Apri il menu principale

Zorlesco

frazione del comune italiano di Casalpusterlengo

StoriaModifica

Zorlesco fu attestata per la prima volta nel 1039, nel testamento del conte Ilderado da Comazzo[2]. Il territorio comunale comprendeva la frazione di Olza. Una chiesa di San Nazaro è menzionata già nel 1261[3]. Verso la metà del XVI secolo fu eretta la nuova chiesa dedicata ai Santi Nazario e Celso, alla quale fu riconosciuto il titolo di parrocchia nel 1562 da Papa Pio IV[4].

In età napoleonica (1809-16) Zorlesco fu frazione di Casalpusterlengo, recuperando l'autonomia con la costituzione del regno Lombardo-Veneto.

All'Unità d'Italia (1861) il comune contava 1.919 abitanti. Nello stesso anno il paese fu lambito dalla linea ferroviaria Milano–Bologna, senza che però vi fosse costruita una stazione.

Nel 1929 Zorlesco, insieme a Vittadone, fu aggregata a Casalpusterlengo[5].

Il centro urbano è attraversato dal Brembiolo. Nei pressi del paese sono tuttora presenti alcuni interessanti esempi di architettura rurale, come la Cascina del lago, la Cascina Olza, e la Cascina Battaglia.

Zorlesco è oggi nota per la presenza dell'Ente Lombardo per il potenziamento zootecnico e la bonifica sanitaria degli allevamenti bovini, comunemente detto "Centro Tori".

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

A Zorlesco si trova la villa Biancardi Vistarini, immersa nel verde di un vasto parco.

NoteModifica

  1. ^ In assenza di dati ufficiali precisi si è fatto riferimento alla popolazione della parrocchia, reperibile nel sito della CEI.
  2. ^ Agnelli Giovanni, Lodi ed il suo territorio, 1917, p. 823.
  3. ^ Agnelli Giovanni, op. cit., p. 823.
  4. ^ Agnelli Giovanni, op. cit., p. 824.
  5. ^ Regio Decreto 28 marzo 1929, n. 664

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lombardia