Apri il menu principale

Storia del gruppoModifica

Il progetto è nato come one-man-band ed è stato fondato nel 1994 da Valfar. Grazie ai primi due demo, Sognariket (1994) e Det Gamle Riket (1995), la band si affermò nell'underground tanto da ottenere subito un contratto. Il full-length che segnò il loro debutto, Sóknardalr, fu registrato in soli 4 giorni nel gennaio 1997 e messo in commercio nell'aprile dello stesso anno. Tranne per le parti di batteria (eseguite da Steingrim), l'intero lavoro è stato creato e suonato da Valfar.

Nel periodo tra agosto e ottobre 1998 viene registrato il secondo album, Arntor. L'album viene pubblicato nell'estate del 1999 in Norvegia ed in breve tempo in tutto il mondo. A differenza del primo album più orientato verso il black, Arntor presenta un lato folk[2] più marcato, con anche motivi popolari riarrangiati. Nel 2001 viene registrato 1184, che fa conoscere i Windir anche al di fuori della scena scandinava. A questo punto la band è divenuta una formazione con l'innesco di Hvàll e la sua band, gli Ulcus, anch'essi originari di Sogndal. Nel 2003 i Windir danno alla luce Likferd e nello stesso anno vanno negli Stati Uniti per un tour.

Nel pieno della loro ascesa, il 17 gennaio 2004, Valfar viene trovato morto per ipotermia a Reppastølen, in una vallata vicino alla sua Sogndal. Con il consenso della famiglia di Valfar, i restanti membri della band organizzano un ultimo concerto in sua memoria (nel quale verrà registrato il DVD SognaMetal).

Dopo i WindirModifica

Dopo il concerto commemorativo, i Windir decidono di non continuare a suonare col nome creato da Valfar. Nel 2004 Hvàll, Sture e Steingrim fondano i Vreid (nel 2010 anche Strom si unisce alla band), pubblicando fino a oggi 4 full-length.

Sempre nella città natale Sogndal, Righ e Strom fondano i Cor Scorpii nel 2005.

FormazioneModifica

AttualeModifica

Ex componentiModifica

  • Sorg - chitarra, voce (dal 1994 al 1996)[1]
  • Cosmocrator - voce in 1184 e Likferd
  • Vegard - voce

DiscografiaModifica

DemoModifica

Album in studioModifica

RaccolteModifica

DVDModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN317277887 · LCCN (ENno2016117191 · WorldCat Identities (ENno2016-117191
  Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal