United Nations Interim Force in Lebanon
Forza di Interposizione in Libano delle Nazioni Unite
UNIFIL DEPLOYMENT August 2011.png
Dispiegamento UNIFIL ad agosto 2011
Descrizione generale
Attiva19 marzo 1978 - oggi
NazioneNazioni Unite Nazioni Unite
Tipoforza di interposizione
CompitiConfermare il ritiro di Israele dal sud del Libano
Restaurare la pace e la sicurezza
Supportare il governo libanese nel ristabilire la sua autorità nell'area
Dimensione12.341 militari
307 civili di provenienza internazionale
606 civili locali
Reparti dipendenti
Maritime Task Force
Comandanti
Comandante attualeItalia Gen. Stefano Del Col
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Forza di Interposizione in Libano delle Nazioni Unite (inglese United Nations Interim Force in Lebanon, arabo قوة الأمم المتحدة المؤقتة في لبنان; in acronimo UNIFIL arabo يونيفيل) è una forza militare di interposizione dell'ONU, creata il 19 marzo 1978 con le risoluzioni 425 e 426[1] del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Il mandato è stato rinnovato più volte, in seguito all'invasione israeliana del Libano del 1982, in seguito al ritiro delle truppe israeliane dal Libano del 2000 e in occasione dell'intervento israeliano in Libano del 2006.

Da allora il mandato dell'UNIFIL viene rinnovato annualmente dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e il suo finanziamento è approvato su base annuale dall'Assemblea Generale. L'ultimo mandato è scaduto il 31 agosto 2019.

StoriaModifica

Primo interventoModifica

In seguito all'occupazione israeliana del 1978 di una fascia del territorio libanese sino al fiume Litani, furono inviati i caschi blu dell'ONU allo scopo di creare una fascia di sicurezza ben all'interno del territorio libanese così da tenere i suoi villaggi frontalieri fuori dal raggio d'azione dell'artiglieria, che con attacchi ripetuti causava molte perdite fra i civili.

Secondo interventoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Missione Italcon Libano.

Nel corso della Guerra del Libano del 1982, fu raggiunto un accordo e forze militari di pace statunitensi, francesi e italiane (Missione Italcon) garantirono ai sopravvissuti dell'OLP di trovare rifugio negli Stati arabi confinanti.

 
Le rovine della base Usa dopo l'attentato che nel 1983 provocò la morte di 241 marines

Questa forza di pace fu nota come Forza Multinazionale in Libano. Philip Habib, l'inviato del presidente degli USA Ronald Reagan in Libano, garantì all'OLP che i civili palestinesi nei campi profughi non sarebbero stati nuovamente armati.

Il 23 ottobre 1983 un duplice attentato dinamitardo da parte di Hezbollah alle basi della forza multinazionale causò la morte di 241 marines statunitensi e 56 soldati francesi, in gran parte della Legione straniera. Questo causò il ritiro pochi mesi dopo delle truppe di pace, con il contingente italiano che si ritirò nel marzo 1984, lasciando il Libano in una strisciante guerra civile.

Terzo interventoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Conflitto del Libano meridionale (1982-2000).

Nel 2000 in seguito al ritiro delle truppe israeliane dal Libano, l'ONU approvò una risoluzione per l'invio di caschi blu come forza d'interposizione, per riprendere lungo la "Linea blu" (linea di ritiro identificata dalle Nazioni Unite per le forze di difesa israeliane) e le aree adiacenti, dove l'UNIFIL ha cercato di mantenere il cessate il fuoco attraverso pattugliamenti, osservazione da posizioni fisse e stretto contatto tra le forze libanesi e IDF, oltre a fornire assistenza umanitaria alla popolazione locale.

Quarto interventoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Operazione Leonte.

A seguito del conflitto israelo-libanese del 2006, vi è stata una nuova risoluzione (la 1701[2]) che dispone, fra le altre, una nuova forza di interposizione.

 
Cerimonia del 2013 con i rappresentanti dei 37 contingenti nazionali in UNIFIL

Dopo la guerra del 2006, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha rafforzato l'UNIFIL e ha deciso che, oltre al mandato originale, deve controllare, tra l'altro, la cessazione delle ostilità, accompagnare e sostenere le forze armate libanesi mentre si schierano in tutto il sud del Libano, ed estendere la sua assistenza per contribuire a garantire l'accesso umanitario alle popolazioni civili e il ritorno volontario e sicuro degli sfollati.

L'Italia è tornata attiva in UNIFIL dal 2 settembre 2006 con l'Operazione Leonte quando una forza da sbarco della marina italiana è approdata a Tiro. Dal 2007 è stata sostituita da unità dell'Esercito italiano. Dall'agosto 2018 guida la missione Unifil il generale italiano Stefano Del Col[3].

NoteModifica

  1. ^ (EN) United Nations Security Council (19 marzo 1978), Resolutions 425/1978 - 426/1978 (pdf) Archiviato il 25 giugno 2007 in Internet Archive.. Riportato il 2 settembre 2006.
  2. ^ (EN) United Nations Security Council (11 agosto 2006), [1]. Disponibile in lingua italiana (traduzione non ufficiale) a questo indirizzo. Riportato il 2 settembre 2006.
  3. ^ Libano: il generale Stefano Del Col alla guida di UNIFIL, analisidifesa.it, 8 agosto 2018

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN148437852 · ISNI (EN0000 0001 2226 5294 · LCCN (ENn88058894 · WorldCat Identities (ENlccn-n88058894