

Inizio della terapiaModifica

Nel corso degli anni vi sono state varie discussioni sulle corrette tempistiche di avvio della terapia: sin dalla comparsa della HAART a metà degli anni '90 vari trial clinici dimostrarono una miglior risposta alla terapia combinata, con una riduzione della carica virale e della mortalità, se essa veniva cominciata il prima possibile, anche a ridosso della diagnosi[43], approccio che negli USA venne definito "hit hard, hit early"[44]. Alcuni studi successivi tuttavia suggerirono che l'avvio immediato della terapia portasse pochi benefici tangibili, e al contrario aumentasse sensibilmente la comparsa di effetti collaterali[45].

Ciononostante, attualmente esiste un elevato grado di consenso a livello internazionale sull'iniziare la terapia il prima possibile, in quanto l'avviamento precoce risulta nella maggior parte dei casi portare maggiori benefici rispetto ad un atteggiamento attendista[46][47]. Ad esempio, le attuali linee guida italiane sul trattamento delle infezioni da HIV-1, pubblicate nel 2017 dalla Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali, si orientano proprio in questo senso, suggerendo di iniziare la terapia antiretrovirale ancor prima di conoscere il genotipo virale, in quanto un trattamento in fase iperacuta consente una riduzione del reservoir virale di circa 20 volte maggiore rispetto a chi ha iniziato la terapia in un secondo momento[31].

Casi particolariModifica

BambiniModifica

Le linee guida rilasciate dal WHO nel 2013 prevedono specifici regimi terapeutici per neonati e bambini[48]:

  • sotto i tre anni di età, viene raccomandato l'uso di abacavir (o AZT) + lamivudina + lopinivir + ritonivir;
  • sopra i tre anni di età, viene raccomandato l'uso di abacavir + lamivudina + efavirenz.

Il trattamento dei bambini risulta problematico soprattutto nei paesi del terzo mondo, dove a causa degli alti costi delle terapie spesso i bambini ricevono una sola dose di nevirapina[49], o non vengono trattati affatto[50].

GravidanzaModifica

Il trattamento nelle donne in gravidanza risulta benefico anche per il feto, essendo la probabilità di trasmissione direttamente collegata alla carica virale della madre: tale probabilità risulta superiore al 50% in caso di carica uguale o maggiore alle 100000 copie o più per millilitro[51], e inferiore all'1% sotto le 1000 copie/ml[52].

Le linee guida consigliano di eseguire un'analisi della carica virale in vicinanza del parto: se risulta rilevabile l'HIV-RNA, oltre alla normale terapia si suggerisce di somministrare una dose di zidovudina per via endovenosa durante il parto[31].

Il parto cesareo sembra avere un minor rischio di trasmissione dell'infezione, probabilmente per la minor possibilità di sviluppare traumi a feto e madre, trattandosi di un intervento chirurgico[52]. In ogni caso, è altamente sconsigliato l'allattamento al seno[31].

Effetti collateraliModifica

Gli effetti collaterali della terapia HAART sono riconducibili ai singoli farmaci:

Terapia complementare e medicina alternativaModifica

Negli Stati Uniti, circa il 60% dei pazienti affetti da HIV, utilizza varie forme di medicina complementare o alternativa.[57] Nonostante l'uso diffuso di tali terapie, l'efficacia di esse non è stata stabilita,[58] anzi uno studio del 2005 ha concluso come siano "insufficienti" le prove "per sostenere l'uso di erbe medicinali in individui infetti da HIV e malati di AIDS".[59] L'agopuntura è stata proposta solo per il sollievo sintomatico, ma non per il trattamento o la cura per l'HIV o l'AIDS.[60]

La somministrazione supplementare di vitamine o minerali ha dimostrato benefici in alcuni studi. Dosi giornaliere di selenio sono in grado di portare benefici ed essere usate come terapia aggiuntiva ai normali trattamenti antivirali,[61][62] ma non può curare l'infezione.

Vi sono alcune prove che la vitamina A nei bambini riduca la mortalità e migliori la crescita.[63] Un ampio studio effettuato in Tanzania su donne malnutrite e immunologicamente compromesse in gravidanza e in allattamento, che hanno mostrato una serie di vantaggi dall'integrazione multivitaminica quotidiana.[63] L'assunzione di micronutrienti a livelli RDA per gli adulti infettati da HIV è raccomandata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).[64] L'OMS precisa inoltre che numerosi studi indicano che la supplementazione di vitamina A, zinco e ferro è in grado di produrre effetti negativi sugli adulti l'HIV positivi.[64]

NoteModifica

  1. ^ Survival of HIV-positive patients starting antiretroviral therapy between 1996 and 2013: a collaborative analysis of cohort studies, in The Lancet. HIV, vol. 4, nº 8, 10 maggio 2017, pp. e349–e356, DOI:10.1016/S2352-3018(17)30066-8, PMC 5555438. URL consultato il 19 settembre 2018.
  2. ^ Margaret T. May, Mark Gompels e Valerie Delpech, Impact on life expectancy of HIV-1 positive individuals of CD4+ cell count and viral load response to antiretroviral therapy, in AIDS (London, England), vol. 28, nº 8, 15 maggio 2014, pp. 1193–1202, DOI:10.1097/QAD.0000000000000243, PMC 4004637. URL consultato il 19 settembre 2018.
  3. ^ R. D. Moore e R. E. Chaisson, Natural history of HIV infection in the era of combination antiretroviral therapy, in AIDS (London, England), vol. 13, nº 14, 1º ottobre 1999, pp. 1933–1942. URL consultato il 18 settembre 2018.
  4. ^ Diederich, Wibke E., e Steuber, Holger,, Therapy of viral infections, ISBN 978-3-662-46759-6, OCLC 910159387. URL consultato il 18 settembre 2018.
  5. ^ Fischer, János. e Ganellin, C. R. (C. Robin), Analogue-based drug discovery, Wiley-VCH, 2006, ISBN 978-3-527-60749-5, OCLC 77601762. URL consultato il 18 settembre 2018.
  6. ^ D. E. Kirschner e G. F. Webb, Understanding drug resistance for monotherapy treatment of HIV infection, in Bulletin of Mathematical Biology, vol. 59, nº 4, 1997-7, pp. 763–785. URL consultato il 18 settembre 2018.
  7. ^ (EN) Antonella Castagna, Anna Danise e Stefano Menzo, Lamivudine monotherapy in HIV-1-infected patients harbouring a lamivudine-resistant virus: a randomized pilot study (E-184V study), in AIDS, vol. 20, nº 6, 2006-04, pp. 795–803, DOI:10.1097/01.aids.0000218542.08845.b2. URL consultato il 18 settembre 2018.
  8. ^ Rang, H. P. e Ritter, James., Pharmacology, 4th ed, Churchill Livingstone, 1999, ISBN 0-443-05974-8, OCLC 40075863. URL consultato il 18 settembre 2018.
  9. ^ P. A. Furman, J. A. Fyfe e M. H. St Clair, Phosphorylation of 3'-azido-3'-deoxythymidine and selective interaction of the 5'-triphosphate with human immunodeficiency virus reverse transcriptase, in Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America, vol. 83, nº 21, 1986-11, pp. 8333–8337. URL consultato il 18 settembre 2018.
  10. ^ J. C. Schmit, J. Cogniaux e P. Hermans, Multiple drug resistance to nucleoside analogues and nonnucleoside reverse transcriptase inhibitors in an efficiently replicating human immunodeficiency virus type 1 patient strain, in The Journal of Infectious Diseases, vol. 174, nº 5, 1996-11, pp. 962–968. URL consultato il 19 settembre 2018.
  11. ^ a b Douglas T. Dieterich, Disease Management–Constructing Optimal NRTI-Based Combinations: Past, Present, and Future, in Medscape General Medicine, vol. 8, nº 1, 19 gennaio 2006, pp. 16. URL consultato il 19 settembre 2018.
  12. ^ J. S. James, Indinavir (Crixivan), Merck protease inhibitor, approved, in AIDS treatment news, no 243, 15 marzo 1996, pp. 1–2. URL consultato il 19 settembre 2018.
  13. ^ F. J. Palella, K. M. Delaney e A. C. Moorman, Declining morbidity and mortality among patients with advanced human immunodeficiency virus infection. HIV Outpatient Study Investigators, in The New England Journal of Medicine, vol. 338, nº 13, 26 marzo 1998, pp. 853–860, DOI:10.1056/NEJM199803263381301. URL consultato il 19 settembre 2018.
  14. ^ Kalyan Das e Eddy Arnold, HIV-1 reverse transcriptase and antiviral drug resistance. Part 1, in Current Opinion in Virology, vol. 3, nº 2, 2013-4, pp. 111–118, DOI:10.1016/j.coviro.2013.03.012. URL consultato il 19 settembre 2018.
  15. ^ Grant D. Schauer, Kelly D. Huber e Sanford H. Leuba, Mechanism of allosteric inhibition of HIV-1 reverse transcriptase revealed by single-molecule and ensemble fluorescence, in Nucleic Acids Research, vol. 42, nº 18, 2014-10, pp. 11687–11696, DOI:10.1093/nar/gku819. URL consultato il 19 settembre 2018.
  16. ^ Geretti, Anna Maria, 1962- e National Center for Biotechnology Information (U.S.), Antiretroviral resistance in clinical practice, Mediscript Ltd, 2006, ISBN 0-9551669-0-X, OCLC 77517389. URL consultato il 19 settembre 2018.
  17. ^ a b Mathieu Métifiot, Christophe Marchand e Yves Pommier, HIV integrase inhibitors: 20-year landmark and challenges, in Advances in Pharmacology (San Diego, Calif.), vol. 67, 2013, pp. 75–105, DOI:10.1016/B978-0-12-405880-4.00003-2. URL consultato il 19 settembre 2018.
  18. ^ (EN) Christopher J. Farady e Charles S. Craik, Mechanisms of Macromolecular Protease Inhibitors, in ChemBioChem, vol. 11, nº 17, 4 novembre 2010, pp. 2341–2346, DOI:10.1002/cbic.201000442. URL consultato il 19 settembre 2018.
  19. ^ (EN) Douglas D. Richman, HIV chemotherapy, in Nature, vol. 410, nº 6831, 2001-04, pp. 995–1001, DOI:10.1038/35073673. URL consultato il 19 settembre 2018.
  20. ^ (EN) HIV entry inhibitors, in The Lancet, vol. 370, nº 9581, 7 luglio 2007, pp. 81–88, DOI:10.1016/S0140-6736(07)61052-6. URL consultato il 19 settembre 2018.
  21. ^ Pavel Pugach, Thomas J. Ketas e Elizabeth Michael, Neutralizing antibody and anti-retroviral drug sensitivities of HIV-1 isolates resistant to small molecule CCR5 inhibitors, in Virology, vol. 377, nº 2, 1º agosto 2008, pp. 401–407, DOI:10.1016/j.virol.2008.04.032. URL consultato il 19 settembre 2018.
  22. ^ Keduo Qian, Susan L. Morris-Natschke e Kuo-Hsiung Lee, HIV Entry Inhibitors and Their Potential in HIV Therapy, in Medicinal research reviews, vol. 29, nº 2, 2009-3, pp. 369–393, DOI:10.1002/med.20138. URL consultato il 19 settembre 2018.
  23. ^ Michael P. Rettig, George Ansstas e John F. DiPersio, Mobilization of Hematopoietic Stem and Progenitor Cells Using Inhibitors of CXCR4 and VLA-4, in Leukemia : official journal of the Leukemia Society of America, Leukemia Research Fund, U.K, vol. 26, nº 1, 2012-1, pp. 34–53, DOI:10.1038/leu.2011.197. URL consultato il 19 settembre 2018.
  24. ^ Juan C. Bandres, Horatio B. Fung e Sharon S. Lieberman-Blum, Maraviroc: A CCR5-receptor antagonist for the treatment of HIV-1 infection, in Clinical Therapeutics, vol. 30, nº 7, 1º luglio 2008, pp. 1228–1250, DOI:10.1016/S0149-2918(08)80048-3, ISSN 0149-2918,1879-114X (WC · ACNP).
  25. ^ Jürgen Kurt Rockstroh, Integrase inhibitors: Why do we need a new drug class for HIV therapy?, in European Journal of Medical Research, vol. 14, Suppl 3, 24 novembre 2009, pp. 1–3, DOI:10.1186/2047-783X-14-S3-1. URL consultato il 19 settembre 2018.
  26. ^ Jennifer Cocohoba e Betty J. Dong, Raltegravir: the first HIV integrase inhibitor, in Clinical Therapeutics, vol. 30, nº 10, 2008-10, pp. 1747–1765, DOI:10.1016/j.clinthera.2008.10.012. URL consultato il 19 settembre 2018.
  27. ^ Linee guida del NIH sul trattamento di HIV-1. (PDF), su aidsinfo.nih.gov.
  28. ^ Redmond P. Smyth, Miles P. Davenport e Johnson Mak, The origin of genetic diversity in HIV-1, in Virus Research, vol. 169, nº 2, 2012-11, pp. 415–429, DOI:10.1016/j.virusres.2012.06.015. URL consultato il 19 settembre 2018.
  29. ^ Simon D Portsmouth e Christopher J Scott, The renaissance of fixed dose combinations: Combivir, in Therapeutics and Clinical Risk Management, vol. 3, nº 4, 2007-8, pp. 579–583. URL consultato il 19 settembre 2018.
  30. ^ Treatment options for HIV, AIDS, in FDA consumer, vol. 38, nº 6, 2004-11, pp. 4. URL consultato il 19 settembre 2018.
  31. ^ a b c d e Linee guida 2017 per il trattamento dell'infezione da HIV-1 (PDF), su salute.gov.it.
  32. ^ Mandell, Gerald L., Bennett, John E. (John Eugene), 1933- e Dolin, Raphael., Mandell, Douglas, and Bennett's principles and practice of infectious diseases, 7th ed, Churchill Livingstone/Elsevier, 2010, ISBN 978-0-443-06839-3, OCLC 370605770. URL consultato il 19 settembre 2018.
  33. ^ (EN) L. Gazzola, C. Tincati e G. M. Bellistre, The Absence of CD4+ T Cell Count Recovery Despite Receipt of Virologically Suppressive Highly Active Antiretroviral Therapy: Clinical Risk, Immunological Gaps, and Therapeutic Options, in Clinical Infectious Diseases, vol. 48, nº 3, 1º febbraio 2009, pp. 328–337, DOI:10.1086/695852. URL consultato il 19 settembre 2018.
  34. ^ Becker SL, Dezii CM, Burtcel B, Kawabata H, Hodder S., Young HIV-infected adults are at greater risk for medication nonadherence, in MedGenMed., vol. 4, nº 3, 2002, p. 21, PMID 12466764.
  35. ^ M. Crespo, E. Ribera, I. Suarez-Lozano, P. Domingo, E. Pedrol, J. Lopez-Aldeguer, Effectiveness and safety of didanosine, lamivudine and efavirenz versus zidovudine, lamivudine and efavirenz for the initial treatment of HIV-infected patients from the Spanish VACH cohort, in Journal of Antimicrobial Chemotherapy, vol. 63, nº 1, 2008, pp. 189–196, DOI:10.1093/jac/dkn450.
  36. ^ Javier Ena, Francisco Pasquau, Once‐a‐Day Highly Active Antiretroviral Therapy: A Systematic Review, in Clinical Infectious Diseases, vol. 36, nº 9, 2003, pp. 1186–1190, DOI:10.1086/374602.
  37. ^ Nieuwkerk P, Sprangers M, Burger D, Hoetelmans RM, Hugen PW, Danner SA, van Der Ende ME, Schneider MM, Schrey G, Meenhorst PL, Sprenger HG, Kauffmann RH, Jambroes M, Chesney MA, de Wolf F, Lange JM and the ATHENA Project, Limited Patient Adherence to Highly Active Antiretroviral Therapy for HIV-1 Infection in an Observational Cohort Study, in Arch. Intern. Med., vol. 161, nº 16, 2001, pp. 1962–1968, DOI:10.1001/archinte.161.16.1962, PMID 11525698.
  38. ^ Kleeberger C, Phair J, Strathdee S, Detels R, Kingsley L, Jacobson LP, Determinants of Heterogeneous Adherence to HIV-Antiretroviral Therapies in the Multicenter AIDS Cohort Study, in J. Acquir. Immune Defic. Syndr., vol. 26, nº 1, 2001, pp. 82–92, PMID 11176272.
  39. ^ Heath KV, Singer J, O'Shaughnessy MV, Montaner JS, Hogg RS, Intentional Nonadherence Due to Adverse Symptoms Associated With Antiretroviral Therapy, in J. Acquir. Immune Defic. Syndr., vol. 31, nº 2, 2002, pp. 211–217, DOI:10.1097/00126334-200210010-00012, PMID 12394800.
  40. ^ Burgoyne RW, Tan DH, Prolongation and quality of life for HIV-infected adults treated with highly active antiretroviral therapy (HAART): a balancing act, in J. Antimicrob. Chemother., vol. 61, nº 3, marzo 2008, pp. 469–73, DOI:10.1093/jac/dkm499, PMID 18174196.
  41. ^ Treccani.it, AIDS nel "Libro dell'anno (2007)", su treccani.it. URL consultato il 2 novembre 2012.
  42. ^ A. Bhargava, Fle R. Booysen, Healthcare infrastructure and emotional support are predictors of CD4 cell counts and quality of life indices of patients on antiretroviral treatment in Free State Province, South Africa., in AIDS Care, vol. 22, nº 1, gennaio 2010, pp. 1-9, DOI:10.1080/09540120903012585, PMID 20390475.
  43. ^ (EN) Roy M. Gulick, John W. Mellors e Diane Havlir, Treatment with Indinavir, Zidovudine, and Lamivudine in Adults with Human Immunodeficiency Virus Infection and Prior Antiretroviral Therapy, in New England Journal of Medicine, vol. 337, nº 11, 11 settembre 1997, pp. 734–739, DOI:10.1056/nejm199709113371102. URL consultato il 19 settembre 2018.
  44. ^ (EN) David D. Ho, Time to Hit HIV, Early and Hard, in New England Journal of Medicine, vol. 333, nº 7, 17 agosto 1995, pp. 450–451, DOI:10.1056/nejm199508173330710. URL consultato il 19 settembre 2018.
  45. ^ Mark Harrington e Charles CJ Carpenter, Hit HIV-1 hard, but only when necessary, in The Lancet, vol. 355, nº 9221, 2000-06, pp. 2147–2152, DOI:10.1016/s0140-6736(00)02388-6. URL consultato il 19 settembre 2018.
  46. ^ (EN) Initiation of Antiretroviral Therapy in Early Asymptomatic HIV Infection, in New England Journal of Medicine, vol. 373, nº 9, 27 agosto 2015, pp. 795–807, DOI:10.1056/nejmoa1506816. URL consultato il 19 settembre 2018.
  47. ^ (EN) A Trial of Early Antiretrovirals and Isoniazid Preventive Therapy in Africa, in New England Journal of Medicine, vol. 373, nº 9, 27 agosto 2015, pp. 808–822, DOI:10.1056/nejmoa1507198. URL consultato il 19 settembre 2018.
  48. ^ (EN) Consolidated guidelines on the use of antiretroviral drugs for treating and preventing HIV infection, su World Health Organization. URL consultato il 19 settembre 2018.
  49. ^ (EN) Victor Musiime, Francis Ssali e Joshua Kayiwa, Response to Nonnucleoside Reverse Transcriptase Inhibitor-Based Therapy in HIV-Infected Children with Perinatal Exposure to Single-Dose Nevirapine, in AIDS Research and Human Retroviruses, vol. 25, nº 10, 2009-10, pp. 989–996, DOI:10.1089/aid.2009.0054. URL consultato il 19 settembre 2018.
  50. ^ (EN) Avy Violari, Jane C. Lindsey e Michael D. Hughes, Nevirapine versus Ritonavir-Boosted Lopinavir for HIV-Infected Children, in New England Journal of Medicine, vol. 366, nº 25, 21 giugno 2012, pp. 2380–2389, DOI:10.1056/nejmoa1113249. URL consultato il 19 settembre 2018.
  51. ^ (EN) Patricia M. Garcia, Leslie A. Kalish e Jane Pitt, Maternal Levels of Plasma Human Immunodeficiency Virus Type 1 RNA and the Risk of Perinatal Transmission, in New England Journal of Medicine, vol. 341, nº 6, 5 agosto 1999, pp. 394–402, DOI:10.1056/nejm199908053410602. URL consultato il 19 settembre 2018.
  52. ^ a b (EN) Mother-to-Child Transmission of HIV Infection in the Era of Highly Active Antiretroviral Therapy, in Clinical Infectious Diseases, vol. 40, nº 3, 1º febbraio 2005, pp. 458–465, DOI:10.1086/427287. URL consultato il 19 settembre 2018.
  53. ^ (EN) Allison A. Johnson, Adrian S. Ray e Jeremiah Hanes, Toxicity of Antiviral Nucleoside Analogs and the Human Mitochondrial DNA Polymerase, in Journal of Biological Chemistry, vol. 276, nº 44, 2 novembre 2001, pp. 40847–40857, DOI:10.1074/jbc.M106743200. URL consultato il 19 settembre 2018.
  54. ^ Iris Usach, Virginia Melis e José-Esteban Peris, Non-nucleoside reverse transcriptase inhibitors: a review on pharmacokinetics, pharmacodynamics, safety and tolerability, in Journal of the International AIDS Society, vol. 16, 4 settembre 2013, pp. 1–14. URL consultato il 19 settembre 2018.
  55. ^ (EN) Yong Wang, Zhengtong Lv e Yuan Chu, HIV protease inhibitors: a review of molecular selectivity and toxicity, in HIV/AIDS - Research and Palliative Care, vol. 7, 2015-04, pp. 95, DOI:10.2147/hiv.s79956. URL consultato il 19 settembre 2018.
  56. ^ Frederick J. Lee e Andrew Carr, Tolerability of HIV integrase inhibitors, in Current Opinion in HIV and AIDS, vol. 7, nº 5, 2012-09, pp. 422–428, DOI:10.1097/coh.0b013e328356682a. URL consultato il 19 settembre 2018.
  57. ^ Littlewood RA, Vanable PA, Complementary and alternative medicine use among HIV-positive people: research synthesis and implications for HIV care, in AIDS Care, vol. 20, nº 8, settembre 2008, pp. 1002–18, DOI:10.1080/09540120701767216, PMID 18608078.
  58. ^ Mills E, Wu P, Ernst E, Complementary therapies for the treatment of HIV: in search of the evidence, in Int J STD AIDS, vol. 16, nº 6, giugno 2005, pp. 395–403, DOI:10.1258/0956462054093962, PMID 15969772.
  59. ^ JP. Liu, E. Manheimer; M. Yang, Herbal medicines for treating HIV infection and AIDS., in Cochrane Database Syst Rev, nº 3, 2005, pp. CD003937, DOI:10.1002/14651858.CD003937.pub2, PMID 16034917.
  60. ^ Nicholas PK, Kemppainen JK, Canaval GE , Corless IB, Sefcik EF, Nokes KM, Bain CA, Kirksey KM e Sanzero Eller L, Symptom management and self-care for peripheral neuropathy in HIV/AIDS, in AIDS Care, vol. 19, nº 2, febbraio 2007, pp. 179–89, DOI:10.1080/09540120600971083, PMID 17364396.
  61. ^ BE. Hurwitz, JR. Klaus; MM. Llabre; A. Gonzalez; PJ. Lawrence; KJ. Maher; JM. Greeson; MK. Baum; G. Shor-Posner; JS. Skyler; N. Schneiderman, Suppression of human immunodeficiency virus type 1 viral load with selenium supplementation: a randomized controlled trial., in Arch Intern Med, vol. 167, nº 2, gennaio 2007, pp. 148-54, DOI:10.1001/archinte.167.2.148, PMID 17242315.
  62. ^ Gerhard N. Schrauzer, Juliane Sacher, Selenium in the maintenance and therapy of HIV-infected patients, in Chemico-Biological Interactions, vol. 91, 2–3, 1994, pp. 199–205, DOI:10.1016/0009-2797(94)90040-X, PMID 7514960. URL consultato il 20110918.
  63. ^ a b Irlam JH, Visser ME, Rollins N, Siegfried N, Micronutrient supplementation in children and adults with HIV infection, in James JH Irlam (a cura di), Cochrane Database Syst Rev, nº 4, 2005, pp. CD003650, DOI:10.1002/14651858.CD003650.pub2, PMID 16235333.
  64. ^ a b World Health Organization, Nutrient requirements for people living with HIV/AIDS: Report of a technical consultation (PDF), Geneva, 2003-05. URL consultato il 31 marzo 2009 (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2009).

Voci correlateModifica

  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Medicina