Úrvalsdeild kvenna 2018

edizione di competizione calcistica
Úrvalsdeild kvenna 2018
Pepsideild kvenna
Competizione Úrvalsdeild kvenna
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 47ª
Organizzatore KSÍ
Date dal 3 maggio 2018
al 22 settembre 2018
Luogo Islanda Islanda
Partecipanti 10
Formula Girone all'italiana
Risultati
Vincitore Breiðablik
(17º titolo)
Secondo Þór/KA
Retrocessioni Grindavík
FH Hafnarfjarðar
Statistiche
Miglior marcatore Islanda Þorvaldsdóttir (19)
Incontri disputati 90
Gol segnati 291 (3,23 per incontro)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2017 2019 Right arrow.svg

La Úrvalsdeild kvenna 2018 è stata la 47ª edizione della massima divisione del campionato islandese di calcio femminile. Il campionato è stato vinto dal Breiðablik per la diciassettesima volta nella sua storia[1].

StagioneModifica

NovitàModifica

Dalla Úrvalsdeild kvenna 2017 erano stati retrocessi il Fylkir e l'Haukar, mentre dalla 1. deild kvenna erano stati promossi l'HK/Víkingur e il Selfoss[2].

FormulaModifica

Le dieci squadre partecipanti si sono affrontate in un girone all'italiana con partite di andata e ritorno per un totale di 18 giornate. La prima classificata è campione d'Islanda ed è ammessa alla UEFA Women's Champions League 2019-2020. Le ultime due classificate sono retrocesse in 1. deild kvenna.

Squadre partecipantiModifica

Club Città Stadio Stagione precedente
Breiðablik Kópavogur Kópavogsvöllur 2º posto in Úrvalsdeild
FH Hafnarfjarðar Hafnarfjörður Kaplakriki 6º posto in Úrvalsdeild
Grindavík Grindavík Grindavíkurvöllur 7º posto in Úrvalsdeild
HK/Víkingur Kópavogur/Reykjavík Kórinn/Víkingsvöllur 1º posto in 1. deild kvenna
ÍBV Vestmannæyja Vestmannaeyjar Hásteinsvöllur 5º posto in Úrvalsdeild
KR Reykjavík Reykjavík KR-völlur 8º posto in Úrvalsdeild
Selfoss Selfoss Selfossvöllur 2º posto in 1. deild kvenna
Stjarnan Garðabær Stjörnuvöllur 4º posto in Úrvalsdeild
Þór/KA Akureyri Thórsvöllur Campione d'Islanda
Valur Reykjavík Vodafonevöllurin 3º posto in Úrvalsdeild

Classifica finaleModifica

Fonte: sito ufficiale[3].

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1. Breiðablik 46 18 15 1 2 44 12 +32
2. Þór/KA 41 18 13 2 3 49 14 +35
3. Stjarnan 38 18 12 2 4 46 24 +22
4. Valur 33 18 10 3 5 40 19 +21
5. ÍBV Vestmannæyja 25 18 7 4 7 25 22 +3
6. Selfoss 20 18 5 5 8 15 25 -10
7. HK/Víkingur 18 18 5 3 10 22 42 -20
8. KR Reykjavík 17 18 5 2 11 18 32 -14
  9. Grindavík 13 18 3 4 11 14 40 -26
  10. FH Hafnarfjarðar 6 18 2 0 16 18 61 -43

Legenda:

      Campione d'Islanda e ammesso in UEFA Women's Champions League 2019-2020.
      Retrocesso in 1. deild kvenna.

Note:

Tre punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
A parità di punti:
  • Squadre classificate con la differenza reti;
  • Maggior numero di gol realizzati;
  • Punti negli scontri diretti;
  • Differenza reti negli scontri diretti;
  • Maggior numero di gol realizzati in trasferta negli scontri diretti.

RisultatiModifica

TabelloneModifica

Bre FH Gri HKV ÍBV KR Sel Stj TKA Val
Breiðablik –––– 3-1 4-0 6-1 1-0 2-0 3-1 1-0 3-0 1-0
FH Hafnarfjarðar 0-3 –––– 1-0 1-3 1-3 1-5 0-1 1-4 1-4 2-4
Grindavík 0-2 2-0 –––– 1-1 1-2 2-1 1-1 1-2 0-5 0-3
HK/Víkingur 1-3 2-1 4-0 –––– 1-0 0-0 0-3 0-1 2-5 1-2
ÍBV Vestmannæyja 1-1 3-2 1-1 5-1 –––– 2-0 1-0 0-0 1-2 1-3
KR Reykjavík 0-2 1-2 2-1 1-3 3-2 –––– 0-1 2-4 2-1 0-0
Selfoss 0-1 4-1 1-1 1-1 1-0 0-1 –––– 0-3 0-0 1-1
Stjarnan 2-6 6-2 2-3 7-1 2-2 3-0 1-0 –––– 2-0 3-1
Þór/KA 2-0 9-1 5-0 3-0 2-0 2-0 2-0 3-1 –––– 4-1
Valur 3-2 4-0 3-0 2-0 0-1 4-0 8-0 1-3 0-0 ––––

StatisticheModifica

Classifica marcatriciModifica

Gol Giocatore Squadra
19   Berglind Björg Þorvaldsdóttir Breiðablik
15   Stephany Mayor Þór/KA
14   Sandra María Jessen Þór/KA
12   Elín Metta Jensen Valur
10   Rio Hardy Grindavík
10   Cloé Lacasse ÍBV Vestmannæyja

NoteModifica

  1. ^ (IS) Breiðablik Íslandsmeistari 2018, su mbl.is, 17 settembre 2018. URL consultato il 27 ottobre 2018.
  2. ^ (IS) HK/Víkingur og Selfoss í efstu deild, su mbl.is, 9 settembre 2017. URL consultato il 27 ottobre 2018.
  3. ^ (IS) Classifica finale della Úrvalsdeild kvenna 2018, su ksi.is. URL consultato il 27 ottobre 2018..

Collegamenti esterniModifica