Apri il menu principale

Venustiano Carranza

politico e militare messicano
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Venustiano Carranza" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Venustiano Carranza (disambigua).
Venustiano Carranza
Portrait of Venustiano Carranza (cropped).jpg

37º Presidente del Messico
Durata mandato 14 agosto 1914 –
21 maggio 1920
Predecessore Francisco S. Carvajal
Successore Adolfo de la Huerta

Capo del Potere Esecutivo
Primo Capo dell'Esercito costituzionale
Durata mandato 14 agosto 1914 –
30 aprile 1917

Governatore di Coahuila
Durata mandato 22 novembre 1911 –
7 marzo 1913
Predecessore Reginaldo Cepeda
Successore Manuel P. Blázquez

Durata mandato 29 maggio 1911 –
1º agosto 1911
Predecessore Jesús de Valle
Successore Reginaldo Cepeda

Presidente municipale di Cuatro Ciénegas
Durata mandato 1894 –
1898

Dati generali
Partito politico Partito Liberale Costituzionalista

Venustiano Carranza Garza (Cuatro Ciénegas, 29 dicembre 1859Tlaxcalantongo, 21 maggio 1920) è stato un politico e militare messicano.

BiografiaModifica

Appoggiò Francisco Madero nella destituzione di Porfirio Díaz durante la fase iniziale della rivoluzione messicana.

Nel 1911 fu nominato governatore dello Stato federato di Coahuila. Quando il Presidente Madero e il suo fedele Vicepresidente José María Pino Suárez furono assassinati nel 1913, si mise a capo della ribellione contro Victoriano Huerta, che sconfisse.

Fu nominato presidente il 1º maggio 1915, ma dopo il fallimento della Convenzione di Aguascalientes e i dissensi con i Villisti della División del Norte, guidati da Pancho Villa, e con gli Zapatisti dell'Esercito di Liberazione del Sud, guidati da Emiliano Zapata, iniziò a combatterli, provocando di fatto la prosecuzione della guerra civile.

Leader militare dei Costituzionalisti messicani, nel 1917, dopo aver sconfitto Villa e Zapata e aver ottenuto il riconoscimento ufficiale degli Stati Uniti d'America, fu eletto di nuovo presidente.

Introdusse elementi sociali avanzati nella Costituzione messicana. Fu fautore della separazione fra Stato e Chiesa e feroce anticattolico e anticlericale.

Morì assassinato il 21 maggio 1920 nel corso della ribellione di Agua Prieta guidata da Álvaro Obregón contro il suo governo.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN47559474 · ISNI (EN0000 0001 2131 4883 · LCCN (ENn80161568 · GND (DE118870106 · BNF (FRcb119728109 (data) · WorldCat Identities (ENn80-161568