Venustiano Carranza

politico e militare messicano
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Venustiano Carranza" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Venustiano Carranza (disambigua).
Venustiano Carranza
Portrait of Venustiano Carranza (cropped).jpg

37º Presidente del Messico
Durata mandato 14 agosto 1914 –
21 maggio 1920
Predecessore Francisco S. Carvajal
Successore Adolfo de la Huerta

Capo del Potere Esecutivo
Primo Capo dell'Esercito costituzionale
Durata mandato 14 agosto 1914 –
30 aprile 1917

Governatore del Coahuila
Durata mandato 22 novembre 1911 –
7 marzo 1913
Predecessore Reginaldo Cepeda
Successore Manuel P. Blázquez

Durata mandato 29 maggio 1911 –
1º agosto 1911
Predecessore Jesús de Valle
Successore Reginaldo Cepeda

Presidente municipale di Cuatro Ciénegas
Durata mandato 1894 –
1898

Dati generali
Partito politico Partito Democratico del Messico
Partito Liberale Costituzionalista
Venustiano Carranza
Venustiano Carranza ca. 1917.jpg
Venustiano Carranza nel 1917
NascitaCuatro Ciénegas, Coahuila, 29 dicembre 1859
MorteTlaxcalantongo, Puebla, 21 maggio 1920
Cause della morteAssassinio (ufficiale)
Suicidio (sospettato)
Luogo di sepolturaMonumento alla Rivoluzione, Città del Messico
ReligioneCristiana cattolica
Ateismo (in seguito)
Dati militari
Paese servitoMessico Messico
Forza armataEsercito costituzionale messicano
ArmaFanteria
Anni di servizio1913 - 1917
GradoComandante in capo
FeriteFrattura a una gamba durante la ribellione di Agua Prieta
GuerreRivoluzione messicana
CampagneRivoluzione costituzionalista
Guerra delle fazioni
BattaglieBattaglia di Anhelo
Nemici storiciVictoriano Huerta
Pancho Villa
Emiliano Zapata
Comandante diEsercito costituzionale
Forze armate del Messico
PubblicazioniPiano di Guadalupe (1913)
Altre carichePresidente del Messico
Capo del movimento costituzionalista
Governatore del Coahuila
voci di militari presenti su Wikipedia

Venustiano Carranza Garza (Cuatro Ciénegas, 29 dicembre 1859Tlaxcalantongo, 21 maggio 1920) è stato un politico e militare messicano, presidente del Messico e protagonista della rivoluzione messicana.

Carranza proveniva da una ricca famiglia. Fu sindaco di Cuatro Ciénegas durante il Porfiriato e dal 1911 sostenne Francisco Madero nella sua lotta rivoluzionaria, e fu membro del suo governo provvisorio e governatore del Coahuila durante la sua presidenza. Quando nel febbraio del 1913 Madero fu ucciso nel colpo di Stato portato avanti dal generale Victoriano Huerta, Carranza si pose a capo della ribellione contro il nuovo governo proclamando il Piano di Guadalupe, a cui aderirono tutti i principali rivoluzionari messicani (tra cui Álvaro Obregón, suo braccio destro, Pancho Villa ed Emiliano Zapata) e fondando l'esercito costituzionale messicano. Abile politico e calcolatore, ma meno militare, stabilì il suo centro di potere nel Sonora, da dove coordinò l'azione dei suoi generali in tutta la Repubblica messicana. Dopo l'occupazione statunitense di Veracruz nel 1914 e la destituzione di Huerta a luglio, entrò trionfalmente a Città del Messico, ma stabilì il suo centro di potere a Veracruz, e rientrò nella capitale solamente l'anno seguente, quando gli eserciti della Convenzione di Aguascalientes, sostenuta da Villa e Zapata, si ritirarono. Da quel momento Carranza esercitò il potere esecutivo de facto come comandante in capo dell'esercito e del movimento costituzionalista e il suo governo ottenne il riconoscimento degli Stati Uniti d'America e delle nazioni europee. Nel 1917 fu eletto presidente del Messico e fu approvata la nuova Costituzione, la prima nella storia a riconoscere i diritti sociali. Il suo governo, fortemente autoritario e anticlericale, approvò la riforma agraria a favore dei contadini e introdusse il suffragio universale maschile. Al termine del suo mandato, nel 1920, una volta schiacciate definitivamente nel sangue quasi tutte le opposizioni, decise di favorire l'elezione alla presidenza di un civile, Ignacio Bonillas, ex ambasciatore negli Stati Uniti, ma la ferma opposizione di Obregón e della maggioranza degli esponenti militari e politici costituzionalisti, scatenò una nuova ribellione in cui Carranza rimase assassinato il 21 maggio. La sua data di morte viene considerata la fine ufficiale della rivoluzione messicana. Dal 1942 i suoi resti si trovano al Monumento alla Rivoluzione a Città del Messico.

Era alto 1,98 metri, cosa che lo rende il capo di Stato messicano più alto di sempre.

BiografiaModifica

Appoggiò Francisco Madero nella destituzione di Porfirio Díaz durante la fase iniziale della rivoluzione messicana.

Nel 1911 fu nominato governatore dello Stato federato di Coahuila. Quando il Presidente Madero e il suo fedele Vicepresidente José María Pino Suárez furono assassinati nel 1913, si mise a capo della ribellione contro Victoriano Huerta, che sconfisse.

Fu nominato presidente il 1º maggio 1915, ma dopo il fallimento della Convenzione di Aguascalientes e i dissensi con i Villisti della División del Norte, guidati da Pancho Villa, e con gli Zapatisti dell'Esercito di Liberazione del Sud, guidati da Emiliano Zapata, iniziò a combatterli, provocando di fatto la prosecuzione della guerra civile.

Leader militare dei Costituzionalisti messicani, nel 1917, dopo aver sconfitto Villa e Zapata e aver ottenuto il riconoscimento ufficiale degli Stati Uniti d'America, fu eletto di nuovo presidente.

Introdusse elementi sociali avanzati nella Costituzione messicana. Massone[1], fu un fautore della separazione fra Stato e Chiesa e un feroce anticattolico e anticlericale.

Morì assassinato il 21 maggio 1920 nel corso della ribellione di Agua Prieta guidata da Álvaro Obregón contro il suo governo.

NoteModifica

  1. ^ (ES) Patricia Galeana, La masonería y la Constitución de 1917, p. 21

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN47559474 · ISNI (EN0000 0001 2131 4883 · LCCN (ENn80161568 · GND (DE118870106 · BNF (FRcb119728109 (data) · BNE (ESXX1327411 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n80161568