Urbano Rattazzi (politico 1845-1911)

politico italiano (1845-1911)
(Reindirizzamento da Urbano Rattazzi iuniore)
Urbano Rattazzi
Patria Esercito Re p314.jpg

Ministro della Real Casa
Durata mandato 13 settembre 1892 –
2 gennaio 1894
Predecessore Giovanni Visone
Successore Emilio Ponzio Vaglia

Senatore del Regno d'Italia
Durata mandato 4 gennaio 1894 –
4 agosto 1911
Tipo nomina Categoria: 4

Dati generali
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Avvocato

Urbano Rattazzi iuniore (Vercelli, 2 febbraio 1845Roma, 4 agosto 1911) è stato un giurista italiano, nipote dell'omonimo uomo politico.

BiografiaModifica

Laureato in giurisprudenza, avvocato, entrò al servizio di Casa Savoia fino a diventare consigliere giuridico di Re Umberto I, che in seguito lo nominò Ministro della Real Casa, carica che ricoprì fra il 1892 e il 1894[1] e dalla quale si dimise dopo lo scoppio dello scandalo della Banca Romana e le dimissioni dell'amico Giovanni Giolitti[2], che egli stesso aveva suggerito al re per la carica di primo ministro[3]. Contemporaneamente alle dimissioni da responsabile della Real Casa fu fatto Ministro di Stato e Senatore del Regno d'Italia[4].

Nel 1882 si unì in matrimonio con Carolina Marana Falcone, vedova dall'anno prima e con due figli.

NoteModifica

  1. ^ Dal libro Un uomo, un giornale: Alfredo Frassati, vol. I, di Luciana Frassati. Consultabile su Google Books.
  2. ^ Dal libro L'Italia in prima pagina: i giornalisti che hanno fatto la storia di Pier Luigi Vercesi. Consultabile su GoogleBook.
  3. ^ Articolo Gli sfoghi di Salvemini e Albertini, di Franco Cordero; sul sito web del quotidiano La Repubblica.
  4. ^ Pagina web istituzionale sul sito del Senato della Repubblica Italiana.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie