Apri il menu principale
Valentino Pasqualin

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature IX
Gruppo
parlamentare
Democrazia Cristiana
Collegio Trento
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana
Professione impiegato

Valentino Pasqualin (Ospedaletto Euganeo, 16 febbraio 1930Bolzano, 3 novembre 1989) è stato un politico italiano.

Indice

BiografiaModifica

Giunto a Bolzano nel 1939 coi genitori, fin da giovane era stato attivo nell'associazionismo cattolico.[1]

Attivo poi nella Democrazia Cristiana, fu eletto nel consiglio regionale del Trentino-Alto Adige (e conseguentemente in quello provinciale di Bolzano) per quattro legislature, dal 1964 al 1983[2], entrando anche a far parte della giunta provinciale altoatesina nel 1972, quando subentrò al defunto assessore Alessandro Leurini[3], venendo confermato poi nella successive due legislature (durante le quali fu anzi nominato vicepresidente della giunta)[4][5]. Si dimise nel giugno del 1983, perché candidato alla Camera dei deputati[5]. Riuscì ad essere eletto, senza però venire rieletto nel 1987[1].

Rimase lontano dalla politica per qualche tempo, ma fu eletto poi in consiglio comunale a Bolzano nel maggio del 1989[6]. Riuscì, dopo travagliate trattative[1], a mettere insieme una maggioranza composta, oltre che dalla DC, dalla SVP, dal PSI, dal PLI, dal PSDI e dal PRI, e con l'appoggio esterno dei Ladins, che lo elesse sindaco il 4 agosto successivo[7].

Morì nel suo ufficio di sindaco, colpito da infarto, dopo ottantanove giorni di mandato[1]. Alla guida della città gli subentrò Marcello Ferrari[7].

NoteModifica

  1. ^ a b c d È morto d'infarto il sindaco di Bolzano, su ricerca.repubblica.it, 04-11-1989. URL consultato il 16-07-2010.
  2. ^ Consigliere/consiglieri provinciali dal 1948, su consiglio-bz.org. URL consultato il 16-07-2010.
  3. ^ VI legislatura (1968 - 1973), su consiglio-bz.org. URL consultato il 16-07-2010.
  4. ^ VII legislatura (1973 - 1978), su consiglio-bz.org. URL consultato il 16-07-2010.
  5. ^ a b VIII legislatura (1978 - 1983), su consiglio-bz.org. URL consultato il 16-07-2010.
  6. ^ Consiglieri comunali dal 1948 al 2005 (PDF), su comune.bolzano.it, 27. URL consultato il 16-07-2010.
  7. ^ a b Giunte comunali dal 1948 al 2005 (PDF), su comune.bolzano.it, 14. URL consultato il 16-07-2010.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica