1º Congresso degli Stati Uniti d'America

Congresso degli Stati Uniti
New York City Hall 1789.jpg
Inizio 4 marzo 1789
Fine 3 marzo 1791
Presidente del Senato John Adams
Presidente pro tempore John Langdon
Presidente della Camera dei rappresentanti Frederick Muhlenberg
Membri 21-26 (cinque aggiunti) Senatori
59-65 (sei aggiunti) Rappresentanti
0 Membri non votanti
Maggioranza al Senato Pro-Administration Party
Maggioranza alla Camera Pro-Administration Party
Sessioni
I: 4 marzo 1789 – 29 settembre 1789
II: 4 gennaio 1790 – 12 agosto 1790
III: 6 dicembre 1790 – 3 marzo 1791
< Congresso della confederazione 2º >
Federal Hall a New York

Il 1º Congresso degli Stati Uniti d'America, formato dal Senato e dalla Camera dei Rappresentanti, fu riunito, dal 4 marzo 1789 al 3 marzo 1791, durante i primi due anni della presidenza di George Washington, prima al Federal Hall al 26 di Wall Street a New York e poi al Congress Hall di Filadelfia. Con la sua prima seduta, ha preso ufficialmente avvio il governo federale degli Stati Uniti sotto l'egida di quella che allora era la nuova costituzione emanata nel 1787 (e che ancora oggi è in vigore).

La ripartizione dei seggi nella Camera dei Rappresentanti si basava sulle disposizioni dell'articolo I, sezione 2, comma 3 della Costituzione degli Stati Uniti d'America. In entrambe le due camere si affermò la maggioranza del Pro-Administration Party (che successivamente diventerà noto con il nome di Partito federalista), il primo partito politico a costituirsi nell'ambito della storia degli Stati Uniti. Da questo 1º Congresso vennero approvati dodici emendamenti alla Costituzione, inviati poi ai singoli Stati per la loro ratifica; i dieci emendamenti che passarono la procedura di ratifica sono conosciuti nel loro insieme come la Dichiarazione dei diritti (Bill of Rights).

Eventi importantiModifica

Atti legislativi più importanti approvatiModifica

I sessioneModifica

La I sessione, dal 4 marzo 1789 al 29 settembre 1789, si è tenuta presso la Federal Hall di New York.

  • 1 giugno 1789: 1 Stat. 23, ch. 1 (An Act to regulate the Time and Manner of Administering Certain Oaths) - La legge regola la procedura del giuramento dei membri del Congresso, previsto dall'art. VI della Costituzione.
  • 4 giugno 1789: 1 Stat. 24, ch. 2 (An Act for laying a Duty on Goods, Wares and Merchandises imported into the United States) - La legge istituisce delle tariffe doganali a protezione delle industrie manifatturiere statunitensi.
  • 27 luglio 1789: 1 Stat. 28, ch. 4 (An Act for establishing an Executive Department, to be denominated the Department of Foreign Affairs) - La legge istituisce il Dipartimento per gli Affari Esteri, che successivamente diventerà il Dipartimento di Stato.
  • 31 luglio 1789: 1 Stat. 29, ch. 5 (An Act to regulate the Collection of the Duties imposed by law on the tonnage of ships or vessels, and on goods, wares and merchandises imported into the United States) - La legge istituisce lo United States Customs Service (abolito nel 2003) per organizzare la raccolta delle tariffe e delle dogane.
  • 7 agosto 1789: 1 Stat. 49, ch. 7 (An Act to establish an Executive Department, to be denominated the Department of War) - La legge istituisce il Dipartimento della Guerra.
  • 2 settembre 1789: 1 Stat. 65, ch. 12 (An Act to establish the Treasury Department) - La legge istituisce il Dipartimento del Tesoro.
  • 24 settembre 1789: 1 Stat. 73, ch. 20 (An Act to establish the Judicial Courts of the United States) - La legge istituisce il sistema di giustizia federale e introduce la figura del Procuratore generale, il vertice del Dipartimento della Giustizia.

II sessioneModifica

La II sessione, dal 4 gennaio 1790 al 12 agosto 1790, si è tenuta presso la Federal Hall di New York.

  • 1 marzo 1790: 1 Stat. 101, ch. 2 (An Act providing for the enumeration of the Inhabitants of the United States) - La legge organizza il primo censimento della popolazione statunitense in accordo all'articolo I della Costituzione.
  • 26 marzo 1790: 1 Stat. 103, ch. 3 (An Act to establish an uniform Rule of Naturalization) - La legge regola per la prima volta i requisiti per richiedere la cittadinanza statunitense, limitando tale possibilità ai nativi americani, agli schiavi e alla popolazione di origine afroamericana o asiatica.
  • 10 aprile 1790: 1 Stat. 109, ch. 7 (An Act to promote the progress of useful Arts) - La legge regola per la prima volta le norme che prevedono il rilascio di brevetti.
  • 30 aprile 1790: 1 Stat. 112, ch. 9 (An Act for the Punishment of certain Crimes against the United States) - La legge definisce alcuni dei primi crimini federali degli Stati Uniti (come il tradimento, la pirateria, la contraffazione) ed estende la competenza per la repressione di tali reati alle corti federali istituite l'anno precedente.
  • 31 maggio 1790: 1 Stat. 124, ch. 15 (An Act for the encouragement of learning, by securing the copies of maps, charts, and books, to the authors and proprietors of such copies, during the times therein mentioned) - La legge regola per la prima volta il diritto d'autore negli Stati Uniti.
  • 16 luglio 1790: 1 Stat. 130, ch. 28 (An Act for establishing the temporary and permanent seat of the Government of the United States) - La legge stabilisce definitivamente a Washington, D.C. la sede del governo federale.
  • 22 luglio 1790: 1 Stat. 137, ch. 33 (An Act to regulate trade and intercourse with the Indian tribes) - La legge per la prima volta regola i traffici tra le tribù indiane e gli Stati Uniti nonché i confini delle riserve indiane.
  • 4 agosto 1790: 1 Stat. 138, ch. 34 (An Act making provision for the [payment of the] Debt of the United States) - La legge autorizza il Tesoro federale ad incamerare i debiti contratti dalle colonie che poi si sono fuse negli Stati Uniti d'America.
  • 4 agosto 1790: 1 Stat. 145, 35 (An Act to provide more effectually for the collection of the duties imposed by law on goods, wares and merchandise imported into the United States, and on the tonnage of ships or vessels) - Tra le tante disposizioni, la legge approva la costituzione della Revenue-Marine, che dal 1915 diventerà la Guardia Costiera.
  • 10 agosto 1790: 1 Stat. 180, ch. 39 (An Act making further provision for the payment of the debts of the United States) - La legge approva un aumento delle tariffe doganali approvate l'anno precedente per far fronte alle crescenti esigenze del governo federale.

III sessioneModifica

 
Congress Hall a Filadelfia

La III sessione, dal 6 dicembre 1790 al 3 marzo 1791, si è tenuta presso la Congress Hall di Filadelfia.

  • 18 febbraio 1791: 1 Stat. 191, ch. 7 (An Act for the admission of the State of Vermont into this Union) - La legge approva l'ammissione agli Stati Uniti del Vermont a far data dal 4 marzo 1791.
  • 25 febbraio 1791: 1 Stat. 191, ch. 10 (An Act to incorporate the subscribers to the Bank of the United States) - La legge approva l'istituzione della Prima banca degli Stati Uniti d'America, de facto la prima banca centrale della storia degli Stati Uniti.
  • 3 marzo 1791: 1 Stat. 199, ch. 15 (An Act repealing, after the last day of June next, the duties heretofore laid upon Distilled Spirits imported from abroad, and laying others in their stead; and also upon Spirits distilled within the United States, and for appropriating the same) - La legge, conosciuta come Whiskey Act, stabilisce una nuova tassa da applicare alla produzione statunitense di distillati. La legge ha poi fatto scoppiare la Whiskey Rebellion in Pennsylvania (che durò fino al 1794).

Emendamenti alla Costituzione approvatiModifica

  • 29 settembre 1789: 1 Stat. 97 () Vengono approvati 12 emendamenti alla Costituzione che stabiliscono specifiche garanzie alla libertà personale e ai diritti dei cittadini statunitensi, oltre che a diverse limitazioni del potere del governo federale. Gli emendamenti vengono quindi inviati ai singoli Stati per la loro approvazione. A parte il primo articolo (mai approvato ed ancora in attesa della ratifica degli Stati) e il secondo (che poi venne ratificato come "XXVII Emendamento" soltanto il 7 maggio 1992), gli articolo dal 3 al 12 sono stati ratificati il 15 dicembre 1791. Collettivamente prendono il nome di Bill of Rights.

Ratifica della Costituzione da parte di nuovi StatiModifica

Modifiche territorialiModifica

26 maggio 1790: da terre cedute dallo stato della Carolina del Nord viene creato il Territorio a sud del fiume Ohio (1 Stat. 123, ch. 14), preludio dell'incorporazione di questa area al territorio effettivo degli Stati Uniti.

PartitiModifica

Durante questo Congresso non vi furono dei veri e propri partiti. I suoi membri si organizzarono in fazioni legate da interessi comuni, che però sono state solo successivamente definite sulla base dell'analisi delle loro votazioni[1].

SenatoModifica

 
La composizione del Senato alla fine del 1º Congresso. In verde più scuro la maggioranza dei cosiddetti pro-Administration.

Durante questo Congresso sono stati aggiunti due seggi per la Carolina del Nord e due seggi per il Rhode Island, dopo che questi due Stati hanno ognuno ratificato la Costituzione degli Stati Uniti.

Fazioni

In verde la maggioranza

Anti-Administration (A) Pro-Administration (P) Totali Vacanti
Congresso precedente 0 0 0 0
Inizio 7 13 20 2[2]
Fine 8 18 26 0
% Fine 30,8 % 69,2%
Inizio Congresso successivo 9 16 25 1

Camera dei RappresentantiModifica

 
La composizione del Camera dei Rappresentanti all'inizio del suo mandato.
 
La composizione della Camera dei Rappresentanti alla fine del suo mandato.

Durante questo Congresso sono stati aggiunti cinque seggi per i rappresentanti della Carolina del Nord e uno per quello del Rhode Island, una volta che questi stati hanno ratificato la Costituzione.

Fazioni

In verde la maggioranza

Anti-Administration (A) Pro-Administration (P) Totali Vacanti
Congresso precedente 0 0 0 0
Inizio 23 31 54 5
Fine 28 36 64 1
% Fine 43,8% 56,3%
Inizio Congresso successivo 29 39 68 1

LeadershipModifica

SenatoModifica

Camera dei RappresentantiModifica

MembriModifica

SenatoModifica

 
Il presidente del Senato John Adams.

I senatori furono eletti dai legislatori dello Stato. In questo Congresso, tutti i senatori furono appena eletti, e la classe 1 significava che la loro durata si concludeva con questo Congresso, e richiedeva la rielezione nel 1790; la classe 2 significava che la loro durata si concludeva con il prossimo Congresso, e richiedeva la rielezione nel 1792, infine la classe 3 significava che la loro durata richiedeva la rielezione nel 1794.

Carolina del NordModifica

  • 3. Vacante, dal 21 novembre 1789 al 27 novembre 1789
  • 2. Vacante, dal 21 novembre 1789 al 27 novembre 1789

PennsylvaniaModifica

Rhode IslandModifica

  • 1. Vacante, dal 29 maggio 1790 al 7 giugno 1790
  • 2. Vacante, dal 29 maggio 1790 al 7 giugno 1790

Carolina del SudModifica

VirginiaModifica

 
Lo speaker della Camera dei Rappresentanti Frederick Muhlenberg.

Camera dei RappresentantiModifica

ConnecticutModifica

DelawareModifica

GeorgiaModifica

MarylandModifica

MassachusettsModifica

New HampshireModifica

New JerseyModifica

New YorkModifica

Carolina del NordModifica

  • 1. Vacante, dal 21 novembre 1789 al 23 marzo 1790
  • 2. Vacante, dal 21 novembre 1789 al 18 marzo 1790
  • 3. Vacante, dal 21 novembre 1789 al 5 aprile 1790
  • 4. Vacante, dal 21 novembre 1789 al 18 aprile 1790
    • John Steele (P), dal 19 aprile 1790
  • 5. Vacante, dal 21 novembre 1789 al 15 giugno 1790

PennsylvaniaModifica

Rhode IslandModifica

  • At-large. Vacante, dal 29 maggio 1790 al 16 dicembre 1790

Carolina del SudModifica

VirginiaModifica

Cambiamenti nella rappresentanzaModifica

Come già detto in precedenza, durante questo Congresso non vi furono dei veri e propri partiti. I suoi membri si organizzarono in fazioni legate da interessi comuni, che però sono state solo successivamente definite sulla base dell'analisi delle loro votazioni[1].

A ratificare la Costituzione per ultimi furono gli stati di New York, Carolina del Nord e Rhode Island. A causa di questo ritardo non furono in grado di inviare dei propri rappresentanti eletti all'inizio del 1º Congresso. Successivamente vennero aggiunti in tutto 6 seggi al Senato e 9 seggi alla Camera dei Rappresentanti come indicato in tabella.

SenatoModifica

Durante il 1º Congresso si è avuta 1 dimissione, 1 decesso, 1 sostituzione con un senatore temporaneo e vennero assegnati 6 nuovi seggi. La fazione Anti-Administration del Senato si accaparrò 1 seggio, mentre quella Pro-Administration ne guadagnò 4.

Stato (classe) Membro precedente Ragione del cambiamento Successore Data della successione
New York (3) Nuovo seggio Lo stato di New York non riuscì a nominare il senatore in tempo per l'inizio dei lavori del 1º Congresso. Rufus King (P) 25 luglio 1789
New York (1) Philip John Schuyler (P) 27 luglio 1789
Carolina del Nord (3) La Carolina del Nord ratificò la Costituzione il 21 novembre 1789. Benjamin Hawkins (P) Eletti il 27 novembre 1789
Carolina del Nord (2) Samuel Johnston (P)
Virginia (1) William Grayson (A) Deceduto il 12 marzo 1790. John Walker (P) Nominato il 31 marzo 1790.
Rhode Island (1) Nuovo seggio Il Rhode Island ratificò la Costituzione il 29 maggio 1790. Theodore Foster (P) Eletti il 7 giugno 1790.
Rhode Island (2) Joseph Stanton, Jr. (A)
Virginia (1) John Walker (P) James Monroe venne eletto per il seggio occupato temporaneamente da John Walker dopo il decesso di William Grayson. James Monroe (A) Eletto il 9 novembre 1790.
New Jersey (2) William Peterson (P) William Peterson si è dimesso il 13 novembre 1790 dopo essere stato eletto Governatore del New Jersey. Philemon Dickinson (P) Eletto il 23 novembre 1790.

Camera dei RappresentantiModifica

Durante il 1º Congresso ci furono 2 dimissioni, 1 decesso e vennero attribuiti 6 nuovi seggi. La fazione Anti-Administration ne guadagnò 3 seggi, mentre la fazione Pro-Administration ne guadagnò 2.

Distretto Membro

precedente

Ragione del cambiamento Successore Data della successione
New Hampshire (At large) Benjamin West (P) Rifiuto della carica Abiel Foster (P) 23 giugno 1789
1° Carolina del Nord Nuovo seggio La Carolina del Nord ratificò la Costituzione il 21 novembre 1789. John Baptista Ashe (A) 24 marzo 1790
2° Carolina del Nord Hugh Williamson (A) 19 marzo 1790
3° Carolina del Nord Timothy Bloodworth (A) 6 aprile 1790
4° Carolina del Nord John Steele (P) 19 aprile 1790
5° Carolina del Nord John Sevier (P) 16 giugno 1790
Rhode Island (At large) Nuovo seggio Il Rhode Island ratificò la Costituzione il 29 maggio 1790. Benjamin Bourne (P) 17 dicembre 1790
9° Virginia Theodorick Bland (A) Deceduto il 1 giugno 1790. William B. Giles (A) 7 dicembre 1790
5° Massachusetts George Partridge (P) George Partridge si è dimesso il 14 agosto 1790. Il seggio rimase vacante fino al 2º Congresso.

ComitatiModifica

Qui di seguito si elencano i singoli comitati e i presidenti di ognuno (se disponibili).

SenatoModifica

Camera dei RappresentantiModifica

Comitati bicamerali (Joint)Modifica

NoteModifica

  1. ^ a b Martis, Kenneth C., The Historical Atlas of Political Parties in the United States Congress.
  2. ^ Lo Stato di New York ha eletto più tardi i suoi rappresentanti.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN129055140 · LCCN (ENn84105248 · WorldCat Identities (ENlccn-n84105248