Tristán Ulloa

attore, regista e sceneggiatore spagnolo
Tristán Ulloa

Tristán Ulloa (Orléans, 6 maggio 1970) è un attore, regista e sceneggiatore spagnolo.

BiografiaModifica

Figlio di due spagnoli emigrati in Francia, Ulloa nacque ad Orléans ma crebbe a Vigo. Durante gli studi in economia, Ulloa cominciò a recitare da dilettante all'interno del gruppo teatrale della sua università.

Il suo debutto cinematografico risale al 1997, quando comparve nei film Apri gli occhi e Memorias del ángel caído. L'anno seguente ottenne il ruolo di protagonista nel film Mensaka, che gli permise di farsi conoscere maggiormente dal grande pubblico. Per questa interpretazione, Ulloa fu candidato al Goya come miglior attore rivelazione nel 1999.

Pur non vincendo il premio, Ulloa divenne molto popolare e negli anni successivi prese parte a svariate pellicole di successo come l'horror Nameless - Entità nascosta e la commedia Km. 0.

Nel 2001 fu il protagonista maschile del film Lucía y el sexo, grazie al quale ottenne la seconda candidatura al Goya, questa volta nella categoria miglior attore protagonista. La seconda candidatura in questa categoria arrivò nel 2008, per il ruolo nella pellicola Mataharis. In quello stesso anno Ulloa fu candidato anche nelle categorie miglior regista esordiente e migliore sceneggiatura non originale per il film Pudor, realizzato insieme al fratello David.

Oltre alla carriera nel cinema, Tristán Ulloa ha lavorato anche in alcune serie televisive e in teatro.

FilmografiaModifica

Regia e sceneggiaturaModifica

  • Ciclo (2002, cortometraggio, co-regia con David Ulloa)
  • Pudor (2007, co-regia con David Ulloa)

AttoreModifica

CinemaModifica

LungometraggiModifica
CortometraggiModifica
  • Las cabras de Freud (1999, di Kike Maíllo)
  • Beats (2004, di Albert Uria)
  • Tú la llevas (2004, di Rulo Pardo)
  • El espejo (2006, di Lilí Cabrera e Valerio Veneras)
  • La recolectora (2010, di Sara Mazkiaran)
  • En directo (2015, di Wenceslao Scyzoryk)

TelevisioneModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN163313962 · ISNI (EN0000 0001 1483 0599 · LCCN (ENnr2002006377 · GND (DE1018730648 · BNF (FRcb14234874d (data) · WorldCat Identities (ENnr2002-006377