2011 MD

asteroide

L'asteroide 2011 MD, scoperto il 22 giugno 2011 dal Lincoln Near Earth Asteroid Research Program (LINEAR), alle 19 circa (ora italiana; ore 17 GMT) del giorno 27 giugno 2011 è passato[1] a soli 12 000 chilometri dalla superficie terrestre[2], una distanza pari a circa un terzo di quella dei satelliti geostazionari. Le sue dimensioni sono stimate fra 9 e 30 metri[3]. Al momento del massimo avvicinamento la magnitudine apparente prevista è circa 11[4][5]

2011 MD
Trajectory of near-Earth asteroid 2011 MD 2.gif
Traiettoria di 2011 MD.
Scoperta22 giugno 2011
ScopritoreLINEAR
ClassificazioneNEA
FamigliaApollo
Parametri orbitali
(all'epoca J2455800.5)
Semiasse maggiore1,0560 UA
Perielio1,0160 UA
Afelio1,0960 UA
Periodo orbitale396,4 giorni
Eccentricità0,037879
Longitudine del
nodo ascendente
272,368°
Argom. del perielio4,963°
Anomalia media53,223°
Dati fisici
Dimensioni10-45 m

Emily Baldwin di Astronomy Now aveva osservato che, anche se l'asteroide fosse entrato nell'atmosfera terrestre, sarebbe bruciato diventando una palla di fuoco, probabilmente dando origine a più piccoli meteoriti.[6]

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Asteroid Just Buzzed Earth—Came Closer Than the Moon.
  2. ^ (EN) Bend it Like Beckham! Small Asteroid to Whip Past Earth on June 27, 2011 (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2011).
  3. ^ Asteroid to Pass Extremely Close By Earth On Monday.
  4. ^ Asteroid To Buzz Earth Monday, June 27th - Observing Highlights - SkyandTelescope.com, su skyandtelescope.com. URL consultato il 27 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2011).
  5. ^ Osservatorio Astronomico di Farra d'Isonzo (GO) - L'asteroide 2011 MD ripreso il 26/06/2011 a 200 mila chilometri di distanza dalla Terra - telescopio newton 40 cm f/4.5 + CCD STL1001E..
  6. ^ Paul Sutherland, Incoming! Another asteroid to skim by, in Skymania: Astronomy and space guide, 23 giugno 2011. URL consultato il 26 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2011).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare