Apri il menu principale

Žores Ivanovič Alfërov

fisico sovietico
(Reindirizzamento da Zhores Alferov)
Žores Ivanovič Alfërov
Medaglia del Premio Nobel Premio Nobel per la fisica 2000

Žores Ivanovič Alfërov (in russo: Жорес Иванович Алфёров?, traslitterato anche come Jores Ivanovich Alfiorov; Vitebsk, 15 marzo 1930San Pietroburgo, 1º marzo 2019) è stato un fisico e politico sovietico, dal 1991 russo. Ha contribuito significativamente alla moderna fisica delle eterostrutture e all'elettronica.

Indice

BiografiaModifica

Žores Alfërov è nato in una famiglia di discendenza mista russa ed ebraica. Nel 1952 si è laureato nell'Istituto Elettrotecnico V. I. Ul'janov (Lenin) di San Pietroburgo.

Dal 1953 ha lavorato all'Istituto Fisico-Tecnico Ioffe dell'Accademia delle Scienze dell'URSS, dal 1991 Accademia Russa delle Scienze. Dall'istituto ha avuto varie lauree. Una come "Candidate of Sciences in Technology" nel 1961 ed una come "Dottore di Scienze in Fisica e Matematica" nel 1970. È stato direttore dell'Istituto dal 1987.

È stato eletto membro corrispondente dell'Accademia delle Scienze dell'URSS nel 1972, e membro a pieno titolo nel 1979. Dal 1989 ne è vice presidente, nonché presidente del suo centro scientifico di San Pietroburgo. Dal 1995 è membro della Duma per il Partito Comunista della Federazione Russa.

Area di ricercaModifica

Dal 1962 lavora nel campo delle eterostrutture di semiconduttori. I suoi contributi alla fisica e tecnologia delle eterostrutture di semiconduttori, e specialmente le sue indagini sulle proprietà di iniezione, e allo sviluppo di laser, celle solari, LED, e dei processi di epitassia hanno portato alla nascita della moderna fisica ed elettronica delle eterostrutture.

RiconoscimentiModifica

Fondazione AlfërovModifica

La Fondazione Alfërov per il sostegno della scienza e della ricerca[1] ha sede a San Pietroburgo. In Italia è presente una filiale della fondazione,[2] con sede a Roma.

OnorificenzeModifica

Onorificenze sovieticheModifica

  Ordine di Lenin
— 1986
  Ordine della Rivoluzione d'Ottobre
— 1980
  Ordine della Bandiera rossa del Lavoro
— 1975
  Ordine del Distintivo d'Onore
— 1959
  Medaglia commemorativa per il giubileo dei 100 anni dalla nascita di Vladimir Il'ich Lenin per lavoro valente
  Medaglia "Veterano del lavoro"
  Medaglia commemorativa per il 250º anniversario di Leningrado
  Premio Lenin
«Per la ricerca fondamentale nelle eterostrutture dei semiconduttori e per la creazione di nuovi strumenti basati su di essi»
— 1972
  Premio di Stato dell'Unione Sovietica
«Per lo sviluppo eterostrutture isoperiodiche basate su soluzioni solide quaternarie di semiconduttori composti A3B5»
— 1984

Onorificenze russeModifica

  Ordine al merito per la Patria di III Classe
«Per il suo grande contributo allo sviluppo della scienza nazionale e alla formazione di personale qualificato e in occasione del 275º anniversario dell'Accademia Russa delle Scienze»
— 4 giugno 1999
  Ordine al merito per la Patria di II Classe
— 2000
  Ordine al merito per la Patria di I Classe
«Per altissimi meriti nello sviluppo della scienza nazionale e per la partecipazione attiva nell'attività legislativa»
— 14 marzo 2005
  Ordine al merito per la Patria di IV Classe
«Per i servizi allo Stato, per il grande contributo allo sviluppo della scienza nazionale e per i molti anni di proficua attività»
— 15 marzo 2010
  Ordine di Aleksandr Nevskij
— 16 luglio 2015
  Medaglia commemorativa per il 300º anniversario della Marina Militare Russa

Onorificenze straniereModifica

  Ordine di Skarina (Bielorussia)
«Per il suo grande contributo personale allo sviluppo della scienza fisica, dell'organizzazione della cooperazione scientifica e tecnica bielorussa-russa e per il rafforzamento dell'amicizia tra i popoli della Bielorussia e della Russia»
— 17 maggio 2001
  Ordine dell'Amicizia tra i Popoli (Bielorussia)
  Ordine di Jaroslav il Saggio di V Classe (Ucraina)
«Per il contributo significativo allo sviluppo della cooperazione tra l'Ucraina e la Federazione russa nei settori socio-economici e umanitari»
— 15 maggio 2003

NoteModifica

  1. ^ (RU) Алфёровский фонд, su alferov-fond.ru.
  2. ^ Fondazione Alferov Italia, su alferov.it.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN93764353 · ISNI (EN0000 0001 0926 1619 · LCCN (ENn85354639 · GND (DE130411280 · BNF (FRcb12452121w (data)