'A'isha al-Taymur

ʿĀʾisha al-Taymūr, o Aisha al-Taymūriyya, o Aisha ʿIṣmat al-Taymūr, o Aisha 'Esmat al-Taymuriyya (in arabo: عائشة ﺍﻟﺘيمور‎; Il Cairo, 1840Il Cairo, 1902), è stata un'attivista e scrittrice egiziana di origine curda[1].

ʿĀʾysha al-Taymūr

Fu una pioniera della lotta per l'emancipazione della donna, una poetessa, scrittrice e femminista.

ʿĀʾisha al-Taymūriyya è stata onorata con l'attribuzione del suo nome a uno dei crateri del pianeta Venere.

BiografiaModifica

GioventùModifica

ʿĀʾisha era figlia di Ismāʿīl Taymūr, un ufficiale turco di cultura curda.[2]

Nacque in una famiglia aperta alla cultura letteraria. Suo fratello Ahmed Pascià Taymur era un ricercatore e scrittore di racconti. Ella ebbe due nipoti di grande prestigio letterari: Muhammad Taymur, autore di racconti di grandissimo pregio, morto tuttavia assai giovane, e Mahmud Taymur, anch'egli autore di racconti, romanzi e pezzi teatrali.

FamigliaModifica

Il padre di ʿĀʾisha volle costantemente che la figlia crescesse usufruendo di un'adeguata istruzione. ʿĀʾisha si sposò nel 1854, a 14 anni, con Muḥammad Bey Tawfīq al-Islāmbūlī e lasciò il suo Paese col marito alla volta di Istanbul. Quando egli morì, tornò però in Egitto.

Attivismo politicoModifica

Con altre femministe del suo periodo, condusse varie battaglie politico-culturali in favore dell'istruzione femminile. Si dedicò a opere di beneficenza e combatté contro il dominante colonialismo, non solo britannico.

ScrittiModifica

ʿĀʾisha scrisse poesie in arabo, turco e persiano. Ebbe una fondamentale influenza sulla letteratura araba femminile che si stava allora timidamente manifestando. Il suo libretto di appena 16 pagine del 1892, Mirʾat al-taʿāmul fī al-umūr (Lo specchio che riflette sulle cose) reinterpretava il Corano per suggerire che esso fosse meno marcatamente patriarcale nei confronti del conservatorismo islamico.[3]

NoteModifica

  1. ^ Aisha Taymur Archiviato il 21 marzo 2012 in Internet Archive. at Egyptian State Information Service
  2. ^ Arthur Goldschmidt, al-Taymuriyya, 'Aisha, in Biographical Dictionary of Modern Egypt, Lynne Rienner Publishers, 2000, p. 211, ISBN 1-55587-229-8.
    «Pioneer woman poet, writer, and feminist. Born in Bab al-Khalq, Cairo, she was the daughter of Isma'il Taymur, a Turkish-born official in Muhammad Ali's European chancery, and an upper-class Circassian women who tried to quash Aish'a literary leanings.»
  3. ^ Cf. Mervat Fayez Hatem, Literature, gender, and nation-building in nineteenth-century Egypt: the life and works of ʻAʼisha Taymur, Literatures and cultures of the Islamic world (Basingstoke, Palgrave Macmillan, 2011), p. 113.

BibliografiaModifica

  • Arthur Goldschmidt, Biographical Dictionary of Modern Egypt, Lynne Rienner Publishers, 2000

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN316877999 · ISNI (EN0000 0000 8391 1133 · LCCN (ENnr91031084 · GND (DE119235013 · J9U (ENHE987007526510905171 · WorldCat Identities (ENlccn-nr91031084