Viktor Maksimovič Žirmunskij

filologo russo

Viktor Maksimovič Žirmunskij (in russo: Ви́ктор Макси́мович Жирму́нский?; San Pietroburgo, 2 agosto 1891Leningrado, 31 gennaio 1971) è stato un critico letterario e filologo russo. Insegnante all'Università di Pietroburgo, i suoi primi scritti furono contrassegnati da una commistione di influenze romantiche e formaliste. Scrisse Nemeckij romantizm i sovremennaja mistika, un saggio inerente al Romanticismo tedesco. Altri suoi scritti furono delle analisi del Simbolismo. Scrisse trattati teorici anche sulla letteratura in generale, specie negli anni Venti con Vvedenie v metriku. Teorija sticha, Vosprosy teorii literatury e Bajron i Puškin. Insieme con il predecessore A.N. Veselovskij e il suo allievo E.M. Meletinskij è considerato un pioniere della poetica storica, cioè di un approccio alla letteratura che ne mette in evidenza i fattori comuni, comparando i diversi generi su scala internazionale e con ampio riferimento al folklore.

BibliografiaModifica

  • Luciana Mointagnani ne L'enciclopedia, La biblioteca di Repubblica, 2003

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN7532525 · ISNI (EN0000 0001 2119 536X · LCCN (ENn81144325 · GND (DE118795058 · BNF (FRcb133206752 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n81144325