Walter Harzer

ufficiale tedesco
Walter Harzer
NascitaStuttgart-Feuerbach, Germania, 29 settembre 1912
MorteStoccarda, Germania, 29 maggio 1982
Cause della morteinfarto cardiaco
Dati militari
Paese servitoGermania Germania
Forza armataWehrmacht
CorpoWaffen-SS
RepartoSS-Standarte Deutschland
9.SS-PzDiv "Hohenstaufen" in Unione Sovietica e Olanda
4. SS-Polizei-Panzergrenadier-Division
Anni di servizio1931 - 1945
GradoGenerale di brigata (SS-Oberführer)
Guerreseconda guerra mondiale
CampagneFrancia e Unione Sovietica
BattaglieBattaglia di Normandia
Operazione Market-Garden
DecorazioniCroce di Cavaliere della Croce di Ferro di 1ª e 2ª classe
voci di militari presenti su Wikipedia

Walter Harzer (Stuttgart-Feuerbach, 29 settembre 1912Stoccarda, 29 maggio 1982) è stato un generale delle Waffen-SS tedesco, pluridecorato.

StoriaModifica

Si arruolò nelle Politische Bereitschaft, le squadre di pronto intervento politico delle SS, nella primavera del 1933, e nell'ottobre 1933 anche nella Wehrmacht. Nel marzo del 1934 si unì alle SS-Verfügungstruppe diplomandosi alla SS-Junkerschule a Bad Tölz nel 1936 per poi passare nella SD-Hauptamt e infine nella SS-Standarte Deutschland. A seguito dello scoppio della seconda guerra mondiale prese parte all'invasione della Polonia e poi divenne istruttore tattico alla SS-Junkerschule Braunschweig e più tardi alla SS-Unterführerschule Radolfzell. Fu promosso Obersturmbannführer (tenente colonnello) il 30 gennaio del 1944 e messo al comando della 9. SS-Panzerdivision "Hoenstaufen" poi coinvolta nella battaglia di Arnhem. Poi capo di stato maggiore del V corpo d'armata alpino SS e comandante, col grado di Standartenführer della 4. SS-Polizei-Panzergrenadier-Division. Promosso Oberführer il 20 aprile 1945, si arrese con la sua divisione agli statunitensi l'8 maggio 1945. Dopo la guerra fu membro di una associazione di veterani e storico militare. Morì d'infarto a Stoccarda il 29 maggio 1982.

RiconoscimentiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN171902918 · ISNI (EN0000 0001 2082 7193 · GND (DE1012581349 · WorldCat Identities (ENviaf-171902918