Zoran Zaev

politico macedone
Zoran Zaev
Zoran Zaev oct 2017 (cropped).jpg

Primo ministro della Repubblica della Macedonia del Nord
Durata mandato 31 maggio 2017 –
3 gennaio 2020
Presidente Gjorge Ivanov
Stevo Pendarovski
Predecessore Emil Dimitriev (ad interim)
Successore Oliver Spasovski

Dati generali
Partito politico Unione Socialdemocratica di Macedonia
Università Faculty of Economics, Ss. Cyril and Methodius University of Skopje

Zoran Zaev (in macedone Зоран Заев) (Strumica, 8 ottobre 1974) è un politico macedone. È il leader del partito Unione Socialdemocratica di Macedonia dal 2013.

È stato Primo ministro della Repubblica di Macedonia del Nord, eletto dalla Sobranie, dal 31 maggio 2017 al 3 gennaio 2020. Avendo vinto per tre volte consecutive le elezioni amministrative, è stato sindaco di Strumica dal 22 marzo 2005 al 22 dicembre 2016.

BiografiaModifica

Zoran Zaev è nato l'8 ottobre 1974 a Strumica. Dopo aver frequentato le elementari e le scuole superiori nella sua città natale, si iscrisse alla facoltà di economia dell'università di Skopje, dove si laureò nel 1997. Sempre nella stessa università, conseguì il dottorato in economia monetaria.

Attività politicaModifica

Zaev divenne membro della Unione Socialdemocratica di Macedonia nel 1996. Fu eletto come leader della sezione regionale del partito a Strumica due volte[1] e come deputato tra il 2003 e il 2005.[2] Divenne vicepresidente del partito tra il 2006 e il 2008.[2] Servì come sindaco di Strumica dal 2005 a 2016, vincendo tre elezioni consecutive. Dopo le dimissioni di Branko Crvenkovski nel 2013, divenne il nuovo leader del partito.[2]

Il 31 maggio 2017 salì a capo del governo sostenuto da una coalizione che vedeva accanto al suo anche i due partiti della minoranza albanese Unione Democratica per l'Integrazione e Alleanza per gli Albanesi.

Il 1º agosto 2017 ha siglato con il suo omologo Bojko Borisov un trattato d'amicizia e cooperazione con la Bulgaria che prevede il sostegno di quest'ultima nel processo d'adesione della Macedonia all'Unione europea e di risolvere le controversie sull'interpretazione della storia comune dei due paesi.

Il 12 giugno 2018 ha raggiunto un compromesso con il Primo ministro greco Alexīs Tsipras sull'annosa controversia sul nome del suo paese; questo ha così portato alla firma di un accordo che pone fine alla disputa, avvenuta il successivo 17 giugno presso il lago Prespa. In Macedonia esso ha subito un iter controverso di approvazione, che ha visto una forte contrapposizione tra la maggioranza parlamentare e il presidente Gjorge Ivanov; ciononostante il 30 luglio è stata approvata la legge che prevede la conferma dell'accordo tramite un referendum popolare consultivo che si è tenuto il 30 settembre 2018. L'esito della consultazione ha visto una netta prevalenza dei favorevoli all'accordo, ma con un'affluenza alle urne del solo 36,91% degli elettori che non ha permesso di rendere valido il referendum[3]. Zaev ha comunque dichiarato che avrebbe presentato al parlamento le riforme costituzionali previste dall'accordo e, in caso di una loro mancata approvazione, avrebbe fatto ricorso alle elezioni anticipate[4].

Ha promosso il disegno di legge costituzionale per il cambio di nome, che il 12 gennaio 2019 il parlamento ha approvato in via definitiva con il voto favorevole di 81 parlamentari su 120, più della maggioranza richiesta dei due terzi[5].

NoteModifica

  1. ^ SDSM Administration of Strumica, Unione Socialdemocratica di Macedonia. URL consultato il 21 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 26 maggio 2017).
  2. ^ a b c Biography of Zoran Zaev, Unione Socialdemocratica di Macedonia. URL consultato il 21 maggio 2017.
  3. ^ Giordano Merlicco, La Grecia e la Macedonia (del Nord): storia, politica e geopolitica di una contesa balcanica, in Rivista di Studi Politici, vol. 2018, n. 3-4, p. 173.
  4. ^ Ilija Minovski, Macedonia, avanti sul nome o elezioni anticipate, su balcanicaucaso.org, 3 ottobre 2018. URL consultato il 3 ottobre 2018.
  5. ^ La Macedonia ha infine approvato il cambio di nome, su Il Post, 12 gennaio 2019. URL consultato il 13 gennaio 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN1962153895174602410004 · GND (DE1168157110 · WorldCat Identities (ENviaf-1962153895174602410004