Disambiguazione – Se stai cercando il racconto di Asimov, vedi Per gli uccelli.

Un paio d'ali è una delle più famose commedie musicali della coppia Garinei e Giovannini. Ebbe due edizioni una nel 1957 e una nel 1997.

Un paio d'ali
Lingua originaleItaliano
StatoItalia
Anno1957
CompagniaGarinei e Giovannini
GenereCommedia musicale
RegiaGarinei e Giovannini
SoggettoGarinei e Giovannini
SceneggiaturaGarinei e Giovannini
ProduzioneGarinei e Giovannini
MusicheGorni Kramer
CoreografiaHermes Pan
ScenografiaGiulio Coltellacci
CostumiGiulio Coltellacci
Personaggi e attori
Renato Rascel, Giovanna Ralli, Mario Carotenuto, Dory Dorika, Franco Andrei, Xenia Valderi, Cesare Bettarini, Dino Curcio, Renata Mauro, Giuliana Persico, Antonio Censi

Andò in scena per la prima volta nel 1957, con Renato Rascel nella parte del protagonista (Professor Tuzzi), affiancato da Mario Carotenuto e da una giovanissima Giovanna Ralli.

Trama modifica

Un paio d'ali è la storia di un timido e squattrinato professore vessato dalla vita, dai suoi studenti-bulli, dalla acida padrona di casa, che cerca di educare ed istruire una giovane ragazza, Giovanna detta "Sgargamella" (ovvero "schiaffo" in dialetto romanesco) per i suoi modi tutt'altro che gentili, della quale è segretamente innamorato.

 
Renato Rascel con Giovanna Ralli

Giovanna sogna di sfondare nel cinema (è il periodo del boom di Cinecittà) e così si affida alle cure del professor Enrico Tuzzi, assiduo frequentatore della trattoria del padre Annibale, che ne affina la cadenza dialettale ed i modi popolari. Ma le lezioni di dizione e di portamento del professore sono deleterie, perché a Cinecittà Giovanna viene scartata proprio perché "troppo perbene": impazza il neorealismo, gli attori di strada, i "poveri ma belli" e non c'è spazio per l'italiano ("Nel cinema italiano l'italiano è una lingua morta!", le risponde il regista in uno dei momenti più divertenti della commedia).

Il professor Tuzzi, sull'orlo del suicidio per i continui fallimenti, riesce, spronato dalla stessa Giovanna, a farsi coraggio, a volare con "un paio d'ali" e, malgrado la sua goffaggine e la sua timidezza, a far fronte ad Augusta, la padrona di casa, a mettere in riga i suoi studenti e, nel lieto fine, a conquistare il cuore della bella Giovanna.

Musiche modifica

Fanno parte della commedia alcune delle canzoni (tutte scritte da Gorni Kramer) più famose della premiata ditta Garinei e Giovannini, tra le quali Un paio d'ali, L'uomo inutile, Non so dir ti voglio bene, La Sgargamella, ma soprattutto Domenica è sempre domenica, utilizzata successivamente anche come sigla della trasmissione Il Musichiere.

La commedia è stata riportata in scena da Pietro Garinei, dopo la morte di Giovannini nel 1997, al Teatro Sistina: nella parte del professor Tuzzi che fu di Rascel è stato chiamato Maurizio Micheli, mentre Giovanna è stata interpretata da Sabrina Ferilli ed Annibale da Maurizio Mattioli. In detta edizione le coreografie furono affidate a Gino Landi, le scenografie a Uberto Bertacca e i costumi a Silvia Frattolillo.

Edizioni in Italia modifica

Prima edizione modifica

La prima edizione di Un paio d'ali risale al 18 settembre 1957.

Il cast della prima edizione era formato da:

Seconda edizione modifica

La seconda edizione di Un paio d'ali risale al 1997.

Il cast della seconda edizione era formato da: